ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Fra i 17 e i 27 milioni per la nuova piscina di Trevano

La notizia è trapelata a margine dell’assemblea dell’Ente regionale di sviluppo del Luganese. Passi in avanti per il Parco regionale del Camoghè.
Mendrisiotto
4 ore

Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita

Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
5 ore

Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’

Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
5 ore

Le oasi di Vezia, idee per un paese più visibile

Dai luoghi di aggregazione a piccole aree di ristoro, molte le proposte pervenute dalla cittadinanza
Luganese
6 ore

Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1

Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
7 ore

Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi

La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
Ticino
7 ore

Targhe, Dadò: ‘Colpa del governo’. Gobbi: ‘Sei in malafede’

Caos imposta di circolazione, dopo il ritiro dei decreti da parte del Consiglio di Stato è botta e risposta al fulmicotone, tra accuse e puntualizzazioni
Luganese
7 ore

Lugano, assegnate le tre residenze musicali allo Studio Foce

Ai vincitori, tutti della Svizzera italiana, viene dato per cinque giorni un supporto per preparare un tour di almeno cinque date
Bellinzonese
7 ore

Altro appuntamento a Bellinzona con ‘Una volpe in Città’

Domenica 4 dicembre alle 17.30 a Castel Grande Andrea Fazioli svelerà il secondo capitolo del racconto. Venerdì 2 dicembre aprirà la pista di ghiaccio
Bellinzonese
7 ore

L’inverno porta 13 nuovi percorsi per gli amanti delle ciaspole

L’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese a Alto Ticino lancia la stagione fredda, ancora una volta segnata dall’attenzione per le passeggiate
Mendrisiotto
8 ore

Concerto inaugurale per l’organo Serassi-Bernasconi

Una serie di momenti musicali e liturgici sottolineano la riapertura della chiesa di Sant’Eusebio a Castel San Pietro
14.07.2020 - 06:20

Palapenz: dentro degrado, fuori un parcheggio che sarà ristretto

Vertenza aperta fra Chiasso e Balerna sul piazzale sterrato sul retro. Il primo Comune ne rivendica l'uso, il secondo vuole ridurre lo spazio alle auto

palapenz-dentro-degrado-fuori-un-parcheggio-che-sara-ristretto
La revisione del Pr a Balerna fa discutere i commissari a Chiasso (Ti-Press/D. Agosta)

Dentro le mura il degrado della struttura e le infiltrazioni d'acqua stanno minando in modo serio la funzionalità del palazzetto. Tanto da far scattare il conto alla rovescia verso la sua inabitabilità: certo senza un intervento radicale. Ma è al di fuori del Palapenz di Chiasso che, a quanto pare, si affollano la maggior parte dei dubbi dei commissari. Gli stessi che ancora non hanno le idee chiare sulla 'cura' da 5 milioni e mezzo proposta dal Municipio. Su un solo punto sembrano ormai diradate le perplessità, la demolizione dello stabile, da escludere. Sarà l'estate ora a portare consiglio, al termine Gestione ed Edilizia dovrebbero depositare i loro rapporti, così da far approdare il dossier davanti al Consiglio comunale per l'autunno. Tempi stretti per evitare che nel giugno del 2021 il Comune si veda costretto a chiudere i battenti (i lavori di risanamento dureranno due anni), ma troppo brevi per sciogliere un altro nodo, questa volta all'esterno del fabbricato. A non far stare tranquilli i commissari, infatti, è anche l'uso futuro del parcheggio sterrato sul retro, di fatto in territorio di Balerna e di proprietà delle Ferrovie.

Balerna riduce il parcheggio, Chiasso insorge

Per il Palapenz poter contare su quel piazzale risulta essere nodale per la sua attrattività. In prospettiva, però, le cose cambieranno. Se la necessità di posti auto per il comparto sportivo della cittadina di confine sono dichiarate, le intenzioni dei vicini (di Balerna) vanno in una altra direzione. È tutto ancorato alla scheda sul Pian Faloppia inserita nella revisione del Piano regolatore comunale. La differenza tra il prima (oggi) e il dopo (in avvenire) balza subito all'occhio; soprattutto in riferimento all'area in giallo che delimita il posteggio. La superficie, in effetti, ne esce ridimensionata di circa il 40 per cento. L'orientamento del Municipio di Balerna è evidente: meno auto, più trasporto pubblico. Ma altrettanto nitida è la posizione dell'esecutivo di Chiasso, deciso a mettersi di traverso a questa modifica pianificatoria.

Per la città l'area sterrata non va ridimensionata

Nel plico di osservazioni e opposizioni recapitate all'autorità balernitana figura, infatti, anche quella chiassese. Gli argomenti alla città non sono mancati per difendere lo 'statu quo'. Il parcheggio, si è fatto notare, è strettamente legato al Palapenz e alle attività e manifestazioni che vi si svolgono, che ne richiedono l'occupazione pure la sera e nei giorni festivi. Una modalità, quindi, diversa da quella propria a un posteggio pubblico. Inoltre, rilancia il Municipio di Chiasso, la zona non è servita dai mezzi pubblici a tal punto da supplire al veicolo privato. Insomma, la destinazione è più facilmente raggiungibile in auto. Di conseguenza, agli occhi della cittadina la riduzione sensibile dello spazio adibito a parcheggio dietro al palazzetto va scongiurata e la fruibilità garantita pure in futuro. A far riferimento alla struttura, inaugurata nel 1983, d'altro canto, sono tutt'oggi parecchie società che sfruttano in particolare la sua vocazione sportiva.  Il confronto fra i due Comuni, dunque, è servito.

Balerna, dal canto suo, ha in programma una sorta di riconversione dei contenuti del comparto, che include l'utilizzo del parcheggio. Certo sui piani si fa leva piuttosto sull'introduzione della zona industriale-terziaria innovativa e al contempo si dà modo alle Ffs di compensare i terreni destinati all'agricoltura in vista del nuovo piazzale di carico e scarico per le merci a valenza regionale nella zona di Chiasso smistamento. Sta di fatto che fra i commissari di Chiasso questa situazione non lascia dormire sonni sereni, pensando anche alle strategie ferroviarie che, dal punto di vista di taluni, non restituiscono abbastanza garanzie per l'avvenire sull'uso di quel terreno. Ce n'è quanto basta per animare le discussioni sull'investimento previsto al Palapenz.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved