fra-contagi-e-quarantene-coinvolti-quasi-200-alunni-momo
Basta un solo positivo per decretare la quarantena (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
8 ore

Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti

L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
10 ore

Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga

L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
13 ore

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
23 ore

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
1 gior

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
1 gior

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
1 gior

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
1 gior

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
1 gior

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
1 gior

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
1 gior

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
1 gior

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
24.03.2021 - 18:47
Aggiornamento : 19:53

Fra contagi e quarantene: coinvolti quasi 200 alunni momò

Da inizio settimana sono stati interessati dal confinamento classi di cinque Istituti scolastici, oltre a due centri 'Scoiattolo'. L'origine? Non ci si sbilancia

Nello spazio di neanche una settimana cinque istituti scolastici del Mendrisiotto si sono ritrovati degli alunni in quarantena. Decine di bambini da un giorno all'altro si sono sentiti dire che si sarebbero dovuti isolare a casa, non senza qualche singhiozzo di dispiacere. Oggi, del resto, con le varianti che girano basta che un solo allievo risulti essere positivo al test per confinare l'intera sezione. E così è successo in un Distretto che per primo, nei mesi scorsi, ha dovuto fare i conti con la versione britannica del Covid-19 dentro le mura della scuola, e non solo. Certo che quando i bambini coinvolti, in totale, sono quasi 200 (senza contare genitori e fratellini o sorelline), gestire la situazione non è semplice. Tant'è che a essere toccati dalla misura sono stati altresì i piccoli che frequentano i centri extrascolastici 'Lo Scoiattolo' dell'Associazione famiglie diurne (Afdm) a Coldrerio e Mendrisio. «Su indicazione cantonale - conferma a 'laRegione' il presidente dell'Afdm Claudio Currenti - sono stati messi in quarantena 48 bambini che erano presenti nelle due strutture negli stessi giorni in cui c'erano i piccoli positivi al Covid».

La fonte dei contagi? Solo ipotesi

Come è possibile, però, che in pochi giorni si siano moltiplicati casi (positivi) e quarantene? Gli interrogativi nel Distretto sono rimbalzati dentro e fuori le sedi scolastiche. In effetti, la settimana precedente la presenza dei contagi nelle varie classi, è emerso un altro caso, questa volta in una società sportiva, il Do Yu Kai di Chiasso. Un allenatore ha contratto il virus; è scattata subito la segnalazione da parte del sodalizio all'Ufficio del medico cantonale; e su consiglio delle autorità cantonali sono stati sospesi i suoi corsi, ma non sono stati ordinati dei confinamenti ad hoc, come ci ha illustrato lo stesso presidente Marco Frigerio. Ciò accadeva il 12 marzo. Tra la fine della settimana scorsa e lunedì sono venuti alla luce i primi casi, prima a Coldrerio, poi a Chiasso e a Morbio Inferiore. È possibile pensare vi sia un legame fra i due eventi? Al momento, va detto, si tratta di una coincidenza o al massimo di una ipotesi: riscontri oggettivi non ve ne sono. Salvo un paio di scolari chiassesi, che erano a lezione al dojo di via Cattaneo. Interpellato, come da prassi l'Ufficio del medico cantonale non entra nei dettagli di casi specifici o del tracciamento della catena dei contagi. Sta di fatto che un buon numero di alunni e di famiglie sono stati chiamati a far fronte alla situazione. In effetti, alcuni allievi non torneranno fra i banchi prima di Pasqua.

Cinque gli Istituti toccati

I primi segnali, a inizio settimana, della presenza del coronavirus nelle scuole locali sono giunti, come detto, da Coldrerio, dove due classi delle elementari - una terza e una quarta - sono finite in quarantena (oggi, mercoledì, ne resta una), interessando, come spiega il direttore dell'Istituto Alessandro Solcà, in tutto una settantina di bambini. Sorte condivisa a Chiasso da altrettante sezioni - una seconda e una classe della scuola dell'infanzia, 37 bambini in tutto -, che resteranno confinate fino a domenica per una non meglio precisata variante del Covid. Assenza, ci fa sapere il direttore Carlo Formenti, che viene supplita dalla scuola a distanza. I docenti, ribadisce, non lasciano soli i loro allievi. Piccoli studenti ai quali, strada facendo, si è aggiunta anche una classe della materna di Morbio Inferiore. Purtroppo, però, non ci si è fermati qui: fra martedì e mercoledì anche a Stabio e a Mendrisio si sono dovute confinare delle classi (due in tutto). In Città, ci racconta il direttore Marco Lupi, la notizia fra gli alunni della sezione delle elementari ha fatto sciogliere qualcuno in un pianto. «Il ricordo di quanto accaduto la primavera scorsa - annota - è ancora vivo». Difficile cancellarlo, per tutti. C'è da capire se negli altri Istituti scolastici del Distretto - 'Covid free' - adesso si facciano gli scongiuri. «Ciò che conta - richiama ancora Solcà - è seguire le regole ed essere riusciti, sin qui, a tenere aperta la scuola». E in una crisi sanitaria come quella che ci ha investiti, non è poca cosa.

 

Leggi anche:

Classi in quarantena e casi positivi al dojo di Chiasso

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alunni covid-19 istituti scolastici quarantene scoiattolo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved