Venezia
0
Torino
0
1. tempo
(0-0)
LECHEMIA E./LOHOFF J.
0
GOLUBIC V./TEICHMANN J.
0
1 set
(5-4)
per-i-comuni-sul-ceresio-l-asilo-nido-e-un-bisogno-reale
Oltre alle scuole, si pensa al nido e ai servizi extrascolastici (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Locarnese
20 min

Vergeletto, dopo covid e danni c’è voglia di ripartire

La pista di ghiaccio, rimasta chiusa tutta la stagione, ha dovuto fare i conti con la pandemia e il maltempo. Ma ora si volta pagina e si pianifica il futuro
Luganese
22 min

Muzzano e Cureglia: quando il timone passa da donna a donna

Entrambi i Municipi vantano due sindache, come già nella precedente legislatura. Intervista a Verena Hochstrasser e Tessa Gambazzi Pagnamenta.
Luganese
3 ore

Viganello, duemila persone alla festa nel Campus Est

Un successo la manifestazione popolare voluta da tre Commissioni di quartiere con la collaborazione di Usi e Supsi
Bellinzonese
3 ore

Incontro con i 18enni e 19enni di Airolo

Le autorità comunali hanno incontrato i maggiorenni del Comune negli stabilimenti della ditta Tenconi Sa
Mendrisiotto
3 ore

L’Istituto di microbiologia della Supsi fa base a Mendrisio

Centro di competenze con 60 anni di storia, oggi indaga il territorio e diventa un punto di riferimento per i giovani ricercatori
Ticino
3 ore

Suter affiliato all’Udc: ‘Faccio politica associativa’

A livello svizzero si registra un calo del fatturato del 20 per cento per i ristoranti dall’introduzione dell’obbligo del Covid pass
Bellinzonese
3 ore

La filarmonica di Gorduno celebra i 100 anni con un libro

Il volume scritto da Pasquale Genasci ripercorre la storia della società tenendo conto anche dei cambiamenti politici, economici e sociali del paese
Luganese
4 ore

L’agente di Malcantone ovest richiede l’assoluzione

Il poliziotto, accusato di favoreggiamento e ripetuta infrazione alle norme della circolazione, è tornato in aula davanti alla Corte di appello
Luganese
4 ore

Lugano, il 5,6% dei veicoli supera i limiti presso le scuole

Malgrado le 404 multe, la Polizia della Città traccia un bilancio soddisfacente dell’operazione ‘Bimbi sicuri’, centrata anche sulla prevenzione
Bellinzonese
4 ore

Iragna, porte aperte al bunker militare di Mairano

Sabato 2 ottobre, dalle 11 alle 16, sarà possibile visitare l’opera fortificata situata sulla Via della Pietra
Ticino
4 ore

Il Ps: ‘Nei media le donne sono sottorappresentate’

Lettera aperta dei socialisti che denunciano: ‘Nella Svizzera italiana solo il 21,5% delle persone menzionate sono donne. Serve un cambio di paradigma’
Locarnese
4 ore

Al via il mese della castagna in Verzasca

Eventi legati all’albero e al frutto che nel passato garantivano il sostentamento della popolazione
Locarnese
4 ore

Tiratori veterani, campionato ticinese a Quartino

Gare in due poligoni per aggiudicarsi i titoli. Non ci sarà il tradizionale pranzo
Locarnese
4 ore

Magadino e Locarno, per Haiti

Dalla polenta per raccogliere fondi alla consegna, da parte del vescovo, del mandato ai nuovi missionari
Locarnese
4 ore

Colazione donne sul tema ‘Io ci sono’

Tornano le occasioni d’incontro e scambio nel Locarnese
Ticino
5 ore

Banca dati votazioni comunali, il governo segue la sua strada

Il Consiglio di Stato boccia l’iniziativa di Filippini (Udc): no all’obbligo per i Comuni di trasmettere le informazioni. Ma poi le raccoglie. La deputata: ‘Disarmante’
Mendrisiotto
 
30.06.2021 - 05:250

Per i Comuni sul Ceresio l’asilo nido è un bisogno reale

Il Municipio di Riva sonda la popolazione del paese e del vicino Brusino Arsizio. Le premesse per una struttura per la prima infanzia ci sono tutte

Il primo sasso nello stagno (o forse bisognerebbe dire nel Ceresio) a favore delle famiglie di Riva San Vitale era stata lanciato quasi tredici anni orsono da una mozione di Elena Ferarri (Ppd). C'è voluto del tempo, ma oggi il Comune è pronto a dare sostanza al progetto: aprire un nido d'infanzia. In verità già il Municipio di allora era ben disposto verso la possibilità di ampliare i servizi messi a disposizione della popolazione. Cosa è cambiato? Rilanciato il tema nel gennaio del 2020 da una nuova mozione, oggi l'esecutivo ha la certezza che la presenza di un asilo per i più piccoli è la risposta a un bisogno reale. A certificarlo ci sono i risultati di un sondaggio (immaginato già in origine) che testimonia l'interesse della cittadinanza. Tant'è che l'autorità del Borgo sul Ceresio ha da subito posto le basi per concretizzare la proposta. In effetti, si è avviata una collaborazione con l'Associazione famiglie diurne del Mendrisiotto - che sta accompagnando il Municipio fin dai primi passi - e ci si sta muovendo per centrare l'obiettivo. Anzi, il nido, si annuncia sin d'ora, sarà "integrato" con altri servizi extrascolastici, che saranno realtà una volta ultimati i lavori di ristrutturazione del complesso scolastico comunale, previsti per la metà del 2023. Anche qui, però, si fa sapere, a tempo debito si sonderanno i cittadini.

‘Contato’ l’interesse delle famiglie

Oggi l'esecutivo rivense lo sa. Sa che almeno 36 delle famiglie che hanno risposto all'indagine conoscitiva - allargata, peraltro, anche alla popolazione di Brusino Arsizio - sono seriamente interessate all'opportunità di poter contare su un nido d'infanzia, mentre sono diverse quelle che vorrebbero saperne di più. Anche perché per un buon numero di loro questo servizio farebbe la differenza di fronte a una scelta lavorativa: nella gran parte (26) lavorano sia mamma che papà. Ecco che il responso dell'analisi condotta fra la popolazione locale è risultato, per stessa ammissione dell'autorità, incoraggiante. A tal punto da spronare a compiere dei "passi concreti". Del resto, si conferma in una nota, "la realizzazione di un nido d'infanzia costituisce un importante tassello a sostegno delle famiglie nell'accudimento dei figli e nella conciliazione con l'attività professionale".

Le Famiglie diurne danno una mano

Certo, adesso ci sono vari aspetti da chiarire. A cominciare dalla sede dell'asilo. Nel 2007 si suggeriva lo stabile Ai Gelsi, che accoglie da anni il Centro diurno socio-assistenziale regionale (affidato di recente a Pro Senectute). Un suggerimento interessante se si pensa alle esperienze intergenerazionali, ma tutto da valutare. Lo stesso Comune dovrà soppesare l'impegno finanziario, proprio "sulla base della struttura locativa destinata ad accogliere un nido d'infanzia". Nel frattempo, le Famiglie diurne, che nel Distretto si occupano già di tre asili nido - a Coldrerio, Stabio e Novazzano -, assicurano, dal canto loro, l'assunzione di personale formato e hanno aiutato a muovere i primi passi all'indirizzo del Cantone. Autorità cantonale, si ricorda, "competente per l'autorizzazione all'esercizio e al sussidiamento". Certo c'è la consapevolezza che un servizio simile costa a una famiglia tra i 600 e i 1'200 franchi per una frequenza a tempo pieno. Quota che viene modulata sulla base del reddito famigliare.

I numeri del sondaggio

Ciò che in questi anni è stata una "ipotesi" di lavoro delle istituzioni locali, ora si sta, dunque, per concretizzare. Torniamo, però, al sondaggio e ai numeri che hanno convinto il Municipio del fatto che la base per agire c'è. Sì, perché, come fa sapere l'autorità locale, per essere sostenibile sul piano finanziario il servizio "deve poter accogliere a regime almeno 17 bambini e deve essere pensato come struttura attiva sul lungo periodo". Ebbene, stando all'indagine comunale, estesa, come detto, anche a Brusino, le premesse non mancano dopo aver interpellato i cittadini fra i 25 e i 45 anni. Sulla base dei cento formulari rientrati in Cancelleria (11 dal paese vicino), è emerso, innanzitutto, che in 67 casi si tratta di nuclei famigliari con uno o più figli, mentre in quasi una trentina avranno, a breve, un figlio o ne desiderano in futuro. Infatti, solo in 5 casi non si prevede di allargare la famiglia. I dati dicono pure che la maggioranza delle situazioni vede lavorare entrambi i genitori (una parte a tempo pieno). Esigua, per contro, la presenza di famiglie monoparentali (3), nelle quali è la mamma ad andare al lavoro.

Già oggi si fa capo all'asilo nido

Concentrandosi, poi, su coloro che hanno figli in età di asilo nido, che sono in dolce attesa e che prevedono di avere un bambino in futuro, in 28 hanno già uno o più figli piccoli - e per più della metà sono interessati al servizio -, in 24 intendono metterli in cantiere - e anche qui l'interesse è evidente -, in 7 diventeranno genitori entro l'estate e in due lo sono di già ma desiderano avere altri bambini. Dando uno sguardo alla quotidianità attuale, a chi si affidano, è stato chiesto, le famiglie al momento per farsi aiutare nella cura della prole? Nei nuclei che vedono di buon occhio il servizio comunale, l'indagine rivela che in poco meno di una ventina si rivolgono già a un asilo nido (pure fuori Comune), in 6 fanno capo ai nonni, in 5 i genitori condividono le incombenze, in 3 chiamano la baby sitter e in un caso ci si appoggia alle Famiglie diurne. Ad attirare l'attenzione è altresì il tempo in cui si fa riferimento al nido. In questo caso la maggior parte (in 23) ne usufruisce a tempo pieno o a metà tempo, mentre in una dozzina circa lo interpella fra i 2 e i 4 giorni la settimana. La fotografia sulle necessità della popolazione, insomma, è chiara.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved