Genoa
0
Udinese
0
1. tempo
(0-0)
per-i-comuni-sul-ceresio-l-asilo-nido-e-un-bisogno-reale
Oltre alle scuole, si pensa al nido e ai servizi extrascolastici (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

In Ticino ospedalizzazioni stabili e un nuovo decesso

Nelle ultime 24 ore si sono registrati 1348 nuovi contagi da coronavirus
Ticino
10 ore

‘L’ordinanza sui casi di rigore Covid è da cambiare’

Per Fabio Regazzi la proposta del Consiglio federale è troppo burocratica e rischia di non indennizzare tutte le Pmi toccate dalla regola del 2G
Mendrisiotto
10 ore

Un Contratto normale di lavoro a difesa degli spedizionieri

Lo Stato chiude la vertenza e regolamenta il settore. Da anni si combatteva contro il dumping salariale. Sindacati e Atis ‘soddisfatti’
Mendrisiotto
18 ore

L’Autolinea Mendrisiense rinnova il Contratto collettivo

Consolidato l‘accordo con i sindacati Ocst e Sev. ’Si tratta per tutti di un passo importante’
Luganese
19 ore

Riprende la consegna dei nuovi treni Flp

Entro metà marzo spariranno i vecchi convogli arancioni
Luganese
20 ore

Lugano spaccata sul salario minimo comunale

Da una parte Lega, Plr e Udc, dall’altra parte Ps, Ppd, Verdi e gruppo misto Ticino&Lavoro con Più donne: due rapporti in Consiglio comunale
Luganese
20 ore

A processo per malversazioni Davide Enderlin jr

L’ex consigliere comunale di Lugano respinge le accuse e sostiene di aver rimborsato i creditori
Bellinzonese
20 ore

Lavori sulla strada del Monte Ceneri a Cadenazzo

Cantiere in vista, dal 31 gennaio a metà marzo, per il risanamento della pavimentazione
Bellinzonese
21 ore

Chiuso per fallimento il Motel Castione a luci rosse

A causa dell’Iva non pagata il titolare della società ha depositato i bilanci e l’Ufficio esecuzioni ha posto oggi i sigilli
Bellinzonese
21 ore

Commesse cantiere Officine: ‘Il CdS favorisca le aziende locali’

Il Plr chiede al governo di influenzare le scelte delle Ffs in merito alle procedure di appalto. ‘Si faccia di tutto per sostenere l’economia ticinese’
Luganese
21 ore

Cardiocentro ‘in progress’, un anno positivo

Il bilancio dell’integrazione con le cardiologie e la prossima sopraelevazione dello stabile
Bellinzonese
22 ore

Il 2021 porta trenta abitanti in più a Cadenazzo

3’091 le unità registrate a fine anno, alla luce di 327 arrivi, 320 partenze, 43 nascite e 20 decessi
Grigioni
22 ore

Torna Grappoli di Note, la giornata della musica del Moesano

In programma a Lostallo per sabato 30 aprile, l’evento vedrà la presenza di cori, corali, gruppi musicali e bande di Mesolcina e Calanca
Ticino
22 ore

I controlli radar della settimana

Annunciati dalla Polizia: osservato speciale il distretto del Luganese
Bellinzonese
22 ore

Giubiasco, rinviata l’assemblea dell’Associazione di quartiere

Il Comitato preferisce attendere tempi migliori al fine di poter consentire una folta partecipazione di cittadini
Locarnese
22 ore

La tragedia nel ghetto di Roma in scena al Teatro Paravento

Mercoledì 26 gennaio dalle 19 il lavoro di Franco di Leo “Portico d’Ottavia 13”, seguito da un dibattito con Anna Foa
 
30.06.2021 - 05:250

Per i Comuni sul Ceresio l’asilo nido è un bisogno reale

Il Municipio di Riva sonda la popolazione del paese e del vicino Brusino Arsizio. Le premesse per una struttura per la prima infanzia ci sono tutte

Il primo sasso nello stagno (o forse bisognerebbe dire nel Ceresio) a favore delle famiglie di Riva San Vitale era stata lanciato quasi tredici anni orsono da una mozione di Elena Ferarri (Ppd). C'è voluto del tempo, ma oggi il Comune è pronto a dare sostanza al progetto: aprire un nido d'infanzia. In verità già il Municipio di allora era ben disposto verso la possibilità di ampliare i servizi messi a disposizione della popolazione. Cosa è cambiato? Rilanciato il tema nel gennaio del 2020 da una nuova mozione, oggi l'esecutivo ha la certezza che la presenza di un asilo per i più piccoli è la risposta a un bisogno reale. A certificarlo ci sono i risultati di un sondaggio (immaginato già in origine) che testimonia l'interesse della cittadinanza. Tant'è che l'autorità del Borgo sul Ceresio ha da subito posto le basi per concretizzare la proposta. In effetti, si è avviata una collaborazione con l'Associazione famiglie diurne del Mendrisiotto - che sta accompagnando il Municipio fin dai primi passi - e ci si sta muovendo per centrare l'obiettivo. Anzi, il nido, si annuncia sin d'ora, sarà "integrato" con altri servizi extrascolastici, che saranno realtà una volta ultimati i lavori di ristrutturazione del complesso scolastico comunale, previsti per la metà del 2023. Anche qui, però, si fa sapere, a tempo debito si sonderanno i cittadini.

‘Contato’ l’interesse delle famiglie

Oggi l'esecutivo rivense lo sa. Sa che almeno 36 delle famiglie che hanno risposto all'indagine conoscitiva - allargata, peraltro, anche alla popolazione di Brusino Arsizio - sono seriamente interessate all'opportunità di poter contare su un nido d'infanzia, mentre sono diverse quelle che vorrebbero saperne di più. Anche perché per un buon numero di loro questo servizio farebbe la differenza di fronte a una scelta lavorativa: nella gran parte (26) lavorano sia mamma che papà. Ecco che il responso dell'analisi condotta fra la popolazione locale è risultato, per stessa ammissione dell'autorità, incoraggiante. A tal punto da spronare a compiere dei "passi concreti". Del resto, si conferma in una nota, "la realizzazione di un nido d'infanzia costituisce un importante tassello a sostegno delle famiglie nell'accudimento dei figli e nella conciliazione con l'attività professionale".

Le Famiglie diurne danno una mano

Certo, adesso ci sono vari aspetti da chiarire. A cominciare dalla sede dell'asilo. Nel 2007 si suggeriva lo stabile Ai Gelsi, che accoglie da anni il Centro diurno socio-assistenziale regionale (affidato di recente a Pro Senectute). Un suggerimento interessante se si pensa alle esperienze intergenerazionali, ma tutto da valutare. Lo stesso Comune dovrà soppesare l'impegno finanziario, proprio "sulla base della struttura locativa destinata ad accogliere un nido d'infanzia". Nel frattempo, le Famiglie diurne, che nel Distretto si occupano già di tre asili nido - a Coldrerio, Stabio e Novazzano -, assicurano, dal canto loro, l'assunzione di personale formato e hanno aiutato a muovere i primi passi all'indirizzo del Cantone. Autorità cantonale, si ricorda, "competente per l'autorizzazione all'esercizio e al sussidiamento". Certo c'è la consapevolezza che un servizio simile costa a una famiglia tra i 600 e i 1'200 franchi per una frequenza a tempo pieno. Quota che viene modulata sulla base del reddito famigliare.

I numeri del sondaggio

Ciò che in questi anni è stata una "ipotesi" di lavoro delle istituzioni locali, ora si sta, dunque, per concretizzare. Torniamo, però, al sondaggio e ai numeri che hanno convinto il Municipio del fatto che la base per agire c'è. Sì, perché, come fa sapere l'autorità locale, per essere sostenibile sul piano finanziario il servizio "deve poter accogliere a regime almeno 17 bambini e deve essere pensato come struttura attiva sul lungo periodo". Ebbene, stando all'indagine comunale, estesa, come detto, anche a Brusino, le premesse non mancano dopo aver interpellato i cittadini fra i 25 e i 45 anni. Sulla base dei cento formulari rientrati in Cancelleria (11 dal paese vicino), è emerso, innanzitutto, che in 67 casi si tratta di nuclei famigliari con uno o più figli, mentre in quasi una trentina avranno, a breve, un figlio o ne desiderano in futuro. Infatti, solo in 5 casi non si prevede di allargare la famiglia. I dati dicono pure che la maggioranza delle situazioni vede lavorare entrambi i genitori (una parte a tempo pieno). Esigua, per contro, la presenza di famiglie monoparentali (3), nelle quali è la mamma ad andare al lavoro.

Già oggi si fa capo all'asilo nido

Concentrandosi, poi, su coloro che hanno figli in età di asilo nido, che sono in dolce attesa e che prevedono di avere un bambino in futuro, in 28 hanno già uno o più figli piccoli - e per più della metà sono interessati al servizio -, in 24 intendono metterli in cantiere - e anche qui l'interesse è evidente -, in 7 diventeranno genitori entro l'estate e in due lo sono di già ma desiderano avere altri bambini. Dando uno sguardo alla quotidianità attuale, a chi si affidano, è stato chiesto, le famiglie al momento per farsi aiutare nella cura della prole? Nei nuclei che vedono di buon occhio il servizio comunale, l'indagine rivela che in poco meno di una ventina si rivolgono già a un asilo nido (pure fuori Comune), in 6 fanno capo ai nonni, in 5 i genitori condividono le incombenze, in 3 chiamano la baby sitter e in un caso ci si appoggia alle Famiglie diurne. Ad attirare l'attenzione è altresì il tempo in cui si fa riferimento al nido. In questo caso la maggior parte (in 23) ne usufruisce a tempo pieno o a metà tempo, mentre in una dozzina circa lo interpella fra i 2 e i 4 giorni la settimana. La fotografia sulle necessità della popolazione, insomma, è chiara.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved