antenne-a-cascata-a-chiasso-ricorso-sulla-variante-di-pr
Un'antenna 5G a Bissone (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Conti 2020 di Bellinzona, tante critiche ma passa il ‘sì’

Disavanzo di 7 milioni: senza l’adesione di Verdi/Mps/Fa e Pc, il Legislativo ha votato il consuntivo in rosso
Mendrisiotto
1 ora

Villa Argentina, adesso Mendrisio ha un parco tutto suo

Il Consiglio comunale vista gli 8 milioni che daranno modo di avverare un sogno che i cittadini cullano dal 2009
Bellinzonese
3 ore

Ristrutturazione Liceo, ‘rischia di essere un inferno’

Il comitato studentesco critica la prevista sistemazione della sede scolastica di Bellinzona e invita il Gran Consiglio a una rivalutazione del progetto
Bellinzonese
3 ore

Il Cc di Bellinzona fa il gambero: torna l’alzata di mano

Problemi al nuovo sistema di voto elettronico. Il ricorso al Tf sul servizio della Rsi è di competenza municipale
Luganese
4 ore

Vettura in autocombustione a Rivera: nessun ferito

Intervento dei pompieri di Monteceneri a causa di un’auto andata in fiamme nei pressi di una stazione di benzina. Transennata l’area.
Bellinzonese
4 ore

Sostegno alla nuova Valascia, Bedretto comincia con due tessere

Unico Comune medio e alto leventinese a non avere concesso un credito a sostegno dello stadio, intende implementare altre modalità cammin facendo
Ticino
5 ore

Verso il sì al Consuntivo ’20, ma la politica è già nel futuro

Il Gran Consiglio discute i conti del 2020, con un deficit di 165 milioni. Domani il voto. Vitta: ‘Serve impegno attivo dai partiti, non si scappa’
Locarnese
6 ore

Giallo alla ‘Palma’, il buco clamoroso dell’ora del decesso

Nella prima giornata di processo al 32enne accusato della morte della 22enne inglese, il “j’accuse” del giudice sul lavoro del medico legale
Mendrisiotto
21.05.2021 - 16:190
Aggiornamento : 18:27

Antenne 'a cascata' a Chiasso, ricorso sulla variante di Pr

Le compagnie telefoniche si sono apposte al modello scelto dal Municipio e approvato dal Consiglio comunale. Si attende la decisione del Consiglio di Stato

Il disciplinamento delle antenne per la telefonia mobile deciso dal Consiglio comunale di Chiasso, che ha approvato la variante di Piano regolatore (Pr) presentata dal Municipio, non piace alle compagnie telefoniche. Sollecitato da un'interrogazione di Patricia Wasser e Davide De Donatis (Ppd), il Municipio spiega infatti che “gli operatori di telefonia hanno avversato tale indirizzo e ne è nato un contenzioso in atto”. Sul ricorso si esprimerà il Consiglio di Stato, nell'ambito dell'approvazione della variante di Pr. A essere contestato è in particolare il modello a cascata scelto dal Comune. Lo stesso, come spiegato nel messaggio municipale e ribadito nella risposta all'interrogazione, ha l'obiettivo di “tutelare dalle immissioni immateriali generate dalle antenne per la telefonia mobile le persone particolarmente sensibili (specialmente bambini e anziani), inserendo le strutture pubbliche e private deputate ad accogliere queste persone (in primis case anziani, asili e scuole) nella fascia gerarchicamente più bassa (la quarta) e istituendo un raggio di 150 metri attorno ai quali non è possibile installare impianti di telefonia mobile”. La citata variante di Pr riguarda anche il concetto di molestia di natura materiale e immateriale.

Moratoria ‘non comunale’

Nella loro interrogazione, i consiglieri comunali chiedevano l'istituzione di una moratoria sull'installazione di nuove antenne di telefonia mobile nella cittadina di confine. L'esecutivo ricorda che “l'eventuale istituzione di una moratoria suffragata da motivazione d'ordine ambientale e sanitario esula dalle competenze comunali, a cui spetta nella fattispecie unicamente l'applicazione del diritto edilizio e di pianificazione territoriale, e arrischia inoltre di essere giudicata contraria agli interessi pubblici sanciti dalla legislazione in materia di telecomunicazione”. Quanto di competenza di un esecutivo comunale è “unicamente la facoltà di adottare misure di salvaguardia, quali una decisione sospensive dell'autorizzazione edilizia e il blocco edilizio, nel caso in cui la singola domanda di costruzione appaia in contrasto con la variante votata dal Consiglio comunale”. Vi sono inoltre aspetti connessi alla posa delle antenne che esulano dal diritto ambientale. “Ci riferiamo – conclude il Municipio – a tutti gli aspetti codificati nella variante di Pr attualmente all'esame del Consiglio di Stato e attinenti al diritto pianificatorio ed edilizio comunale, di competenza appunto comunale, quali per esempio l'ubicazione delle antenne, la dimensione delle stesse, l'eventuale divieto di posa su edifici protetti».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved