grandi-eventi-grandi-incognite-le-scelte-del-mendrisiotto
Sarà prioritaria la gestione dei flussi delle persone, per il corteo mascherato come per il risotto (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
21 min

Locarnese, i campeggi han fatto faville

Nella regione Lago Maggiore e valli, per la stagione 2021, pernottamenti da primato
Locarnese
24 min

Tenero, tutti i talenti ticinesi a raccolta

Un centinaio i partecipanti iscritti all’undicesima edizione del campo 4T al centro sportivo
Luganese
52 min

Camera di consiglio per l’accoltellamento di Pregassona

È tornato in aula, davanti alla Corte di Appello di Locarno, il 38enne iracheno accusato di tentato omicidio intenzionale e lesioni
Locarnese
1 ora

Ad Ascona settimana del jazz classico

Nel programma della 25esima edizione ‘lunch concert’ e jam session
Bellinzonese
1 ora

Bellinzona, buon successo di pubblico per ‘Sapori e Saperi’

Da una valutazione sulla sostenibilità è emerso che i prodotti ticinesi hanno conseguito dei risultati che vanno da buono a molto buono
Mendrisiotto
1 ora

Chiasso, il cantiere di via Livio entra nel vivo

Da mercoledì strada chiusa, sarà creata una piazza di giro sul parcheggio ‘Gambrinus’ e cambiamenti alla viabilità in via Lavizzari e vicolo dei Calvi
Luganese
1 ora

Alberto Stival nuovo presidente del Panathlon Club Lugano

Stival succede a Claudio Ortelli. Lasciano anche Roberto Mazza e Christian Crivelli, ai quali subentrano Ivan Degliesposti e Mauro Terribilini
Grigioni
1 ora

Roveredo, pranzo della Classe 1950 di Mesolcina e Calanca

Appuntamento per venerdì 5 novembre dalle 11 al grotto San Fedele di Roveredo
Locarnese
2 ore

Minusio: il camionista era ubriaco, addio patenti

Scattate le manette per l’autista polacco autore della folle corsa sabato a Minusio. Le scorrettezze avrebbero anche potuto causare un frontale
Mendrisiotto
2 ore

Castel San Pietro: da ex scuole a uffici amministrativi

Inaugurato l’edificio, completamente ristrutturato per ospitare – oggi interamente e dall’anno prossimo parzialmente – l’amministrazione comunale
Luganese
2 ore

Paradiso, sciopera la squadra esterna degli operai

Bloccato per qualche ora l’accesso ai magazzini comunali. Le parti hanno poi trovato un canale di dialogo.
Mendrisiotto
2 ore

Il terzetto preso a Chiasso con 9 chili di coca svela il piano

Il 70enne svizzero, titolare di una ditta di trasporti, voleva sdebitarsi dagli albanesi e sperava di non destare sospetti al valico
Locarnese
2 ore

Losone, cantiere in via Lusciago

Lavori per due mesi, tra marciapiede passante, asfalto e nuova piazza all’entrata del nucleo
Locarnese
2 ore

Locarno, la ‘maledetta solitudine’ nell’Alzheimer

Incontro sulla malattia al Ristorante Vallemaggia, interverrà un’infermiera esperta in geriatria
Bellinzonese
2 ore

Annullato il mercatino di Natale di Chironico

Malgrado ‘il grande impegno per trovare delle soluzioni’, l’evento non avrà luogo a causa delle restrizioni e delle direttive anti-Covid
Locarnese
2 ore

Solduno, alambicco in funzione

Da oggi, lunedì 25 ottobre, la struttura è aperta alla distillazione
Mendrisiotto
27.06.2021 - 21:530

Grandi eventi, grandi incognite: le scelte del Mendrisiotto

Dopo gli ultimi allentamenti, abbiamo sollecitato Alessandro Gazzani, presidente del Carnevale Nebiopoli, per capire quali saranno le sfide del futuro

Il punto cardine è stato fissato. In futuro per partecipare a un grande evento bisognerà esibire un certificato Covid. Un via libera che lascia però molte incognite agli organizzatori di queste manifestazioni. Nel Mendrisiotto tre decisioni sono già arrivate. La Sagra del Borgo prevista a fine settembre a Mendrisio non ci sarà. Gli organizzatori lo hanno già deciso nelle scorse settimane. La Festa della Musica che avrebbe dovuto tenersi questo fine settimana a Mendrisio è stata posticipata a settembre e si terrà in forma inedita. Il Carnevale Nebiopoli del prossimo febbraio sta lavorando in vista dei festeggiamenti che è intenzionato a proporre. Resta da stabilire con quale formula e con quali misure da applicare. Perché i problemi da risolvere, fa capire il presidente del Carnevale di Chiasso Alessandro Gazzani, sono parecchi. «La nostra strada, avallata dall'assemblea, è che a settembre dovremo dare delle risposte concrete al mondo del Carnevale che deve iniziare a preparare il carro (mentre per la parte serate potremo prenderci del tempo) e, parallelamente, dovremo essere pronti a muoverci con scenari diversi – spiega –. Da una parte sono fiducioso e spero riusciremo a proporre un Nebiopoli simile a quello degli anni passati con tutte le misure che saremo chiamati a introdurre. Ma dall'altra siamo preoccupati per tutti gli aspetti d'ordine pubblico e le responsabilità dell'essere il primo grande Carnevale che andrà in scena nel Cantone».

Verso l'aumento dei costi

Cosa cambierà, quindi, a livello organizzativo? «Tutto dovrà essere cintato e controllato – risponde Gazzani –. Per l'organizzatore di un evento questo genera una mole di lavoro importante, che porta dei costi pazzeschi». Pensando al Nebiopoli, «oggi per determinate manifestazioni come i cortei dei bambini e delle guggen o aperitivi in piazza, magari si prevedevano alcuni agenti di sicurezza, ma con l'entrata gratuita il perimetro non era recintato. Dovendolo fare, i costi logistici saranno importanti e bisognerà avere del personale di sorveglianza del perimetro perché io, organizzatore, divento garante». Tradotto in soldoni, il dover tarare la macchina organizzativa su questa nuova situazione «comporta il 30-40-50 per cento di costi di sicurezza in più e il 30-40 cento di logistica in più. Dove prendiamo questi soldi?». L'auspicio di Alessandro Gazzani è che «le autorità, cantonali e comunali, ci prendano per mano e ci guidino: per il nostro Cantone, dal punto di vista culturale ed economico il Carnevale è estremamente importante per il bene dell regione, delle sue attività e del turismo». Oltre al corteo mascherato e al flusso di persone che raggiungono Chiasso sull'arco dell'intera giornata, per Nebiopoli sarà importante capire come «gestire e organizzare quegli eventi collaterali che sono il vero spirito del Carnevale. Pensiamo per esempio al corteo dei bambini che coinvolge 5-6mila persone: se dovrò chiudere il percorso come per il corteo mascherato e gestire i flussi di entrata e uscita, dal punto di vista economico diventerà pesante. Come gestire questi costi? Dovremo cercare degli sponsor, chiedere un sostegno al comune o al cantone o più semplicemente chiedere un contributo alla gente. Questo Nebiopoli non vuole farlo perché Carnevale è un evento popolare e come tale deve restare».

L'importanza della pianificazione

Il Covid-19 ha cambiato le nostre abitudini di vita, e lo farà anche per il Carnevale. «Mi fa piacere, ma mi meraviglia anche un pò, che per il periodo estivo siano caduti tutti i limiti per le manifestazioni – annota Gazzani –. Nessuno se lo augura, ma se la situazione dovesse peggiorare nuovamente in autunno, questo sarà lo standard, ma torneremo ad avere dei limiti, e bisognerà capire cosa vorrà dire avere questi limiti perché è chiaro che le grandi manifestazioni che vivremo saranno diverse». La grande difficoltà sarà quella di «riuscire a pianificare bene: dovremo essere in grado di gestire con le autorità, soprattutto con la Polizia cantonale, i flussi delle persone in tutte le situazioni perché, come detto, per le nostre latitudini Carnevale è cultura e le persone, dopo tutte queste chiusure, hanno voglia di tornare alla normalità».

Sfide comuni ma diverse

Nelle scorse settimane Nebiopoli ha presentato agli altri Carnevali una app di tracciamento. «Mi sarei aspettato un approccio migliore – ammette Gazzani –. Negli ultimi anni Nebiopoli è stato molto innovatore per tanti aspetti, ha riaffermato la sua immagine e sta tornando a riconquistare il suo posto di secondo Carnevale del Cantone». Dato questo presupposto, «mi aspetto più collaborazione sia dalle autorità che dagli altri Carnevali, soprattutto in virtù delle importanti sfide, comuni ma allo stesso tempo diverse, che ci aspettano nei prossimi mesi. Ringrazio Flavio Petraglio, presidente uscente del Rabadan, che ha sempre spinto molto sulla collaborazione tra di noi, una situazione che in passato non si era mai vista. Mi auguro che dialogo e collaborazione continuino anche con Giovanni Capoferri». Così come avvenuto lo scorso anno, Nebiopoli continuerà a porsi come punto di riferimento e a lavorare anche con gli altri Carnevali del Mendrisiotto.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved