09.03.2021 - 12:12
Aggiornamento: 17:06

L'energia solare conquista i tetti di Stabio

Le Aziende municipalizzate stilano un bilancio. Oggi sono presenti 70 impianti privati e 9 gestiti dal Comune. E non è finita qui

l-energia-solare-conquista-i-tetti-di-stabio
Nel corso dell'anno previsti nuovi impianti (archivio Ti-Press)

La produzione solare ha conquistato Stabio e i suoi tetti: sul territorio comunale sono presenti 70 impianti privati e 9 gestiti dal Comune e le sue Aziende municipalizzate (Ams). È “molto positivo” il bilancio diffuso dalle Ams. Grazie all'irradiazione solare, lo scorso anno “i tetti hanno generato 2,6 milioni di kWh, di cui oltre il 21 per cento è stato prodotto da impianti pubblici. Un quantitativo capace di coprire il consumo di oltre 762 nuclei famigliari”. Negli ultimi 5 anni il numero di impianti fotovoltaici è aumentato del 30 per cento. “Un risultato ottenuto grazie a un costante impegno nell'elaborare nuove strategie atte a sostenere un settore chiave per il futuro – sottolineano ancora le Ams –. Soprattutto grazie alla creazione del ‘Gruppo d'acquisto’ si è riusciti a spingere l'installazione di nuovi impianti privati per oltre il 18 per conto in un solo anno”. Il gruppo è infatti “un mezzo molto efficace per congiungere gli acquisti e quindi raggiungere un prezzo al pubblico molto più conveniente”.

Stabio ha inoltre creato un credito di 1 milione per installare nuovi impianti fotovoltaici su superfici private con un potenziale importante. Grazie a questo fondo, nel corso di quest'anno sono “previsti diversi nuovi impianto che, assieme, riusciranno a generare oltre 210'000 kWh all'anno aggiuntivi”. Il sindaco Simone Castelletti non può che essere soddisfatto. «Per il nostro Comune la produzione di energia solare è sempre stata un obiettivo primario da raggiungere – commenta –. Nel corso dei prossimi mesi saranno realizzati altri importanti impianti fotovoltaici di proprietà delle Ams, grazie ai quali sarà possibile incrementare ulteriormente l’energia pulita distribuita ai nostri cittadini».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved