focolaio-covid-ero-al-monte-ma-non-ho-ricevuto-l-sms
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
7 ore

Maggia, due case prefabbricate nel nucleo? C'è chi dice ‘no’

Opposizioni contro la concessione della licenza edilizia per gli stabili. ‘Non rispettano i valori storici e paesaggistici della zona’
Bellinzonese
7 ore

'Per una Città di Bellinzona finalmente policentrica'

La commissione della Gestione dà il via libera al Piano d'azione comunale, portando l'attenzione sull'importanza di valorizzare ogni singolo quartiere
Mendrisiotto
7 ore

Un piazzale, un largo e cinque vie al femminile a Mendrisio

Il Municipio rimedia a una mancanza e dà seguito a un'interrogazione trasversale. L'8 marzo la prima targa: ricorda la prima donna municipale
Luganese
9 ore

Lugano, don Chiappini: 'Al Borghetto tutti sapevano'

Il sacerdote spiega la presenza della donna in casa sua: 'Con lei un rapporto d'affetto'. La Curia: 'Ha garantito avere la situazione sotto controllo'
Ticino
9 ore

Solo un giovane su cinque ha ‘incontrato’ il coronavirus

È quanto emerge dalla seconda parte dello studio di sieroprevalenza sulla diffusione degli anticorpi al Sars-Cov 2 condotto in Ticino
Ticino
9 ore

Sì ai due pp in più, ma c'è dibattito sull'elezione popolare

La proposta di Dadò, oltre Speziali (Plr) lascia diffidenti Durisch (Ps) e Soldati (Udc). Sostegno dalla leghista Aldi
Bellinzonese
10 ore

Aris Tenconi eletto tacitamente come sindaco di Quinto

Anche a Prato Leventina è giunta una sola candidatura, ovvero quella del sindaco uscente Davide Gendotti
Luganese
10 ore

Sparò in via Beltramina tra alcol e disturbi, scarcerato

Alto rischio di recidiva ravvisato per il 50enne che il 19 novembre imbracciò un flobert. Di nuovo libero, ma con misure sostitutive dell'arresto
Bellinzonese
10 ore

Casa anziani Sementina, ‘le lacune riscontrate sono vere?’

Il consigliere comunale Tuto Rossi (Udc) in un'interpellanza chiede al Municipio se i fatti elencati dal medico cantonale corrispondono alla verità
Ticino
11 ore

'Ticino, disoccupati ed effetto sostituzione: cosa si vuol fare?'

Il consigliere nazionale Udc Piero Marchesi pone domande a Berna sulla sostituzione di lavoratori residenti con frontalieri e sul telelavoro di questi ultimi
Locarnese
11 ore

Il Boxe Club Locarno manda KO virus e sedentarietà

In palestra (per i più piccoli), con tutti gli accorgimenti del caso, le nuove leve hanno potuto continuare ad allenarsi. Un modo per divertirsi con lo sport
Mendrisiotto
11 ore

La Sat di Mendrisio torna sui sentieri della Città

Organizzata per il 14 marzo una gita nei paesi della Montagna, tra storia e cultura e nel rispetto delle norme Covid
Mendrisiotto
04.09.2020 - 12:570
Aggiornamento : 13:28

Focolaio Covid: 'Ero al 'Monte' ma non ho ricevuto l'Sms'

Problemi nel tracciamento: malgrado la corretta registrazione 'il messaggio dal medico cantonale non è arrivato'. Merlani: 'Alcuni numeri errati, ma...'

«Ci sono alcune cose che non tornano». All'indomani della notizia sul focolaio da coronavirus alla discoteca Montezuma di Novazzano, stanno sorgendo alcuni interrogativi. Molti di questi si concentrano sul tracciamento posto all'entrata del locale. Insomma, chi venerdì sera si è recato nell'esercizio pubblico ha dovuto lasciare le proprie generalità e il numero di telefono. Attualmente, inoltre, c'è un tetto massimo di entrate fissato a 100 persone per serata. Ma, diverse persone presenti nel locale non hanno ricevuto il messaggio con il quale le autorità annunciavano la messa in quarantena. Gli avventori hanno fornito dati sbagliati oppure c'è un problema a livello di presa e trasmissione dei dati raccolti? 

'Abbiamo fornito i dati, ma non siamo stati contattati'

Dalle testimonianze che abbiamo potuto raccogliere, come detto, «qualcosa non torna». Ce lo spiega un avventore (nome noto alla redazione): «venerdì sera, con un gruppo di amici, abbiamo trascorso la serata in un bar di Mendrisio. Poco dopo mezzanotte abbiamo deciso di andare al Montezuma. Nel momento in cui siamo entrati c'era poca gente, abbiamo lasciato i nostri nominativi e il numero di telefono». Ma ieri sera, nessuno di questi amici (il gruppo era composto da 6 persone) ha ricevuto l'Sms. «Svolgendo un lavoro a contatto con le persone – spiega il nostro testimone – questa mattina ho chiamato l'help line e il mio nome sulla lista fornita dalla discoteca non risultava. Strano, perché il mio nome l'ho lasciato».

«Adesso mi hanno inserito nella lista e sono considerato nel gruppo di chi potenzialmente poteva essere entrato in contatto con le persone risultate positive». Il ché, in parole povere, significa che dovrà fare la quarantena sino a domenica.

Una testimonianza analoga a quella raccolta oggi anche dalla Rsi.

Due fratelli: uno avvisato, l'altro no

Curioso anche il caso che riguarda due fratelli i quali, venerdì sera, si sono recati al Montezuma separatamente. «Sono entrato poco dopo mezzanotte e ho correttamente lasciato i miei dati», racconta. E ieri sera, puntualmente, è arrivato il messaggio dal medico cantonale: "Nell'ambito dell'indagine ambientale effettuata per accertare tre casi di Coronavirus odierni, è emerso che tutti i casi avrebbero preso parte alla serata al DiscoClub Montezuma il 28 agosto. Dalla verifica effettuata sulla lista dei presenti è apparso il presente numero di telefono. Abbiamo motivo di credere che lei sia entrato in contatto con un potenziale caso indice la stessa sera". Da qui, dunque la quarantena. 

La stessa sera, però, nel locale c'era anche il fratello, «giunto prima di me». Ma, al momento, «di messaggi non ne ha ancora ricevuti». 

Merlani: 'Numeri scritti male, contatti italiani e numeri fissi'. Ma non si esclude che l'elenco sia incompleto

Il medico cantonale Giorgio Merlani non esclude che qualche nome possa non essere stato messo sulla lista: «In questo caso sarebbe un atto illecito che, se confermato, avrà conseguenze». Tuttavia ci potrebbe essere anche un'altra spiegazione per gli Sms non arrivati. «Ci siamo accorti che alcuni numeri erano riportati in maniera errata, con sei o otto cifre. Vi sono poi contatti italiani, e il sistema Sms in questo caso sembrerebbe non funzionare, come pure numeri fissi. In ogni caso, oggi tutti coloro che sono sulla lista verranno raggiunti singolarmente per telefono dal 'contact tracing', che ieri sera abbiamo provveduto a potenziare con altre dieci persone. Gli operatori avranno anche il compito di dirimere la questione dei numeri errati. L'Sms di ieri era infatti solo un primo avvertimento per evitare che chi è potenzialmente a rischio si recasse al lavoro».

 

© Regiopress, All rights reserved