ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
6 ore

Sbarrata fino a nuovo avviso la strada cantonale Altanca-Ronco

L’abitato di Altanca e la zona del Piora saranno raggiungibili dalla strada cantonale Piotta-Altanca
Mendrisiotto
6 ore

Trompe l’oeil, ‘non c’è stato nessuno sfregio’

L’amministratrice dell’azienda di Besazio reagisce all’interpellanza dell’AlternativA. ‘La procedura? Tutto in regola’
Luganese
6 ore

Savosa, ricevuta la nuova giudice del Tribunale federale

Nei giorni scorsi, il Municipio ha accolto e si è complimentato con la sua concittadina Federica De Rossa, dopo la prestigiosa nomina
Mendrisiotto
6 ore

Sacchi dei rifiuti meno cari a Morbio Inferiore

Il Municipio rivede il prezzo dei rotoli da 17 e 35 litri. L’Ordinanza modificata sarà in vigore dal gennaio 2023
Ticino
6 ore

Calo pernottamenti, Pianezzi: ‘Investire su tutte le stagioni’

Il presidente di Hotelleriesuisse Ticino commenta i dati comunicati oggi: ‘2021 irripetibile, ora bisogna cercare margini dove ci sono: autunno e inverno’
Luganese
7 ore

Lugano, accoltellamento Manor: l’accusa annuncia l’appello

Il Ministero pubblico della Confederazione si tiene aperta la possibilità di dichiarare l’appello una volta ricevuta la sentenza motivata scritta
Luganese
7 ore

Barbengo, le Officine Cameroni celebrano sessant’anni

L’azienda, nel piazzale della sede, ha voluto condividere la ricorrenza con alcuni politici e ha omaggiato tre collaboratori storici
Mendrisiotto
7 ore

Risparmio energetico, il basso Mendrisiotto spegne la luce

I quattro Comuni serviti dall’Age Sa adottano misure per abbattere i consumi. Tra queste, spicca la rinuncia alle luminarie natalizie
Mendrisiotto
7 ore

‘Un giovedì da leoni’ a sostegno di tre associazioni

L’evento è stato organizzato dai quattro club di servizio del Mendrisiotto (Lions, Rotary, Kiwanis e Soroptimist International) e si è tenuto a maggio
Locarnese
7 ore

L’illuminazione pubblica non si può spegnere neanche volendo

‘No’ del Cantone, per motivi di sicurezza, alla proposta di Ses ai 38 Comuni del suo comprensorio. Intanto l’azienda si impegna per il risparmio
Ticino
8 ore

Fiscalità e telelavoro dei frontalieri, ‘attiviamoci subito’

Un’interrogazione di Maderni (Plr) e Gendotti (Centro/Ppd) chiede di muoversi come fatto dalla Confederazione con la Francia
Locarnese
8 ore

Restauro del giardino del Papio, lavori a buon punto

Prevista una presentazione pubblica del progetto che ridarà splendore a uno dei rari esempi di ‘arredamento verde’ di stile borromaico
Locarnese
8 ore

Karate, riconoscimento europeo per il 7° Dan Mario Campise

Già organizzatore del Campionato del mondo a Locarno e di due Wuko Day, ha avvicinato in modo decisivo la disciplina ai disabili
Locarnese
8 ore

Apprendisti vodesi in visita all’Ida Foce Ticino a Gordola

Una sessantina fra apprendisti operatori di edifici e infrastrutture e addetti alle pulizie in viaggio di studio
Bellinzonese
9 ore

Da oggi a Bellinzona i castelli si spengono alle 22

Il Municipio ha deciso di introdurre da subito misure per risparmiare energia: illuminazione pubblica più fioca e massimo 20 °C negli uffici comunali
Locarnese
9 ore

Vita e arte di Pierre Casè, genesi di una biografia

Intervista allo scrittore Martino Giovanettina, che ha pubblicato un libro sul pittore e curatore di mostre locarnese
Luganese
9 ore

Lugano, disagi al traffico per l’arrivo dell’Fc Basilea

Domenica pomeriggio e la sera, per la partita di Cornaredo, sono annunciate chiusure e deviazioni stradali dalla stazione allo stadio
Bellinzonese
10 ore

Biasca, conferenza sull’abolizione della pena di morte in Ticino

Appuntamento per martedì 25 ottobre alle 19 al Museo militare Forte Mondascia. Il relatore sarà il giudice Werner Walser
Locarnese
10 ore

Progettazione Museo di storia naturale, la seconda fase

Una procedura complessa, ricorda il Cantone: ‘Il Santa Caterina a Locarno è un comparto pregiato dal profilo storico-culturale’
Locarnese
10 ore

Ascona, Concerto della Vos da Locarno

Nell’ambito dei festeggiamenti per il 70esimo di fondazione, la formazione canora di scena nella Chiesa evangelica sabato sera
Locarnese
10 ore

Alla Galleria Mazzi di Tegna le opere di Cortesi

Vernice dell’esposizione ‘Diario dell’asfalto’ dell’artista locarnese domenica alle 10.30
06.07.2021 - 18:06
Aggiornamento: 18:47

C'è un Parco in città: un geologo per direttore e tanta natura

Da settembre ad accettare la sfida sarà Andrea Stella. Da governare alle Gole della Breggia un'area riscoperta dalla popolazione con la pandemia

c-e-un-parco-in-citta-un-geologo-per-direttore-e-tanta-natura
Il complesso del Mulino del Ghitello (Ti-Press/P. Gianinazzi)
+2

Si può dire che Andrea Stella respiri questo territorio da quando è nato (nel 1979 per la cronaca). Lanciarsi nell'avventura professionale di dirigere il Parco delle Gole della Breggia, quindi, ha rappresentato uno stimolo in più. Le radici della sua famiglia infatti sono ad Arogno, in Val Mara e la sua quotidianità è quella di Novazzano; dal primo settembre poi farà il pendolare fra casa e l'ufficio ricavato fra le mura del Mulino del Ghitello. Già non vede l'ora, lui geologo con alle spalle 14 anni di lavoro in tre studi ticinesi, di raccogliere una sfida che si annuncia senz'altro impegnativa. Le idee, però, le ha chiare sul ruolo e l'importanza di questo parco periurbano: si tratta letteralmente di un'oasi ritagliata da un territorio ormai molto antropizzato e chi si dibatte sempre di più fra traffico e cemento. Inutile dire che anche le aspettative dei vertici della Fondazione, guidata da Fabio Bianchi, sono elevate. In effetti, Andrea Stella è il primo direttore che si occuperà del Parco a tempo pieno (o quasi). Raccoglie il testimone da Marco Torriani, che ha lasciato l'incarico a febbraio dopo cinque anni.

Una 'guida' a tempo pieno per il Parco

Fabio Bianchi non nasconde che si tratta di una svolta importante. Grazie al maggior finanziamento incassato da quest'anno con il contributo del Cantone, dei Comuni - che sostengono l'esperienza anche al di fuori dei confini del Puc, del Piano di utilizzazione cantonale, che fa da bussola fin dall'inizio - ma pure con una parte di autofinanziamento, si potrà contare su una figura a tutto tondo. Negli anni, del resto, questo Parco, che di fatto appartiene all'intero Basso Mendrisiotto - come tiene a sottolineare Bianchi -, ha saputo farsi un nome, dentro e fuori i confini cantonali proprio per le sue peculiarità. Percorrere i suoi sentieri significa iniziare un viaggio attraverso la storia della Terra, ma anche nella natura e fra le attività dell'uomo - con il Percorso del cemento - o semplicemente concedersi una pausa nel verde, anche solo per qualche ora. Ecco che sarà strategica l'impronta che il nuovo direttore intende imprimere. Lui che sinora ha vissuto di geologia e natura, sarà qui, anticipa, per «cercare di proteggere e valorizzare il Parco e la sua natura, proponendolo in maniera sostenibile». Come dire che ci si può ricreare e rigenerare rispettando ambiente e habitat locali.

Tra natura e turismo

La Fondazione segue, dunque, linee guida ben definite, soprattutto ora che con la pandemia da Covid- 19 anche le Gole della Breggia sono state scoperte, fa presente Bianchi, dalle popolazioni dei paesi vicini, proprio per la loro prossimità. A questo punto, conferma il presidente, «il compito del direttore sarà quello di coniugare la frequenza dei visitatori - che si auspica elevata - con gli aspetti naturalistici da un lato e turistici dall'altro. Ci proponiamo, infatti, di promuovere il Parco a livello per lo meno cantonale e nazionale». Non a caso, si ribadisce, in questi ultimi tempi si è spinto sull'acceleratore e lavorato su temi chiave, che valgono altrettante esperienza da vivere o condividere; e al contempo si è curata la sentieristica. Fa piacere, insomma, costatare che tra i vacanzieri sulla rotta nord sud c'è chi fa tappa al Parco e che le aree di svago e pic nic sono meta di famiglie, ma rappresentano altresì la pausa pranzo alternativa di chi lavora nei centri.

Tra itinerari e spazi gettonati

In questi ultimi anni, magari, si è comunicato poco - «in futuro lo faremo di più», si annuncia -, ma ci si è pure rimboccati le maniche. Accanto alle opere di manutenzione e gestione dell'area, infatti, si sono portati avanti i nuovi itinerari - come il percorso per ipovedenti sul meandro del Ghitello -, si è rafforzata l'identità del parco con una segnaletica uniforme e riconoscibile e si sono attuati i lavori di ristrutturazione nella corte e all'interno del Mulino. Ciò che ha permesso di realizzare una terza sala nel loggiato (che si somma alla sala del Frantoio e alla Torre dei forni). Spazi che oltre ad accogliere due inquilini - Ticinowine con la casa del vino e uno studio di architettura -, a tutto vantaggio dell'autofinanziamento, attirano l'attenzione di associazioni e gruppi. «In effetti - conferma Luigi Rigamonti -, c'è un vivo interesse per gli spazi del Parco. Tant'è che le richieste sono sempre di più».

Tre progetti sul tavolo della Fondazione

Un affetto e una attenzione che spronano a coltivare altri progetti. Sul tavolo della Fondazione ce ne sono almeno tre. Il primo, ad esempio, consolida l'intesa con i colleghi della Fondazione che sovraintende al Parco della Valle della Motta: «Ci ripromettiamo - fa sapere Bianchi - di collaborare maggiormente con i nostri vicini». Del resto, si annota, questo è il momento «propizio» per iniziative comuni ed eventi. Nei piani, aggiunge il presidente, c'è anche la «valorizzazione dei ruderi del Castello di Castel San Pietro. Al momento - informa - sono in corso degli studi preliminari: questo è un punto su cui vogliamo insistere nei prossimi anni». Non da ultimo, si sta coltivando l'idea di realizzare, così come suggerito dal Programma di agglomerato di seconda generazione, un collegamento sul fondovalle con la Valle di Muggio. «Il nostro obiettivo - ribadisce Bianchi - è creare una continuità dal Parco verso i sentieri della valle, nel solco del nuovo concetto turistico che si sta sviluppando nell'area del Generoso (si legga, ad esempio, l'albergo diffuso, ndr).

D'altro canto, da queste parti, richiama ancora il presidente, c'è un fine che si intende perseguire con tenacia, nella consapevolezza che le Gole della Breggia, al pari del Penz, della Valle della Motta o del San Giorgio, rappresenta «un polmone vede indispensabile per la biodiversità e lo svago della popolazione in un Distretto sempre più soffocato da traffico e attività industriali».

Usi e costumi

Pic nic e pranzi 'take away'. Ma restano i rifiuti

Certo, maggiore visibilità e più visitatori possono anche avere un risvolto negativo. Insomma, si può anche essere vittime del proprio successo. È quello che sta capitando, a quanto pare, al Parco delle Gole della Breggia. A lanciare quello che è un po' un grido di dolore è Peter Flückiger, memoria storica della Fondazione (di cui è stato il primo presidente) e voce degli Amici del Parco. Associazione, quest'ultima, che ha anche donato tre grill anti-vandali. «Vivendo la realtà del parco - ci racconta -, sono rimasto allibito dal volume di rifiuti lasciato qua e là nel comparto. Settimanalmente si raccolgono dai 15 ai 20 sacchi da 120 litri. Ed è un lavoro estenuante: non possiamo dedicare delle giornate a ripulire l'area; ci sono altre mansioni da svolgere». Cosa si può fare per frenare il fenomeno del 'littering'? «Il visitatore o l'escursionista vanno educati, come in montagna anche chi va alla parco deve portarsi a casa i suoi rifiuti». Quindi la Fondazione è passata all'azione, non solo posando dei contenitori per la raccolta differenziata, ma anche mettendo in campo azioni mirate per sensibilizzare i cittadini attraverso la classica cartellonistica e la rete social.

Leggi anche:

Un direttore per il Parco Gole della Breggia

L'Albergo Diffuso aumenta l'offerta della Valle di Muggio

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved