ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
1 ora

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
3 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
3 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
4 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
4 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
4 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
5 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
5 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
6 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
6 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Ticino
6 ore

‘C’è un problema di mobbing all’Ufficio del sostegno sociale?’

Lo chiede in un’interpellanza il deputato leghista Massimiliano Robbiani. ‘La capoufficio è all’altezza del compito di conduzione attribuitole?’
Mendrisiotto
6 ore

Chiasso, la Smac offre nuovi corsi per tutte le età

Dalle lezioni di fumetto al teatro, dallo yoga alla musica in gruppo. Per ogni attività la prima lezione è gratuita.
Ticino
6 ore

Falegnami, una serata sulle possibilità di formazione

Una professione molto diffusa in Ticino, ma che soffre per mancanza di personale altamente qualificato
Bellinzonese
6 ore

Code uguali ma tempi d’attesa diversi: ‘Più veloci verso Sud’

Gottardo, ribadite dalla consigliera federale Sommaruga le ipotesi di Ustra: chi va in ferie guiderebbe più speditamente
05.12.2020 - 17:15

'Alla Prella ci sarà un capannone di troppo'

La consigliera Grazia Bianchi punta il dito contro il progetto appena presentato, che 'entra in conflitto con paesaggio e ambiente'. Insorgono in tre

alla-prella-ci-sara-un-capannone-di-troppo
Una zona sensibile (Ti-Press)

Chi, solo qualche anno fa, ha osteggiato con convinzione l'insediamento alla Prella, a Genestrerio, del centro di distribuzione della Swatch, ha subito storto il naso sapendo che sul tavolo del Municipio di Mendrisio è approdato, di recente, il progetto di un nuovo capannone.  Quella zona era e resta "paesaggisticamente pregiata e a contatto con zone protette a livello federale". Il che non ha permesso alla consigliera comunale di Insieme a Sinistra Grazia Bianchi di rimanere in silenzio davanti a questa ennesima operazione immobiliare. L'intervento, firmato da una società con sede a Chiasso, la PiuArch Engineering, non è neppure un investimento da poco: si parla di 5 milioni di franchi per realizzare la costruzione. Il piano è chiaro: demolire l'edificio esistente e fare spazio a un contenitore per attività artigianali, quindi produttive, ma al contempo amministrative ed espositive. Una prospettiva che non è andata giù neppure ad alcuni confinanti con i terreni al centro delle attenzioni dei promotori. Tre le opposizioni recapitate, infatti, all'indirizzo dell'esecutivo da parte di un privato e due aziende.

Un nuovo sacrificio territoriale

Dossier alla mano, all'esponente della Sinistra non suonano come iniziative 'ad alto valore aggiunto' le intenzioni imprenditoriali descritte nell'incarto, tanto da interrogare l'esecutivo su quello che appare come uno "spreco" di territorio. Infatti, fa notare Grazia Bianchi nel suo atto parlamentare, "la destinazione d'uso è 'completamento e assemblamento del prodotto semilavorato (maniglie e ornamenti funebri)' e completamento e assembleamento del prodotto semilavorato (salotti)". Tutto sarà inserito in uno stabile che occuperà due fondi - di proprietà della Qualityriding di Genestrerio - per una superficie di quasi 4mila metri quadrati e un volume di poco meno di 20mila metri cubi. Dimensioni ridotte, certo, osserva ancora la consigliera, rispetto al progetto orologiero che aveva suscitato opposizioni ambientaliste - di Ata e 'Cittadini per il territorio' -, atti parlamentari e una raccolta firme popolare, ma pur sempre inserite in un contesto sensibile. Quello della Prella, richiama ancora Bianchi, è "uno dei pochi nuclei ancora rimasti a contatto con la natura nella pianura del Mendrisiotto".

'Ci voleva una zona di pianificazione'

La rappresentante di Insieme a Sinistra non sottace che il problema è all'origine. In effetti, motiva, "la scelta pianificatoria di assegnare questa parte della Prella alla zona artigianale e industriale, una scelta infelice dell’ex comune di Genestrerio, è concettualmente superata". A fare da sfondo, del resto, vi è un fondovalle, quello del Distretto, che di fatto è "un esempio di questo sviluppo avvenuto rapidamente e senza una pianificazione che favorisse la realizzazione, se non proprio armoniosa, se non altro meno disordinata di vie di comunicazione, zone residenziali e aree industriali e commerciali". A conforto della convinzione che occorre rallentare quanto a insediamenti, ricorda Grazia Bianchi, c'è la Legge federale sulla pianificazione, modificata nel 2014 proprio per "rafforzare la tutela del territorio considerato il veloce e poco razionale consumo avvenuto negli ultimi decenni a favore di una dilagante cementificazione. Fenomeno che sta andando a scapito di terreni agricoli e ambienti protetti spesso ricchi in biodiversità". Ecco che, annota ancora, a quel punto "sarebbe stato auspicabile imporre una zona di pianificazione a garanzia degli intenti votati nel 2013".

Un progetto di recupero per il riale

Sta di fatto che costruire nella zona significa fare i conti con l'habitat naturale e le iniziative in cantiere. È il caso del progetto di rinaturazione del riale Prella, oggi in parte intubato e che scorre a poche centinaia dal luogo dove è previsto il capannone, pianificato dal Consorzio manutenzione arginature del Medio Mendrisiotto. Consorzio che ha dato mandato a uno studio di ingegneria per concretizzare l'opera, già tradotta in ottobre in una domanda di costruzione. "Il progetto - precisa la consigliera comunale - si inserisce in una serie di interventi su piccoli corsi d’acqua affluenti del Laveggio, il cui scopo è quello di valorizzare il territorio dal punto di vista naturalistico e paesaggistico".

Una serie di interrogativi

E qui da parte di Grazia Bianchi si innesta una serie di domande al Municipio. Innanzitutto, "l’insediamento di un capannone industriale artigianale in zona Prella è in sintonia con i principi del Piano direttore comunale?". I promotori, dal canto loro, hanno affermato "candidamente"che l'edificio si inserirà  “cautamente nel contesto”: l'esecutivo la pensa allo stesso modo? E soprattutto, il capannone "rispetterà gli obiettivi di valorizzazione del territorio dal punto di vista naturalistico e paesaggistico?".

La consigliera rilancia anche altri argomenti, come quello della mobilità: l'autorità locale ritiene "che l’aumento del traffico previsto sia verosimile e non calcolato al ribasso?". Infine, "in attesa del compendio dello stato di urbanizzazione definitivo (che potrebbe indicare potenzialità edificatorie eccessive), non andrebbero sospese almeno quelle domande di costruzione che vanno a intaccare aree edificabili ma da anni dedicate all’agricoltura?".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved