ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
20 min

Tesserete, un Park & Ride trova posto sul terreno Arl

Presso la stazione dei bus sorgeranno una quindicina di posteggi. Il presidente del Cda Gianmaria Frapolli: ‘Vogliamo favorire la mobilità pubblica’
Luganese
23 min

Aston Bank, scoperto ridotto a meno del 10 per cento

Alle Assise correzionali di Lugano si è parlato anche del fallimento della banca. Sedici mesi sospesi a un 53enne ex dipendente
Ticino
35 min

La Lega dei Ticinesi lancia la campagna elettorale con 4 feste

Si parte da Giubiasco per poi toccare Mendrisio, Quartino e Pregassona. Come consuetudine, alla parte politica è abbinato un pranzo conviviale offerto
Muralto
39 min

Corso di cajon con la Scuola di musica

Cinque sedute per apprendere l’uso di questo strumento musicale con la Sam. Lezioni al via il 9 febbraio
Mendrisiotto
57 min

Laveggio in... bianco: c’è finita della polvere d’argilla

Sul posto Pompieri e tecnici del Dipartimento del territorio: sospesi i lavori in un cantiere a Stabio. I pescatori vigilano
Locarnese
1 ora

A Intragna le pratiche postali si fanno al San Donato

Dal primo febbraio la Casa anziani accoglierà, all’entrata, la filiale della Posta. Un’insolita collaborazione che animerà, ulteriormente, l’istituto
Locarnese
1 ora

Lungo il ‘Maschinenweg’ la strada della gestione si divide

A Ronco s/Ascona vi sono due rapporti sul credito di 100mila franchi necessario alla sistemazione del sentiero antincendio che taglia il pendio
Luganese
1 ora

Collina d’Oro si avvicina ai 5’000 abitanti

Importante aumento (+110 persone) di popolazione nel 2022, grazie esclusivamente al saldo migratorio e in larga parte all’accoglienza degli ucraini
Luganese
1 ora

Esce di strada e sbatte contro un rimorchio, è grave un 76enne

Incidente intorno alle 13.30 a Villa Luganese. Probabilmente un malore alla base della perdita di controllo del veicolo
Bellinzonese
2 ore

Quasi mille abitanti in più a Bellinzona

Nel 2022 sono stati registrati 3’098 arrivi e 2’315 partenze, 360 nascite e 377 decessi. La popolazione è formata da 198 nazionalità diverse
Luganese
4 ore

L’ambasciatrice svizzera a Roma sarà ospite a Lugano

Monika Schmutz Kirgöz sarà la protagonista della seconda serata del ciclo ‘Incontri diplomatici’ al Consolato generale d’Italia
Luganese
4 ore

A Lugano tornano i corsi di italiano per stranieri

La prossima serie di lezioni è prevista tra febbraio e giugno. Organizza l’Associazione Il Centro, nella propria sede di via Brentani
17.11.2020 - 06:00

Il coronavirus entra al Beata Vergine a Mendrisio

Scoperti due casi nel reparto di Medicina2, ma sono isolati. Trasferiti i pazienti negli ospedali Covid, si valutano ulteriori misure

il-coronavirus-entra-al-beata-vergine-a-mendrisio
La prassi è rigorosa (Ti-Press)

Prima è successo all'ospedale San Giovanni a Bellinzona. Poi è toccato all'Obv a Mendrisio. Anche l'Ospedale regionale si è trovato costretto, infatti, a fare i conti con il coronavirus. Venerdì nel reparto di Medicina2 ci si è resi conto che il Covid-19 si era insinuato nella struttura. Nonostante un protocollo rigoroso per tenere la pandemia fuori dalla porta, due pazienti sono stati contagiati. Nessun focolaio, quindi, ma casi isolati a fronte dei quali il Beata Vergine ha subito reagito. Ad oggi la situazione si è dunque rivelata più contenuta rispetto a quanto si è verificato nel nosocomio bellinzonese, dove sette degenti e nove collaboratori sono risultati positivi al test.

Un'indagine ambientale dirà come è entrato il virus

Da sempre in ospedale si lotta contro le infezioni nosocomiali. Certo avere a che fare con il Sar-Cov-2 alza inevitabilmente l'allerta. Non solo, si stanno valutando ulteriori misure a protezione delle strutture sanitarie dell'Ente ospedaliero cantonale. Nel frattempo, restano alcuni interrogativi a cui dare una risposta. Il primo che urge è sull'origine del contagio venuto alla luce nel reparto del Beata Vergine. Si è compreso come è avvenuta la diffusione? «Nel reparto di Medicina 2 dell’Obv è effettivamente stata constatata la presenza del virus Covid-19 - conferma a laRegione il portavoce dell'Eoc Mariano Masserini -. Un’indagine ambientale è in corso per capire la dinamica del contagio. Indagine che permetterà di comprendere, tra l’altro, se il virus è stato introdotto dall’esterno».

Verificati i due casi fra i degenti del reparto, sono scattate anche delle quarantene? «Due pazienti, come detto, sono risultati positivi e sono subito stati trasferiti nelle due strutture Covid del cantone, a La Carità di Locarno e alla Clinica Moncucco a Lugano - ci spiega il portavoce -. Trattandosi di due casi isolati e circoscritti, non è stato necessario decretare quarantene per collaboratori, pazienti o visitatori». Come è stata gestita la situazione? Si è dovuto, ad esempio, isolare il reparto? «Dato che si trattava di due casi isolati e circoscritti, ripeto, non è stato necessario isolare il reparto», precisa ancora Masserini.

'In atto misure rigorose di prevenzione e isolamento'

Si può ben immaginare che esistano regole rigorose per evitare il contatto con il virus all'interno della struttura: qual è la prassi ospedaliera? Alla luce degli ultimi fatti verrà modificata? «In tutte le strutture dell’Ente ospedaliero si applicano misure rigorose di prevenzione e isolamento dei pazienti con Covid, sospetto e confermato - ci illustra il portavoce dell'Eoc -. Sono inoltre in vigore misure universali di prevenzione della trasmissione, come l’uso obbligatorio della mascherina, l’igiene delle mani, la distanza sociale, i controlli e i triage per pazienti, visitatori e così via».

Sotto esame le visite ai pazienti, ma nessun divieto

Prima è accaduto al San Giovanni di Bellinzona, ora all’Obv di Mendrisio, l’Ente era pronto a una simile evenienza e sta pensando a ulteriori provvedimenti per evitare che la situazione si ripresenti in un altro nosocomio? In particolare, si valuta di chiudere alle visite dei famigliari? O quali misure potrebbero essere introdotte? «La problematica sta mettendo sotto pressione tutte le strutture sanitarie in Svizzera e all’Ente ospedaliero cantonale - riconosce ancora Masserini -; stiamo effettivamente riflettendo sulla possibilità di modificare a breve termine e in accordo con le autorità sanitarie cantonali le modalità che regolano le visite ai pazienti, senza tuttavia prevedere il divieto delle visite».

Un ruolo importante lo gioca una volta di più anche la responsabilità individuale, alla quale ieri il Medico cantonale Giorgio Merlani ha fatto ancora appello durante un incontro informativo, proprio in riferimento ai visitatori di ospedali e case per anziani. Chi fa visita a un degente o un ospite di una struttura, ha ribadito, deve prestare particolare attenzione. Cominciando con l'indossare nel modo corretto la mascherina.

 

Leggi anche:

Focolaio di Covid-19 al San Giovanni di Bellinzona

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved