ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
1 ora

Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole

Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
4 ore

Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’

A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
4 ore

Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’

La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
4 ore

Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’

Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
5 ore

Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione

Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Mendrisiotto
5 ore

‘Goccia a goccia’, i primi vent’anni di Espérance Acti

Il documentario che testimonia l’attività dell’associazione di Balerna verrà presentato il 14 e 15 ottobre alla Torre dei Forni
Luganese
5 ore

Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr

Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
Bellinzonese
5 ore

Pecore moribonde: ‘Chi avrebbe dovuto tutelare la loro salute?’

I Verdi (primo firmatario Marco Noi) interrogano il Consiglio di Stato in merito al gregge abbandonato a se stesso in zona diga del Lucendro
Locarnese
5 ore

Da ‘Stranociada a Strarisotada’, sempre di successo si tratta

Lasciata alle spalle (si spera) la pandemia, archiviata un’edizione 2022 gettonatissima dalla popolazione, si prepara il futuro dell’evento
Luganese
5 ore

Lugano, lotta alla povertà in tempi di crisi

Simposio con la Federazione delle Ong della Svizzera italiana sabato 22 ottobre nell’auditorio dell’Usi
Luganese
5 ore

Lugano, condividere e conoscere per progettare insieme

Il 25 ottobre al Palazzo dei Congressi un incontro promosso da Autismo Svizzera italiana e Fondazione Ares
Luganese
6 ore

Alambicco in funzione nel nucleo di Astano

La tradizionale sagra sarà proposta sabato 8 ottobre. Ad animare la giornata anche bancarelle, una mostra e l’alambicco in funzione
Locarnese
6 ore

Locarno, incontro in mediateca

Il primo del nuovo ciclo dedicato all’inconoscibilità. Relatore: il filosofo Raffele Scolari
Mendrisiotto
6 ore

Razzismo e social media, tavola rotonda a Mendrisio

Alla Filanda un laboratorio di discussione per produrre nuove riflessioni che contribuiscano allo sviluppo della lotta al razzismo in rete in Ticino
Luganese
6 ore

All’Open di Lugano vince l’ucraino Li Min Peng

Scacchi protagonisti all’hotel Villa Sassa con la quindicesima edizione del torneo internazionale e della competizione under 16
Luganese
6 ore

I Mondiali a Lugano saranno al Centro esposizioni

Pubblicato il bando per organizzare la visione delle partite. Possono annunciarsi esercizi pubblici, associazioni e gruppi con sede in città
laR
 
30.06.2021 - 05:25

Per i Comuni sul Ceresio l’asilo nido è un bisogno reale

Il Municipio di Riva sonda la popolazione del paese e del vicino Brusino Arsizio. Le premesse per una struttura per la prima infanzia ci sono tutte

per-i-comuni-sul-ceresio-l-asilo-nido-e-un-bisogno-reale
Oltre alle scuole, si pensa al nido e ai servizi extrascolastici (Ti-Press)

Il primo sasso nello stagno (o forse bisognerebbe dire nel Ceresio) a favore delle famiglie di Riva San Vitale era stata lanciato quasi tredici anni orsono da una mozione di Elena Ferarri (Ppd). C'è voluto del tempo, ma oggi il Comune è pronto a dare sostanza al progetto: aprire un nido d'infanzia. In verità già il Municipio di allora era ben disposto verso la possibilità di ampliare i servizi messi a disposizione della popolazione. Cosa è cambiato? Rilanciato il tema nel gennaio del 2020 da una nuova mozione, oggi l'esecutivo ha la certezza che la presenza di un asilo per i più piccoli è la risposta a un bisogno reale. A certificarlo ci sono i risultati di un sondaggio (immaginato già in origine) che testimonia l'interesse della cittadinanza. Tant'è che l'autorità del Borgo sul Ceresio ha da subito posto le basi per concretizzare la proposta. In effetti, si è avviata una collaborazione con l'Associazione famiglie diurne del Mendrisiotto - che sta accompagnando il Municipio fin dai primi passi - e ci si sta muovendo per centrare l'obiettivo. Anzi, il nido, si annuncia sin d'ora, sarà "integrato" con altri servizi extrascolastici, che saranno realtà una volta ultimati i lavori di ristrutturazione del complesso scolastico comunale, previsti per la metà del 2023. Anche qui, però, si fa sapere, a tempo debito si sonderanno i cittadini.

‘Contato’ l’interesse delle famiglie

Oggi l'esecutivo rivense lo sa. Sa che almeno 36 delle famiglie che hanno risposto all'indagine conoscitiva - allargata, peraltro, anche alla popolazione di Brusino Arsizio - sono seriamente interessate all'opportunità di poter contare su un nido d'infanzia, mentre sono diverse quelle che vorrebbero saperne di più. Anche perché per un buon numero di loro questo servizio farebbe la differenza di fronte a una scelta lavorativa: nella gran parte (26) lavorano sia mamma che papà. Ecco che il responso dell'analisi condotta fra la popolazione locale è risultato, per stessa ammissione dell'autorità, incoraggiante. A tal punto da spronare a compiere dei "passi concreti". Del resto, si conferma in una nota, "la realizzazione di un nido d'infanzia costituisce un importante tassello a sostegno delle famiglie nell'accudimento dei figli e nella conciliazione con l'attività professionale".

Le Famiglie diurne danno una mano

Certo, adesso ci sono vari aspetti da chiarire. A cominciare dalla sede dell'asilo. Nel 2007 si suggeriva lo stabile Ai Gelsi, che accoglie da anni il Centro diurno socio-assistenziale regionale (affidato di recente a Pro Senectute). Un suggerimento interessante se si pensa alle esperienze intergenerazionali, ma tutto da valutare. Lo stesso Comune dovrà soppesare l'impegno finanziario, proprio "sulla base della struttura locativa destinata ad accogliere un nido d'infanzia". Nel frattempo, le Famiglie diurne, che nel Distretto si occupano già di tre asili nido - a Coldrerio, Stabio e Novazzano -, assicurano, dal canto loro, l'assunzione di personale formato e hanno aiutato a muovere i primi passi all'indirizzo del Cantone. Autorità cantonale, si ricorda, "competente per l'autorizzazione all'esercizio e al sussidiamento". Certo c'è la consapevolezza che un servizio simile costa a una famiglia tra i 600 e i 1'200 franchi per una frequenza a tempo pieno. Quota che viene modulata sulla base del reddito famigliare.

I numeri del sondaggio

Ciò che in questi anni è stata una "ipotesi" di lavoro delle istituzioni locali, ora si sta, dunque, per concretizzare. Torniamo, però, al sondaggio e ai numeri che hanno convinto il Municipio del fatto che la base per agire c'è. Sì, perché, come fa sapere l'autorità locale, per essere sostenibile sul piano finanziario il servizio "deve poter accogliere a regime almeno 17 bambini e deve essere pensato come struttura attiva sul lungo periodo". Ebbene, stando all'indagine comunale, estesa, come detto, anche a Brusino, le premesse non mancano dopo aver interpellato i cittadini fra i 25 e i 45 anni. Sulla base dei cento formulari rientrati in Cancelleria (11 dal paese vicino), è emerso, innanzitutto, che in 67 casi si tratta di nuclei famigliari con uno o più figli, mentre in quasi una trentina avranno, a breve, un figlio o ne desiderano in futuro. Infatti, solo in 5 casi non si prevede di allargare la famiglia. I dati dicono pure che la maggioranza delle situazioni vede lavorare entrambi i genitori (una parte a tempo pieno). Esigua, per contro, la presenza di famiglie monoparentali (3), nelle quali è la mamma ad andare al lavoro.

Già oggi si fa capo all'asilo nido

Concentrandosi, poi, su coloro che hanno figli in età di asilo nido, che sono in dolce attesa e che prevedono di avere un bambino in futuro, in 28 hanno già uno o più figli piccoli - e per più della metà sono interessati al servizio -, in 24 intendono metterli in cantiere - e anche qui l'interesse è evidente -, in 7 diventeranno genitori entro l'estate e in due lo sono di già ma desiderano avere altri bambini. Dando uno sguardo alla quotidianità attuale, a chi si affidano, è stato chiesto, le famiglie al momento per farsi aiutare nella cura della prole? Nei nuclei che vedono di buon occhio il servizio comunale, l'indagine rivela che in poco meno di una ventina si rivolgono già a un asilo nido (pure fuori Comune), in 6 fanno capo ai nonni, in 5 i genitori condividono le incombenze, in 3 chiamano la baby sitter e in un caso ci si appoggia alle Famiglie diurne. Ad attirare l'attenzione è altresì il tempo in cui si fa riferimento al nido. In questo caso la maggior parte (in 23) ne usufruisce a tempo pieno o a metà tempo, mentre in una dozzina circa lo interpella fra i 2 e i 4 giorni la settimana. La fotografia sulle necessità della popolazione, insomma, è chiara.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved