Venezia
0
Torino
0
1. tempo
(0-0)
LECHEMIA E./LOHOFF J.
GOLUBIC V./TEICHMANN J.
21:00
 
mendrisio-serve-piu-dialogo-fra-municipio-e-legislativo
In trasferta all'Accademia (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Viganello, duemila persone alla festa nel Campus Est

Un successo la manifestazione popolare voluta da tre Commissioni di quartiere con la collaborazione di Usi e Supsi
Bellinzonese
2 ore

Incontro con i 18enni e 19enni di Airolo

Le autorità comunali hanno incontrato i maggiorenni del Comune negli stabilimenti della ditta Tenconi Sa
Mendrisiotto
2 ore

L’Istituto di microbiologia della Supsi fa base a Mendrisio

Centro di competenze con 60 anni di storia, oggi indaga il territorio e diventa un punto di riferimento per i giovani ricercatori
Ticino
2 ore

Suter affiliato all’Udc: ‘Faccio politica associativa’

A livello svizzero si registra un calo del fatturato del 20 per cento per i ristoranti dall’introduzione dell’obbligo del Covid pass
Bellinzonese
2 ore

La filarmonica di Gorduno celebra i 100 anni con un libro

Il volume scritto da Pasquale Genasci ripercorre la storia della società tenendo conto anche dei cambiamenti politici, economici e sociali del paese
Luganese
3 ore

L’agente di Malcantone ovest richiede l’assoluzione

Il poliziotto, accusato di favoreggiamento e ripetuta infrazione alle norme della circolazione, è tornato in aula davanti alla Corte di appello
Luganese
3 ore

Lugano, il 5,6% dei veicoli supera i limiti presso le scuole

Malgrado le 404 multe, la Polizia della Città traccia un bilancio soddisfacente dell’operazione ‘Bimbi sicuri’, centrata anche sulla prevenzione
Bellinzonese
3 ore

Iragna, porte aperte al bunker militare di Mairano

Sabato 2 ottobre, dalle 11 alle 16, sarà possibile visitare l’opera fortificata situata sulla Via della Pietra
Ticino
3 ore

Il Ps: ‘Nei media le donne sono sottorappresentate’

Lettera aperta dei socialisti che denunciano: ‘Nella Svizzera italiana solo il 21,5% delle persone menzionate sono donne. Serve un cambio di paradigma’
Locarnese
3 ore

Al via il mese della castagna in Verzasca

Eventi legati all’albero e al frutto che nel passato garantivano il sostentamento della popolazione
Mendrisiotto
08.06.2021 - 16:010
Aggiornamento : 09.06.2021 - 18:07

Mendrisio, serve più dialogo fra Municipio e legislativo

Si fa strada la proposta di mettere in calendario un maggior numero di sedute di Consiglio comunale. Tutto a vantaggio degli atti parlamentari

All'interno delle istituzioni di Mendrisio si avverte il bisogno di un maggior dialogo fra esecutivo e legislativo. A porre la questione, il febbraio scorso, erano stati due consiglieri comunali, Andrea StephaniBenjiamin Albertalli. Ma oggi a seguirli, nel principio, sono anche la Commissione delle petizioni e lo stesso Municipio. Il discrimine è sugli strumenti su cui far leva. E qui né i commissari, né la compagine municipale concordano con la richiesta ancorata alla mozione, sulla quale, nei giorni scorsi, l'autorità comunale ha depositato il suo rapporto. Insomma, l'idea di ribaltare, di prassi, l'ordine del giorno delle sedute di Consiglio comunale, portando al primo punto l'esame di mozioni e interpellanze, non ha fatto breccia e segnato così la bocciatura dell'atto parlamentare. Il seme, però, è rimasto.

Esistono delle 'problematiche'

Se è vero che il suggerimento dei due consiglieri non ha trovato udienza, è altresì evidente che i temi sollevati "sono confermati e riscontrati", come rilevano le Petizioni nella loro relazione firmata da Daniela Carrara. Commissione che ha valutato la mozione di "grande interesse". Del resto, esistono delle "problematiche", osservano i commissari. In particolare, rendono attenti, le sedute hanno una "durata elevata", si verificano "troppi interventi (ripetitivi) da parte dei consiglieri comunali dello stesso partito politico", e la conseguenza è la "mancanza di tempo e di discussione" per gli atti parlamentari. Un limite, quest'ultimo, lamentato da Stephani e Albertalli, decisi, appunto, a sollecitare un riconoscimento dell’"importanza delle proposte formulate dal legislativo e delle risposte ai quesiti di interesse pubblico che sono sottoposti al Municipio".

Due 'semplici accorgimenti'

Ecco che per trovare una via d'uscita la Commissione individua delle soluzioni convincenti anche per l'esecutivo e che non comportano una modifica del Regolamento comunale. Bastano, si assicura, dei "semplici accorgimenti" da attuare in due mosse. La prima prevede di "stilare un calendario a inizio anno con più date di Consiglio comunale", come già viene previsto da altri Comuni, come Lugano. Evitando, si richiama, i periodi estivi o festivi dove le famiglie sono in vacanza, al fine di facilitare la presenza. D'altro canto, sottolineano ancora i commissari, i legislativi "se svolti qualche volta in più, sarebbero più fluidi e snelli e ci sarebbe più tempo per discutere le mozioni e interrogazioni - come da regolamento, ndr -, anche se a fine serata". In più, "i consiglieri comunali sarebbero più gratificati, un sano confronto e un maggior dialogo tra esecutivo e legislativo è importante". La seconda opzione, poi, invita "i partiti politici a scegliere un portavoce per argomentare un messaggio (se condiviso); si eviterebbe di ripetersi e perdere tempo prezioso".

Il Municipio si impegna a programmare le sedute

Il Municipio, dal canto suo, è pronto a sposare questa linea, come si ribadisce nel rapporto. Infatti, si impegna da subito, in accordo con il (o la) presidente, a "stilare un programma delle sedute, evitando di proporre i periodi estivi e delle vacanze scolastiche. È giusto sottolineare - chiarisce ancora - che ci sono dei motivi contingenti che possono costringere a derogare quanto prospettato. Sempre con il/la presidente si potranno valutare un numero adeguato di date in funzione della mole dei lavori parlamentari".

Diverso il discorso sullo svolgimento della discussione. Su questo punto la compagine municipale lascia al legislativo affrontare questo argomento. La parola passa, quindi, al dibattito consiliare.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved