anche-l-italia-spinge-per-spostare-l-autostrada-sotto-al-penz
Interesse sui due lati del confine (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
7 ore

Valle di Muggio: spazio pubblico, benessere degli anziani

Summer School, studenti e architetti all’opera: un passo in più a favore dell’interazione degli abitanti di Campora, Casima, Muggio, Cabbio e Bruzella.
Mendrisiotto
10 ore

Arzo ritrova la ‘Fontana dei pesci’. Senza le carpe di Rossi

La Città si appresta a posare di nuovo in paese la vasca in marmo. Ma della scultura dell’artista si sono perse le tracce
Bellinzonese
10 ore

Giorgio Lotti nuovo presidente del Lions Club Bellinzona e Moesa

Sostituirà l’uscente Sergio Pedrazzini. Negli ultimi due anni la fondazione ha potuto svolgere un’intensa attività benefica, nonostante la pandemia
Ticino
10 ore

‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’

La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Bellinzonese
10 ore

‘Un problema’ ferma la funicolare del Ritom

L’impianto resterà chiuso fino al 5 luglio. Per i viaggiatori ancora presenti nella regione sarà a disposizione un servizio di bus navetta
Luganese
10 ore

Cadempino, gli aumenti di stipendio tornano in Municipio

Il Consiglio comunale rinvia all’esecutivo la proposta di modifica dell’articolo del Regolamento organico dei dipendenti. Approvato il consuntivo.
Locarnese
11 ore

Bosco Gurin, quei tesori spesso nascosti

Da sabato il via alla stagione estiva, con una ricca offerta di svaghi per il tempo libero. In funzione la seggiovia e la slittovia
Ticino
11 ore

Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’

L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
11 ore

Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura

Alla vigilia della Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Bellinzonese
11 ore

Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 6 dalle 11 alle 17. A seguire letture di racconti sulla Beat Generation al Bar Cervo
Mendrisiotto
11 ore

A Chiasso le opere dell’artista ucraino Ivan Turetskyy 

Fino al 24 luglio quattro oli e acrilico su tela saranno esposti a m.a.x. museo, Spazio Officina, Biblioteca e in Municipio
Locarnese
11 ore

‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’

Il capodicastero Sicurezza Zanchi e il comandante della Polcomunale di Locarno Bossalini difendono il proprio operato e quello dei loro agenti.
Luganese
11 ore

Pavimentazione fonoassorbente a Montagnola

I lavori si terranno nelle notti tra il 4 e il 9 luglio nella zona del nucleo, lungo un tratto di 300 metri
Bellinzonese
11 ore

La camminata Bellinzona-Locarno per celebrare Leonardo da Vinci

Il ‘Tour Leonardesco del Canton Ticino’ sarà inaugurato domenica 17 luglio con un facile percorso a piedi nel verde
Ticino
12 ore

‘Alla guida nessuna distrazione!’

Dipartimento istituzioni e Polizia cantonale rinnovano la raccomandazione
Mendrisiotto
12 ore

Coldrerio, in vigore l’ordinanza per gli incentivi energetici

Il documento segue l’approvazione del Regolamento. Un unico documento che permette al cittadino di farsi un’idea chiara sulle facilitazioni comunali.
Bellinzonese
13 ore

Airolo, visitabile il cantiere del secondo tubo del San Gottardo

Diverse possibilità per chi volesse saperne di più su questa ‘opera monumentale’ che trasformerà in parte il territorio comunale
laR
 
17.02.2021 - 06:00

Anche l'Italia spinge per spostare l'autostrada sotto al Penz

Il sindaco di Como Mario Landriscina cita il progetto nell'ambito del Recovery Plan. A inizio marzo una riunione transfrontaliera

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Aumentano i pareri favorevoli in merito al progetto ‘Porta Sud delle Alpi’, ovvero lo spostamento dell'autostrada A2 in una galleria scavata sotto la collina del Penz. Como guarda infatti a Chiasso e alla connessione tra i due territori. Questa, in sintesi, la direttrice sulla quale si sta muovendo il capoluogo lariano per raccogliere risorse, nell'ambito del Recovery Plan, per avviare infrastrutture vitali. Finanziamenti che potranno essere recuperate grazie all’inserimento delle proposte locali nel Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), il programma d'investimenti che l’Italia deve presentare alla Commissione europea entro fine aprile. Un tema caldo che, in Italia, che ha aperto la strada al Governo di Mario Draghi. Sulla possibile connessione sul confine si è espresso il sindaco di Como Mario Landriscina. «L’occasione che abbiamo è di quelle importanti – spiega –. Ecco perché già da tempo sto lavorando su più fronti. Il primo, per il quale ho già avuto diversi incontri con le autorità ticinesi, primo fra tutti il sindaco di Chiasso Bruno Arrigoni, riguarda il progetto svizzero di eliminare l’autostrada a Chiasso, spostando il tracciato della A2 in una galleria sotto la collina del Penz, a ridosso con il nostro confine. Con le autorità svizzere stiamo valutando un interessamento diretto da parte nostra viste le ricadute positive, in termini di viabilità, che ne deriverebbero».

Il punto transfrontaliero

Il Master in pianificazione territoriale al Politecnico di Zurigo realizzato dall'architetto Elena Fontana è da subito entrato nel cuore del sindaco di Chiasso Bruno Arrigoni e dalla sua prima presentazione pubblica – la cerimonia dello scambio degli auguri con la popolazione del gennaio scorso – ha mosso diversi passi, conquistando vari consensi. A inizio marzo, con il coordinamento della Regio Insubrica, è prevista una nuova riunione – in videoconferenza – che porterà davanti agli schermi vari attori transfrontalieri che si confronteranno sul tema e faranno il punto della situazione. «Questo progetto mi è piaciuto da subito perché rappresenta un cambiamento sia dal lato paesaggistico che da quello ecologico – commenta il sindaco di Chiasso –. È molto positivo sapere che la spinta arriva anche dall'Italia e che si tratta di un progetto che parte dal basso, dai Comuni, e che non viene imposto». Durante la prossima riunione verrà presentato un documento con, tra gli altri, più dati, misurazioni geologiche, fattibilità e misurazioni. «Il documento è stato commissionato all'architetto dai Comuni del Basso Mendrisiotto – continua Arrigoni –. L'obiettivo finale resta quello di arrivare a un progetto di fattibilità per dare un certo peso a questa proposta». L'orizzonte ipotizzato è quello del 2050. «Se vogliamo fare un passo avanti, e quindi arrivare al citato progetto di fattibilità, dobbiamo muoverci in questi mesi – è la certezza di Bruno Arrigoni –. Non possiamo più aspettare perché è adesso che passa il treno, o per meglio dire l'autostrada. Pensando alla rivalorizzazione del territorio, i tempi sono abbastanza maturi e conviene prendere la palla al balzo». L'interlocutore dei Comuni verso le istituzioni sarà la Commissione regionale dei trasporti del Mendrisiotto (Crtm).

Insieme ad AlpTransit

L'ultima riunione che ha portato i comuni del Basso Mendrisiotto allo stesso tavolo ha segnato un punto fermo. Il 2050 non è solo l'orizzonte temporale per lo spostamento dell'autostrada, ma anche l'anno indicato per la prosecuzione di AlpTransit a sud di Lugano. «Abbiamo deciso di insistere per portare avanti il progetto insieme a quello di AlpTransit – ammette il sindaco di Chiasso –, valutando di sviluppare un progetto che possa essere portato avanti in parallelo e che non sia contrapposto, anche perché si possono studiare determinate sinergie nella zona della stazione».

Stazione comune? ‘Non è una priorità’

Sul tema della stazione e sul futuro è tornato a esprimersi anche il sindaco Landriscina. «È stato avviato il confronto anche sul fronte ferroviario: la realizzazione, sempre sul confine, di una grande stazione internazionale di Como. Uno scalo decisivo per i passeggeri ma anche per le merci, per essere adeguatamente strutturati a sopportare i flussi in arrivo con l'Alptransit. Ciò significherebbe migliorare certamente i transiti dei passeggeri ma soprattutto attirare il settore merci».  Il pensiero va a un centro intermodale. Di una stazione unica Como-Chiasso si parla da ormai una ventina di anni, quando i sindaci dei due comuni di frontiera erano Alberto Botta e Claudio Moro. Il tema di una stazione comune a cavallo della frontiera è stato ripreso un paio d'anni fa e potrebbe conoscere un'accelerazione considerato che con il Recovery Plan l'ostacolo finanziamenti potrebbe essere superato. Un entusiasmo che non trova però conferme sul lato svizzero. Già nel maggio del 2019 le Ferrovie federali svizzere avevano fatto sapere che non vi era alcuno studio o progetto relativo alla realizzazione di una tale infrastruttura. «In Svizzera non c'è un grande interesse – conferma ancora Bruno Arrigoni –. Ne avevamo parlato e abbiamo nuovamente sondato l'interesse tramite la Crtm ma non siamo andati oltre». La creazione di questa stazione – «non necessariamente bisognerebbe edificarne una nuova, basterebbe un collegamento tra le due, per esempio con uno shuttle o una S-Bahn» – «non è considerata una priorità come lo è il far fermare gli Intercity. Ipotesi che, con una stazione comune, forse sarebbe più semplice – conclude Bruno Arrigoni –. Si tratta comunque di un discorso che, coinvolgendo due Nazioni, è piuttosto complicato».

Leggi anche:

Chiasso, spostiamo la A2 nella collina del Penz

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
autostrada bruno arrigoni chiasso como elena fontana mario landriscina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved