niente-intesa-obv-cure-domiciliari-l-mps-ne-chiede-conto
Occhi puntati (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
2 ore

Coronavirus, giornate di vaccinazione per adolescenti

Finora circa 500 ragazzi tra i 16 e i 17 anni si sono annunciati per ricevere il vaccino
Ticino
2 ore

Covid, 3 positivi in Ticino nelle ultime 24 ore

Nessuna nuova vittima e nel cantone rimane un solo paziente ricoverato per il coronavirus
Ticino
7 ore

Doppia denuncia al Ministero pubblico per Philipp Plein

Segnalato lo stilista tedesco con base a Lugano per presunta violazione alla Legge sul lavoro, amministrazione infedele e falsità in documenti
Video
Luganese
7 ore

Ex Macello: ‘Un tetto si smonta a mano, non con le ruspe’

Mentre un video mostra l'intervento del paker sulle pareti, desta perplessità anche la preparazione dell'intervento
Ticino
15 ore

Il confine tra molestia e complimento

Il sessismo si nasconde anche tra le parole e gli apprezzamenti non desiderati
Locarnese
15 ore

Sull'Hangar 1 si pianifica, sulla 'stufa' si riflette

Aeroporto di Locarno, a distanza di parecchi anni ancora non sono iniziati i lavori di rifacimento. Il Cantone rassicura: 'non l'abbiamo dimenticato in un cassetto'
Grigioni
17 ore

'Verdabbio non aveva terreni agricoli, da qui si passava per forza'

Terminati i lavori di conservazione finalizzati a risanare l'antica mulattiera e cinque cappelle votive. 'Forte testimonianza per le generazioni future'
Mendrisiotto
18 ore

Alunni di Coldrerio alle prese con api e francobolli

Dalla collaborazione con il Circolo filatelico del Mendrisiotto e due classi elementari sono nati degli esemplari originali
Luganese
18 ore

Aeroporto, alleanza fra Team Lug e Northern Lights Ag

Entrambe le cordate sono in corsa per la gestione privata della struttura e avevano contestato contro la scelta di due gruppi da parte della Città
Luganese
19 ore

Abusi al cantiere del Campus: niente appalti per Garzoni Sa

Violazione della legge sulle commesse pubbliche, dumping salariale e concorrenza sleale: la ditta non potrà partecipare ai concorsi per 5 mesi
Mendrisiotto
19 ore

Appuntamento al drive-in a Chiasso

Nel parcheggio del Palapenz giovedì prossimo si proietta un documentario del regista Emanuele Gerosa
Mendrisiotto
13.11.2020 - 13:270
Aggiornamento : 16:17

Niente intesa Obv-Cure domiciliari: l'Mps ne chiede conto

In una interpellanza al governo si sollecita a riportare l'Ente ospedaliero al tavolo delle trattative in nome delle cure post-acute

Quella del Movimento per il socialismo (Mps) è ormai ben più di una impressione: l'Ente ospedaliero cantonale (Eoc) ha intenzione di "ridimensionare la sua presenza nel Mendrisiotto (così come anche in altri distretti)". E quanto accaduto fra l'Ente (dunque l'Obv di Mendrisio) e l'Associazione assistenza e cura a domicilio del Distretto non fa, ai suoi occhi, che rafforzare quella percezione. Sciolto il precontratto che apriva la strada al trasloco del Servizio negli spazi della futura ala dell'Ospedale regionale oggi in costruzione - e che sarà pronta per il febbraio del 2022 -, fra le due realtà sembra essere rimasta un po' di ruggine, nonostante la dichiarata volontà di continuare a collaborare a favore degli utenti. In effetti, ad attirare l'attenzione dell'Mps sono state le dichiarazioni "critiche" rilasciate a 'laRegione' dal vice presidente dell'Acd Bruno Arrigoni e dal direttore del Servizio assistenza e cura a domicilio (Sacd) Brian Frischknecht. Quanto basta per sollevare degli interrogativi e inviare in queste ore all'indirizzo del Consiglio di Stato una interpellanza.

Le ragioni dell'Eoc? 'Deboli'

L'Mps fa notare subito come, a suo dire, "le argomentazioni difensive dell’Eoc sono deboli. Il tentativo di scaricare la responsabilità sul voto del 2016 è penoso e fa ridere i sassi - osserva fuori di denti il Movimento -. Preoccupanti, per finire, le considerazioni dell’Ente sulla parità di trattamento tra la struttura di cure domiciliari pubblica e gli aiuto domiciliari profit a dimostrazione che, purtroppo, la direzione dell’Eoc ha fatto propria una pura logica di mercato".

In effetti, rispondendo alle nostre domande, il portavoce dell'Ente Mariano Masserini aveva spiegato come le aspirazioni di co-gestire il Reparto acuto di minor intensità (Rami), previsto al terzo piano della nuova ala e dotato di 30 posti letto, non si sono potute concretizzare «per motivi istituzionali, assicurativi e finanziari. In sostanza, alla base della decisione dell'Eoc di sciogliere il precontratto, con l’intento, tuttavia, di continuare la collaborazione con Acd e di ulteriormente migliorare la continuità delle cure ai pazienti del Mendrisiotto - ci ha illustrato -, vi sono aspetti di natura istituzionale legati al voto popolare del 5 giugno 2016, contrario alla collaborazione strutturata fra l’Ente e terzi. A questo - ha esplicitato il portavoce - si sono aggiunti aspetti di natura operativa relativi all’equità di trattamento fra i vari servizi Spitex, alla strutturazione delle cure infermieristiche e al modello di finanziamento». E quest'ultimo punto ha fatto sobbalzare ancora l'Mps.

In buona sostanza, come riferito da 'laRegione', cambiate le condizioni, per l'Acd sono così vedute a cadere le premesse per sottoscrivere accordo e contratto. Anche perché non era nei progetti del Servizio, ci hanno fatto capire vice presidente e direttore, essere un semplice affittuario dell'Ente, come prospettato. Tanto da attivarsi per individuare altre soluzioni ai problemi logistici del Sadc, che ora ha base in via Mola a Mendrisio.

Tre domande cruciali al governo

Gli interrogativi che premono per i deputati del Movimento per il socialismo - Simona Arigoni Zürcher, Angelica Lepori Sergi e Matteo Pronzini - sono puntuali. Innanzitutto, si chiede, il governo "è a conoscenza dello scioglimento del precontratto di collaborazione tra Obv e Acd"? Note le circostanze, si rilancia, il Consiglio di Stato "concorda che la rinuncia dell’’Ente ospedaliero cantonale a una collaborazione per la cogestione del Reparto acuto di minor intensità sia da biasimare"?

Di conseguenza, cosa intende fare il Cantone "per obbligare l’Eoc (che, lo ricordiamo, è comunque una struttura di proprietà del Canton Ticino) a ritornare al tavolo e concretizzare il progetto di cogestione del Reparto acuto di minor intensità"?

Infine, "cosa intende fare per impedire all’Ente di smantellare a poco a poco la sua presenza nel Mendrisiotto"?

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved