poverta-e-fragilita-mendrisio-risponde-con-progetti-ad-hoc
Con le difficoltà aumentano pure le pratiche alle Antenne della Città (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
4 ore

San Vittore: audit esterno e querele archiviate dalla Procura

Coira ha firmato due Decreti d’abbandono per la sindaca e un membro della Gestione denunciatisi a vicenda. Istituto analizzerà l’Amministrazione comunale
Mendrisiotto
5 ore

Eventi a Mendrisio, la Lista civica vuole la distinta

Il gruppo interroga la Città in nome della trasparenza. Alla lente società e contributi a fronte dell’ipotesi di tagliare mezzo milione
Ticino
6 ore

Il Conservatorio: ‘Formazione musicale, la politica ora agisca’

Nel Rapporto 2021 il direttore Brenner a 10 anni dal voto popolare ‘bacchetta’ per i ritardi. Medici: ‘Offriamo un’educazione di alta valenza formativa’
Mendrisiotto
6 ore

Uno scippo e poche rapine, ma più sfratti e atti giudiziari

La sicurezza tiene nella Regione I di Polizia nel Sud del Mendrisiotto. A mettere a dura prova i cittadini sono le difficoltà effetto della pandemia
Mendrisiotto
6 ore

Mendrisio, 45 consiglieri comunali bastano

Il gruppo Lega-Udc rilancia, per la terza volta, la mozione che chiede di abbattere il numero di membri del legislativo e delle commissioni
Ticino
6 ore

Capanne pronte ad accogliere gli escursionisti

L’offerta della Federazione alpinistica ticinese si è arricchita di altri ottanta posti letto
Ticino
7 ore

Il turismo rallenta, ma l’estate sarà ottima

Difficilmente si replicherà la stagione dello scorso anno, ma le prospettive restano positive per gli operatori del settore
Gallery
Bellinzonese
7 ore

Serravalle, in scena ‘Visioni di una battaglia in corso’

Il 26, 27 e 28 di maggio il Teatro Tan di Biasca ritornerà ad animare la fortezza bleniese con la pièce di Remo Binosi
Mendrisiotto
8 ore

Ospitava uno spacciatore e si faceva pagare in coca: condannato

Un 50enne del Mendrisiotto condannato per complicità all’infrazione aggravata alla Legge sugli stupefacenti. Come ‘affitto’ riceveva la sostanza.
Luganese
9 ore

Atti sessuali con fanciulli, ‘ora devo dirlo a mio marito’

Un 55enne è stato condannato per aver avuto rapporti con un 14enne, parente acquisito. ‘Doveva essere una figura di fiducia, ma si è rivelato l’opposto’
Locarnese
9 ore

Gambarogno, le autorità ricevono i neo 18enni (nel fortino)

Una ventina i giovani che hanno partecipato al tradizionale incontro
Luganese
9 ore

A Lugano va in scena il festival delle due ruote

Bike Emotions raddoppia con gare e attività varie sull’arco di quattro giorni a fine mese. Tra le novità, una pedalata in e-bike.
Luganese
10 ore

Vezia, il Municipio incontra i 18enni

Cerimonia con i neo-maggiorenni del paese ai quali il sindaco ha presentato il progetto “Laboratorio di Villaggio”
Locarnese
10 ore

Verzasca, incontro con Flavio Zappa a Castello Marcacci

Domani i luoghi dimenticati della valle al centro della conferenza dello storico, che parlerà anche del senso della memoria
Bellinzonese
10 ore

All’asta in Riviera mezzo quintale di canapa, ma è light

Proviene dall’attività di una società di Iragna fallita nel 2020. Il capo Sezione fallimenti: oggetti talvolta particolari, purché siano legali
Locarnese
10 ore

Ascona, promosso il progetto della copertura della Siberia

In Consiglio comunale l’idea di un tetto per la pista di ghiaccio ha raccolto unanime consenso
Locarnese
11 ore

Al Paravento Yari Bernasconi e la musica classica indiana

Venerdì la poesia e il sabato note folk di qualità per gli ultimi due appuntamenti della stagione inverno-primavera
Locarnese
11 ore

Cavigliano, Re Bagulon convoca i sudditi per l’assemblea

Venerdì la Società Carnevale si riunisce nella sala comunale (inizio alle 20) per discutere anche di finanze
Locarnese
11 ore

Losone, tombola e merenda per beneficiari Avs

Domani un pomeriggio di festa organizzato dal gruppo mamme alla Fondazione Patrizia
Mendrisiotto
12 ore

Mks Pamp impegnata a ridurre l’impatto ambientale

L’azienda di Castel San Pietro, attiva nella lavorazione di metalli preziosi, mira a rispettare le indicazioni degli Accordi di Parigi
Locarnese
12 ore

Lupo a Cerentino: autorizzato l’abbattimento

Germano Mattei: ‘Decisione inevitabile, anche se tardiva’. L’esemplare aveva attaccato e ucciso 19 pecore lo scorso 26 aprile in Val Rovana.
laR
 
12.04.2021 - 18:34

Povertà e fragilità, Mendrisio risponde con progetti ad hoc

La Città reagisce agli effetti del Covid con misure contro il precariato, a favore dei cittadini (di ogni età) e a sostegno dei Quartieri

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Assediati e resi più fragili: la crisi sanitaria da Covid-19 ha portato alla luce nuove forme di disagio e indebolito (ancora di più) le certezze di molti, incluso quella sul proprio posto di lavoro. Anche a Mendrisio la pandemia si è fatta sentire (e non solo a bilancio, appesantendo il disavanzo a consuntivo per il 2020). E la rete di servizi intessuta negli anni potrebbe necessitare di qualche rinforzo, qua e là. Nella sua pur breve legislatura, Françoise Gehring, a capo del dicastero Politiche sociali, ha già potuto toccare con mano problemi e difficoltà, che non mancheranno di mettere alla prova il futuro Municipio della Città.

Crescono le richieste di aiuto

Gli effetti collaterali del coronavirus si sono già visti. Dal suo osservatorio qual è la situazione? «Questa pandemia ha ampliato le disparità sociali - sgombra subito il campo la municipale -. La povertà è, del resto, tangibile. Lo sanno bene le organizzazioni umanitarie. Caritas Ticino ha erogato 260 mila franchi di aiuti a oltre 800 persone; SOS Ticino ha garantito aiuti per 360 mila franchi; Soccorso d’inverno ha stanziato 800 mila franchi; Croce Rossa ha fatto la sua parte con 530 mila franchi». Numeri che danno da pensare; e sul piano comunale? «A Mendrisio tra gennaio e marzo ci sono giunte venti nuove domande di assistenza, tra cui 16 persone sole (di cui 8 di età inferiore ai 35 anni) e 4 che lavorano (come indipendenti o impiegati a tempo parziale) - illustra a 'laRegione' Françoise Gehring -. Anche in riferimento al settore Antenna sociale e Antenna anziani da inizio anno a oggi si registrano 52 nuove situazioni che si sono presentate al servizio, 37 di antenna sociale e 15 di persone anziane. Nello stesso periodo dell’anno scorso le segnalazioni erano 29. In altre parole l'aumento è del 55 per cento».

Occhio a precariato e indebitamento

Le cifre parlano, non c'è dubbio. Mendrisio ha già una strategia per riuscire a reagire alle domande crescenti di sostegno? «La Città è presente - assicura la capo dicastero -. E in un periodo di crisi come quello che stiamo attraversando sul piano economico, sociale e culturale, lo è ancora di più. Risposte alla povertà e al lavoro precario sono in corso per una Mendrisio attenta, solidale che pensa a tutti i cittadini e a tutte le cittadine, con particolare attenzione alle crescenti vulnerabilità».

Come si pensa di rispondere a queste urgenze? «Il Municipio ha, ad esempio, approvato il progetto 'Lavoro XME', al fine di contenere i fenomeni di precariato legato soprattutto all’impiego di avventizi - ci spiega Françoise Gehring -. Questo progetto comprende una proposta di bilancio di competenze e la creazione di una banca dati. La situazione personale, lavorativa e contrattuale di queste persone non deve disincentivare la ricerca di un posto di lavoro fisso. Pertanto, attraverso il progetto 'Lavoro XME' gli avventizi saranno invitati a prendere contatto con i Servizi sociali, con l’impegno di seguire tutti i canali a disposizione per la ricerca di un impiego a tempo indeterminato. La crisi economica, poi - rende attenti ancora -, spesso aumenta anche il rischio di indebitamento eccessivo. Ebbene, ogni anno la Città sostiene una iniziativa in tal senso e per il 2021 si è ritenuto importante focalizzare l'attenzione sull'aspetto dell’intervento, attivando una collaborazione con SOS Debiti, che ha proprio sede a Mendrisio, per dare supporto e consulenza ai cittadini di Mendrisio con problemi di budget familiare, a rischio di indebitamento eccessivo o già in condizioni di indebitamento eccessivo».

Rinsaldata l'intesa con 'Frequenze'

La ricerca di soluzioni a problematiche e nuove fatiche sociali porta, però, anche sul territorio e a stringere alleanze. Qui come avete affrontato la questione? «La Città ha rinnovato una collaborazione con 'Frequenze', progetto nato a Chiasso nel 2018 che si occupa di riqualificare il territorio reinserendo al contempo persone al beneficio di assistenza (in modo specifico tra i 18-30 anni) nel tessuto sociale e professionale. In questo modo si riprendono i principi della mozione di Mario Ferrari sull’impresa sociale - che ha fissato un principio a livello istituzionale, ndr -. Del resto, 'Frequenze' è già partner del progetto 'Engagement local' e collabora con l’Antenna sociale per alcuni giovani di Mendrisio inseriti nei loro progetti».

Da ciò che si intuisce c'è dell'altro. «A questo punto - ci fa sapere la municipale -, il dicastero Politiche sociali, in sinergia con il dicastero Commissioni di Quartiere, estenderà l'accordo con 'Frequenze' pure al progetto 'Quartieri Solidali', in modo particolare per le iniziative di Ligornetto e della Montagna, dove sono in corso progettualità per lo sviluppo delle 'Portinerie di quartiere' e 'Portinerie Diffuse'. In più per capire meglio le esigenze dei Quartieri della Montagna, a breve sarà inviato un questionario».

Le categorie più fragili

Questa pandemia ha fatto emergere altresì le categorie sociali più fragili. E qui il pensiero va ad anziani e giovani. Mendrisio come si muove e si muoverà su questi fronti? Iniziamo dalla popolazione di una certa età (anche dal profilo lavorativo). «L’Antenna sociale della Città - illustra Françoise Gehring - collabora anche con Pro Senectute, che sta sviluppando sul territorio dei progetti comunitari attraverso il Servizio di lavoro sociale comunitario. In questo progetto verranno inserite alcune persone beneficiarie di prestazioni assistenziali, attraverso delle misure Aup (Attività di utilità pubblica, ndr); e questo al fine di favorire attraverso un esercizio dell’inserimento sociale, il riconoscimento e la valorizzazione di capacità e competenze delle persone beneficiarie dell’assistenza sociale. Si tratta soprattutto di programmi di utilità pubblica per persone over 45 beneficiari di prestazione assistenziale, che rappresentano numericamente la quota di cittadini più seguita a livello del servizio».

E per quanto riguarda i giovani? «Il Centro giovani è particolarmente attento alle richieste dei nostri giovani, che chiedono spazi e tempi per potersi ritrovare, fare delle attività e trascorrere del tempo, nel rispetto dei piani di protezione - ci dice la capo dicastero -. Visto il numero sempre maggiore di richieste per utilizzare gli spazi la Città ha rivisto la pianificazione di aperture, spazi e presenze dell’équipe, proprio per sostenere le richieste dei giovani, prevedendo ad esempio delle aperture serali per gruppi chiusi su prenotazioni».

Un progetto pilota per le famiglie

Non ci si è sottratti, quindi, dal trovare strade nuove e diverse per alleggerire il peso della pandemia tra i ragazzi. E in questo solco si è guardato oltre da quanto trapela. «In effetti, e non da ultimo, il dicastero continua il suo impegno per quanto riguarda le povertà educative, aggravate oggi dalle condizioni socio-economiche - ribadisce in conclusione Françoise Gehring -. Abbiamo infatti allo studio un progetto innovativo, e pilota a livello cantonale, per intervenire precocemente a supporto delle famiglie e delle competenze genitoriali, prima che queste arrivino ai servizi di Protezione». Ancora una volta Mendrisio va a esplorare territori possibili.

 

 

 

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
antenna città françoise gehring giovani lavoro mendrisio misure precariato
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved