linda-brenni-lascia-una-traccia-a-mendrisio
Oggi Françoise Gehring e Francesca Luisoni ne hanno raccolto il testimone (Ti-Press/Pablo Gianinazzi)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
2 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
2 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
3 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
3 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
3 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
4 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
4 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
4 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
Locarnese
4 ore

Teatro Scintille, ‘Mille e una notte’ a Locarno

La rappresentazione è prevista nel giardino del Centro Sant’Antonio
Locarnese
4 ore

Festa patronale a Frasco, in Verzasca

Messa, processione e incanto dei doni
Mendrisiotto
5 ore

Ligornetto, binomio di poesia e musica antica al Museo Vela

Sabato 27, si terrà una serata dedicata al dialogo tra parola e suono dell’arte antica con Luca Pianca alla trioba e con Marcel Dupertuis e i propri poemi
Luganese
5 ore

Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato

Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
Mendrisiotto
5 ore

Morbio Superiore, sagra sul colle di San Martino

Appuntamento per domenica 28 dalle 11 alle 14.30 con santa messa, pranzo e lode Vespertina organizzati dal gruppo nuova Bragada
Bellinzonese
5 ore

Rodi, ecco la Festa di Lèras

Domenica 21 agosto al campo da calcio pranzo a base di polenta e contorni, musica e tombola
Locarnese
6 ore

Festa di San Bartolomeo a Indemini

La messa sarà celebrata dal vescovo Valerio Lazzeri
08.03.2021 - 17:19
Aggiornamento: 18:32

Linda Brenni lascia una traccia a Mendrisio

Nella Giornata della donna la Città dedica alla sua prima municipale il piazzale di fronte a Palazzo civico. Ma è solo la prima targa al femminile

Tra le donne che, oltre mezzo secolo fa, lottarono per ottenere voto ed eleggibilità c'era anche lei, Linda Brenni (1914-1994). Al diritto di essere parte attiva e integrante della vita politica ticinese, del resto, ci credeva, eccome. Da subito, in quel 1971, rispose presente quando si trattò di metterci la faccia e di candidarsi. Un impegno premiato prima con l'elezione in Gran consiglio per il Partito liberale radicale, poi quale prima donna, a varcare nel 1972 (e fino al 1976) il portone di Palazzo civico a Mendrisio e a sedersi al tavolo del Municipio. Oggi la Città ne fa memoria e nella Giornata internazionale della donna le dedica il piazzale antistante la Casa del Comune. Un atto simbolico e il primo di una serie: in tutto sono sette, in effetti, le figure femminili alle quali si è deciso di intitolare, appunto, una piazza e sei nuove vie. Un primo passo, annuncia l'esecutivo cittadino, al quale ne seguiranno altri: è confermata, di fatto l'intenzione di approfondire "ulteriori aspetti riguardanti la toponomastica della Città di Mendrisio, dando la possibilità a tutte le Commissioni di quartiere di formulare delle proposte".

Gli Archivi riuniti hanno ritrovato le 'Tracce di donne'

A Mendrisio si è dovuto attendere un anno per veder concretizzare la richiesta a cui aveva dato voce, giusto l'8 marzo 2020, una interrogazione interpartitica. Ma a ben vedere di anni ne sono trascorsi più di quindici da quando l'Associazione Archivi riuniti delle donne in Ticino ha lanciato un appello ai Comuni del cantone, esortandoli a considerare anche le donne che hanno lasciato un segno nel Paese. Un appello che non sempre è stato ascoltato. All'Associazione, però, come ci ricorda la giornalista Lorenza Hofmann non si sono dati per vinti, ripercorrendo, letteralmente, le 'Tracce di Donne' ticinesi. Un progetto di ricerca partito nel 2012 e che ha restituito, al momento, oltre un centinaio (105 per la precisione) di ritratti biografici di altrettante personalità al femminile del XIX e del XX secolo. Un risultato sin qui raggiunto grazie all'operato di una quarantina di storiche e storici e di un drappello di volontari.

Un patrimonio per la memoria

Lorenza Hofmann non ci nasconde la «grande soddisfazione e l'orgoglio» che dà aver concretizzato questa iniziativa; che ha comportato un lungo lavoro ma che attraverso le attuali tecnologie è accessibile a tutti. Non a caso nelle prime fasi l'Associazione ha ricevuto il sostegno degli Enti regionali per lo sviluppo e di un buon numero di Comuni. Basta un clic sul portale degli Archivi riuniti e si apre un mondo tutto da scoprire. I riflettori sono stati accesi sulle donne dei vari Distretti. Il Mendrisiotto ci racconta di ventiquattro profili di rilievo di cui è giusto ricordare la storia. Un patrimonio documentale che si è rivelato prezioso anche per la Commissione per la toponomastica che ha permesso poi al Municipio di individuare le sette donne di cui fissare il ricordo sulla targa di una via.

Oltre la targa c'è di più

Chi adesso passerà per il piazzale prospiciente il Municipio - così come chi attraverserà in futuro le sei vie che porteranno il nome di altrettante figure femminili nei Quartieri di Mendrisio, Genestrerio e Meride - non lanci, però, solo uno sguardo distratto alla targa commemorativa. Oltre l'iscrizione c'è di più: accanto si potrà scorgere, infatti, un codice QR. A quel punto basterà puntare il cellulare per scoprire tutto sulla donna che lì ha lasciato una traccia. La breve biografia aprirà il camino della conoscenza verso documenti scientifici e divulgativi più ampi per chi ne vorrà sapere di più.

Chi era Linda Brenni?

L'essere diventata parlamentare e prima donna municipale a Mendrisio non è stato un caso. Linda Brenni mostrò presto la sua attitudine all'impegno politico e sociale. Come ci svela la scheda curata da Giorgia Andreani per l'Associazione Archivi riuniti delle donne, durante la Seconda guerra mondiale aderì al Servizio Complementare Femminile, "arruolandosi come volontaria capo colonna delle truppe motorizzate femminili ticinesi, per conto della Croce Rossa"; organizzazione per la quale operò per parecchi anni. È la seconda metà degli anni Sessanta quando si affaccia, invece, alla politica iscrivendosi alla sezione giovanile del Plr. Sarà solo l'inizio.

Una storia moderna

"Nel corso della sua carriera politica- racconta la sua biografia - comparve spesso sulle pagine della stampa locale, dove intervenne anche personalmente per denunciare ciò che riteneva ingiusto. Combatté in difesa di diverse questioni ambientali e a favore della salvaguardia del territorio ticinese; proprio per questo può essere considerata una pioniera dei gruppi ambientalisti nati qualche anno più tardi in Ticino". Inoltre, "si dedicò a questioni di tipo sociale, divenendo membro del comitato del Movimento per la dignità dell’uomo nel 1972 e del Comitato cantonale di opposizione alle iniziative antistranieri nel 1977". Una storia, la sua, quanto mai moderna, come i temi che la videro in prima linea. Una fonte di ispirazione per le donne che oggi si lanciano in politica, a Mendrisio come nel resto del Ticino.

Dopo Linda Brenni le luci si accenderanno su Ersilia Fossati, Erminia Macerati, Maria Bernasconi, Flora Ruchat-Roncati, Sara Radaelli e Maria Ghioldi-Schweizer.

Leggi anche:

Un piazzale, un largo e cinque vie al femminile a Mendrisio

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
archivi riuniti donne linda brenni mendrisio piazzale vie
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved