Ginevra
4
Friborgo
1
3. tempo
(0-0 : 1-1 : 3-0)
Turgovia
2
Kloten
4
3. tempo
(1-1 : 0-0 : 1-3)
vacallo-per-ricostruire-il-bosco-serviranno-almeno-50-anni
La tempesta ha sradicato il 90 per cento degli alberi
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

‘Proscioglimento o al massimo pene pecuniarie sospese’

Sono le richieste dei legali di Eduardo Tartaglia e Alfonso Mattei nel processo per il caso Fec-Hottinger in corso al Tpf di Bellinzona
Bellinzonese
2 ore

‘L’aggregazione porta forza progettuale e maggiori competenze’

In vista del voto in Bassa Leventina, intervista a Roland David e Alberto Pellanda coinvolti in prima persona nelle fusioni di Faido e Riviera
Ticino
2 ore

Test superamento livelli: costo, valutazione, logistica...

Sperimentazione in terza media: ecco la proposta di emendamento (sei pagine) del Consiglio di Stato in vista del dibattito parlamentare sul Preventivo
Luganese
2 ore

Incendio allo Speedy Pizza di Massagno, due intossicati

Dopo l’esplosione di due batterie vi è stato un principio d’incendio, domato dai pompieri di Lugano. La polizia scientifica indaga sulle cause
Gallery
Locarnese
2 ore

Il ‘padel-graben’ che divide Sopra e Sottoceneri

La nuova disciplina, affine al tennis, conosce un crescente successo in Ticino. Ma nella nostra regione l’interesse per simili infrastrutture è scarso
Locarnese
4 ore

Ascona, nuovo parco giochi in via Delta

Presentata la domanda di costruzione. Nel frattempo vengono risanate anche le altre dieci aree attrezzate per i bimbi
Ticino
4 ore

Caso India, Biscossa (Ps): ‘Macché burro e ferrovia’

La prima firmataria della petizione che chiedeva lumi al governo respinge le accuse di Gobbi sui dati utilizzati: ‘Manca una risposta soddisfacente’
Locarnese
4 ore

Brione sopra Minusio, calano gli abitanti

Nel corso del 2021 le partenze hanno superato gli arrivi
Luganese
4 ore

Liceo diocesano di Breganzona, aperte le iscrizioni

Serate di presentazione pubblica, tra i percorsi possibili anche quelli per musicisti e sportivi
Luganese
5 ore

Apre il 26 gennaio il Casinò di Campione d’Italia

La sala da gioco riapre i battenti con la formula ‘Tutto in un Touch’
Locarnese
5 ore

Ronco s/Ascona, posteggi gratuiti

Fino al 28 febbraio non si dovranno pagare gli stalli pubblici comunali muniti di parchimetro
Ticino
5 ore

Visita di cortesia del console d’Italia a Lugano

Gabriele Meucci, appena entrato in carica, ha incontrato per la prima volta le autorità cantonali
Locarnese
5 ore

Losone, lavori Ses e interruzione corrente

Il 28 gennaio l’erogazione sarà brevemente sospesa, nel corso del pomeriggio, tra Caraa Servetta e via San Materno
Locarnese
5 ore

Annullato il Carnevale di Ribellonia a Solduno

Il comitato sta valutando di organizzare al suo posto un evento estivo
Locarnese
5 ore

Riapre la Bottega del Mondo a Cavergno

Dopo la pausa natalizia, riprende l’attività benefica della sede alto-valmaggese
04.03.2021 - 16:050
Aggiornamento : 07.03.2021 - 17:51

Vacallo, per ricostruire il bosco serviranno almeno 50 anni

Il Municipio informa la popolazione sugli interventi in corso dopo la tempesta di scirocco dell'ottobre scorso. ‘Rispettate le direttive federali’

Prima lo scirocco di inizio ottobre, poi le nevicate del periodo natalizio. I boschi sopra gli abitati di Vacallo, Morbio Inferiore e Breggia hanno decisamente vissuto mesi difficili. Oltre a rispondere a un'interrogazione del gruppo Ppd e Indipendenti per Vacallo, il Municipio di Vacallo ha voluto informare la popolazione sull'avanzamento dei lavori di ripristino. Il forte vento di scirocco, oltre i 100 km/h, “ha sradicato fino al 90 per cento degli alberi. Molto difficile a causa della fittissima e impenetrabile vegetazione ancora verde, quantificare nell'immediato il reale impatto sulla foresta”. La neve “ha ulteriormente aggravato la stabilità già precaria degli alberi sopravvissuti alla tempesta, facendone cadere molti altri”. In accordo con Breggia e Morbio Inferiore, il Municipio di Vacallo “ha da subito messo in atto gli interventi necessari per far fronte all'urgenza, con assoluta priorità alla rimozione degli alberi caduti, o pericolanti, sulle proprietà private”. Lo studio Fuerst e associati è stato incaricato di elaborare un progetto selvicolturale per il ripristino del bosco di protezione. Vanno tenuti in considerazione “i tempi per la ricostruzione di un'area boschiva in generale e delle dimensioni con cui siamo confrontati. Non si può certo parlare di anni, ma bisogna pensare a decenni, anche oltre 50 anni. La natura fa il suo corso: purtroppo la crescita non può essere veloce come la distruzione con la quale nostro malgrado ci siamo trovati confrontati”.

‘Municipio sempre aggiornato’

Nelle settimane successive all tempesta, si legge nella risposta all'interrogazione, ci sono state cinque riunioni tra la direzione lavori dell'Ufficio forestale del 6° circondario (forestale Andrea Guglielmetti), i tre Municipi e gli Uffici tecnici per “illustrare esattamente gli interventi previsti”. Il Municipio di Vacallo, si precisa, “è sempre stato aggiornato sull'avanzamento dei lavori” tramite l'Ufficio tecnico e il capodicastero Ambiente Andrea Rigamonti. Durante i citati incontri, il Comune di Vacallo “ha deciso di assumersi l'incarico di allestire un progetto selvicolturale sostenuto anche dagli altri due comuni; ha chiesto al Cantone e ottenuto il permesso di iniziare immediatamente i lavori con la garanzia di sussidio; ha deliberato la prima trance di lavori urgenti e dato mandato allo studio di ingegneria forestale Fuerst e associati di allestire il progetto definitivo”. Lo stesso, aggiunge il Municipio di Vacallo, “avrà la supervisione del forestale di settore”, si baserà su precise direttive selvicolturali emanate dalla Confederazione e, con le indicazioni del Municipio, terrà conto “di tutti gli aspetti necessari al ripristino del bosco di protezione, alla gestione delle neofite invasive, agli aspetti naturalistici e alla fruibilità da parte della popolazione”.

Tra ‘ragni’, elicotteri e ripristino

Tornando al presente e agli interventi in corso, l'esecutivo di Vacallo spiega che dopo i lavori di sgombero delle strade “si è proceduto all'individuazione delle superfici danneggiate e alla determinazione delle priorità d'intervento”. A causa “dell'evidente pericolosità” dei lavori da svolgere, “le imprese incaricate hanno utilizzato degli escavatori rampanti pesanti (ragni), unico metodo possibile per sistemare e sgomberare le ceppaie cadute anche sui sentieri”. A causa della mancanza di strade forestali “e per non devastare le strade comunali (via Vignola) è stato impiegato un elicottero per rimuovere il legname dal pendio sopra Vacallo. Si pensi che il trasporto di questo legname richiederebbe circa 350 grossi camion”. Questi lavori vengono svolti “in ottemperanza alle direttive federali sui lavori forestali” emanate dalla Commissione federale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro. I lavori proseguono con l'esbosco, con l'ausilio dell'elicottero, del legname tagliato in località Finestro, a Vacallo. “In località Brecch, a Morbio Inferiore, è prevista l'installazione di una teleferica per il trasporto del legname”. I lavori continueranno “a breve” anche in direzione di Sagno-Morbio Superiore. Per rimuovere gli alberi caduti lungo la mulattiera Vacallo-Sagno – “già in precedenza non si trovava in uno stato impeccabile, ed è stata danneggiata in gran parte della caduta degli alberi e dalle pesanti ceppaie intrise di terra” – l'impiego di macchinari adeguati “ha sicuramente accentuato il problema in alcuni punti delimitati”. Per ovviare a questa situazione, “ancor prima di iniziare i lavori il Municipio di Vacallo aveva ricevuto rassicurazioni sulla sistemazione dei danni a lavori ultimati, come in ogni cantiere, con l'obiettivo di migliorare la situazione iniziale”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved