uomo-accusato-di-un-traffico-di-152-chili-di-cocaina
L'accusa parla di trasporti di ingenti quantitativi di coca (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
5 ore

Parroco rimosso, tra ‘bicchieri di troppo’ e palpeggiamenti

Emergono nuovi dettagli sul fermo di sabato al sacerdote del Mendrisiotto. Quello della discoteca non l’unico caso sopra le righe
Locarnese
5 ore

Finisce in rissa la festa dei liceali al Bagno pubblico

Sabato sera amaro in via Respini a Locarno, a causa di poche teste calde che hanno scatenato la violenza. Un ragazzo ferito al volto
Luganese
10 ore

Lugano, piazza Riforma celebra i suoi campioni

Serata di festa sfrenata a Lugano in piazza Riforma. La Città ha concesso una serata di notte libera. Guarda le foto.
Luganese
10 ore

Accoltellamento in piazza Dante, autore in fuga

Le informazioni sono ancora frammentarie, ma un uomo avrebbe aggredito un giovane con un taglierino. Polizia e ambulanza sono sul posto.
Mendrisiotto
11 ore

Morbio Superiore: si rovescia col trattore, arriva la Rega

L’uomo non ha riportato ferite che ne mettono in pericolo la vita. Da stabilire la dinamica dell’incidente.
Ticino
12 ore

Vitta: Preventivo 2023 primo step, disavanzo massimo 80 milioni

Il direttore del Dfe: il pareggio nel 2025 è già un obiettivo del governo. Il voto di oggi responsabilizza non solo l’Esecutivo, ma anche il parlamento
Bellinzonese
15 ore

A Bellinzona tornano i Beatles Days

Da giovedì 19 a sabato 21 maggio in Piazza del Sole si terrà la ventesima edizione della manifestazione musicale
Bellinzonese
15 ore

Patriziato di Daro, il consuntivo 2021 si è chiuso in attivo

Conti positivi grazie alla squadra che si è occupata dei primi interventi sui Monti di Daro e alla collaborazione del Comune di Bellinzona e dei pompieri
Ticino
15 ore

Pamini: si è capito che i conti pubblici devono tornare

Il sì al decreto. Il deputato Udc: ora c’è un chiaro indirizzo politico. Ghisletta (Ps): pronti a dare battaglia
26.05.2021 - 12:21

Uomo accusato di un traffico di 152 chili di cocaina

Chiesti 15 anni di prigione per il 35enne fermato con 17 panetti di droga nell'aprile 2019 a San Pietro di Stabio dalle Guardie di Confine

Quindici anni di reclusione e l'espulsione dalla Svizzera per dieci. È la pena che merita l'uomo di 35 anni, albanese, residente nel nord Italia, accusato di aver trasportato oltre 152 chilogrammi di cocaina in nove viaggi effettuati da e verso il nord Europa. Ne è sicura la procuratrice pubblica Marisa Alfier, secondo la quale «siamo di fronte a un valzer delle bugie e una serie di frottole che ha raccontato l'imputato nei verbali e oggi in aula penale». Il debito che sarebbe all'origine di questi traffici, stando alle versioni dell'uomo, nasce a Tirana «in un luogo definito un bar, poi un casinò e infine un casinò bar», ha continuato Alfier. L'uomo non è credibile, non ha mai collaborato durante l'inchiesta e non è affidabile perché dice di non essersi presentato mai per restituire quei 220'000 euro. L'accusa, che non si è 'bevuta' le dichiarazioni dell'imputato, evoca anche l'episodio legato al noleggio della vettura che gli sarebbe servita per cercare in Europa materiale per il fratello. L'auto, però, è quella che ha i ricettacoli per nascondere la droga. Ed è la stessa del giorno dell'arresto, effettuato dopo un controllo da parte delle Guardie di confine al valico di San Pietro di Stato il 23 aprile 2019. Purtroppo, non è stato possibile risalire agli altri correi dell'imputato, ha osservato la pp, secondo cui così tanta cocaina con un elevato grado di purezza (tra l'88 e l'89%) nessuno la darebbe in mano a una persona inaffidabile. L'accusa presume che l'uomo abbia effettuato nove viaggi trasportando in totale un quantitativo di 152 chili di droga.

Versioni contraddittorie e non convincenti

Sono dichiarazioni poco convincenti e in palese contraddizione con le versioni rilasciate nei verbali di interrogatorio, quelle che ha fornito l'imputato. Alle domande di Amos Pagnamenta, presidente della Corte delle Assise Criminali di Mendrisio riunite a Lugano, l'uomo non ha saputo fare chiarezza né dirimere resoconti contrastanti. L'imputato sostiene di non sapere cosa stava trasportando e di averlo scoperto solo il giorno dell'arresto. Il 35enne ha tentato di difendersi ribadendo in aula che non ha mai fatto parte di alcuna banda. Dice di essere stato costretto fare numerosi trasporti sotto minaccia per rimborsare il debito di 220'000 euro accumulati nei confronti di connazionali che gli hanno chiesto tassi d'interesse del 30% per la restituzione. Sostiene di essere stato picchiato due volte dai creditori. Dice che il debito è cominciato a Tirana dove si era recato nel settembre 2017 per il funerale di un suo zio. Dopo il rito funebre, è andato in un bar (o casinò) a bere e lì ha cominciato a giocare alle Slots Machines perdendo tutto. In seguito, sostiene di essere stato avvicinato da un uomo che gli prestato dei soldi per continuare a giocare e tentare di recuperare la perdita, ma ha fallito perdendo tutto. Così, continua, ha cominciato ad accumulare debiti perché l'uomo gli ha chiesto il 30% di tasso d'interesse per ogni settimana di ritardo nella restituzione del denaro. In carcere dal 23 aprile 2019 al 24 luglio 2019 e da allora in esecuzione anticipata della pena, l'imputato è difeso dall'avvocato Stefano Ferrari che pronuncerà l'arringa nel pomeriggio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
152 chili 35enne chiesti 15 anni cocaina marisa alfier processo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved