l-allerta-maltempo-tiene-in-scacco-il-mendrisiotto
Esondazioni ovunque. (Ti-Press)
+3
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
10 min

Scareglia, ecco i vincitori della riffa

Estrazione avvenuta presso la Polizia Cantonale di Noranco, con la presidente Nadia Campana e la signora Marisa Belleni dell’oratorio S. Maria della Neve
Bellinzonese
2 ore

Dongio, torneo serale di calcio

La 23esima edizione si terrà dal 18 al 20 agosto
Mendrisiotto
2 ore

Morbio Inferiore, Parco San Rocco accettato ma con modifiche

Progetto intergenerazionale relativo al Piano particolareggiato rivisto dal Cantone, l’incarto sarà in pubblicazione dal 16 agosto al 15 settembre
Grigioni
2 ore

Lostallo, l’associazione Un sorriso per Lova in assemblea

L’appuntamento del 16 agosto, alle 19.30 nella sala polifunzionale del palazzo scolastico, sarà caratterizzato dalla presenza di Suor Maria Albertini 
Locarnese
2 ore

Base aerea, l’ultimo gradino per i futuri piloti

Iniziata all’aerodromo militare di Locarno l’ultima fase di selezione per i venti candidati alla guida dei velivoli. Si vola in Ticino e Mesolcina
Locarnese
3 ore

Sabato la festa di S. Bernardo a Scaiano

Messa e grigliata mista con musica nel programma dell’appuntamento
Locarnese
3 ore

Fusio, festa in paese e mulini in azione

Si celebra il patrono mentre l’Apav metterà in mostra le macchine idrauliche per una macinata di segale
Locarnese
4 ore

Giumaglio, il paese è in festa

Appuntamento al Grotto Preonz con buona cucina e musica
Luganese
4 ore

Frontale tra due auto a Taverne

I due conducenti hanno riportato ferite di media gravità. Il tratto di strada è stato chiuso in entrambe le direzioni.
Locarnese
5 ore

‘Con quella circolare volevamo informare’

La sindaca di Cevio prende posizione riguardo alla doppia raccolta firme su scuola e vendita di un terreno
Bellinzonese
9 ore

Estate di successo grazie al fresco e al divertimento

Le aree di svago a Faido apprezzate per la frescura, mentre la Spiaggetta di Arbedo-Castione per i concerti. Buona affluenza per entrambe le zone.
Ticino
9 ore

Corsa a stufe e caminetti, ‘ma mancano i controlli’

I prezzi dell’energia spingono verso soluzioni alternative. Gli spazzacamini avvertono: ‘La manutenzione è importante e i comuni devono verificare’.
Luganese
9 ore

Rovio, gli amici del giovane: ‘Famiglia disagiata’

‘È vero ha delle dipendenze, ma fra i due la persona più pericolosa è il padre, è stato spesso violento’. Parlano gli amici del 22enne colpito ad Agno.
Ticino
16 ore

Prezzo d’acquisto delle uve, si torna alle cifre prepandemiche

l’Interprofessione della vite e del vino ticinese ha comunicato l’accordo per i prezzi, che sarà di 4,15 franchi al chilo per il merlot
Ticino
17 ore

WikiMafia non ammessa come parte civile

Processo ‘Cavalli di razza’ sulla ’ndrangheta e le sue ramificazioni (anche) svizzere: il giudice respinge la richiesta dell’associazione
Luganese
18 ore

Lugano, è ancora vivo il ricordo di Marco Borradori

Un centinaio di persone ha partecipato alla cerimonia commemorativa organizzata stasera dal Municipio nel Patio di Palazzo Civico
Ticino
18 ore

Arrivano le multe disciplinari con il QR

La Polizia cantonale ha digitalizzato la procedura
Ticino
20 ore

Prestito vitalizio ipotecario, il Ps rilancia: ecco la mozione

Dopo la sentenza del Tf che accoglie il ricorso dei socialisti Lepori e Ghisletta contro lo sgravio sul valore locativo: ‘Un passo verso gli over 60’
Bellinzonese
21 ore

Una mostra fotografica e Daniele Dell’Agnola al Dazio Grande

Doppio appuntamento a Rodi-Fiesso sabato 20 agosto a partire dalle 15.30
Locarnese
21 ore

Vergeletto, evento benefico alla pista

Sabato dalle 11 si presenta al pubblico l’Associazione Dsa Adhd. Maccheronata e giochi allietano la giornata
Grigioni
22 ore

Il ponte in pietra ‘Casott’ non verrà demolito

La strada artificiale con l’antica struttura ad arco è stata inserita fra gli oggetti di importanza nazionale e verrà ceduta al Comune di Rheinwald
Mendrisiotto
23 ore

Fiera di San Martino, è tempo di iscrizioni

Appuntamento a Mendrisio dal 10 al 13 novembre. Entro il 26 agosto vanno annunciate vendite, mescite, spacci e impianti per il divertimento
Grigioni
23 ore

Niente fuochi d’artificio neppure a Ferragosto a San Bernardino

Le pessime condizioni idriche e il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto rimandano la ricorrenza all’anno prossimo
Mendrisiotto
23 ore

Cucina, musica e sport per le feste della Sav Vacallo

L’appuntamento si terrà all’ex asilo Riva e inizierà mercoledì 17 agosto con la proiezione di ‘Spider-Man’
Mendrisiotto
23 ore

Serata al chiar di luna alle scuole di Lattecaldo

L’evento, con entrata libera, si terrà venerdì 19 agosto nell’anfiteatro del centro scolastico
27.07.2021 - 20:29
Aggiornamento: 23:34

L'allerta maltempo tiene in scacco il Mendrisiotto

Lo stato maggiore di condotta è entrato in servizio. Le testimonianze di chi è stato evacuato e di chi ha lavorato sul campo per garantire la sicurezza

Un fiume Breggia così grosso in pochi lo avevano visto. È forse questa l'immagine principale che resterà nella memoria dei cittadini del Mendrisiotto dopo le due giornate di maltempo che si sono abbattute sulla regione. L'allerta resta alta – quella diramata da MeteoSvizzera per il Mendrisiotto di grado 3 terminerà domani alle 18, con la fase più intensa annunciata tra le 11 e le 16 –, al punto che è stato istituito uno Stato maggiore di condotta. “Dal momento che vi è ancora pericolo per quanto riguarda l'ingrossamento repentino dei fiumi e possibili franamenti – si legge in una nota della Polizia cantonale – si invita la popolazione a continuare a prestare attenzione e in particolare limitare gli spostamenti allo stretto necessario nelle zone colpite dalle precipitazioni; non sostare sui ponti o in prossimità dei corsi d'acqua ed evitare di avvicinarsi alle zone a rischio di scoscendimenti e di caduta di alberi”. L'eccezionalità delle precipitazioni ha portato anche a un record: come riferito dalla Rsi, le dieci stazioni meteorologiche che hanno registrato la maggiore quantità di acqua sono tutte in Ticino e il primato è stato raggiunto a Coldrerio, con 330,3 litri, dei quali 174,2 in 24 ore. Una quantità che non si vedeva dall'ottobre del 1951 quando, stando alle serie storiche della stazione di Coldrerio, si era arrivati a 306 litri in due giorni.

La conta dei danni

Per i militi del Centro di soccorso cantonale Pompieri del Mendrisiotto, quella odierna è stata una «giornata molto intensa». Il vicecomandante Alberto Ceronetti spiega che ci sono stati 130 interventi e che i militi impegnati sul territorio sono stati 55. La tregua concessa nel pomeriggio ha permesso di risolverne più della metà, e anche i livelli dei fiumi si sono abbassati già nel pomeriggio. Ma l'allerta non è finita. «Ci stiamo preparando per le prossime chiamate, abbiamo parlato con MeteoSvizzera e sappiamo che ci saranno altre precipitazioni», spiega il vicecomandante. Gli interventi sono stati effettuati in tutto il comprensorio, e in particolare in Valle di Muggio, Morbio Inferiore, Novazzano, Genestrerio, Chiasso e Vacallo. Pompieri e Polizia cantonale, coadiuvati della Comunale di Chiasso e di Mendrisio, sono intervenuti per allagamenti, scoscendimenti, colate di detriti, cedimenti di muri (due muri di contenimento sono caduti a Vacallo e a Morbio Superiore, finendo addosso a un'abitazione) e alberi caduti che hanno richiesto la chiusura di alcuni dei tratti di strada interessati. Una palazzina di sei appartamenti di Chiasso è invece stata evacuata a causa dell'allagamento della cantina. Non si registrano feriti. La lista di danni e disagi è molto lunga. Tra i vari ci sono la chiusura, almeno fino a domani, della Ferrovia Monte Generoso e il cedimento della via alle Cascine di Vacallo. Nel Comune alcune abitazioni hanno dovuto essere evacuate.

Breggia: ‘Non uscite’

Il maltempo ha colpito in modo particolare il Basso Mendrisiotto, senza risparmiare il Comune di Breggia. Nelle prime ore di oggi una colata di fango e detriti ha invaso la strada cantonale a Caneggio e poche ore dopo si è riproposta la medesima situazione più a valle, all’altezza del Ponte di Sagno, rendendo la circolazione difficoltosa. «Questa mattina la situazione era preoccupante al punto da dover diramare un comunicato che invitata la popolazione a uscire di casa solo per le urgenze – spiega, raggiunto da ‘laRegione’, il sindaco Sebastiano Gaffuri –. Questa raccomandazione, che segue quelle della Polizia, resta valida». Nel Comune sono stati registrati smottamenti, colate di materiale ed esondazioni di riali. Sull'arco della giornata si è proceduto con la pulizia delle strade e delle abitazioni raggiunte da materiale. A impegnare particolarmente il Comune è stato il riale Bregno di Caneggio che, racconta il sindaco, si è gonfiato in modo veloce e preoccupante. «Il riale scorre proprio dove è in corso il cantiere della strada. Dopo essere uscito dagli argini, ha deviato il suo corso naturale e ha ‘mangiato’ una scarpata. Abbiamo dovuto riportarlo nel suo argine naturale e togliere il materiale». Il livello di allerta resta alto. «Sono eventi periodici e abbastanza frequenti in Valle – conclude Gaffuri –. È stata l'intensità delle precipitazioni a essere eccezionale». L'Azienda acqua potabile di Breggia ha diramato un avviso di limitazione dell'utilizzo dell'acqua. Fino a nuovo avviso sono vietati irrigazione di campi, prati o giardini, lavaggio di veicoli e riempimento di piscine. “Limitazioni necessarie per garantire a tutti i cittadini la fornitura minima di acqua potabile per il normale fabbisogno personale”.

‘Mai visto il fiume così, che paura!’

Tra chi ha dovuto subire maggiormente i disagi causati dal maltempo ci sono anche le quattro persone che si trovavano a lavorare presso la Casa del Vino Ticino, a pochi passi dal Centro Breggia. A loro è infatti stato ordinato di evacuare rapidamente l'edificio poco prima di mezzogiorno. «La paura è stata davvero tanta. Ci è stato ordinato dalla polizia di abbandonare immediatamente l'ufficio», racconta Monica Thaler, impiegata presso Ticinowine che ha la sua sede proprio negli spazi dell'ex Mulino del Ghitello. «Dalla nostra postazione di lavoro non avevamo percepito la gravità della situazione, dalla finestra non vediamo infatti il fiume anche se è a pochi passi e il rumore dell'acqua non pareva particolarmente diverso dal solito». Una percezione che è rapidamente cambiata con il sopraggiungere degli agenti, «Già dalla loro espressione e dal tono della loro voce si capiva che la situazione era particolarmente seria. Una volta giunti all'esterno ho visto la portata del corso d'acqua, era davvero impressionante. Mi tremavano le gambe. In vita mia non mi era mai capitato di vedere il Breggia così rabbioso», ha affermato ancora con una certa agitazione Monica. Per motivi di sicurezza le quattro persone, una volta raggiunto il parcheggio posteriore del centro commerciale, hanno dovuto percorrere la strada opposta a quella che corre lungo il torrente, solitamente riservata solo ai fornitori. «La mattina, appena arrivata, mi sono detta che il pomeriggio avrei potuto lavorare da casa. Una scelta che alla fine si è rivelata obbligata». Sempre per quanto riguarda la zone del Parco gole della Breggia è al momento impraticabile l'intera rete di sentieri.  

‘Le nuove ove hanno salvato l'A2’

A fare alle da contraltare alle tante notizie negative ‘piovute’ nella giornata di oggi c'è il perfetto funzionamento fornito dalle ove di Capolago. I riali che scendono lungo il Monte Generoso sono stati negli ultimi anni sottoposti a importanti lavori di messa in sicurezza, terminati all'inizio dell'estate. «Possiamo dire che gli ammodernamenti alle vasche di contenimento hanno funzionato, le ove sono state sufficienti – ha affermato l'ingegnere Giovanni Pedrozzi, consulente per il Consorzio manutenzione arginature medio Mendrisiotto –. Senza gli ammodernamenti appena ultimati avremmo avuto delle colate di fango sull'autostrada sottostante come avvenuto a più riprese nel luglio del 2011». Un evento che avrebbe senza dubbio causato disagi molto importanti, con il forte traffico di questo periodo che sarebbe rimasto bloccato per diverso tempo costringendo i Pompieri a intervenire immediatamente. «Contro i pericoli naturali una sicurezza totale non si può mai avere. Bisogna quindi calcolare il rapporto tra costi e benefici quando si opera per arginare questo genere di fenomeni, nel nostro caso il calcolo si è rivelato esatto. Non è però sempre facile, si tratta comunque di stime e l'entità di un fenomeno di maltempo la si può misurare solo quando si avvera». Le ove sarebbero infatti potute essere rivestite interamente in cemento, una scelta che è stata scartata per gli alti costi. Ciò nonostante gli ammodernamenti hanno raggiunto completamente il loro scopo, proteggendo l'A2 dalle grandi colate di fango. «Negli anni si è investito per ridurre i danni causati dalla natura, un processo che ha dato sicuramente i suoi frutti». Ad aver retto, non rendendo così necessarie delle riparazioni, sono anche state tutte le strutture in legno che compongo il sistema di sicurezza. «Ora faremo dei calcoli, per i nostri committenti, per capire se conviene costruire nuove strutture così da poter abbattere i costi di manutenzione annui. Questo tenendo conto che eventi del genere possono ripetersi a cadenza regolare», ha concluso Pedrozzi. 

Leggi anche:

Maltempo nel Mendrisiotto, istituito lo Stato maggiore di condotta

Mendrisiotto, tutti i fiumi sono esondati

Bombe di acqua, colpiti strade e sottopassaggi

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved