se-ne-e-andato-fabio-rezzonico-ai-vertici-eoc-per-dodici-anni
Dicembre 2007, Rezzonico interviene alla Distinzione comunale (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
18 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
19 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
23 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
1 gior

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
1 gior

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
1 gior

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
13.07.2021 - 17:43
Aggiornamento: 19:36

Se ne è andato Fabio Rezzonico, ai vertici Eoc per dodici anni

Imprenditore, si è speso per il servizio pubblico, per la politica locale e cantonale e per la 'sua' Mendrisio

Era uomo di impresa Fabio Rezzonico. Ma anche una persona pronta a battersi per la 'res publica'. Non ha mai amato la ribalta, ma ha saputo comunque lasciare il segno. Anche perché, come ci dice il figlio Nicola, «vedeva lungo». Un impegno a tutto tondo e costante, il suo, che non a caso oggi viene testimoniato dai tanti cittadini, enti e società raggiunte dalla notizia della sua scomparsa, nella notte su martedì, all'età di 81 anni. Se si pensa alla sua figura è inevitabile accostarla sì al dibattito politico - soprattutto in quella che adesso è la Città di Mendrisio -, ma in particolare alla sanità pubblica. E questo sebbene sia stato attivo su vari fronti, spendendosi in ambito professionale e sociale, senza risparmiarsi.

Per dodici anni ai vertici dell'Eoc

Vicino all'Ente ospedaliero cantonale per due decenni - è stato tra i fondatori-, per dodici anni Rezzonico ha rivestito la carica di presidente, raccogliendo il testimone da Camillo Jelmini. Un presidente particolarmente attivo e sempre pronto a prendere posizione - come da queste colonne nel marzo del 1999, sollecitato dal tema, sempre attuale, della pianificazione ospedaliera - e a difendere il servizio pubblico nella sua essenza. È stato lui ad accompagnare il decennale del nuovo Ospedale regionale della Beata Vergine. E sua è stata la voce quando, nel dicembre del 2007, Mendrisio ha consegnato la Distinzione comunale all'Obv - di cui è stato pure presidente - e alla sua 'missione', convinto della possibilità di accostare umanesimo e medicina all'avanguardia.

Dentro le istituzioni

Fabio Rezzonico non si è tirato indietro, però, neppure quando si è trattato di dare il proprio contributo anche in altri ambiti della società. Oggi a serbarne il ricordo con i famigliari e gli amici di sempre, dentro e fuori i confini della 'sua' Mendrisio, ci sono realtà come l'Ente case anziani Mendrisiotto, di cui è stato vice presidente e che ha aiutato a far nascere, e con l'Ecam i vertici e i collaboratori della Fondazione Torriani - che sovraintende alla casa per anziani -, gremio che l'hanno visto membro e alla testa del Consiglio di fondazione.

Sul piano politico, Rezzonico è stata una delle voci ascoltate in seno al Plr. Partito che lo ha visto tanto presidente sezionale a Mendrisio che vice presidente cantonale nell'era Pelli. Non si è sottratto neanche alla vita istituzionale, entrando a far parte del Consiglio comunale e diventandone primo cittadino e sedendo altresì per un paio di anni al tavolo del Municipio. A livello cantonale, invece, ha fatto parte del Gran consiglio.

Le passioni mendrisiensi

Se è vero che in politica e quando si trattava di sanità preferiva lavorare lontano dai riflettori, quando si c'era di mezzo il suo Borgo con le sue tradizioni ci si buttava a capofitto. Dal cassetto dei ricordi Nicola Rezzonico toglie la sua passione per la Sagra dell'uva e la Fiera di San Martino, che con altri amici ha cercato di rilanciare e far crescere. Spicchi di memoria da coltivare che parlano di generazioni di uomini e di politici che credevano in ciò che facevano.

La comunità locale darà il suo ultimo saluto a Fabio Rezzonico giovedì, alle 14, nella sala cerimonie del cimitero di Mendrisio. Seguirà l'accompagnamento al Crematorio di Chiasso in forma privata. Ai famigliari giungano le condoglianze della redazione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
eoc fabio rezzonico mendrisio presidente
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved