festa-al-campus-con-scontro-fa-male-per-i-ragazzi
I fatti di venerdì hanno segnato la quotidianità del campus (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
10 ore

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
14 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
15 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
15 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
15 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
15 ore

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
15 ore

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
16 ore

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
17 ore

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
17 ore

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
Ticino
17 ore

‘Cavalli di razza’ sul banco degli imputati

’ndrangheta, prime decisioni giudiziarie in Italia sull’operazione che interessò anche il Ticino. I verbali del pentito
Ticino
18 ore

Tra aumento delle ditte senza notifica e lo spettro malaedilizia

Il bilancio 2021 dell’Associazione interprofessionale di controllo. Ambrosetti: ‘Sempre più permessi di corta durata’. Bagnovini: ‘Importante segnalare’
Mendrisiotto
18 ore

Corsie A2, ‘nessuna considerazione per il Distretto a Berna’

Il Plr di Mendrisio contesta il modus operandi dei servizi federali. ‘Si dia la precedenza ad AlpTransit a sud’
Video
Bellinzonese
18 ore

Riaperto il Passo del San Gottardo

Dalle ore 16 di oggi la strada è transitabile. Piccola colonna di auto e moto già sul posto all’ora indicata per la riapertura. Guarda il video
Grigioni
18 ore

Sport all’aria aperta: a Cama arriva il MisoXperience

Una settimana di opportunità per principianti, professionisti e famiglie tra workshop, gare, corsi e giornate dedicate
Locarnese
18 ore

Minusio e Chiasso, classi premiate in campo ecologico

La classe della 5ª D ha ottenuto un riconoscimento nell’ambito di un progetto transfrontaliero sulla biodiversità. Pure la 4ª A di Chiasso agli onori
Luganese
18 ore

A Lugano una strada dedicata a Mario Agliati

Lo ha deciso il Municipio, gli verrà assegnata una strada del centro città
laR
 
21.06.2021 - 05:30
Aggiornamento : 12:45

Festa al campus con ‘scontro’: ‘Fa male per i ragazzi’

Chi conosce la realtà studentesca è rimasto 'senza parole'. Fonio, Ocst: 'Niente giustifica la violenza contro gli agenti'

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

È difficile scacciare le immagini della fatidica notte al campus universitario. Per chi, fra gli studenti dell’Accademia di architettura, era lì verso le tre di venerdì a festeggiare la laurea, il ricordo è ancora vivido. I sentimenti, poi, sono contrastanti, in attesa che l’inchiesta riesca a fare chiarezza sui fatti. I giovani non tornano sui loro passi. Non dopo averci raccontato sulle pagine de ‘laRegione’ come è andata dal loro punto di vista. Ma adesso preferiscono far calare il silenzio stampa. A rincuorarli c’è il fatto che i due colleghi finiti in stato di arresto – un 26enne cittadino francese e un 29enne romando –, nel frattempo, sono stati rilasciati. Stanno bene – anche se il 26enne è tornato a farsi curare in ospedale –, ma l’esperienza farà parte di loro per un pezzo. Ecco perché, per loro, ma non solo, è importante allontanare le nubi e restituire la verità di quanto accaduto. La versione delle istituzioni e quella dei ragazzi, come abbiamo potuto toccare con mano, sono troppo contrastanti per non richiedere un’analisi attenta degli eventi. Perché se su un fronte c’erano, come rivendicato da più parti – a livello comunale e sindacale, ma anche da parte dei vertici dell’ateneo, come da noi riferito – degli agenti che facevano il loro lavoro; dall’altro si trovavano una ventina di allievi (per circa la metà ragazze) che contestano di aver mai lanciato sassi o altro all’indirizzo della polizia.

C’è chi è rimasto ‘senza parole’

È vero, non era la prima festa. E la musica era alta (lo hanno riconosciuto pure i ragazzi) per quell’ora, tanto da far scattare la segnalazione e l’intervento di un paio di pattuglie della Polizia cittadina. Ma è l’epilogo a spiazzare. «A dirla tutta siamo rimasti senza parole – ci dice chi nella quotidianità incrocia la vita mendrisiense degli studenti della facoltà di architettura –. Lascia perplessi il modo in cui si è passati velocemente dalle parole ai fatti». Non si vuole entrare nella dinamica di quanto è successo – altre sono le sedi che devono occuparsene –, ma la situazione ha scioccato.

‘Occorre fare chiarezza adesso’

A ben vedere non capiscono come siano andate le cose. «Fa male, però – ci confidano –, sentire alla Tv o leggere sui media che una ventina di giovani si sono scagliati contro degli agenti. È un’immagine violenta che appare eccessiva così come è stata presentata da chi fa informazione». A questo punto si confida nel lavoro degli inquirenti: «È importante che l’inchiesta definisca fatti e responsabilità. Sperando che tutto vada a buon fine».

In chi, come detto, conosce la realtà studentesca locale c’è sconcerto per l’accaduto e dispiacere per degli studenti, che in poco tempo sono passati dall’euforia per il risultato professionale raggiunto allo sconforto per come è andata a finire quella che doveva essere una festa. D’altro canto, Mendrisio non si ricorda un’altra situazione simile, per di più sfociata nel ferimento di sette persone. Quindi non ci si può nascondere la gravità dei fatti. Che fanno male al cuore, pensando ai giovani protagonisti.

Fonio: ‘In aumento i casi di aggressività’

Davanti agli occhi di Giorgio Fonio, segretario del sindacato Ocst, Funzionari di Polizia, c’è il bilancio dei feriti. «Si parla – sgombra il campo – di sei agenti e un giovane. Ancora una volta ci troviamo confrontati con una situazione che coinvolge dei poliziotti nello svolgimento del loro dovere, che vengono contestati, insultati, aggrediti». Su un punto Fonio non transige: «La questione – chiarisce – è che nulla può giustificare l’uso della violenza verso le forze dell’ordine, che in quel momento rappresentano lo Stato». Di fatto questo è un periodo delicato, si percepisce un clima di tensione. «Tutto ciò è frutto di una società che ha perso valori e rispetto. Lo denunciamo da tempo». Perché sono in aumento gli episodi di aggressività verso gli agenti? «In Ticino riceviamo sempre più segnalazioni. Infatti, abbiamo chiesto d’inasprire la legge nei confronti di chi mette le mani addosso».

Forza e proporzionalità

C’è da valutare, però, anche la proporzionalità degli interventi da parte della polizia. «Certo, come in ogni categoria, c’è chi lavora bene e chi sbaglia, come detto questa settimana dal comandante della Polizia di Lugano Torrente. E chi sbaglia viene sanzionato. In ogni caso – ribadisce il segretario dell’Ocst –, nulla può giustificare l’uso della violenza nei confronti degli agenti di polizia. Dietro la divisa ci sono pur sempre uomini e donne, padri e madri di famiglia».

Laconico sui fatti il capo del Dipartimento delle istituzioni Norman Gobbi, interpellato da ‘laRegione’. «Penso – ci ha risposto – che si tratti di una questione di ordine pubblico che dipende dalla Polizia comunale. Se c’è stato abuso di forza lo determinerà la magistratura». In origine si trattava di una festa di laurea. «È vero che i giovani hanno bisogno di valvole di sfogo – riconosce –, ma queste non possono ledere il diritto degli altri a dormire tranquillamente».

E c’è chi butta ironia sul fuoco

A sparigliare le carte nella giornata di domenica ci ha poi pensato un post su Instagram dell’avvocato Paolo Bernasconi, il quale ha condito, da par suo, quanto capitato (poche settimane dopo la demolizione dell’ex Macello a Lugano) con l’ironia. Si legge: “Mozione urgente del gruppo della Lega dei ticinesi al Municipio di Mendrisio, affinché richieda al Municipio di Lugano l’invio delle ruspe già utilizzate per la demolizione del Macello e affinché si provveda allo sgombero e alla demolizione dell’edificio dell’Accademia di Mendrisio, cominciando dal tetto, allo scopo di ripristinare l’ordine pubblico”. Chi ha detto che una risata ci salverà?

Leggi anche:

‘Scontro’ tra giovani e polizia al campus

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
agenti campus festa giorgio fonio polizia ragazzi realtà studentesca
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved