ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
1 ora

Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo

Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
1 ora

Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna

Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
3 ore

Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta

Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Ticino
4 ore

Le idee dei sindaci dei centri urbani per risparmiare energia

Si tratta di sei proposte presentate ai rispettivi Municipi. ‘Anche per non pregiudicare per i commerci un clima di avvicinamento al Natale’
Grigioni
4 ore

A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann

In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Ticino
4 ore

Siamo il quinto cantone col maggior aumento di fallimenti

È il dato registrato da un’analisi della società Crif: +64,3 per cento nel terzo trimestre del 2022 rispetto all’anno precedente
Luganese
4 ore

Cinque anni di Sambì, ad Arogno un evento di festa

Sabato 8 ottobre verrà presentato il nuovo assetto societario, con aperitivo e castagnata offerti, all’Azienda agricola Bianchi
Locarnese
4 ore

Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’

Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
5 ore

Dialogo su repressione, diritto alla difesa e carcere

L’8 ottobre alle 16.15 al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona si terrà un dibattito partendo dalla pubblicazione de ‘La cella dell’avvocato’ di Gabriele Fuga
15.03.2021 - 15:51
Aggiornamento: 18:21

Quale futuro per l'ex Diantus? I cittadini indicano tre vie

Un sondaggio raccoglie 162 risposte: dal luogo di aggregazione intergenerazionale al centro polifunzionale a spazio per manifestazioni ed eventi

quale-futuro-per-l-ex-diantus-i-cittadini-indicano-tre-vie
Ex Diantus (Ti-Press)

Che ne sarà dello stabile ex Diantus di Castel San Pietro? Un futuro che potrebbe prendere tre strade. A indicarle coloro che hanno partecipato al questionario promosso dall'Amministrazione comunale. Ben 162 le risposte ricevute di cui 158 online e 4 per mezzo del questionario cartaceo. Come detto, tre tipi di riqualifiche hanno suddiviso le preferenze: ovvero dal luogo di aggregazione intergenerazionale al centro polifunzionale dedicato al mondo del lavoro (co-working), allo spazio polifunzionale per manifestazioni, eventi, riunioni e spazi per lo sport. "Premettendo che la stragrande maggioranza abbia valutato come molto positivo l’acquisto da parte del Comune dello stabile e del relativo sedime – evidenzia il Municipio – un terzo delle persone auspica che esso venga adibito a spazio per sale riunioni, esposizioni, eventi e manifestazioni. Un altro terzo propende invece per mettere gli spazi a disposizione di enti sociali, dei giovani, degli anziani e per scopi culturali. Ma c’è anche chi propone che vi possano trovare sede uffici, specialmente sotto forma di spazi per il lavoro condiviso (co-working)".

Gestione in mano al Comune di Castel San Pietro

Durante il mese di febbraio, lo ricordiamo, i cittadini di Castel San Pietro, ma non solo loro visto che il sondaggio era aperto a tutti tenuto conto che il progetto di riqualifica potrebbe avere una valenza anche regionale, hanno avuto la possibilità di esprimere la loro opinione e di formulare le proprie indicazioni circa i possibili contenuti da dare a questo stabile industriale oramai dismesso da tempo. "Dalle prime analisi delle risposte ricevute – non manca di evidenziare l'esecutivo castellano – si sono ottenute alcune indicazioni molto interessanti. Innanzitutto viene valutata come assai positiva la partecipazione visto che oltre 160 persone hanno aderito al sondaggio. Circa il 90% delle risposte sono state espresse da cittadini di Castel San Pietro; sono maggiormente le donne che gli uomini ad aver risposto. Interessanti anche altri due dati. Innanzitutto quello relativo all’età dei partecipanti; tra i 26 e i 70 anni sono infatti rappresentate in egual percentuale tutte le fasce di età. Molto apprezzato anche il fatto che qualche giovanissimo e qualche over 70 abbia espresso la propria opinione. Il secondo dato riguarda la professione e la formazione scolastica dei partecipanti. Se sono state prevalentemente le persone dipendenti a esprimere la loro opinione, pochi sono stati invece gli studenti e i liberi professionisti. Per quanto attiene la formazione scolastica, si spazia da chi ha seguito una formazione professionale a chi ha ottenuto dei diplomi di livello accademico superiore (Bachelor e Master)".

I partecipanti hanno espresso soprattutto un desiderio: e cioè che il futuro edificio riqualificato e i suoi contenuti vengano gestiti direttamente dal Comune o in una gestione mista pubblico/privato nella quale il fattore di risultato economico non sia preminente. "Questo sondaggio ha certamente dato alcune prime valide indicazioni – si legge infine nella nota stampa –: spetterà ora ai competenti organi comunali e al preposto gruppo di lavoro identificare meglio quali potranno essere i contenuti futuri".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved