copertoni-bruciati-a-mendrisio-effetti-contenuti-sull-ambiente
Le misure di sicurezza hanno funzionato (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
9 ore

Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina

Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Gallery
Bellinzonese
11 ore

Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito

L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
17 ore

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
18 ore

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
22 ore

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
22 ore

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
22 ore

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
1 gior

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
1 gior

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
1 gior

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
1 gior

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
1 gior

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
Luganese
1 gior

Lugano, nuove tecnologie e produzione industriale

A Lugano la 55esima edizione della Conferenza internazionale CIRP CMS sul tema ‘Leading manufacturing systems transformation’
Mendrisiotto
1 gior

Incontro ravvicinato tra i momò e il governo federale

In gita fuori porta, il Consiglio federale si è ritrovato a tu per tu con politici e popolazione. Incursione dei contrari a terza corsia A2 e area Tir
Ticino
1 gior

Passate le nubi nere della pandemia, Arcobaleno torna a crescere

Nell’anno del 25°, la Comunità tariffale del trasporto pubblico parte sotto i migliori auspici. ‘I prezzi sono convenienti’, ribadiscono più voci
Ticino
1 gior

‘Banca dati polizia: progetto affidato alla Confederazione’

Il governo risponde all’interrogazione di Galusero. Lui: ‘Sono deluso, l’assenza ancora oggi di un database nazionale fa il gioco della criminalità’
laR
 
09.03.2021 - 21:11

Copertoni bruciati a Mendrisio, effetti contenuti sull'ambiente

Il Cantone risponde al Ppd sul rogo alla Pm Ecorecycling e rassicura. Altri e diversi i siti a rischio nel Distretto

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Depositi di carburante, aziende e attività sensibili, impianti di tiro: nel Mendrisiotto ne esistono a decine. Il Distretto più a sud del cantone è, di fatto, una concentrazione di cosiddetti 'siti' - e sono diversi da queste parti - finiti, con le vie di comunicazione e il gasdotto, sotto la lente dell'Ordinanza sulla protezione contro gli incidenti rilevanti, la Opir. Certo non solo qui, in Ticino, esiste un problema di convivenza con realtà economiche (e no) che rappresentano un possibile rischio per la popolazione e l'ambiente. La mappa tracciata dal Dipartimento del territorio lo mostra con tutta evidenza. Come dire che di motivi per preoccuparsi non ne mancano. Tant'è che, come fa capire lo stesso Consiglio di Stato sollecitato dai parlamentari del Ppd, ciò che ruota attorno allo smaltimento degli pneumatici non rientra "tra gli impianti particolarmente pericolosi presenti sul territorio" e non sottostà, quindi, alla Opir. In altre parole, non si ritiene che questo tipo di attività possa "provocare un potenziale di pericolo con effetti catastrofici al di fuori del sedime aziendale".

'L'impatto è stato contenuto'

L'intento del deputato Giorgio Fonio e dei suoi colleghi Maurizio Agustoni e Luca Pagani era chiaro: sapere se il rogo che, il dicembre scorso - il secondo in quattro anni -, ha mandato in fumo migliaia di copertoni alla Pm Ecorecycling a Mendrisio ha avuto delle ricadute sulla qualità di vita della Città, ma non solo. Ebbene, il Cantone si sente di affermare che "l'impatto per la popolazione e l'ambiente è stato contenuto". Un risultato raggiunto, ribadisce l'autorità cantonale, "grazie alla prontezza delle forze di pronto intervento e alla successiva corretta gestione dei rifiuti prodotti". E per rifiuti si intendono, oltre alle gomme, i rottami metallici, il legname e altri materiali: fatti due conti, si fa sapere, Oltregottardo sono stati smaltite più di 150 tonnellate di fanghi fortemente inquinati e carcasse di pneumatici bruciati.

Fasi ed effetti

Tornando agli effetti dell'incendio, in una prima fase, ripercorre il Cantone, "i fumi si sono dispersi molto in alto, riducendo notevolmente l'impatto a livello dell'abitato". Dalle analisi, la situazione è peggiorata nel corso della notte sul 20 dicembre. Poi è arrivato un leggero vento da sud che ha spinto la fuliggine verso la stazione dell'Osservatorio ambientale della Svizzera italiana posta nelle vicinanze dello svincolo autostradale di Mendrisio. In quel punto, illustra il Cantone, le polveri fini (Pm10) hanno toccato il valore massimo di 212 microgrammi per metro cubo. Secondo le misurazioni i livelli delle Pm10 sono rientrati "nei livelli usuali per il Mendrisiotto" solo dopo le 9 del mattino. Il governo fa pure un parallelismo con il rogo del 2016, quando nella notte erano stati misurati valori massimi superiori a 1'000 microgrammi per metro cubo.

Non sono stati segnalati problemi di salute

Ecco che, tirate le somme (per così dire), si è stimato come, nel complesso, "le concentrazioni dei diversi inquinanti nella fase acuta sono sempre rimaste entro i limiti, tale da poter ragionevolmente escludere danni alla salute della popolazione". In più, il fatto che l'evento si è verificato in serata ha contenuto gli effetti anche perché l'esposizione delle persone ai fumi è stata "mitigata" dal fatto di trovarsi all'interno delle abitazioni a quell'ora. Il Cantone riconosce poi che non è possibile escludere "fenomeni di irritazione alle vie respiratorie per gli asmatici o altre persone sensibili". In ogni caso, si precisa, alla Sezione protezione aria, acqua e suolo (Spaas) non sono giunte segnalazioni di questo tipo.

Qui il governo giunge alla conclusione che "le misure di sicurezza aggiuntive apportate dopo l'incendio del 2016 hanno permesso di migliorare la gestione delle acque di spegnimento contaminate". La vasca costruita ad hoc ha "fortemente limitato" l'arrivo di inquinanti all'impianto di depurazione delle acque a Rancate, non pregiudicandone così il funzionamento. Scampato pericolo pure per il fiume Laveggio. Si è dovuto intervenire, si conferma, solo sulla superficie adiacente - dove sono defluite parte delle acque di spegnimento -, asportando parte del terreno, rimasto leggermente inquinato, e smaltendolo poi alla discarica di Monteggio.

Regole e controlli

Lo stesso Consiglio di Stato in una risposta precedente al gran consigliere della Lega Massimiliano Robbiani aveva sgombrato il campo su controlli e permessi. Lo ribadisce al Ppd: si è potuto constatare che l'azienda ha provveduto a realizzare, nei termini fissati, le misure di sicurezza previste; eseguendo altresì in modo sistematico "i necessari interventi correttivi" richiesti dalla Spaas, che fra il 2017 e il 2020 ha effettuato sette sopralluoghi. E per il futuro? Oggi, annota ancora il Cantone, "non è possibile esprimersi in merito alla possibilità di realizzare misure di sicurezza supplementari". Da sciogliere, infatti, resta ancora un nodo della vicenda: le cause all'origine del rogo.

Certo è che davanti alla richiesta di ripristinare il deposito - aperta una vertenza con il Comune -, si valuterà, annota il governo, "la necessità e la fattibilità di realizzare delle misure di sicurezza supplementari rispetto a quelle richieste a livello legislativo e dallo stato della tecnica in materia di sicurezza"; al tavolo con i servizi cantonali, l'Ufficio tecnico comunale, i progettisti e l'esperto di protezione antincendio. E c'è da credere che pur di rimettere in piedi l'attività, alla Pm Ecorecycling non si tireranno indietro.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved