il-denaro-non-e-infinito-condannati-per-truffe-covid
Ottenuti illecitamente oltre 400mila franchi, in parte già restituiti (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
22 min

Calano i nuovi contagi in Ticino. Ma altri quattro decessi

Nelle ultime 24 ore segnalate 1’004 persone positive. Diminuiscono pure le persone ricoverate in ospedale (-8)
Ticino
1 ora

Procuratori pubblici, non è solo una questione di numeri

‘L’indipendenza è oggi insidiata da quello che qualcuno ha già descritto come il rischio della “socializzazione dei procedimenti”
Mendrisiotto
5 ore

A caccia di Pfos nella falda idrica. Fuori norma? Il Prà Tiro

Tracce dei composti della famiglia delle sostanze perfluoroalchiliche emerse nel 19% dei campioni nel cantone. A Chiasso si continua a investigare
Ticino
5 ore

Scuola, superamento dei livelli: l’emendamento domani in governo

Giorni cruciali per il destino della sperimentazione proposta dal Decs dopo il rapporto sulla consultazione. La politica discute. Il Ppd apre la porta
Locarnese
5 ore

Il (nuovo) Fevi pubblico-privato e l’ente autonomo Eventi

Grandi manovre attorno alla futura struttura, che sarà ricostruita e gestita in rete assieme agli altri spazi per il segmento congressuale (e non solo)
Bellinzonese
12 ore

Antenna 5G nel camping? A Gudo opposizione collettiva e firme

I vicini chiedono alla Città di Bellinzona e al Cantone di evitare lo ‘sfregio’. Intanto le tre compagnie hanno impugnato la variante di Pr con un ricorso
Locarnese
13 ore

Locarno, ‘non vedevo mia figlia da mesi’

Un papà in attesa di un appuntamento a Casa Santa Elisabetta. ‘Tantissime richieste in tutto il cantone. Ci siamo adoperati per migliorare il servizio’
Ticino
14 ore

Eruzione Tonga, il ‘suono’ dell’esplosione anche in Ticino

Non solo i barometri hanno registrato un’oscillazione importante, anche i sensori infrasuoni hanno captato le onde causate dal vulcano
Luganese
14 ore

Barbengo: al voto la nuova palestra delle Medie

Il Gran Consiglio si esprimerà settimana prossima sul prefabbricato che sostituirà quella provvisoria eretta nel 2011, dopo l’incendio doloso del 2010
Ticino
15 ore

Videogiochi, la Global Game Jam torna in Ticino

L’evento è dedicato in particolare a programmatori, illustratori, grafici e musicisti e in generale a tutti gli appassionati
Luganese
15 ore

Medio Vedeggio, ‘nessuna pressione sul personale per il vaccino’

Il direttore della casa anziani Stella Maris risponde alle accuse. ‘Non sono vaccinato ma non sto facendo nulla di illegale’
10.06.2021 - 15:590
Aggiornamento : 18:41

‘Il denaro non è infinito’, condannati per truffe Covid

Pene di 26 e 18 mesi sospesi di detenzione per due amministratori e gerenti di società. Alcune di queste si trovano a Chiasso

«Il denaro non è infinito e se viene erogato a chi non ne ha diritto, si corre il rischio di non potere aiutare chi ne ha veramente bisogno». Sono queste le parole del giudice Amos Pagnamenta a commento della sentenza che ha condannato due uomini di 55 anni, un cittadino italiano domiciliato nel Mendrisiotto e un cittadino svizzero che vive nel Bellinzonese, per ripetuta truffa è ripetuta falsità in documenti. Le truffe messe in atto da entrambi nell’aprile scorso – a cui si aggiungono quelle effettuate dal cittadino italiano tra il marzo e il luglio scorsi – sono legate ai crediti Covid-19 erogati dalla Confederazione. Davanti alla corte delle Assise criminali, i due hanno ammesso i fatti e confermato la volontà di continuare a risarcire le somme. «Fatti ampiamente ammessi – ha aggiunto Pagnamenta – sia in sede di inchiesta che in quella di dibattimento». Riconoscendo una colpa «grave dal profilo soggettivo per aver approfittato delle agevolazioni messe a disposizione delle persone e delle società duramente colpite dalla pandemia e per avere infranto il rapporto con lo Stato», la Corte ha emesso due sentenze di condanna. Al cittadino italiano, arrivato in aula in regime di espiazione anticipata della pena, sono stati inflitti 26 mesi di detenzione, di cui sei da scontare (e il resto sospeso per un periodo di prova di 3 anni), e 7 anni di espulsione dalla Svizzera («non mi oppongo – ha dichiarato in aula –. Mi serve solo qualche giorno per recuperare le mie cose»). Il secondo imputato è invece stato condannato a 18 mesi, sospesi per un periodo di prova di due anni. Accusa (la procuratrice pubblica Chiara Borelli) e difese (gli avvocati Marco Masoni e Demetra Giovanettina) sono arrivate al dibattimento con un accordo, poi confermato dalla Corte.

‘Soldi usati per i debiti’

I due imputati erano rei confessi e, a domanda diretta del giudice, hanno ribadito di «confermare» quanto già dichiarato in sede di inchiesta. Al momento dei fatti entrambi percepivano uno stipendio ed erano amministratori o gestori di diverse società. Perché quindi, ha chiesto il giudice, richiedere questi crediti? «Alcune società hanno voluto incrementare il lavoro, mentre pr altre, di cui ero amministratore, ho fatto la richiesta», ha spiegato il 55enne italiano. «I soldi sono stati trovati sui conti delle società o sono stati utilizzati per pagare i debiti». L'imputato ha specificato che «non ci sono stati pagamenti esterni ai debiti». Sollecitato con la stessa domanda dal presidente della Corte, il secondo imputato ha invece dichiarato che per alcuni casi «la spinta è arrivata dai titolari, mentre per altri tre casi mi sono accordato con il mio co-imputato».

Numeri alla mano

Le truffe, come detto, sono state commesse sia in correità che singolarmente. Nell'atto d'accusa viene spiegato che i due hanno agito in tre occasioni in coppia a Neuenhof, nel Canton Argovia, ottenendo 82mila franchi a favore di tre società. Il tutto “indicando nei relativi moduli ‘Credito Covid-19’ una cifra d'affari inesistente o ancora un netto stipendi inveritiero, attestando con la forma, contrariamente al vero, che le informazioni contenute nei moduli presentati fossero complete e veritiere”. Il tutto sapendo che l'istituto bancario, “proprio per la natura insita nella creazione di detto strumento, ovvero l'erogazione di liquidità rapidamente accessibile, non avrebbe proceduto agli usuali controlli”. In qualità di amministratore unico o socio gerente, il 55enne domiciliato nel Mendrisiotto ha ottenuto altri 253'400 franchi a favore di altre 9 società con sede a Chiasso e a Zurigo. Anche il cittadino svizzero ha agito in due occasioni da solo, ottenendo 89mila franchi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved