laRegione
troppe-piante-invasive-e-pesci-rossi-nello-stagno-del-pa
Come nel 2018 (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
9 min

Claudio Lardi nuovo commissario per il Comune di Roveredo

L'ex consigliere di stato Claudio Lardi seguirà i lavori del Municipio da subito e fino al 2022
Ticino
19 min

Eoc, Alberto Pagnamenta professore titolare all'Uni di Ginevra

Il professore è caposervizio di Medicina intensiva all’Ospedale regionale di Mendrisio
Ticino
35 min

Coronavirus in Ticino, 48 contagi e 4 decessi

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 7 nuovi ricoveri. I pazienti dimessi sono stati 17
Mendrisiotto
52 min

Fermato a Mendrisio con 400 grammi di eroina

In manette un 19enne albanese bloccato intercettato il 26 gennaio nei pressi dello svincolo autostradale
Luganese
2 ore

Lugano, lungolago chiuso e pedonale

Domenica 31 gennaio, dalle 10 alle 16 le auto non circoleranno tra la rotonda del LAC e piazza Castello
Luganese
4 ore

Club privé Massagno, il proprietario salva il locale ‘hot’

Deserta l’asta indetta dall’Ufficio esecuzioni del mobilio del luogo per scambisti. E il fondatore se la aggiudica per 50 franchi. ‘Sanerò gli affitti’
Ticino
4 ore

Boom di ‘fake review’ nell’anno della pandemia

La maggior parte degli utenti le considerano valide quanto i suggerimenti di amici e parenti. Il web è però pieno di recensioni false o tendenziose
Luganese
4 ore

‘Riaprite la prostituzione almeno negli appartamenti’

Le ultime risoluzioni governative vietano l’attività in tutto il cantone. La critica di una ragazza: ‘La richiesta c'è, così ci spingono nell'illegalità’
Locarnese
13 ore

Tenero, alla scoperta della Biblioteca per persone cieche

L’istituto, nato oltre 70 anni fa, ha da poco ricevuto un riconoscimento dall’Ufficio federale della cultura. Ce lo presenta la sua responsabile
Ticino
13 ore

Rustici in pericolo per ‘l'intransigenza di Berna’

Un'interpellanza interpartitica chiede chiarimenti al Governo riguardo ai numerosi ricorsi dell'Are
Mendrisiotto
14 ore

Con i Bitcoin Chiasso rilancia la piazza finanziaria

Il Municipio ci crede e alza a mille franchi la quota d'imposte da pagare in criptovaluta. Il sindaco: 'Le aziende del settore sono benvenute'
Mendrisiotto
17.09.2020 - 07:470

Troppe piante invasive e pesci rossi nello stagno del Paü

A Coldrerio si interviene nel Parco comunale per eliminare canneti e ninfee in eccesso. Appello ai cittadini: 'Non immettete più quei pesciolini'

Per Coldrerio è un piccolo gioiello naturalistico. Il Parco del Paü, a due passi dal 'cuore' del paese, non solo è stato fortemente voluto, ma da ormai dieci anni rappresenta un motivo di orgoglio per Comune e popolazione. All'epoca a dare una mano era intervenuto puree il Fondo svizzero del paesaggio. Sarà per troppo affetto, sta di fatto, che gli abitanti hanno immesso nello stagno comunale quello che è a tutti gli effetti un 'intruso': il pesce rosso. Che si è moltiplicato (e più del previsto) modificando l'equilibrio delicato del biotopo. Tant'è che, come già successo un paio di anni fa, il Carassius auratus  dovrà essere catturato e portato in un habitat più idoneo al suo sguazzare quotidiano. Il problema, del resto, è meno banale di quanto si possa pensare.  In effetti il capo dicastero Ambiente Matteo Muschietti si è visto costretto a far sua una raccomandazione da rivolgere ai propri concittadini. «Tutti dobbiamo avere cura del Parco e del biotopo. Quindi - spiega a 'laRegione' - torno a lanciare un caldo appello a tutta la popolazione di Coldrerio. Quello di non immettere pesci rossi nello stagno».

Troppi canneti e ninfee: occorre intervenire

D'altro canto, poter vantare un prezioso «polmone verde sull'uscio di casa - ricorda ancora Muschietti - è una cosa grande». In questo caso il parco, situato in una zona d'interesse archeologico 'torbiera', è stato pensato come luogo di ritrovo e area di svago per la popolazione. Per altre realtà urbane è persino un lusso, che non si possono permettere. Chi, invece, ne può approfittare deve anche farsene carico. Ecco perché a Coldrerio ci si sta preparando a ripulire il Parco (e in particolare il biotopo). I lavori, ci conferma il capo dicastero, prenderanno il via in questi giorni. Interventi che si sommano alla consueta gestione annuale dell'area realizzata durante l'inverno. A certificare la necessità dell'operazione è d'altro canto un consulente, un biologo, interpellato dall'autorità locale e che a fine agosto ha effettuato un sopralluogo sul campo. Il verdetto? Oggi si impongono delle azioni straordinarie. Del resto, la vegetazione presente all'interno dello stagno ha preso piede più del dovuto.

A espandersi in modo particolare, rubando non poco spazio allo specchio d'acqua, sono stati i canneti, mentre i depositi organici sul fondale hanno creato l'habitat ideale per la proliferazione delle ninfee. Sia chiaro, come ribadito dal biologo, tutto questo è espressione di un fenomeno naturale: uno stagno, come si è spiegato nel rapporto di lavoro, con il tempo "tende a chiudersi e a evolvere verso una palude". Di conseguenza occorre intervenire. Ed è quello che si sta per fare, consapevoli, come annota il capo dicastero, che i lavori non comporteranno nessun disagio per la fauna e l'habitat del biotopo.

Il piano d'azione

Così in questi giorni gli addetti procederanno, sul lato destro, con lo sfalcio della Cannuccia di palude e la Lisca maggiore e altresì di alcune ninfee, con l'obiettivo di ridurre la colonizzazione di piante acquatiche. Agendo in questo periodo poi si riuscirà a indebolire queste presenze invasive. Per ottenere dei riscontri, in ogni caso, il consiglio dell'esperto è di ripetere questo tipo di gestione dell'oasi per alcuni anni, ben sapendo di operare in un ambiente sensibile. Ciò non deve impedire di intervenire anche in modo più incisivo laddove è indispensabile. È il caso della parte sinistra dello stagno, dove la situazione, si motiva, si mostra più problematica. In quell'area si è valutato, quindi, di utilizzare dei mezzi meccanici per estirpare i canneti su una superficie di circa 400 metri quadrati. Al contempo verranno dragati i sedimenti di materiali organici - da depositare in una discarica autorizzata - per contenere l'avanzata delle ninfee. Operazione che sarà compensata apportando ghiaia e ciotoli per aiutare a contenere il moltiplicarsi della vegetazione.

© Regiopress, All rights reserved