a-stabio-il-fiume-laveggio-e-tutto-da-vivere
Il Laveggio merita di essere riscoperto (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Violento temporale nel Luganese causa smottamenti e allagamenti

I pompieri sono stati sollecitati più volte. Colpito in modo particolare il Malcantone
Ticino
4 ore

Premi cassa malati +10%, Dss: ‘Nel campo delle speculazioni’

La cifra dell’aumento indicata da uno studio di Accenture è ancora solo un’ipotesi, secondo Paolo Bianchi: ‘Indicazioni precise arriveranno prossimamente’
Luganese
4 ore

Tentato assassinio ad Agno: 49enne ha sparato a un 22enne

In pericolo di vita il giovane. È accaduto stamane in via Aeroporto. Arrestato l’autore. Gli inquirenti indagano sul movente.
Luganese
6 ore

Alla Biblioteca di Lugano, letteratura e colazione offerta

Domani doppio incontro sul tema del viaggio. Matinée sulla cronaca locale di prossimità
Luganese
7 ore

StraLugano, seconda edizione per il trofeo dedicato a Borradori

La 10 chilometri CityRun in programma il 10 settembre aggiudicherà il titolo speciale in memoria del sindaco scomparso un anno fa
Locarnese
7 ore

Muralto, prosegue la rassegna Jazz al lago

Giovedì 11 agosto alla Palma au Lac si esibisce il ‘Cool guitar trio’; musica dalle 19 alle 22
Bellinzonese
7 ore

PerBacco! è già tempo di Festa della vendemmia a Bellinzona

La manifestazione invaderà il centro storico cittadino dal 1° al 4 settembre
gallery
Bellinzonese
8 ore

L’alpe Arami di Gorduno diventa ‘un patrimonio di tutti’

Inaugurato l’importante lavoro di recupero e ristrutturazione della baita con ristorazione, dotata di dormitorio, e dei pascoli
Mendrisiotto
8 ore

Otr Mendrisiotto forma altri due selvicoltori

L’Organizzazione turistica regionale dà anche il benvenuto alle nuove leve. Ci sarà per la prima volta anche una donna
Bellinzonese
8 ore

La musica di montagna al lavatoio di Mascengo

Appuntamento giovedì 11 agosto col folclore ticinese e italiano
Luganese
9 ore

Viganello, grave un inquilino caduto nel palazzo

Nella notte un uomo è rimasto ferito sul balcone tetto dello stabile. Sul posto l’intervento degli agenti della Polizia cantonale e cittadina
Locarnese
9 ore

Ascona, Campionato ticinese di lancio del sasso

Uomini e donne in gara sabato prossimo, sulla pedana allestita presso l’autosilo comunale
21.04.2021 - 18:49
Aggiornamento: 19:18

A Stabio il fiume Laveggio è tutto da 'vivere'

Il Comune mette in cantiere la creazione di due aree di svago. La prima avrà carattere sportivo, la seconda avvicinerà all'acqua

Nella visione della Mendrisio del futuro rappresenta la spina dorsale della Città: un asse portante fatto d'acqua a cui ci si dovrà ispirare. Il Laveggio, però, è al centro dei pensieri di più di un Comune dell'Alto Mendrisiotto. Lì dove nasce, a Stabio, ad esempio, hanno messo in campo una strategia a tappe che mira a valorizzare il paesaggio fluviale e a rivelare il potenziale turistico di un comprensorio verde poco lontano dal centro del paese. Gli interventi previsti intersecano il progetto di Parco del Laveggio di cui si sono fatti promotori i 'Cittadini per il territorio'; il tutto nel segno della collaborazione degli enti locali. Tant'è che il Consiglio comunale ha già messo sul tavolo 300mila franchi per dare sostanza all'operazione. Segno della volontà di agire, nei giorni scorsi il Municipio ha pubblicato due domande di costruzione per la realizzazione di altrettante aree di svago lungo il fiume.

Un'area sportiva nel bosco

Per tornare a 'vivere' il fiume servono, però, le occasioni giuste. Così l'autorità comunale dopo aver aperto la via a un nuovo itinerario che aggira la zona industriale e si ricollega all'antico sentiero Guardie, oggi si focalizza su due progetti, resi pubblici da poco ed emanazione di uno studio di fattibilità allestito nel 2018. La prima opera pianificata in località Baragge, nella zona di Santa Margherita e delle sorgenti del Laveggio, ha in animo di dare forma a un'area di svago sportiva nel bosco, giusto a una ventina di minuti a piedi dal nucleo. Quei luoghi, del resto, per morfologia e attitudine - sono già ben frequentati - risultano essere la risposta ideale agli obiettivi del Comune; sullo sfondo le aspettative degli stessi 'Cittadini', orientati, come ci ricorda la stessa coordinatrice Grazia Bianchi, verso una convivenza rispettosa fra le attività umane e la natura del fiume. D'altro canto, gli approfondimenti condotti dai tecnici hanno escluso conflitti di carattere ambientale: l'intervento, infatti, come rilevano i progettisti, "non stravolge le aree verdi".

In effetti, la zona è situata nelle vicinanze del fiume Gaggiolo e della passerella pedonale realizzata l'anno scorso, quindi si inserisce bene nella rete dei sentieri, restituendo un punto di svago intergenerazionale e favorendo, altresì, l'attività all'aria aperta, riscoperta in tempi di Covid e confinamenti. A invogliare a fare sport ci saranno alcuni attrezzi per esercizi a corpo libero destinati ad adulti e bambini. Attrezzature che, restando coerenti con il contesto forestale, agricolo e di pregio naturalistico, saranno costruite in legno a fronte di una spesa globale di 50'300 franchi. Questo spazio, però, è stato concepito in parallelo con un'altra area, questa a valenza didattica, che sarà concretizzata in una fase successiva. Agli occhi dei tecnici questo approccio renderà "attrattiva un'ampia area pregiata e già oggi molto sfruttata dalla popolazione per lo svago di prossimità".

E un'area di svago nell'acqua

Incuriosisce, poi, l'altro intervento previsto sul fiume e annunciato nei giorni scorsi. Qui, oltre a valorizzare il comparto, si darà modo di riqualificare sul piano naturalistico un'ulteriore tratta del corso d'acqua, ridisegnando la sponda. Tra gli obiettivi dichiarati, come rileva il documento dei consulenti che accompagna la domanda di costruzione, si iscrive la "creazione di un accesso al Laveggio in modo da poter 'vivere pienamente il fume'". E ciò dopo che, sin qui, lo si è fruito solo visivamente. Dove accadrà tutto questo? A monte della Colombera e a sud della zona industriale, sull'altro lato dell'area di aeromodellismo. Anche in questo caso la presenza delle componenti agricole e boschive e di una strada sterrata ciclo-pedonale dà al comparto un valore naturalistico e fruitivo "di elevato pregio nella pianura del Mendrisiotto". A rendere intrigante l'avvicinamento al fiume vi saranno della gradonate e sedute rese possibili dalla posa di blocchi di marmo provenienti dagli scarti delle cave di Arzo. Marmo che servirà pure a creare un guado nell'alveo del Laveggio. Ma non ci si fermerà qui. I passi futuri? Nelle intenzioni del Comune di Stabio vi sono la definizione di nuovi collegamenti e la realizzazione di un percorso didattico conclusivo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aree laveggio stabio svago
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved