dal-sushi-alla-spesa-natale-al-valico-con-scambio-merce
Ti-Press
Tra buste della spesa e regali di Natale
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
49 min

L’economia dei lavoretti da noi è ‘poco diffusa’

Lo rileva il Consiglio di Stato rispondendo a un’interrogazione di Sirica (Ps) in seguito al ‘caso Divoora’. Attesi approfondimenti a livello nazionale
Locarnese
1 ora

JazzAscona 2022, organizzatori molto soddisfatti

Sotto il segno del gemellaggio con New Orleans la maratona musicale ticinese, giunta alla 38esima edizione, ha registrato un ottimo successo
Locarnese
1 ora

Salvataggio Sub Gambarogno, dati due nuovi brevetti

 Mattia Ferrari e Roberto Plebani hanno ottenuto il brevetto per i salvataggi nelle acque libere
Locarnese
2 ore

Mortale di Broglio, ‘Daniele amava la valle e la sua libertà’ 

Il 20enne è deceduto nell’incidente stradale avvenuto stanotte. Nato al ‘piano’ ma col cuore fra le montagne. Il ricordo di parenti e amici.  
Gallery
Mendrisiotto
2 ore

Cavea Festival ad Arzo, grande musica e buoni numeri

Organizzatori soddisfatti. Alla manifestazione alle cave tutto è filato liscio anche sul fronte della sostenibilità e della sicurezza
Luganese
3 ore

Lugano, Harley Days di successo con... fuochi inattesi

Folta partecipazione all’evento che si chiude oggi. Ma a far discutere sono i fuochi d’artificio non annunciati di sabato sera. Badaracco: ‘Malinteso’.
Gallery
Luganese
4 ore

Ukraine Recovery Conference, Shmyhal atterrato ad Agno

Il Primo ministro, che guiderà la delegazione ucraina è arrivato in città. Accolto dal presidente Cassis e dal sindaco Foletti
Mendrisiotto
5 ore

Morta sull’A2, gli amici del ritrovo: ‘Una bellissima persona’

Nella regione ha lasciato increduli la morte della 36enne travolta nella notte a Rancate. La giovane donna era mamma di due bambine
Luganese
6 ore

Risparmio energetico, i Verdi: ‘Lugano faccia la sua parte’

Un’interrogazione ecologista chiede al Municipio di adeguarsi alle raccomandazioni dell’Agenzia internazionel dell’energia
Bellinzonese
6 ore

Diaporama di Giuseppe Brenna sugli alpi di Leventina

L’alpinista giovedì 7 luglio presso il Dazio Grande presenterà in conferenza la sua ultima fatica editoriale
laR
 
31.12.2020 - 05:50
Aggiornamento: 10:20

Dal sushi alla spesa, Natale al valico con ‘scambio merce’

Non tutti hanno rinunciato ad acquisti in Italia grazie a 'conoscenti-spalloni'. L’Afd: 'tollerata consegna regali', ma area doganale 'non è zona di scambio'

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Dalla seconda metà del 19esimo secolo era piuttosto il caffé, a cavallo della seconda guerra mondiale era il riso, mentre nei tre decenni a seguire la facevano da padrone le 'bionde', le sigarette. Ma, nel corso degli anni, non sono mancate le biciclette, lo zucchero, il gasolio. È la merce che transitava illegalmente - eludendo - le disposizioni doganali e il pagamento dei tributi - al confine tra il Ticino e il Nord Italia. Il contrabbando, che nella storia ticinese ha assunto anche un velo di romanticismo. Anche perché, all'epoca, lo si faceva anche per 'vera' necessità. Tempi dove la 'fame' si sentiva realmente. In tempi di pandemia, durante il primo lockdown, in una accezione decisamente meno romantica, qualcuno - malgrado i divieti imposti - ha provato a vestire i panni (con le dovute proporzioni) dello 'sfrusaduu' e passare il confine con la spesa nel baule. Facendo poi i conti con i 'burlanda'.
In queste settimane, con la seconda ondata presente, i passaggi al di qua e al di la della 'ramina' - se non per motivi di necessità, soprattutto lavorative - si sono ridotti drasticamente. Con la Lombardia zona rossa e arancione, recarsi in Italia è possibile solo presentando gli esiti del tampone negativo. E allora, in 'modalità 2.0' e senza il romanticismo (come pure la reale necessità) del secolo scorso. lo scambio delle merci al confine è tornato in auge. Va detto, a scanso di equivoci, in maniera del tutto legale. Lo si fa ad esempio per il sushi, dove i ristoranti giapponesi posti a pochi metri dal valico fanno la spola per i clienti ticinesi. Succede ad esempio al valico di Ligornetto (Cantinetta): basta ordinare la cena e recarsi al confine all'orario prestabilito con i contanti in tasca. Lì, a ridosso dei due Stati, sul piazzale, avviene lo 'scambio': il personale dell'esercizio pubblico situato a poche decine di metri di distanza, armato di sacchetti contenenti i vari piatti orientali, arriva in dogana e ti consegna la cena.

Scambi natalizi (con spesa)

L'area doganale, però, nelle scorse settimane, è stata utilizzata anche per scambiarsi... la spesa. Alcuni ticinesi, infatti, si sono affidati a conoscenti in Italia per acquistare i generi alimentari e farseli consegnare al confine. Una situazione che, di per sé, non è illegale. Lo sanno bene anche i collaboratori dell'Amministrazione federale delle dogane i quali hanno effettivamente notato i vari scambi. Il valico, però, resta tale e non può essere utilizzato come zona di scambio. Lo specifica anche la portavoce dell'Amministrazione federale delle dogane Nadia Passalacqua la quale, interpellata, spiega appunto che «per svariate ragioni – in particolare legate ad aspetti di sicurezza e viabilità – l’area doganale non è idonea per essere utilizzata quale zona di scambio di merci». In linea di principio, dunque, «simili operazioni non sono previste». A Natale e in tempo di pandemia, però, si è chiuso un occhio. «In via del tutto eccezionale – spiega ancora la portavoce –, durante il periodo prenatalizio, è stato tollerato lo scambio di regali tra privati». Però, come detto, qualche busta della spesa al valico è transitata. Insomma, a ridosso del Natale si è tollerato lo scambio di regali, ma questo non deve diventare la regola, soprattutto per quel che riguarda le compere. Lo sa bene anche l'Amministrazione federale delle dogane che «provvederà a sensibilizzare» tutti gli attori in campo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
area doganale spesa sushi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved