chiasso-dai-bambini-coccinelle-di-felicita-per-gli-anziani
La 1A delle scuole elementari di Chiasso mentre libera le coccinelle (Ti-Press/Benedetto Galli)
+2
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
7 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
9 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
13 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
15 ore

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
16 ore

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
17 ore

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
1 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
1 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
1 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
21.05.2021 - 17:42
Aggiornamento: 18:11

Chiasso, dai bambini coccinelle di felicità per gli anziani

La 1A delle scuole elementari ha assistito alla schiuda di 9 uova. I piccoli insetti sono stati liberati nel roseto del giardino della casa anziani

«Ciao coccinelle!». È un saluto in coro che sa di arrivederci quello riservato dai bambini della 1A delle scuole elementari di Chiasso ai nove piccoli insetti che hanno letteralmente visto nascere e svilupparsi nella loro aula scolastica. Il progetto di classe portato avanti dalla maestra Marta Ravasi e dai suoi 15 allievi si è concluso questa mattina nel giardino della Casa anziani Giardino di Chiasso, dove le coccinelle sono state liberate sul roseto della struttura. Un progetto che i bambini porteranno sicuramente nel cuore per molto tempo. «In questo periodo gli anziani sono un po' tristi perché c'è il Covid – ci ha raccontato un'alunna –. Siamo venuti qui perché volevamo far felici gli anziani e portare loro fortuna e felicità». La coccinella, del resto, è da sempre considerata portatrice di fortuna. La presenza dei bambini non è passata inosservata: alcuni ospiti di Casa Soave hanno assistito all'arrivo della classe e ha salutato, a distanza dalla vetrata della struttura, i piccoli visitatori che, a loro volta, non si sono risparmiati in sorrisi e saluti. 

Un progetto lungo 21 giorni

Prima di liberare le coccinelle, i bambini ci hanno voluto spiegare cosa è successo nelle ultime settimane. Le uova «gialle» di coccinella sono state messe a disposizione da un allevamento. «Quando si sono schiuse, le larve hanno mangiato le uova», prosegue il racconto, fatto a più voci e con rigorosa alzata di mano per rispondere alle domande sia nostre che della maestra Marta. Le larve sono diventate «delle pupe di colore arancione-violaceo-nero e marroncino». Si è poi passati all'esoscheletro, «una specie di pelle della coccinella, un guscio esterno», che ha fatto la muta «come i serpenti». I bambini hanno potuto osservare «tre diversi cambiamenti di esoscheletro». Il tutto si è svolto «in circa 21 giorni». E i puntini caratteristici dell'insetto? «Non sono già presenti alla nascita, si formano dopo», ci dicono. Quelle allevate dai bambini hanno due puntini. «La tradizione indica che le più fortunate sono quelle con sette puntini, ma per la nostra classe sono tutte fortunate», sottolinea Marta Ravasi. Nel mondo sono state catalogate seimila tipologie diverse di coccinelle. 

‘Amiche’ dei giardinieri

Le coccinelle si nutrono «di afidi», ovvero i parassiti delle piante, «che si trovano sulle piante da giardino e nello specifico sulle rose». Da qui la scelta, «arrivata dai bambini», assicura la maestra, della casa anziani. «Abbiamo cercato delle rose e abbiamo visto questo giardino bellissimo». Un luogo perfetto, sia per il loro nutrimento che per il messaggio da lanciare. La classe è arrivata nel giardino che divide le due case anziani con una piccola scatoletta trasparente con a suo interno una rosa e le nove coccinelle nate, posizionate a una a una, con l'aiuto di un pennello, nel roseto. «I giardinieri sono amici delle coccinelle – hanno tenuto a spiegarci i bambini –. Gli afidi fanno male alle piante e anche alle rose». Visto che la coccinella mangia gli afidi, «aiuta il giardiniere». In assenza del suo cibo, l'insetto si sposta e vola alla ricerca di pollini. «Per questo quando mangia gli afidi è carnivora, ma se mangia i pollini è erbivora». Il progetto, non c'è che dire, ha ottenuto il successo sperato. I bambini hanno dimostrato di saperne molto su questi piccoli insetti e anche la loro giovane maestra non ha escluso di voler ripetere l'esercizio, magari con altre tipologie di insetti o animali, anche nei prossimi anni.

‘Una parvenza di normalità’

Fabio Maestrini, direttore degli Istituti sociali di Chiasso, ha accolto con molto piacere l'iniziativa degli allievi. «Dopo un anno e mezzo di emergenza sanitaria, un gesto come questo porta ad avere una parvenza di normalità – afferma –. C'è stato anche un aspetto educativo per i bambini perché le rose che hanno scelto per liberare le coccinelle si trovano nel giardino della casa anziani, ancora inaccessibile al pubblico, e per questo abbiamo fornito una mascherina e spiegato loro l'importanza di utilizzare i mezzi di protezione». La maestra ha invece ricordato loro di «mantenere le distanze» dagli ospiti della struttura. Un esempio di intergenerazionalità perfettamente riuscito e un importante messaggio di vicinanza, in attesa di potersi incontrare nuovamente. 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
anziani bambini casa anziani chiasso coccinelle progetto rose
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved