chiasso-dai-bambini-coccinelle-di-felicita-per-gli-anziani
La 1A delle scuole elementari di Chiasso mentre libera le coccinelle (Ti-Press/Benedetto Galli)
+2
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Un concerto a Besso per i 50 anni del Telefono Amico

Il Coro Clairière del Conservatorio della Svizzera italiana per solisti, coro, clarinetto, violoncello, contrabbasso e pianoforte
Luganese
1 ora

Torna in aula l’ex direttore delle Autolinee luganesi

Il tribunale di secondo grado ha fissato per lunedì 8 novembre a Locarno, con inizio alle 9.30, la seduta di Appello
Mendrisiotto
1 ora

Sparò e uccise l’amico cacciatore, chiesti 12 mesi sospesi

I fatti risalgono al settembre 2019 durante una battuta di caccia al cinghiale in zona Penz a Chiasso. ‘Commessa un’incredibile leggerezza’
Bellinzonese
1 ora

Processo bis per l’artefice dei botti di Bellinzona

Condannato in primo grado a tre anni e mezzo di carcere, il 22enne ha impugnato la sentenza e tornerà in aula il 18 novembre davanti alla Corte di appello
Ticino
2 ore

Un primo bilancio per l’educazione civica a scuola

Il rapporto del Governo a due anni dal primo biennio di applicazione delle modifiche di legge sull’educazione civica, alla cittadinanza e alla democrazia
Bellinzonese
2 ore

A2 a Bellinzona, l’Unità di sinistra insiste sui pannelli solari

In un interrogazione si torna sul tema dopo che il Consiglio federale ha indicato di sfruttare il potenziale di elettricità lungo autostrade e ferrovia
Mendrisiotto
2 ore

Il Monte Morello a Novazzano e la sua valorizzazione

Un credito di 920mila franchi per un progetto volto a migliorare la fruibilità del bosco di svago e le infrastrutture dedicate alle attività
Mendrisiotto
2 ore

Novazzano e un Preventivo 2022 dettato dalla prudenza

L’utile preventivato risulta di 129mila franchi, determinato da spese correnti per oltre 10 milioni e ricavi per circa 3 milioni e 700mila franchi
Mendrisiotto
3 ore

Mercato dell’usato, antiquariato e artigianato a Chiasso

Avrà luogo sabato 30 ottobre sul corso San Gottardo a Chiasso (zona piazza Indipendenza) con orario dalle 9 alle 18
Luganese
3 ore

L’Istituto di medicina di famiglia si presenta

Incontro aperto al pubblico all’Usi di Lugano per lanciare il progetto in seno alla Facoltà di scienze biomediche
Mendrisiotto
3 ore

Festa della battitura delle castagne alla graa di Cabbio

 L’essiccazione è iniziata a metà ottobre, e da allora il fuoco è acceso e curato senza interruzione dall’Associazioni degli amici
Ticino
4 ore

In Ticino 25 contagi, invariata la situazione ospedaliera

Restano negli ospedali del Cantone 8 pazienti Covid di cui 2 in cure intense. I vaccinati raggiungo il 66,9% della popolazione
Mendrisiotto
4 ore

Dal romanzo al poema, doppio appuntamento a Vacallo

Due serate in compagnia dello scrittore Domenico Dara e dell’attore Antonio Zanoletti, parlando di inverno e di Dante Alighieri
Mendrisiotto
21.05.2021 - 17:420
Aggiornamento : 18:11

Chiasso, dai bambini coccinelle di felicità per gli anziani

La 1A delle scuole elementari ha assistito alla schiuda di 9 uova. I piccoli insetti sono stati liberati nel roseto del giardino della casa anziani

«Ciao coccinelle!». È un saluto in coro che sa di arrivederci quello riservato dai bambini della 1A delle scuole elementari di Chiasso ai nove piccoli insetti che hanno letteralmente visto nascere e svilupparsi nella loro aula scolastica. Il progetto di classe portato avanti dalla maestra Marta Ravasi e dai suoi 15 allievi si è concluso questa mattina nel giardino della Casa anziani Giardino di Chiasso, dove le coccinelle sono state liberate sul roseto della struttura. Un progetto che i bambini porteranno sicuramente nel cuore per molto tempo. «In questo periodo gli anziani sono un po' tristi perché c'è il Covid – ci ha raccontato un'alunna –. Siamo venuti qui perché volevamo far felici gli anziani e portare loro fortuna e felicità». La coccinella, del resto, è da sempre considerata portatrice di fortuna. La presenza dei bambini non è passata inosservata: alcuni ospiti di Casa Soave hanno assistito all'arrivo della classe e ha salutato, a distanza dalla vetrata della struttura, i piccoli visitatori che, a loro volta, non si sono risparmiati in sorrisi e saluti. 

Un progetto lungo 21 giorni

Prima di liberare le coccinelle, i bambini ci hanno voluto spiegare cosa è successo nelle ultime settimane. Le uova «gialle» di coccinella sono state messe a disposizione da un allevamento. «Quando si sono schiuse, le larve hanno mangiato le uova», prosegue il racconto, fatto a più voci e con rigorosa alzata di mano per rispondere alle domande sia nostre che della maestra Marta. Le larve sono diventate «delle pupe di colore arancione-violaceo-nero e marroncino». Si è poi passati all'esoscheletro, «una specie di pelle della coccinella, un guscio esterno», che ha fatto la muta «come i serpenti». I bambini hanno potuto osservare «tre diversi cambiamenti di esoscheletro». Il tutto si è svolto «in circa 21 giorni». E i puntini caratteristici dell'insetto? «Non sono già presenti alla nascita, si formano dopo», ci dicono. Quelle allevate dai bambini hanno due puntini. «La tradizione indica che le più fortunate sono quelle con sette puntini, ma per la nostra classe sono tutte fortunate», sottolinea Marta Ravasi. Nel mondo sono state catalogate seimila tipologie diverse di coccinelle. 

‘Amiche’ dei giardinieri

Le coccinelle si nutrono «di afidi», ovvero i parassiti delle piante, «che si trovano sulle piante da giardino e nello specifico sulle rose». Da qui la scelta, «arrivata dai bambini», assicura la maestra, della casa anziani. «Abbiamo cercato delle rose e abbiamo visto questo giardino bellissimo». Un luogo perfetto, sia per il loro nutrimento che per il messaggio da lanciare. La classe è arrivata nel giardino che divide le due case anziani con una piccola scatoletta trasparente con a suo interno una rosa e le nove coccinelle nate, posizionate a una a una, con l'aiuto di un pennello, nel roseto. «I giardinieri sono amici delle coccinelle – hanno tenuto a spiegarci i bambini –. Gli afidi fanno male alle piante e anche alle rose». Visto che la coccinella mangia gli afidi, «aiuta il giardiniere». In assenza del suo cibo, l'insetto si sposta e vola alla ricerca di pollini. «Per questo quando mangia gli afidi è carnivora, ma se mangia i pollini è erbivora». Il progetto, non c'è che dire, ha ottenuto il successo sperato. I bambini hanno dimostrato di saperne molto su questi piccoli insetti e anche la loro giovane maestra non ha escluso di voler ripetere l'esercizio, magari con altre tipologie di insetti o animali, anche nei prossimi anni.

‘Una parvenza di normalità’

Fabio Maestrini, direttore degli Istituti sociali di Chiasso, ha accolto con molto piacere l'iniziativa degli allievi. «Dopo un anno e mezzo di emergenza sanitaria, un gesto come questo porta ad avere una parvenza di normalità – afferma –. C'è stato anche un aspetto educativo per i bambini perché le rose che hanno scelto per liberare le coccinelle si trovano nel giardino della casa anziani, ancora inaccessibile al pubblico, e per questo abbiamo fornito una mascherina e spiegato loro l'importanza di utilizzare i mezzi di protezione». La maestra ha invece ricordato loro di «mantenere le distanze» dagli ospiti della struttura. Un esempio di intergenerazionalità perfettamente riuscito e un importante messaggio di vicinanza, in attesa di potersi incontrare nuovamente. 

Guarda tutte le 6 immagini
© Regiopress, All rights reserved