a-chiasso-ci-si-vota-al-teleriscaldamento
Dal tetto di casa Giardino al quartiere (Ti-Press/F. Agosta)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Mendrisiotto
31 min

Novazzano, vitello cade in una valletta. Lo recupera la Spab

Salvato con un elicottero, il giovane bovino è tornato a casa sano e salvo. E si è guadagnato il nome di Icaro
Ticino
44 min

Sirica: il Plr ha pagato una sua certa arroganza

'Opportuno il ballottaggio a Bellinzona e la nostra è stata una campagna corretta', ribatte il presidente dei liberali radicali Speziali all'omologo socialista
Ticino
53 min

'Imponimento': 147 persone rinviate a giudizio

'Ndrangheta, le richieste dei pm antimafia di Catanzaro in relazione all'inchiesta dai risvolti svizzeri
Luganese
57 min

Monte Ceneri, tiro obbligatorio

La società del Vedeggio organizza gratuitamente mercoledì al poligono militare
Mendrisiotto
1 ora

A Novazzano il 21 maggio si sciopera per il futuro

Anche nel Distretto si aderisce alla manifestazione indetta a livello nazionale per il clima
Luganese
2 ore

Insediato il nuovo Municipio di Lamone

A guidarlo è nuovamente il sindaco Marco Balerna, mentre il vicesindaco è Daniele Franzoni
Mendrisiotto
3 ore

Otto 'testimonial' per i cinque musei d'arte del Distretto

La Rete MAM aderisce a una campagna che racconta di legami d'affetto e con il territorio attraverso la voce di personalità della cultura
Locarnese
3 ore

Locarno, le e-bike vanno per la maggiore

Quasi esaurito il credito che la Città mette a disposizione dei cittadini per l'acquisto di biciclette elettriche
Mendrisiotto
4 ore

Genestrerio, si parte con il progetto stradale sulla zona 30

In pubblicazione il dossier che limita la velocità su tre vie interne e sistema il marciapiede. Obiettivo: più sicurezza e tranquillità
Locarnese
4 ore

Renata Casetta, protagonista dell'Ascona ‘da bere’

Personaggio conosciutissimo in tutto il Locarnese (anche per aver gestito il bar del Teatro Dimitri) è morta a 85 anni
Grigioni
4 ore

Scontro sulla cantonale a Roveredo: un ferito leggero

Subaru finisce rovesciata sul fianco. Per estrarre il conducente dall'abitacolo si è reso necessario l'intervento dei pompieri
Bellinzonese
6 ore

Bellinzona senza partita, Branda confermato sindaco col 60%

Con 9'169 voti contro i 6'024 dello sfidante Gianini, il socialista si aggiudica lo scranno per la terza volta consecutiva: ‘Risultato oltre le aspettative’
Ticino
LIVE

Spoglio concluso, le reazioni - Segui il live de La Regione

Concluso lo spoglio per i ballottaggi. A Bellinzona e Riviera confermati Branda e Pellanda, ribaltone a Lumino. A Vezia si impone Piva, Catarin a Losone
Luganese
6 ore

Novaggio conferma Andrea Pozzi sindaco

All'elezione, lo sfidante Piergiorgio Morandi ottiene 191 voti, il sindaco di quindicina (Spazio libero - per ambiente e socialità) 38 in più
Locarnese
6 ore

Piano direttore: discarica Quartino, faggeta Lodano e altri

Le modifiche decise dal Consiglio di Stato saranno in pubblicazione dal 17 maggio
Ticino
6 ore

Santa Chiara alla Moncucco, 'a sfavore della popolazione'

La dirigenza socialista esprime preoccupazione per l'acquisizione temendo 'un'inutile concorrenza che avvelana il settore'
Mendrisiotto
04.05.2021 - 20:480

A Chiasso ci si vota al teleriscaldamento

Stretta un'alleanza pubblico-privato, si investe su una alternativa energetica efficiente. Obiettivo: ridurre le emissioni di CO2

A prima vista la missione appare se non impossibile, di sicuro impegnativa. Nella cittadina di confine, però, si sono messi in testa un duplice obiettivo: aumentare l'efficienza energetica e ridurre il carico ambientale di anidride carbonica (CO2). Se lo si centrerà, quel traguardo, l'operazione risulterà doppiamente virtuosa. Sta tutto in una parola: teleriscaldamento. A Chiasso, infatti, ci si ripromette di convertire gli impianti di riscaldamento (non solo pubblici) a nafta e a gas a un sistema di produzione di calore (quindi di energia termica e rinnovabile) centralizzato, capace poi di ridistribuirlo in modo capillare sul territorio grazie all'acqua. Certo, ci vorrà del tempo a diffondere il 'modello'. Si confida, però, nel buon esempio e nel passaparola. Anche perché a crederci e a investirci per prima è l'Age, l'Azienda acqua, gas ed elettricità; che non si imbarca nel progetto da sola. Anzi, per promuovere e diffondere il teleriscaldamento si è costituita una società ad hoc, la Agere Efficienza Energetica. Come ormai diciotto anni fa con il fotovoltaico, l'Age ha deciso di stringere un'alleanza con un privato, la Agere, entrando così a far parte della nuova Sa come azionista al 30 per cento.

Una scelta motivata (anche dalle leggi)

Corrado Noseda, direttore di Age, scopre subito le carte. «Con Agere - ci ricorda - collaboriamo da anni. Adesso, però, abbiamo deciso fosse il momento di imprimere un altro impulso nel segno dell'efficienza energetica». Le condizioni, del resto, sono favorevoli, si fa capire. «Le virtù del teleriscaldamento - esplicita Noseda - sono riconosciute tanto dalla politica che dalle autorità». In più c'è una coincidenza strategica: il 13 giugno prossimo saremo chiamati, come cittadini, a dire la nostra sulla Legge federale sulla riduzione delle emissioni di gas a effetto serra (la cosiddetta Legge sul CO2). E comunque andrà, gli enti locali dovranno misurarsi con l'abbandono dei combustibili fossili (e del nucleare) e la messa a norma degli impianti di riscaldamento: persino il gas naturale, richiama Noseda, è, considerato un vettore di transizione. Tant'è che Oscar Piffaretti e Claudio Zanini di Agere, stretta l'intesa, sono convinti di aver dato una mano al Comune. D'altro canto, senza un accordo fra pubblico e privato non sarebbe possibile realizzare una rete di teleriscaldamento. Certo, si precisa, serve una unità di intenti e di strategie.

Quell'impianto nello scantinato di Palazzo civico

La cittadina di Chiasso, d'altro canto, non è nuova a impianti del genere. Ce lo svela lo stesso direttore dell'Age. Sessanta anni orsono, infatti, nello scantinato del Municipio si è realizzato un sistema simile - in passato a nafta, da circa cinque anni a gas, dopo le opere di rinnovamento -, capace di riscaldare altri sette edifici nelle vicinanze, attorno alla piazza, sfruttando così al meglio il 'combustibile' a disposizione.

Ecco che la centrale di teleriscaldamento istallata sul tetto (e nei sotterranei) della casa anziani Giardino rappresenta un po' una risposta all'avanguardia, oltre che una delle vie, con il biogas - è il caso del progetto di Stabio -, percorse oggi da chi cerca delle alternative energetiche. La settimana prossima l'impianto verrà consegnato nelle mani di Age (che se ne prenderà cura), riuscendo, come tengono a far notare Piffaretti, presidente di Agere Efficienza Energetica, e Zanini, a restituire «energia elettrica, acqua sanitaria, calore e aria fresca oltre che alla struttura, anche alle palestre e alle scuole a poca distanza».

L'incentivo? 'Niente tassa di allacciamento'

Questo, in ogni caso, si chiarisce, non è che l'inizio. Di fatto, spiega Noseda, «al momento l'impianto viene sfruttato al 45 per cento, rivelando un evidente potenziale per l'allacciamento di altri stabili». L'intento? Moltiplicare le centrali sul territorio, anche in ambito privato. E qualche proprietario, fanno sapere Piffaretti e Zanini, si è già fatti avanti. Un interesse che la società si ripromette di 'premiare' rinunciando a riscuotere le tasse di collegamento, a mo' di «incentivo». Tasse, annotano, altrove non proprio economiche.

Quanto alle tariffe? «Saranno competitive - si assicura - e comunque saranno al livello dei costi di nafta e gas». I vantaggi proposti, si rilancia, sono pure altri a fronte di contratti trentennali. «Non solo ci si ritrova - motivano Piffaretti e Zanini - con consumi inferiori del 20-25 per cento, ma con il teleriscaldamento non ci sarà più bisogno di caldaie e camini, inoltre si annulla la manutenzione».

Per ora si punta su Chiasso

Il raggio d'azione? Per ora si concentrerà su Chiasso. Anche se, confidano i due promotori, si è bussato pure alla porta dei Comuni della cintura cittadina, «senza un riscontro, per il momento», informano. Non si sottace neppure che la società sin qui ha investito oltre quattro milioni di franchi, 'incassando', però, un partner finanziario come BancaStato. Non c'è dubbio, si mira a far quadrare i conti. Sebbene la priorità sia risparmiarci le emissioni di CO2. All'Age sanno, in ogni caso, che per fare attecchire gli impianti di teleriscaldamento ci vorrà pazienza e tenacia, come è successo per il fotovoltaico o la fibra ottica. I margini per crescere a Chiasso ci sono: tra i medio-piccoli consumatori cittadini vi sono ancora non poche caldaie a nafta. Poi una ulteriore spinta la darà, per finire, la politica federale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved