ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
28 min

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
4 ore

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
4 ore

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
12 ore

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
12 ore

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
13 ore

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
13 ore

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
13 ore

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
21.05.2021 - 16:19
Aggiornamento: 18:27

Antenne 'a cascata' a Chiasso, ricorso sulla variante di Pr

Le compagnie telefoniche si sono apposte al modello scelto dal Municipio e approvato dal Consiglio comunale. Si attende la decisione del Consiglio di Stato

antenne-a-cascata-a-chiasso-ricorso-sulla-variante-di-pr
Un'antenna 5G a Bissone (archivio Ti-Press)

Il disciplinamento delle antenne per la telefonia mobile deciso dal Consiglio comunale di Chiasso, che ha approvato la variante di Piano regolatore (Pr) presentata dal Municipio, non piace alle compagnie telefoniche. Sollecitato da un'interrogazione di Patricia Wasser e Davide De Donatis (Ppd), il Municipio spiega infatti che “gli operatori di telefonia hanno avversato tale indirizzo e ne è nato un contenzioso in atto”. Sul ricorso si esprimerà il Consiglio di Stato, nell'ambito dell'approvazione della variante di Pr. A essere contestato è in particolare il modello a cascata scelto dal Comune. Lo stesso, come spiegato nel messaggio municipale e ribadito nella risposta all'interrogazione, ha l'obiettivo di “tutelare dalle immissioni immateriali generate dalle antenne per la telefonia mobile le persone particolarmente sensibili (specialmente bambini e anziani), inserendo le strutture pubbliche e private deputate ad accogliere queste persone (in primis case anziani, asili e scuole) nella fascia gerarchicamente più bassa (la quarta) e istituendo un raggio di 150 metri attorno ai quali non è possibile installare impianti di telefonia mobile”. La citata variante di Pr riguarda anche il concetto di molestia di natura materiale e immateriale.

Moratoria ‘non comunale’

Nella loro interrogazione, i consiglieri comunali chiedevano l'istituzione di una moratoria sull'installazione di nuove antenne di telefonia mobile nella cittadina di confine. L'esecutivo ricorda che “l'eventuale istituzione di una moratoria suffragata da motivazione d'ordine ambientale e sanitario esula dalle competenze comunali, a cui spetta nella fattispecie unicamente l'applicazione del diritto edilizio e di pianificazione territoriale, e arrischia inoltre di essere giudicata contraria agli interessi pubblici sanciti dalla legislazione in materia di telecomunicazione”. Quanto di competenza di un esecutivo comunale è “unicamente la facoltà di adottare misure di salvaguardia, quali una decisione sospensive dell'autorizzazione edilizia e il blocco edilizio, nel caso in cui la singola domanda di costruzione appaia in contrasto con la variante votata dal Consiglio comunale”. Vi sono inoltre aspetti connessi alla posa delle antenne che esulano dal diritto ambientale. “Ci riferiamo – conclude il Municipio – a tutti gli aspetti codificati nella variante di Pr attualmente all'esame del Consiglio di Stato e attinenti al diritto pianificatorio ed edilizio comunale, di competenza appunto comunale, quali per esempio l'ubicazione delle antenne, la dimensione delle stesse, l'eventuale divieto di posa su edifici protetti».

Leggi anche:

Chiasso ridefinisce le zone del piacere

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved