ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 min

Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps

A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Locarnese
42 min

Conferenza sulla ‘casa che vogliamo’ allo Spazio Elle

Relatori di rilievo all’incontro gratuito previsto martedì 27 settembre dalle 20.30 a Locarno
Ticino
1 ora

Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’

Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Mendrisiotto
1 ora

Chiasso, l’English Film Club torna con quattro pellicole

La nuova stagione debutta il 6 ottobre al Cinema Excelsior. Cambia il giorno delle proiezioni, previste il giovedì alle 18.15
Luganese
1 ora

Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace

Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
2 ore

Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio

I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
3 ore

Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio

Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
Grigioni
5 ore

San Vittore, 2 votanti su 3 approvano il credito per la scuola

Passa alle urne l’investimento di 7,1 milioni. A Mesocco ratificata la pianificazione di Pian Doss. A Poschiavo confermato podestà Giovanni Jochum
Luganese
23 ore

Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni

L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
23 ore

Origlio, l’avventura di un negozietto di paese

Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
1 gior

Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’

Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
1 gior

‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’

Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
1 gior

Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’

A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Locarnese
1 gior

Cordoglio per la morte di Pierino Tomatis

Ingegnere, già sindaco di Lavertezzo per diverse legislature, era molto attivo in ambito energetico
Luganese
1 gior

Lugano prevede di adeguare il rincaro del 3%

Lo annuncia il Municipio nella risposta all’interrogazione presentata dalla sinistra. La decisione definitiva verrà presa il prossimo dicembre
Locarnese
1 gior

Attive della Sfg Losone sugli scudi a Zugo e a Veyrier

Ginnastica, ottimi risultati delle ragazze locarnesi, impegnate oltre Gottardo in due gare di livello nazionale
gallery
Bellinzonese
1 gior

Morobbia: dopo 20 anni e 22 milioni, inaugurato l’acquedotto

Entrato in funzione questa estate, in passato era stato contestato dalla Città e oggi produce anche elettricità per oltre mille abitanti
24.07.2021 - 12:28
Aggiornamento: 19:43

Chiasso ha fatto la sua scelta: meglio in Pedibus che in bus

Niente più sovvenzioni al trasporto pubblico per i più piccoli. Il Comune scommette sul tragitto casa-scuola a piedi

chiasso-ha-fatto-la-sua-scelta-meglio-in-pedibus-che-in-bus
Gli interlocutori saranno loro, i bambini (Ti-Press)

Andare a scuola a piedi. Quella che, a prima vista, è un'abitudine naturale, generazione dopo generazione, a volte non è per nulla scontata. In questi anni l'idea è riuscita a fare breccia in Ticino, ma sono ancora molti i bambini - soprattutto fra i più piccoli - a percorrere il tragitto da casa in bus o sull'auto della mamma o del papà. E allora per imprimere una vera svolta servono scelte forti quanto, per certi versi, coraggiose. È il caso del Comune di Chiasso, che ha deciso di schierarsi, apertamente, a favore del Pedibus. La missione per il prossimo anno scolastico? Farne la corsia preferenziale sulla strada verso il palazzo scolastico, in particolare per gli alunni dalle prime alle terze elementari. Come? Cancellando, di fatto, il contributo staccato in questi anni a supporto delle famiglie per l'abbonamento Arcobaleno. Insomma, se i genitori vorranno continuare a mettere i loro figli più piccoli - i grandicelli si muovono già con maggiore autonomia - sull'autobus, dovranno pagare di tasca propria. In questo modo l'incentivo per il Pedibus non potrà che prendere quota. Così è, almeno, nelle intenzioni. Nel Mendrisiotto a oggi si contano 44 linee in dieci Comuni.

'Abbiamo deciso d'investire nel Pedibus'

Già nel passato, anche recente, le autorità chiassesi avevano dimostrato di fare il tifo per il progetto che tanto sta a cuore all'Ata, l'Assocaizione traffico e ambiente.  Nel 2019 si era messo l'accento sulla linea Pedibus dal Quartiere Soldini, confidando nel contributo volontario dei genitori. I risultati? Altalenanti. Il numero di alunni iscritti? In calo. Quindi ci voleva una idea. «A quel punto - spiega a 'laRegione' il vicesindaco, nonché capo dicastero Educazione, Davide Dosi - abbiamo pensato di parlarne all'interno dell'esecutivo e con la direzione dell'Istituto scolastico e i docenti stessi, ipotizzando un approccio diverso».

Ed è qui che avete immaginato, in buona sostanza, di mettere in concorrenza i percorsi pedonali con il bus? «Da sempre Chiasso ha dato il suo contributo per l'uso del trasporto pubblico anche sulla tratta casa-scuola, coprendo il 60 per cento del costo dell'abbonamento - sovvenzione che sarà confermata per i bambini dalla quarta elementare e per coloro che abitano a Pedrinate, Seseglio e al Sasso, ndr -. Ora, però - conferma determinato Dosi -, è giunto il momento d'investire davvero nel Pedibus. Quindi si è deciso di togliere questo sostegno nel caso dei più piccoli, dando la precedenza ai percorsi a piedi esistenti, e prolungandone uno». Per raggiungere i vari quartieri urbani, si farà leva su tre linee di Pedibus: la prima parte dal Centro giovani (nel Quartiere Soldini), la seconda dalla zona Comacini, a sud, e la terza a nord della cittadina dal Quartiere di Boffalora, allungando l'itinerario oltre il ponte Interlenghi (sino all'inizio di via Soldini).

Un anno di prova. Poi si valuterà

Quindi si è pronti a partire il settembre prossimo. «Tutti, a livello comunale e scolastico, abbiamo ritenuto valesse la pena di fare questo tentativo - annota ancora il capo dicastero -. Ci siamo poi dati un anno di tempo per verificare se questa formula funziona o se occorre apportare dei correttivi. Non nascondo che un timore lo abbiamo». Quale? «Il rischio che, una volta eliminato il contributo per il trasporto pubblico, si vedano tornare le mamme in auto - quelle che Ata chiama le mamme-taxi, ndr -, esiste. D'altro canto - ci mette a parte -, se non ci proviamo, non sapremo mai se il Pedibus funziona davvero. Nel caso, siamo anche pronti a compiere un passo indietro».

Il potenziale per riuscirci, del resto, non manca. «Io stesso ho fatto da accompagnatore di una linea di Pedibus - ci dice Dosi - ed è evidente la possibilità di girare Chiasso a piedi senza troppe difficoltà. Ecco perché l'obiettivo di questa iniziativa è quello di abituare i ragazzi a camminare per la cittadina, guadagnando in autonomia. Certo sempre prestando attenzione ai pericoli. Insomma, la nostra scelta di campo l'abbiamo fatta».

'I nostri interlocutori? I ragazzi'

Non solo, anche l'approccio è cambiato. «In questo progetto - spiega il vice sindaco - una parte importante la giocano i docenti: saranno loro a parlare agli allievi e a motivarli. In passato siamo sempre partiti contattando e informando le famiglie, adesso seguiremo il processo inverso: iniziamo dai bambini. Sono loro i nostri interlocutori, saranno loro a scegliere». In questo modo, dialogando con gli alunni si spera di far passare il messaggio pure ai genitori. «In effetti - ammette Dosi -, è difficile far comprendere alle famiglie la differenza tra bus e Pedibus e il significato di quest'ultimo sul piano educativo e della salute. Lo sappiamo; i ragazzi oggi fanno poco movimento. In ogni caso, nelle prossime settimane la direzione distribuirà in veste ufficiale tutte le indicazioni utili attraverso una guida».

Si fa anche attività d'utilità pubblica

Questo progetto, d'altra parte, possiede pure un risvolto sociale per nulla trascurabile. Visto la difficoltà di raggiungere i genitori come volontari e archiviata dalla pandemia l'esperienza con l'Atte locale, questa volta si recluteranno gli accompagnatori dei bambini lungo le linee di Pedibus attraverso le Attività di utilità pubblica, predisponendo anche una formazione con il supporto della Polizia comunale. «Alcuni erano già addetti al controllo degli scolari sul bus, altri sono stati inseriti nel programma 'Occhi vigili' per prestare attenzione ai bambini ai passaggi pedonali e nei punti critici dei tragitti da e per la scuola. Sarà un modo per coinvolgere questi cittadini che fanno capo all'Ufficio socialità e farli sentire utili. Queste persone - fa presente Dosi - sono delle risorse importanti». La campagna di 'arruolamento' è già iniziata.

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved