partito-il-cantiere-del-centro-federale-d-asilo-a-pasture
Da marzo si fa capo anche alla struttura provvisoria a Pasture (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Violento temporale nel Luganese causa smottamenti e allagamenti

I pompieri sono stati sollecitati più volte. Colpito in modo particolare il Malcantone
Ticino
3 ore

Premi cassa malati +10%, Dss: ‘Nel campo delle speculazioni’

La cifra dell’aumento indicata da uno studio di Accenture è ancora solo un’ipotesi, secondo Paolo Bianchi: ‘Indicazioni precise arriveranno prossimamente’
Luganese
3 ore

Tentato assassinio ad Agno: 49enne ha sparato a un 22enne

In pericolo di vita il giovane. È accaduto stamane in via Aeroporto. Arrestato l’autore. Gli inquirenti indagano sul movente.
Luganese
5 ore

Alla Biblioteca di Lugano, letteratura e colazione offerta

Domani doppio incontro sul tema del viaggio. Matinée sulla cronaca locale di prossimità
Luganese
6 ore

StraLugano, seconda edizione per il trofeo dedicato a Borradori

La 10 chilometri CityRun in programma il 10 settembre aggiudicherà il titolo speciale in memoria del sindaco scomparso un anno fa
Locarnese
6 ore

Muralto, prosegue la rassegna Jazz al lago

Giovedì 11 agosto alla Palma au Lac si esibisce il ‘Cool guitar trio’; musica dalle 19 alle 22
Bellinzonese
7 ore

PerBacco! è già tempo di Festa della vendemmia a Bellinzona

La manifestazione invaderà il centro storico cittadino dal 1° al 4 settembre
gallery
Bellinzonese
7 ore

L’alpe Arami di Gorduno diventa ‘un patrimonio di tutti’

Inaugurato l’importante lavoro di recupero e ristrutturazione della baita con ristorazione, dotata di dormitorio, e dei pascoli
Mendrisiotto
7 ore

Otr Mendrisiotto forma altri due selvicoltori

L’Organizzazione turistica regionale dà anche il benvenuto alle nuove leve. Ci sarà per la prima volta anche una donna
Bellinzonese
7 ore

La musica di montagna al lavatoio di Mascengo

Appuntamento giovedì 11 agosto col folclore ticinese e italiano
Luganese
8 ore

Viganello, grave un inquilino caduto nel palazzo

Nella notte un uomo è rimasto ferito sul balcone tetto dello stabile. Sul posto l’intervento degli agenti della Polizia cantonale e cittadina
Locarnese
9 ore

Ascona, Campionato ticinese di lancio del sasso

Uomini e donne in gara sabato prossimo, sulla pedana allestita presso l’autosilo comunale
Locarnese
9 ore

Pre-asilo Pardy, iscrizioni sempre aperte

Vi sono ancora alcuni posti disponibili per bimbi dai due anni in su
Locarnese
13 ore

Centovalli, pompieri ancora al lavoro

Un fulmine sabato sera ha innescato un rogo boschivo sopra il Monte Sauree. Militi ed elicottero in azione. In corso la bonifica
Locarnese
13 ore

Hotel Arcadia, la Sinistra vuole vederci chiaro

Interrogazione al Municipio di Locarno sul clima di lavoro e le tensioni all’interno della nota struttura ricettiva
07.01.2021 - 21:14
Aggiornamento: 08.01.2021 - 00:24

Partito il cantiere del Centro federale d'asilo a Pasture

I lavori fra Balerna e Novazzano sono iniziati da alcune settimane. Obiettivo, aprire la struttura definitiva per la metà del 2023

Accanto al Centro provvisorio, a Pasture, a cavallo fra Balerna e Novazzano, si notano solo i primi accenni di cantiere. Sta di fatto che da alcune settimane i lavori per la costruzione della struttura definitiva sono partiti. E a quanto pare la tabella di marcia dovrebbe essere rispettata. Come dire che dalla metà del 2023 i richiedenti l'asilo saranno accolti in quello che, a tutti gli effetti, sarà il nuovo Centro federale d'asilo (Cfa) per la 'Regione Ticino e Svizzera centrale', una delle sei in cui è stato suddiviso il Paese, con i suoi 350 posti. Sarà lì che tra un paio di anni dovranno essere presentate ed esaminate le domande d'asilo e il richiedente trascorrerà l'intera durata della procedura (in media di 140 giorni). In effetti, oggi si sta vivendo ancora la fase di transizione, in equilibrio tra il 'vecchio' Centro di Chiasso, capace di ospitare fino a 135 persone, e l'edificio temporaneo a Pasture, con i suoi 220 posti letto. Stabile, quest'ultimo, che assicurerà le sue funzioni sino alla realizzazione del futuro Cfa.

Gestione: da Berna si rassicura. Flussi migratori contenuti

Il varo del Centro finale dovrebbe restituire maggiore solidità non solo alla Sem, la Segreteria di Stato della migrazione, ma pure ai Comuni del Basso Mendrisiotto. L'agosto scorso a seguito di alcuni episodi e comportamenti che avevano arrecato disturbo alla quiete pubblica, culminati con un furto d'auto, la fuga e l'inseguimento notturno per le vie di Chiasso di due richiedenti l'asilo, il Municipio locale aveva fatto sentire la sua voce e sollecitato un intervento a Berna. E in effetti il Cantone non ha mancato di portare "costantemente" all'attenzione delle autorità federali "la questione concernente la gestione di richiedenti l'asilo", al fine di "trovare delle soluzioni ragionevoli al riguardo".

In aprile e in maggio, fa sapere il Consiglio di Stato rispondendo all'interrogazione del deputato della Lega Stefano Tonini, presentata sull'onda dei fatti di Chiasso, sono stati interpellati, di nuovo, la Consigliera federale Karin Keller-Sutter e il Segretario di Stato Mario Gattiker. L'obiettivo? Suggerire di "rivedere l'impostazione di collocamento di persone recalcitranti, di competenza federale come pure cantonale, in particolare tenendo conto delle circostanze eccezionali legate alla pandemia". E da Berna sono giunte delle "rassicurazioni in tal senso, soprattutto ritenuto come durante questo anno i flussi migratori, per ovvie ragioni, sono rimasti molto contenuti".

Garanzie e diritti, norme e sanzioni

È evidente, come ribadisce anche il governo, che la Sem non può svolgere funzioni di Polizia. Ed è altrettanto chiaro che, si rammenta, "le garanzie costituzionali e i diritti fondamentali non permettono la messa in isolamento 'sine die' di una persona, pertanto sarà necessario che la Svizzera continui ad adoperarsi per creare le condizioni quadro che consentano l'efficace allontanamento di coloro che non possono vantare alcun diritto di soggiorno nel nostro Paese", si precisa.

Del resto, legislazioni e norme sono chiare, a cominciare dalla Legge sull'asilo, al pari della sanzioni penali - a seguito di una denuncia al Ministero pubblico o di un arresto - e disciplinari amministrative per chi viola le regole. Non solo, come riconosce il Cantone, la collaborazione con il Centro federale è "molto buona", grazie agli scambi di informazioni e agli incontri puntuali tra gli addetti alle misure di sicurezza di polizia e strategici fra la direzione e le autorità. La Sem, infatti, non ha mancato di attuare, sottolinea il CdS, molteplici "provvedimenti di fiancheggiamento a tutela del territorio", come i pattugliamenti, effettuati più volte al giorno sul terreno e affidati a una società privata di sicurezza, nel segno della prevenzione e della dissuasione, e come i contatti stretti tenuti con la Polizia comunale di Chiasso e la Gendarmeria del Mendrisiotto.

Reati e statistiche

A Tonini che chiedeva al Cantone di conoscere i numeri degli interventi di Polizia legati a fatti che vedono quali protagonisti dei richiedenti l'asilo o ancora il dato sui reati commessi o sulle recidive, non è possibile dare una risposta precisa. Le statistiche, si fa capire, sono onnicomprensive, anche nel caso di quella criminale di Polizia. Si può solo dire che sull'arco di un anno - dall'aprile 2019 all'aprile 2020 - le forze dell'ordine ticinesi sono intervenute 181 volte, in via indicativa.

Più mirate sono altre cifre. Nel 2019, precisa il Cantone, le persone nel contesto dell'asilo oggetto di carcerazione amministrativa - in particolare a garanzia dell'attuazione di una procedura di allontanamento o di un procedimento penale in cui può essere pronunciata l’espulsione - sono state 35. In 21 casi vi erano dei precedenti per violazione dell'ordine pubblico. Sino al settembre scorso, invece, "sono state ordinate 14 carcerazioni amministrative a persone afferenti all'ambito dell'asilo, di cui 7 con precedenti per violazione dell'ordine pubblico".

Il Consiglio di Stato tiene, infine, a puntualizzare che lo scopo della misura coercitiva - per un massimo di 18 mesi - "non è quello di sanzionare coloro che violano l'ordine pubblico, ciò che compete esclusivamente all'autorità giudiziaria penale, bensì di indurre i richiedenti l'asilo respinti a voler collaborare con le autorità preposte e a garantire il loro allontanamento dalla Svizzera".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
centro pasture richiedenti asilo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved