ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
16 min

Quasi mille abitanti in più a Bellinzona

Nel 2022 sono stati registrati 3’098 arrivi e 2’315 partenze, 360 nascite e 377 decessi. La popolazione è formata da 198 nazionalità diverse
Luganese
2 ore

L’ambasciatrice svizzera a Roma sarà ospite a Lugano

Monika Schmutz Kirgöz sarà la protagonista della seconda serata del ciclo ‘Incontri diplomatici’ al Consolato generale d’Italia
Luganese
2 ore

A Lugano tornano i corsi di italiano per stranieri

La prossima serie di lezioni è prevista tra febbraio e giugno. Organizza l’Associazione Il Centro, nella propria sede di via Brentani
Luganese
2 ore

Salute e salvezza spirituale, un convegno a Lugano

Nell’era post-pandemica, quale il ruolo della Chiesa? Se ne parlerà l’11 febbraio alla Biblioteca cantonale. Seguiranno rinfresco e visita a una mostra
Mendrisiotto
3 ore

Ai nastri di partenza il Carnevale di Genestrerio

I bagordi di Zenebritt si terranno domenica 5 febbraio, con musica, pranzo in compagnia e giochi
Grigioni
3 ore

Oltre 700 partecipanti alla Mangia e Nevi di San Bernardino

La tradizionale passeggiata enogastronomica, organizzata dall’associazione iSanbe, si è svolta sabato 28 gennaio
Luganese
3 ore

Carnevale di Comano in arrivo

La 56esima edizione di Ur Sgarbelée si terrà dall’11 al 21 febbraio tra maschere, pasti in compagnia e musica
Bellinzonese
3 ore

Comizio distrettuale del Plr di Bellinzona a Giubiasco

Appuntamento con i candidati del distretto per sabato 11 febbraio alle 11 al Mercato coperto
Ticino
3 ore

Le sirene d’allarme suoneranno l’1 febbraio per il test annuale

La consueta prova dei dispositivi di allarme avverrà a partire dalle 13:30. La comunicazione ufficiale anche in lingua ucraina per non suscitare paure
Bellinzonese
3 ore

Fatturato record nel 2022 per Interroll: crescita del 4%

Buon risultato per l’azienda di Sant’Antonino. Malgrado un sensibile calo di nuove commesse, c’è ottimismo per l’anno in corso
Mendrisiotto
9 ore

Nasce a Chiasso l’associazione che promuove lo Street food

Professionisti del settore uniscono le forze per organizzare eventi in tutto il Cantone a partire dalla primavera
Locarno
9 ore

La città cresce. Il Municipio vuole un ‘Programma di azione’

Palazzine in costruzione e progetti per decine di appartamenti, tra rischi e opportunità. L’analisi del capo dicastero sviluppo economico e territoriale
Luganese
17 ore

A Tresa nasce un progetto di reinserimento sociale

Municipio e servizio sociale coinvolgono le aziende per creare opportunità di stage, lavori temporanei o di lunga durata per i giovani in assistenza
Ticino
20 ore

Formazione bilingue, studenti friburghesi nei licei ticinesi

Dopo i cantoni di Berna e Vaud, un nuovo progetto per rafforzare il plurilinguismo
Ticino
21 ore

Si torna a fare il pieno in Ticino

Prezzi benzina: dopo il taglio delle accise in Italia, i frontalieri, e non solo loro, riappaiono nei distributori al di qua del confine
Luganese
21 ore

Bioggio, scontro tra due auto alla rotonda

Un ferito leggero e ingenti danni materiali ai due veicoli coinvolti il bilancio del sinistro tra via Strada Regina e via Longa
Luganese
22 ore

Ricerca di persona sopra Caslano, operazione conclusa

Nelle ricognizioni era stata impegnata la Rega, intervenuta anche con un elicottero con termocamera e visore notturno
laR
 
17.02.2021 - 06:00

Anche l'Italia spinge per spostare l'autostrada sotto al Penz

Il sindaco di Como Mario Landriscina cita il progetto nell'ambito del Recovery Plan. A inizio marzo una riunione transfrontaliera

anche-l-italia-spinge-per-spostare-l-autostrada-sotto-al-penz
Interesse sui due lati del confine (archivio Ti-Press)

Aumentano i pareri favorevoli in merito al progetto ‘Porta Sud delle Alpi’, ovvero lo spostamento dell'autostrada A2 in una galleria scavata sotto la collina del Penz. Como guarda infatti a Chiasso e alla connessione tra i due territori. Questa, in sintesi, la direttrice sulla quale si sta muovendo il capoluogo lariano per raccogliere risorse, nell'ambito del Recovery Plan, per avviare infrastrutture vitali. Finanziamenti che potranno essere recuperate grazie all’inserimento delle proposte locali nel Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), il programma d'investimenti che l’Italia deve presentare alla Commissione europea entro fine aprile. Un tema caldo che, in Italia, che ha aperto la strada al Governo di Mario Draghi. Sulla possibile connessione sul confine si è espresso il sindaco di Como Mario Landriscina. «L’occasione che abbiamo è di quelle importanti – spiega –. Ecco perché già da tempo sto lavorando su più fronti. Il primo, per il quale ho già avuto diversi incontri con le autorità ticinesi, primo fra tutti il sindaco di Chiasso Bruno Arrigoni, riguarda il progetto svizzero di eliminare l’autostrada a Chiasso, spostando il tracciato della A2 in una galleria sotto la collina del Penz, a ridosso con il nostro confine. Con le autorità svizzere stiamo valutando un interessamento diretto da parte nostra viste le ricadute positive, in termini di viabilità, che ne deriverebbero».

Il punto transfrontaliero

Il Master in pianificazione territoriale al Politecnico di Zurigo realizzato dall'architetto Elena Fontana è da subito entrato nel cuore del sindaco di Chiasso Bruno Arrigoni e dalla sua prima presentazione pubblica – la cerimonia dello scambio degli auguri con la popolazione del gennaio scorso – ha mosso diversi passi, conquistando vari consensi. A inizio marzo, con il coordinamento della Regio Insubrica, è prevista una nuova riunione – in videoconferenza – che porterà davanti agli schermi vari attori transfrontalieri che si confronteranno sul tema e faranno il punto della situazione. «Questo progetto mi è piaciuto da subito perché rappresenta un cambiamento sia dal lato paesaggistico che da quello ecologico – commenta il sindaco di Chiasso –. È molto positivo sapere che la spinta arriva anche dall'Italia e che si tratta di un progetto che parte dal basso, dai Comuni, e che non viene imposto». Durante la prossima riunione verrà presentato un documento con, tra gli altri, più dati, misurazioni geologiche, fattibilità e misurazioni. «Il documento è stato commissionato all'architetto dai Comuni del Basso Mendrisiotto – continua Arrigoni –. L'obiettivo finale resta quello di arrivare a un progetto di fattibilità per dare un certo peso a questa proposta». L'orizzonte ipotizzato è quello del 2050. «Se vogliamo fare un passo avanti, e quindi arrivare al citato progetto di fattibilità, dobbiamo muoverci in questi mesi – è la certezza di Bruno Arrigoni –. Non possiamo più aspettare perché è adesso che passa il treno, o per meglio dire l'autostrada. Pensando alla rivalorizzazione del territorio, i tempi sono abbastanza maturi e conviene prendere la palla al balzo». L'interlocutore dei Comuni verso le istituzioni sarà la Commissione regionale dei trasporti del Mendrisiotto (Crtm).

Insieme ad AlpTransit

L'ultima riunione che ha portato i comuni del Basso Mendrisiotto allo stesso tavolo ha segnato un punto fermo. Il 2050 non è solo l'orizzonte temporale per lo spostamento dell'autostrada, ma anche l'anno indicato per la prosecuzione di AlpTransit a sud di Lugano. «Abbiamo deciso di insistere per portare avanti il progetto insieme a quello di AlpTransit – ammette il sindaco di Chiasso –, valutando di sviluppare un progetto che possa essere portato avanti in parallelo e che non sia contrapposto, anche perché si possono studiare determinate sinergie nella zona della stazione».

Stazione comune? ‘Non è una priorità’

Sul tema della stazione e sul futuro è tornato a esprimersi anche il sindaco Landriscina. «È stato avviato il confronto anche sul fronte ferroviario: la realizzazione, sempre sul confine, di una grande stazione internazionale di Como. Uno scalo decisivo per i passeggeri ma anche per le merci, per essere adeguatamente strutturati a sopportare i flussi in arrivo con l'Alptransit. Ciò significherebbe migliorare certamente i transiti dei passeggeri ma soprattutto attirare il settore merci».  Il pensiero va a un centro intermodale. Di una stazione unica Como-Chiasso si parla da ormai una ventina di anni, quando i sindaci dei due comuni di frontiera erano Alberto Botta e Claudio Moro. Il tema di una stazione comune a cavallo della frontiera è stato ripreso un paio d'anni fa e potrebbe conoscere un'accelerazione considerato che con il Recovery Plan l'ostacolo finanziamenti potrebbe essere superato. Un entusiasmo che non trova però conferme sul lato svizzero. Già nel maggio del 2019 le Ferrovie federali svizzere avevano fatto sapere che non vi era alcuno studio o progetto relativo alla realizzazione di una tale infrastruttura. «In Svizzera non c'è un grande interesse – conferma ancora Bruno Arrigoni –. Ne avevamo parlato e abbiamo nuovamente sondato l'interesse tramite la Crtm ma non siamo andati oltre». La creazione di questa stazione – «non necessariamente bisognerebbe edificarne una nuova, basterebbe un collegamento tra le due, per esempio con uno shuttle o una S-Bahn» – «non è considerata una priorità come lo è il far fermare gli Intercity. Ipotesi che, con una stazione comune, forse sarebbe più semplice – conclude Bruno Arrigoni –. Si tratta comunque di un discorso che, coinvolgendo due Nazioni, è piuttosto complicato».

Leggi anche:

Chiasso, spostiamo la A2 nella collina del Penz

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved