delitto-di-via-valdani-a-processo-5-anni-dopo
Era la sera del 27 novembre 2015 (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

'Va abolito pure il divieto di vendita serale dei distillati'

Il commerciante: la recente decisione del Gran Consiglio mi soddisfa solo in parte, per questo ho deciso di non ritirare il ricorso al Tribunale federale
Ticino
5 ore

Casi di rigore, sono in arrivo altri 50 milioni

Il Consiglio di Stato porta a un totale di 125 milioni, 37,5 a carico del Cantone, la dotazione finanziaria totale
Bellinzonese
5 ore

Durante la notte Lumino spegne tre quarti dei suoi lampioni

Da qualche giorno 200 punti luce su 260 vengono disattivati per cinque ore a partire da mezzanotte e un quarto. Un'altra misura per aumentare l'efficienza energetica
Ticino
5 ore

Consuntivo 2020, Vitta: ‘Adesso serve uno sforzo proattivo’

Il direttore del Dfe commenta i 165 milioni di deficit e le prospettive: ‘I disavanzi accumulati andranno sulle spalle dei nostri figli’
Ticino
5 ore

Gobbi: ‘Incamminati sulla strada del ritorno alla normalità’

Il presidente del governo saluta positivamente la riapertura delle terrazze di bar e ristoranti. ‘Continuare a rispettare le regole igieniche’
Ticino
6 ore

Terrazze aperte: ‘Disparità di trattamento incomprensibili’

Il presidente di GastroTicino: ‘Il rischio di fallimenti e chiusure di una buona parte del settore non è assolutamente scongiurato’
Luganese
6 ore

Le Harley Davison possono attendere

Rischio Covid-19, annullata la manifestazione in agenda a luglio
Luganese
6 ore

Elezioni a Lugano, partecipazione in ascesa

Significativo balzo in avanti in città. Siamo a oltre 10'000 aventi diritto che hanno spedito la busta grigia con i nomi dei candidati prescelti
Luganese
6 ore

Lamone, conti in attivo e luce verde al nuovo asilo

Il Consiglio comunale ha approvato all'unanimità i Consuntivi 2020 e 9,6 milioni per la scuola dell'infanzia
Locarnese
7 ore

Riffa Fans club Hcap Locarnese e valli

Ecco l'elenco dei numeri vincenti, estratti lo scorso 10 aprile
Luganese
8 ore

Lugano, dai quartieri un atto d'accusa alla Città

Nasce 'Villaggi traditi' che riunisce il malcontento di diversi ex Comuni che puntano il dito contro la politica 'periferica' della Città
Luganese
8 ore

Il municipale si distanzia e volano gli stracci a Porza

Nervi tesi a pochi giorni del voto, fra il blocco Plr-Ppd e 'Insieme' su una questione di sussidi
Bellinzonese
8 ore

Lanciata la stagione estiva sulle montagne leventinesi

Gli impianti di risalita della regione offrono anche quest'anno un abbonamento stagionale combinato
Bellinzonese
8 ore

Anche il 144 sotto il tetto della Centrale comune d'allarme

Si completa così il progetto di raggruppamento degli enti di primo intervento
Locarnese
8 ore

Quattro concerti a Ronco sopra Ascona

Appuntamenti nella chiesa di San Martino, ma solo per 50 persone alla volta
Mendrisiotto
29.10.2020 - 19:210

Delitto di via Valdani, a processo 5 anni dopo

Rinviati a giudizio padre e figlio, accusati dell'assassinio di un 73enne in un parcheggio sotterraneo di Chiasso

Sono ormai passati cinque anni – era la sera del 27 novembre 2015 – dal delitto di via Valdani, a Chiasso. Dopo un serie di perizie e controperizie e la chiusura dell'inchiesta (annunciata nel mese di maggio), la Procuratrice pubblica Marisa Alfier ha rinviato a giudizio i presunti autori del delitto dell'allora 73enne Angelo Falconi, ucciso per motivi economici. Davanti alla Corte delle Assise criminali, dove rischiano più di 5 anni di carcere, compariranno Pasquale e Mirko Ignorato, padre e figlio di 56 e 28 anni, per rispondere di assassinio, subordinatamente omicidio intenzionale, e aggressione. Sull'atto d'accusa figureranno anche alcuni reati finanziari. Pasquale Ignorato, difeso dall'avvocato Marco Bertoli, è reo confesso e si trova in carcere, in regime di espiazione anticipata della pena. Il figlio, che si è da subito professato innocente e sostiene di avere unicamente assistito alla scena, è stato scarcerato nel maggio del 2017 ed è difeso dall'avvocato Elio Brunetti. La famiglia della vittima è invece rappresentata dall'avvocato Stefano Ferrari. Nel comunicare la notizia del rinvio a giudizio, il Ministero pubblico non rilascia ulteriori informazioni. Ripercorriamo le tappe salienti dell'inchiesta, caratterizzata da numerose perizie e controperizie commissionate per stabilire la dinamica dell’uccisione di Falconi, i ruoli avuti dai due presunti responsabili e le armi utilizzate.

La scoperta del delitto

Il delitto di via Valdani è stato scoperto intorno alle 19 di venerdì 27 novembre 2015 da un'inquilina dello stabile che ha allertato i soccorsi dopo aver trovato il corpo di un uomo al secondo piano interrato della rimessa di via Valdani, in centro a Chiasso, a pochi metri dal Municipio. La vittima, poi identificata nell'ex imprenditore e fiduciario commercialista Angelo Falconi, era stata colpita con più oggetti contundenti e taglienti alla testa. Ferite risultate mortali. Nessuna traccia, per contro, dei suoi aggressori. Le ricerche della Polizia sono state da subito minuziose e la sera stessa, con l'ausilio dei cani molecolari, sono stati cercati indizi utili a ricostruire quanto successo. 

Il fermo a Ercolano

La Magistratura ha spiccato un mandato di cattura internazionale. I due presunti autori del delitto, Pasquale e Mirko Ignorato, sono stati rintracciati dopo pochi giorni, il 1° dicembre, ad Ercolano, paese natale del capofamiglia, nell'abitazione di alcuni parenti. Dopo il loro fermo, sono stati trasferiti nel carcere di Poggioreale, a Napoli, dove sono rimasti fino a metà febbraio 2016, quando sono stati estradati in Ticino. L'inchiesta coordinata dalla Procuratrice Marisa Alfier non si è mai fermata e ha interessato anche alcuni familiari dei due uomini. Gli inquirenti hanno inoltre rinvenuto l'auto utilizzata da padre e figlio per raggiungere via Valdani: la vettura era posteggiata proprio nel sotterraneo. Nel maggio del 2016, in un'aiuola poco distante dal luogo del delitto, è invece stata ritrovata la spranga che sarebbe stata utilizzata per colpire il 73enne. Sulla stessa sono state trovate le impronte di Pasquale Ignorato.

Ammissioni e perizie

Nel suo primo interrogatorio in carcere, Pasquale Ignorato ha fornito le prime ammissioni: l'incontro con Falconi in via Valdani sarebbe stato casuale, ma a causa di una faccenda di pigioni arretrate e affitti scoperti sarebbe subito sfociato in un diverbio con esito drammatico. Per ricostruire i momenti precedenti l'omicidio, nel maggio 2016 padre e figlio sono stati riportati nella rimessa sotterranea. Vero punto cardine dell'inchiesta, come detto, sono state le perizie volute per stabilire, in particolare, le responsabilità di Mirko Ignorato. Stando alla tesi accusatoria, Pasquale Ignorato colpì Falconi con una spranga, mentre il figlio partecipò all'agguato impugnando un coltello, con il quale avrebbe inferto almeno due ferite da taglio. La seconda perizia, allestita dal professor Tony Fracasso dell'Ospedale Universitario di Ginevra, ha però fatto emergere la compatibilità delle ferite con l’utilizzo di un solo strumento atto a offendere: la citata spranga ritrovata diversi mesi dopo il delitto. Dalla terza perizia, commissionata dalla procuratrice pubblica, non esclude che sulla scena del delitto, possa esserci stata una seconda arma, in questo caso da taglio. Un coltello, si sospetta, mai ritrovato dagli inquirenti. L'esperto romano Enrico Bottone ha stabilito che due delle ferite trovate sulla vittima non sarebbero state prodotte dalla sbarra di ferro, bensì da un oggetto tagliente. I periti si cono confrontati, mantenendo le rispettive posizioni, lo scorso ottobre davanti alla procuratrice pubblica.

© Regiopress, All rights reserved