scontro-tra-giovani-e-polizia-al-campus
Villa Argentina, luogo di ritrovo anche nelle settimane scorse (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
10 ore

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
14 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
15 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
15 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
15 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
15 ore

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
16 ore

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
16 ore

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
17 ore

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
17 ore

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
Ticino
17 ore

‘Cavalli di razza’ sul banco degli imputati

’ndrangheta, prime decisioni giudiziarie in Italia sull’operazione che interessò anche il Ticino. I verbali del pentito
Ticino
18 ore

Tra aumento delle ditte senza notifica e lo spettro malaedilizia

Il bilancio 2021 dell’Associazione interprofessionale di controllo. Ambrosetti: ‘Sempre più permessi di corta durata’. Bagnovini: ‘Importante segnalare’
Mendrisiotto
18 ore

Corsie A2, ‘nessuna considerazione per il Distretto a Berna’

Il Plr di Mendrisio contesta il modus operandi dei servizi federali. ‘Si dia la precedenza ad AlpTransit a sud’
Video
Bellinzonese
18 ore

Riaperto il Passo del San Gottardo

Dalle ore 16 di oggi la strada è transitabile. Piccola colonna di auto e moto già sul posto all’ora indicata per la riapertura. Guarda il video
Grigioni
18 ore

Sport all’aria aperta: a Cama arriva il MisoXperience

Una settimana di opportunità per principianti, professionisti e famiglie tra workshop, gare, corsi e giornate dedicate
Locarnese
18 ore

Minusio e Chiasso, classi premiate in campo ecologico

La classe della 5ª D ha ottenuto un riconoscimento nell’ambito di un progetto transfrontaliero sulla biodiversità. Pure la 4ª A di Chiasso agli onori
Luganese
18 ore

A Lugano una strada dedicata a Mario Agliati

Lo ha deciso il Municipio, gli verrà assegnata una strada del centro città
Locarnese
18 ore

Minusio-Mappo, miniferrovia in servizio nel weekend

Locomotive a vapore ed elettriche traineranno i convogli (solo se non piove) domenica 22 maggio dalle 14.30 alle 17.30
Locarnese
19 ore

Due presentazioni librarie alle scuole di Riazzino

Domani dalle 17 incontro con gli autori Zeno Ramelli e Jan Gaggetta, grazie alla Commissione culturale del Municipio di Lavertezzo
Bellinzonese
19 ore

Ostilità digitale e odio reale: se ne parla a Bellinzona

Incontro pubblico il 24 maggio alla Biblioteca cantonale con quattro conferenzieri
Locarnese
19 ore

Pulcini malati importati illegalmente, azienda sequestrata

Nei piccoli volatili è stato riscontrato il virus della malattia di Newcastle. L’intervento è avvenuto nel Locarnese
laR
 
19.06.2021 - 00:15
Aggiornamento : 24.06.2021 - 15:42

‘Scontro’ tra giovani e polizia al campus

‘In una ventina si sono scagliati contro gli agenti’. Ma gli studenti contestano: ‘Non è andata così’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Una festa tra ragazzi, come tante altre, per suggellare la fine del corso di laurea per alcuni degli ormai ex studenti dell’Accademia di architettura. Il tutto condito con l’euforia del momento, forse qualche bicchiere, e la musica a tutto volume nello scenario del campus universitario a Mendrisio. Una serata andata oltre l’orario limite, certo, ma soprattutto finita male, tra manganelli e spray al pepe. Tutto parte da una segnalazione, con tutta probabilità di un vicino, che lamenta schiamazzi e decibel sopra il sopportabile alle tre di notte. Ciò è sufficiente a far dirigere sul posto due pattuglie della Polizia della Città. Morale: per una notte il Parco si trasforma in un terreno di scontro nella versione istituzionale, nella scena di un’azione sopra le righe da parte della Polizia agli occhi dei ragazzi. Secondo la ricostruzione della Polizia cantonale, da una parte c’era una ventina di giovani – come detto studentesse e studenti –, dall’altra la Polizia, a dar man forte al Corpo cittadino, la Cantonale e la Polizia comunale di Chiasso. Solo così, fanno sapere in una nota ufficiale, si è riusciti a riportare la normalità. Il caso, però, non è chiuso. Aperta un’inchiesta, si è registrato il ferimento di sette persone e due arresti. Ma al di là del bilancio numerico, per i giovani non è andata proprio così.

Vista dalle istituzioni

Agli occhi delle istituzioni è bastato il tentativo degli agenti di verificare quanto stava accadendo per far prendere una brutta piega alla situazione. In quel momento, secondo quanto riferisce la Polizia, “una ventina di giovani, con ruoli diversi, si sono ripetutamente avventati contro gli agenti, impedendone l’operato e lanciando dei sassi”. Il bilancio? Nella colluttazione quattro agenti della Polizia della Città, due agenti in formazione della Polizia di Lugano, presenti a Mendrisio per uno stage formativo, e uno dei giovani hanno riportato delle ferite che hanno richiesto il trasporto al Pronto soccorso per accertamenti medici. Il ragazzo finito all’ospedale è una delle persone poi messe in stato di arresto, un 26enne cittadino francese. Il quale, stando a nostre informazioni, ieri è stato prelevato dalla struttura ospedaliera per essere trasferito in carcere. Con lui è finito in manette anche un 29enne romando.

Identificati diversi dei protagonisti

Se per conoscere l’esatta dinamica dei fatti, occorrerà, quindi, attendere le risultanze dell’indagine, quanto avvenuto al campus universitario ha già portato, come detto, a interrogatori e misure restrittive. La Polizia cantonale fa sapere altresì che diversi altri protagonisti sono già stati identificati. La loro posizione adesso si trova al vaglio degli inquirenti. I reati ipotizzati, a vario titolo, sono pesanti: aggressione, rissa, lesioni semplici, vie di fatto, violenza o minaccia contro le autorità e i funzionari, impedimento di atti delle autorità.

Erez: ‘La violenza non è mai accettabile’

E a reagire, anche duramente, nel corso della giornata di ieri è stato pure il rettore dell’Università della Svizzera italiana Boas Erez, autore di una mail indirizzata a studenti e collaboratori. “Una aggressione fisica ad agenti di polizia che stavano svolgendo il proprio lavoro, perché chiamati nel cuore della notte per disturbo alla quiete pubblica, è un fatto grave e preoccupante”, si legge nello scritto. L’Usi ha espresso solidarietà agli agenti intervenuti e si è messa a disposizione degli inquirenti per fare chiarezza sui fatti. “Saremmo molto dispiaciuti – annota Erez – di apprendere che studenti dell’Accademia fossero direttamente implicati”. E prosegue: “Sappiamo che anche essere giovani è complesso in questo periodo storico, ma ciò non giustifica simili comportamenti: la violenza non è mai accettabile”. L’invito, quindi, rivolto alla comunità accademica coinvolta è quello di collaborare e “riportare la conversazione sui binari di un dialogo costruttivo”.

Maffi: ‘Ne parleremo con l’Usi’

Il capo dicastero Sicurezza Samuel Maffi è ancora sorpreso per come, in un attimo e con grande facilità (sottolinea), si sia passati dalle parole ai fatti. E aver visto i postumi dello scontro sui suoi uomini ha corroborato quel pensiero. «Quanto è successo – commenta a ‘laRegione’ – è qualcosa di grave, ma anche di eccezionale. Un evento che non è riconducibile al fenomeno del disagio giovanile. Durante il confinamento a causa del Covid-19 il Municipio ha messo in campo una strategia, attivando gli operatori sociali, facendo leva sulla Polizia di prossimità e introducendo anche la figura dei City Angels, proprio nell’ottica di monitorare la situazione e preferire il dialogo». Cambierà il vostro atteggiamento? «Su Villa Argentina non vi sarà una particolare strategia. Si terrà semmai la guardia alta». Si prevedono misure? «Se ne discuterà, immagino, in seduta. Ci sarà piuttosto una presa di contatto con l’Università della Svizzera italiana – il rettore e il sindaco Samuele Cavadini si sono già sentiti, ndr – in nome del buon vivere comune, dell’istituzione, del Comune e della cittadinanza».

Gli studenti

‘Non è andata così’

«Sì stavamo festeggiando la fine del diploma, ma nello spiazzo cementato all’ingresso del Canavée, sede dell’Accademia di architettura». Parlano alcuni degli studenti che nella notte su venerdì erano lì, al campus. «La Polizia – spiegano a ‘laRegione’ – è giunta sul posto e abbiamo subito spento la musica. Gli agenti si sono annunciati, testualmente, con un ‘avete rotto i coglioni con questa musica’. Al che una di noi si è rivolta loro chiedendo di usare toni più consoni e professionali. A quel punto il ragazzo francese (poi arrestato, ndr) ha applaudito, battendo due volte le mani». E lì cosa è successo? «Quattro agenti gli si sono avvicinati. E lui, spaventato, ha iniziato a correre nel parco di fronte, seguito dai poliziotti. Alcuni studenti hanno seguito la scena per accertarsi che i modi fossero leciti. Il ragazzo è però inciampato davanti al muro vicino all’entrata, sul retro del bar Vignetta. Poi è stato placcato dagli agenti armati di manganelli telescopici, e trattenuto a terra. Nel frattempo, c’era chi supplicava di farlo rialzare. Il nostro amico stava sanguinando e sembrava sotto shock. Per tutta risposta, per disperderci hanno spruzzato lo spray al peperoncino e ci hanno intimidito usando i manganelli». Il ragazzo francese, intanto, ci raccontano, riesce a rialzarsi e riprende a correre verso il parcheggio delle bici. «Ma è stato nuovamente placcato e lo hanno portato in macchina». In quel momento arrivano i rinforzi. «Lì è iniziata una discussione animata da entrambe le parti per cercare di capire le ragioni delle aggressioni – ricostruiscono –. Durante queste discussioni due ragazzi sono stati ripetutamente spintonati a terra perché stavano filmando, ed è stato loro sottratto il telefono». Anche fra gli studenti, dicono, in nove hanno riportato evidenti lesioni. In due hanno avuto reazioni allergiche e sono finiti al Pronto soccorso. Mentre non hanno visto agenti all’ospedale. I ragazzi contestano con forza anche di aver lanciato oggetti contro gli agenti. Sul posto, certificano, non c’erano né sassi né bottiglie. E la lettera del rettore? «Affrettata e unidirezionale».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
agenti giovani mendrisio scontro studenti
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved