festa-al-campus-con-scontro-fa-male-per-i-ragazzi
I fatti di venerdì hanno segnato la quotidianità del campus (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
4 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
8 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
10 ore

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
12 ore

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
12 ore

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
21 ore

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
23 ore

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
23 ore

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
1 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
1 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
1 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
1 gior

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
1 gior

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
1 gior

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
2 gior

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Locarnese
2 gior

Orselina, Silvan Zingg al Parco

Il grande pianista svizzero, re del Boogie Woogie e del Blues, sarà di scena mercoledì
laR
 
21.06.2021 - 05:30
Aggiornamento: 12:45

Festa al campus con ‘scontro’: ‘Fa male per i ragazzi’

Chi conosce la realtà studentesca è rimasto 'senza parole'. Fonio, Ocst: 'Niente giustifica la violenza contro gli agenti'

È difficile scacciare le immagini della fatidica notte al campus universitario. Per chi, fra gli studenti dell’Accademia di architettura, era lì verso le tre di venerdì a festeggiare la laurea, il ricordo è ancora vivido. I sentimenti, poi, sono contrastanti, in attesa che l’inchiesta riesca a fare chiarezza sui fatti. I giovani non tornano sui loro passi. Non dopo averci raccontato sulle pagine de ‘laRegione’ come è andata dal loro punto di vista. Ma adesso preferiscono far calare il silenzio stampa. A rincuorarli c’è il fatto che i due colleghi finiti in stato di arresto – un 26enne cittadino francese e un 29enne romando –, nel frattempo, sono stati rilasciati. Stanno bene – anche se il 26enne è tornato a farsi curare in ospedale –, ma l’esperienza farà parte di loro per un pezzo. Ecco perché, per loro, ma non solo, è importante allontanare le nubi e restituire la verità di quanto accaduto. La versione delle istituzioni e quella dei ragazzi, come abbiamo potuto toccare con mano, sono troppo contrastanti per non richiedere un’analisi attenta degli eventi. Perché se su un fronte c’erano, come rivendicato da più parti – a livello comunale e sindacale, ma anche da parte dei vertici dell’ateneo, come da noi riferito – degli agenti che facevano il loro lavoro; dall’altro si trovavano una ventina di allievi (per circa la metà ragazze) che contestano di aver mai lanciato sassi o altro all’indirizzo della polizia.

C’è chi è rimasto ‘senza parole’

È vero, non era la prima festa. E la musica era alta (lo hanno riconosciuto pure i ragazzi) per quell’ora, tanto da far scattare la segnalazione e l’intervento di un paio di pattuglie della Polizia cittadina. Ma è l’epilogo a spiazzare. «A dirla tutta siamo rimasti senza parole – ci dice chi nella quotidianità incrocia la vita mendrisiense degli studenti della facoltà di architettura –. Lascia perplessi il modo in cui si è passati velocemente dalle parole ai fatti». Non si vuole entrare nella dinamica di quanto è successo – altre sono le sedi che devono occuparsene –, ma la situazione ha scioccato.

‘Occorre fare chiarezza adesso’

A ben vedere non capiscono come siano andate le cose. «Fa male, però – ci confidano –, sentire alla Tv o leggere sui media che una ventina di giovani si sono scagliati contro degli agenti. È un’immagine violenta che appare eccessiva così come è stata presentata da chi fa informazione». A questo punto si confida nel lavoro degli inquirenti: «È importante che l’inchiesta definisca fatti e responsabilità. Sperando che tutto vada a buon fine».

In chi, come detto, conosce la realtà studentesca locale c’è sconcerto per l’accaduto e dispiacere per degli studenti, che in poco tempo sono passati dall’euforia per il risultato professionale raggiunto allo sconforto per come è andata a finire quella che doveva essere una festa. D’altro canto, Mendrisio non si ricorda un’altra situazione simile, per di più sfociata nel ferimento di sette persone. Quindi non ci si può nascondere la gravità dei fatti. Che fanno male al cuore, pensando ai giovani protagonisti.

Fonio: ‘In aumento i casi di aggressività’

Davanti agli occhi di Giorgio Fonio, segretario del sindacato Ocst, Funzionari di Polizia, c’è il bilancio dei feriti. «Si parla – sgombra il campo – di sei agenti e un giovane. Ancora una volta ci troviamo confrontati con una situazione che coinvolge dei poliziotti nello svolgimento del loro dovere, che vengono contestati, insultati, aggrediti». Su un punto Fonio non transige: «La questione – chiarisce – è che nulla può giustificare l’uso della violenza verso le forze dell’ordine, che in quel momento rappresentano lo Stato». Di fatto questo è un periodo delicato, si percepisce un clima di tensione. «Tutto ciò è frutto di una società che ha perso valori e rispetto. Lo denunciamo da tempo». Perché sono in aumento gli episodi di aggressività verso gli agenti? «In Ticino riceviamo sempre più segnalazioni. Infatti, abbiamo chiesto d’inasprire la legge nei confronti di chi mette le mani addosso».

Forza e proporzionalità

C’è da valutare, però, anche la proporzionalità degli interventi da parte della polizia. «Certo, come in ogni categoria, c’è chi lavora bene e chi sbaglia, come detto questa settimana dal comandante della Polizia di Lugano Torrente. E chi sbaglia viene sanzionato. In ogni caso – ribadisce il segretario dell’Ocst –, nulla può giustificare l’uso della violenza nei confronti degli agenti di polizia. Dietro la divisa ci sono pur sempre uomini e donne, padri e madri di famiglia».

Laconico sui fatti il capo del Dipartimento delle istituzioni Norman Gobbi, interpellato da ‘laRegione’. «Penso – ci ha risposto – che si tratti di una questione di ordine pubblico che dipende dalla Polizia comunale. Se c’è stato abuso di forza lo determinerà la magistratura». In origine si trattava di una festa di laurea. «È vero che i giovani hanno bisogno di valvole di sfogo – riconosce –, ma queste non possono ledere il diritto degli altri a dormire tranquillamente».

E c’è chi butta ironia sul fuoco

A sparigliare le carte nella giornata di domenica ci ha poi pensato un post su Instagram dell’avvocato Paolo Bernasconi, il quale ha condito, da par suo, quanto capitato (poche settimane dopo la demolizione dell’ex Macello a Lugano) con l’ironia. Si legge: “Mozione urgente del gruppo della Lega dei ticinesi al Municipio di Mendrisio, affinché richieda al Municipio di Lugano l’invio delle ruspe già utilizzate per la demolizione del Macello e affinché si provveda allo sgombero e alla demolizione dell’edificio dell’Accademia di Mendrisio, cominciando dal tetto, allo scopo di ripristinare l’ordine pubblico”. Chi ha detto che una risata ci salverà?

Leggi anche:

‘Scontro’ tra giovani e polizia al campus

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
agenti campus festa giorgio fonio polizia ragazzi realtà studentesca
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved