il-mendrisiotto-costola-di-lugano-rischia-di-perdere-il-treno
La corsa degli IC 'non deve fermarsi a Lugano' (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 min

Assemblea dell’Associazione Football Club Locarno

Per i soci del sodalizio calcistico del Lido ritrovo martedì a Palazzo Marcacci. Oltre al preventivo vi saranno le nomine del comitato
Mendrisiotto
3 min

Riva San Vitale, festa di fine estate con concerti dal vivo

Musica live dei gruppi Luis Landrini Band e Vasco Jam. Appuntamento per sabato 27 agosto al Lido comunale tra rock e folclore latino
Locarnese
19 min

Orselina, proiezioni cinematografiche al Parco

Tre serate all’insegna della settima arte nel giardino del paese. Organizzate dalla Pro in collaborazione con Festival, Cisa e Ticino Film Commission
Grigioni
20 min

Maloja/Isola, elicottero fallisce l’atterraggio: 3 feriti lievi

Il velivolo si è ribaltato lateralmente. I tre passeggeri hanno lasciato l’abitacolo da soli
Locarnese
23 min

Cevio, riusciti i due referendum

A decidere sulla vendita di un terreno e la costruzione di una scuola ‘patriziale’ a Bignasco saranno i cittadini
Mendrisiotto
49 min

Mendrisio, mercato dell’usato a scopo benefico

Appuntamento venerdì 26, sabato 27 e domenica 28 al Mercato coperto organizzato dall’Associazione per la cooperazione tra Ticino e Uganda
Mendrisiotto
1 ora

Morbio Superiore, sabato 27 stand di tiro obbligatorio

Dalle 14 alle 18.30 a Rovagina si potrà tirare 25 m con la pistola e 300 m con il fucile. Impegno da assolvere entro il 31 da tutti i soldati
Mendrisiotto
1 ora

Truffa alle assicurazioni sociali, condannata una 47enne

Inflitta una pena di 24 mesi sospesi condizionalmente. La donna ha truffato per quasi 600’000 franchi. Ora sogna l’indipendenza finanziaria
Locarnese
1 ora

‘Accesso alle rive, il Ticino segua l’esempio di Neuchâtel’

Dopo le transenne posate (e rimosse) in un campeggio di Tenero, interviene l’associazione ‘Rives publiques Suisse’
Locarnese
1 ora

Centovalli, rimpasto dei dicasteri

Con l’ingresso di Cristina Tanghetti, che assume la responsabilità della Sicurezza pubblica e dell’Ambiente, vi sono stati alcuni cambiamenti
Luganese
1 ora

Lugano dedichi una via a Giorgio Salvadé

Interrogazione leghista formula la richiesta per ricordare il medico e politico che fu tra i promotori dell’Università della Svizzera italiana
Luganese
1 ora

Lugano promuove il confronto sui rapporti tra Svizzera e Taiwan

Al Campus Est si terrà una conferenza organizzata dal Dipartimento tecnologie innovative della Supsi in collaborazione con la Città
Bellinzonese
1 ora

‘Ottimizzato’, prosegue il test della Cupra verso i passi

Osservata la reazione dell’utenza nelle scorse settimane, Ustra ha apportato delle migliorie alla corsia di uscita preferenziale tra Quinto e Airolo
laR
 
16.07.2020 - 06:00

Il Mendrisiotto, costola di Lugano, rischia di perdere il treno

La strategia territoriale svizzera non considera il Distretto come area da collegare via InterCity. Romano: 'Occorre far cambiare idea, partendo dal Cantone'

Il Mendrisiotto? Un Distretto derubricato ad appendice di Lugano. Possibile? Sì, e ancorato nero su bianco. Il documento è di quelli di peso, letteralmente: oltre un centinaio di pagine che delimitano i confini del 'Progetto territoriale Svizzera'. Per capire, però, che aria tira da queste parti basta una riga a pagina 83. È lì che si traccia la nuova geografia della Città Ticino. Una Città che riconosce, è vero, Chiasso-Mendrisio come uno degli agglomerati, ma che quando si tratta di descrivere i 'tre spazi funzionali' da collegare, ecco che la regione più a sud del Paese non è più una realtà a sé stante e diventa, di fatto, una 'dépendance' del capoluogo sul Ceresio. Le aree considerate, infatti, sono 'Lugano-Mendrisio, Bellinzona-Tre Valli e Locarno-Valle Maggia'. Chi cerca una spiegazione alle ragioni che hanno indotto le Ffs a depennare le fermate degli InterCity (IC) una volta superato il ponte-diga di Melide - il 'Progetto orario 2021' parla chiaro - forse le può trovare proprio in quel dossier federale. In buona sostanza nella visione generale i treni a lunga percorrenza collegheranno la Città Ticino al resto della Svizzera attraverso tre poli, ovvero Lugano, Bellinzona e Locarno.

Una petizione e una missiva corale

Per riconquistare un posto sulla cartina della Città Ticino, quindi, le istituzioni locali dovranno darsi da fare, è indubbio. Del resto, l'idea di essere esclusi dalle direttrici dei convogli IC non piace a nessuno. Non va giù alle autorità locali e neppure a chi viaggia. È di questi giorni, infatti, il lancio di una petizione online, fautore Réne De Paris, che ha già superato le 240 firme. Obiettivo: far fermare gli InterCity nel Mendrisiotto. Non solo: mentre Astuti, l'Associazione ticinese utenti dei trasporti pubblici, fa sentire la sua voce, sta per essere imbucata per mano della Commissione regionale dei trasporti una missiva per i piani alti della politica (a vari livelli), mittente i Municipi di Chiasso e Mendrisio, l'Ente regionale per lo sviluppo della regione e la stessa Astuti. Il messaggio è chiaro: il Mendrisiotto difenderà le sue stazioni polo. D'altro canto, è da almeno un anno che il tema è sul tavolo da queste parti.

'Dobbiamo parlare al CdS perché Berna intenda'

Adesso il punto è capire dove sta l'inghippo. E qui Marco Romano non ha esitazioni. Lui che il 'Progetto territoriale Svizzera' se lo è letto, sa bene dove mirare, come ci ha anticipato in una conversazione recente. "Il problema - ci fa capire subito - non è a Berna, bensì in Ticino. A livello cantonale ci hanno 'venduto' come un agglomerato di Lugano. Tant'è che tutti gli orari dei trasporti pubblici sono stati strutturati su tre aree territoriali, mentre la Città Ticino, di fatto, conta quattro mega quartieri, per così dire". Il Distretto, in ogni caso, non è esente da colpe. "Ci siamo infilati noi in questa situazione - conferma -. In effetti, dobbiamo smettere di guardare al nostro passato e proiettarci verso il futuro. Smettere di scrivere all'autorità federale e rivolgerci al Palazzo dl Orsoline a Bellinzona, che è l'interlocutore del Consiglio federale. E soprattutto uscire dalla dinamica dialettica fra Chiasso e Mendrisio". Da perorare, del resto, c'è la causa di una realtà di 50mila abitanti, snodo altresì dei collegamenti transfrontalieri. "Cosa dobbiamo aspettarci? Che il Cantone cambi marcia e tenga in giusta considerazione il Mendrisiotto".

Una partita, due mosse

Gli esempi, dentro e fuori i confini cantonali, di chi è riuscito a far mutare direzione al treno ci sono. Biasca un paio di anni fa ha saputo conquistarsi proprio la fermata dell'InterCity (appena sbucato dalla galleria di AlpTransit), forte di una petizione sottoscritta da circa 8mila persone e una mobilitazione della Regione Tre Valli. "Appena al di là del Gottardo - ci informa poi Romano - Altdorf ha ottenuto la sua stazione, ponte fra Lucerna e il Ticino per la Svizzera centrale". Anche al Mendrisiotto, dunque, non resta che attivarsi. Nella partita, strategica, che attende il Distretto, due sono le mosse da giocare, a detta di Romano. "Innanzitutto, da qui a dicembre dobbiamo riuscire a convincere le Ferrovie a non tagliare le corse mattutine e serali degli IC (come previsto dall'orario 2021, ndr); in seguito occorre modificare la visione che hanno di noi a nord delle Alpi, così da inserire la nostra regione nella rete su rotaia che collega le Città svizzere". La sfida è lanciata.

 

Leggi anche:

Il Mendrisiotto vuole far fermare i treni InterCity

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved