scontro-tra-giovani-e-polizia-al-campus
Villa Argentina, luogo di ritrovo anche nelle settimane scorse (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
5 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
9 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
11 ore

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
12 ore

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
13 ore

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
21 ore

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
1 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
1 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
1 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
1 gior

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
1 gior

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
1 gior

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
2 gior

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Locarnese
2 gior

Orselina, Silvan Zingg al Parco

Il grande pianista svizzero, re del Boogie Woogie e del Blues, sarà di scena mercoledì
Locarnese
2 gior

Onsernone, da mezzo secolo senza mai perdere ‘LaVoce’

Compie 50 anni il semestrale (un tempo bimestrale) della locale Pro; una rivista cartacea nata per parlare di territorio e offrire spunti di riflessione
Luganese
2 gior

Pregassona, tanta frutta e verdura agli orti condivisi

Le cassette messe a disposizione dall’Associazione Amélie hanno dato, nel vero senso della parola, i loro frutti. Purtroppo ci sono stati anche dei furti.
Luganese
2 gior

Hangar malmesso ad Agno, scatta l’interpellanza

Sara Beretta Piccoli, alla luce del rischio di rilascio di amianto nella struttura aeroportuale (lato fiume), chiede lumi al Municipio
Luganese
2 gior

Muzzano, prima tappa di Miss Tap Model

Sabato 20 agosto avrà luogo la manifestazione al Ristorante Tcs Vedeggio. Durante la serata ci sarà musica e intrattenimento
laR
 
19.06.2021 - 00:15
Aggiornamento: 24.06.2021 - 15:42

‘Scontro’ tra giovani e polizia al campus

‘In una ventina si sono scagliati contro gli agenti’. Ma gli studenti contestano: ‘Non è andata così’

Una festa tra ragazzi, come tante altre, per suggellare la fine del corso di laurea per alcuni degli ormai ex studenti dell’Accademia di architettura. Il tutto condito con l’euforia del momento, forse qualche bicchiere, e la musica a tutto volume nello scenario del campus universitario a Mendrisio. Una serata andata oltre l’orario limite, certo, ma soprattutto finita male, tra manganelli e spray al pepe. Tutto parte da una segnalazione, con tutta probabilità di un vicino, che lamenta schiamazzi e decibel sopra il sopportabile alle tre di notte. Ciò è sufficiente a far dirigere sul posto due pattuglie della Polizia della Città. Morale: per una notte il Parco si trasforma in un terreno di scontro nella versione istituzionale, nella scena di un’azione sopra le righe da parte della Polizia agli occhi dei ragazzi. Secondo la ricostruzione della Polizia cantonale, da una parte c’era una ventina di giovani – come detto studentesse e studenti –, dall’altra la Polizia, a dar man forte al Corpo cittadino, la Cantonale e la Polizia comunale di Chiasso. Solo così, fanno sapere in una nota ufficiale, si è riusciti a riportare la normalità. Il caso, però, non è chiuso. Aperta un’inchiesta, si è registrato il ferimento di sette persone e due arresti. Ma al di là del bilancio numerico, per i giovani non è andata proprio così.

Vista dalle istituzioni

Agli occhi delle istituzioni è bastato il tentativo degli agenti di verificare quanto stava accadendo per far prendere una brutta piega alla situazione. In quel momento, secondo quanto riferisce la Polizia, “una ventina di giovani, con ruoli diversi, si sono ripetutamente avventati contro gli agenti, impedendone l’operato e lanciando dei sassi”. Il bilancio? Nella colluttazione quattro agenti della Polizia della Città, due agenti in formazione della Polizia di Lugano, presenti a Mendrisio per uno stage formativo, e uno dei giovani hanno riportato delle ferite che hanno richiesto il trasporto al Pronto soccorso per accertamenti medici. Il ragazzo finito all’ospedale è una delle persone poi messe in stato di arresto, un 26enne cittadino francese. Il quale, stando a nostre informazioni, ieri è stato prelevato dalla struttura ospedaliera per essere trasferito in carcere. Con lui è finito in manette anche un 29enne romando.

Identificati diversi dei protagonisti

Se per conoscere l’esatta dinamica dei fatti, occorrerà, quindi, attendere le risultanze dell’indagine, quanto avvenuto al campus universitario ha già portato, come detto, a interrogatori e misure restrittive. La Polizia cantonale fa sapere altresì che diversi altri protagonisti sono già stati identificati. La loro posizione adesso si trova al vaglio degli inquirenti. I reati ipotizzati, a vario titolo, sono pesanti: aggressione, rissa, lesioni semplici, vie di fatto, violenza o minaccia contro le autorità e i funzionari, impedimento di atti delle autorità.

Erez: ‘La violenza non è mai accettabile’

E a reagire, anche duramente, nel corso della giornata di ieri è stato pure il rettore dell’Università della Svizzera italiana Boas Erez, autore di una mail indirizzata a studenti e collaboratori. “Una aggressione fisica ad agenti di polizia che stavano svolgendo il proprio lavoro, perché chiamati nel cuore della notte per disturbo alla quiete pubblica, è un fatto grave e preoccupante”, si legge nello scritto. L’Usi ha espresso solidarietà agli agenti intervenuti e si è messa a disposizione degli inquirenti per fare chiarezza sui fatti. “Saremmo molto dispiaciuti – annota Erez – di apprendere che studenti dell’Accademia fossero direttamente implicati”. E prosegue: “Sappiamo che anche essere giovani è complesso in questo periodo storico, ma ciò non giustifica simili comportamenti: la violenza non è mai accettabile”. L’invito, quindi, rivolto alla comunità accademica coinvolta è quello di collaborare e “riportare la conversazione sui binari di un dialogo costruttivo”.

Maffi: ‘Ne parleremo con l’Usi’

Il capo dicastero Sicurezza Samuel Maffi è ancora sorpreso per come, in un attimo e con grande facilità (sottolinea), si sia passati dalle parole ai fatti. E aver visto i postumi dello scontro sui suoi uomini ha corroborato quel pensiero. «Quanto è successo – commenta a ‘laRegione’ – è qualcosa di grave, ma anche di eccezionale. Un evento che non è riconducibile al fenomeno del disagio giovanile. Durante il confinamento a causa del Covid-19 il Municipio ha messo in campo una strategia, attivando gli operatori sociali, facendo leva sulla Polizia di prossimità e introducendo anche la figura dei City Angels, proprio nell’ottica di monitorare la situazione e preferire il dialogo». Cambierà il vostro atteggiamento? «Su Villa Argentina non vi sarà una particolare strategia. Si terrà semmai la guardia alta». Si prevedono misure? «Se ne discuterà, immagino, in seduta. Ci sarà piuttosto una presa di contatto con l’Università della Svizzera italiana – il rettore e il sindaco Samuele Cavadini si sono già sentiti, ndr – in nome del buon vivere comune, dell’istituzione, del Comune e della cittadinanza».

Gli studenti

‘Non è andata così’

«Sì stavamo festeggiando la fine del diploma, ma nello spiazzo cementato all’ingresso del Canavée, sede dell’Accademia di architettura». Parlano alcuni degli studenti che nella notte su venerdì erano lì, al campus. «La Polizia – spiegano a ‘laRegione’ – è giunta sul posto e abbiamo subito spento la musica. Gli agenti si sono annunciati, testualmente, con un ‘avete rotto i coglioni con questa musica’. Al che una di noi si è rivolta loro chiedendo di usare toni più consoni e professionali. A quel punto il ragazzo francese (poi arrestato, ndr) ha applaudito, battendo due volte le mani». E lì cosa è successo? «Quattro agenti gli si sono avvicinati. E lui, spaventato, ha iniziato a correre nel parco di fronte, seguito dai poliziotti. Alcuni studenti hanno seguito la scena per accertarsi che i modi fossero leciti. Il ragazzo è però inciampato davanti al muro vicino all’entrata, sul retro del bar Vignetta. Poi è stato placcato dagli agenti armati di manganelli telescopici, e trattenuto a terra. Nel frattempo, c’era chi supplicava di farlo rialzare. Il nostro amico stava sanguinando e sembrava sotto shock. Per tutta risposta, per disperderci hanno spruzzato lo spray al peperoncino e ci hanno intimidito usando i manganelli». Il ragazzo francese, intanto, ci raccontano, riesce a rialzarsi e riprende a correre verso il parcheggio delle bici. «Ma è stato nuovamente placcato e lo hanno portato in macchina». In quel momento arrivano i rinforzi. «Lì è iniziata una discussione animata da entrambe le parti per cercare di capire le ragioni delle aggressioni – ricostruiscono –. Durante queste discussioni due ragazzi sono stati ripetutamente spintonati a terra perché stavano filmando, ed è stato loro sottratto il telefono». Anche fra gli studenti, dicono, in nove hanno riportato evidenti lesioni. In due hanno avuto reazioni allergiche e sono finiti al Pronto soccorso. Mentre non hanno visto agenti all’ospedale. I ragazzi contestano con forza anche di aver lanciato oggetti contro gli agenti. Sul posto, certificano, non c’erano né sassi né bottiglie. E la lettera del rettore? «Affrettata e unidirezionale».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
agenti giovani mendrisio scontro studenti
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved