laRegione
Nuovo abbonamento
seseglio-non-un-wellness-ma-un-area-verde-per-la-popolazione
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
34 min

Rock&Roll Waves: radio, musica e navigazione sul Ceresio

Radio Morcote International farà rivivere i fasti delle radio pirata inglesi anni Sessanta in una serata speciale sabato 22 agosto
Ticino
1 ora

Operazione Imponimento, convalida di arresto per 4 svizzeri

L'ordinanza di custodia cautelare, firmata ieri dall'Antimafia di Catanzaro, riguarda 75 indagati: fra questi anche il luganese.
Locarnese
1 ora

Elisarion a Minusio, ultimi giorni della mostra di Tallone

Al centro culturale lavori da settembre, ma la programmazione continuerà fuori sede
Locarnese
1 ora

Poncione di Braga, mezzo secolo in capanna

Il rifugio fu costruito in tre anni da alcuni volontari. Poi è passato all'Utoe di Locarno, che lo ha ampliato
Luganese
1 ora

Collina d'Oro, da lunedì sport gratis per i domiciliati

Yoga, allenamenti intensivi, pilates, percorsi vita e presto corsi di Mountain Bike: il Comun crea 'Gazebo Sport', aperto a tutti ma gratis per i locali
Mendrisiotto
2 ore

Un InterCity per il Mendrisiotto: chiesto supporto ai politici

Sulla scia della petizione il gran consigliere Massimiliano Robbiani coinvolge Comuni e parlamento per fare squadra
Ticino
2 ore

Estradato in Italia latitante albanese catturato in Svizzera

L'uomo si è reso responsabile di una serie di pericolosi reati: violenza sessuale, sfruttamento della prostituzione e immigrazione clandestina
Ticino
3 ore

Dalla Supsi un dispositivo per testare il Covid in tempo reale

A ottobre parte un progetto di ricerca congiunto assieme al Poli di Losanna e lo Ior che mira a sviluppare l'apparecchio portatile in due anni
Locarnese
3 ore

Locarno, la Polizia in piazza

Torna l'iniziativa che vuole rafforzare il concetto di prossimità territoriale
Luganese
4 ore

Assunzione, celebrazione eucaristica in San Lorenzo a Lugano

Sarà presieduta alle 10 dal vescovo Valerio Lazzeri. Annullata invece la processione al monastero di Santa Maria Assunta in Claro
Bellinzonese
4 ore

A 160 km/h sull'A2, pirata della strada denunciato

In territorio di Quinto è stato intercettato un 54enne svizzero, domiciliato nel Locarnese, che viaggiava a 160 chilometri orari dove il limite è di 80
Luganese
4 ore

Tesserete, annullata la festa multietnica 'Km 0'

Quella che sarebbe dovuta essere la quarta edizione è stata rinviata a causa delle restrizioni dovute alla pandemia da Covid-19
Locarnese
4 ore

La Locarno-Venezia salpa a Ferragosto

Trekking di 700 chilometri verso la Serenissima. La quindicesima edizione si carica di simboli
Mendrisiotto
04.07.2020 - 06:000

Seseglio, non un wellness ma un'area verde per la popolazione

Una mozione di Us-I Verdi e Ppd invita il Municipio di Chiasso ad acquistare e bonificare il terreno. Sul piatto anche La Perfetta di Arzo

Non una struttura sportiva e/o turistico-ricreativa ma un terreno bonificato a disposizione della popolazione di Chiasso e di tutto il Distretto. È questa la proposta formulata, con una mozione al Municipio di Chiasso, dai consiglieri comunali Antonia Boschetti, Denise Maranesi, Francesca Bernasconi Bedulli, Yuri Bedulli, Mauro Lancianesi (Us-I Verdi) e Davide De Donatis (Ppd). Il terreno in questione è quello di Seseglio, attualmente oggetto di una variante di Piano regolatore (che permetterebbe appunto la realizzazione di infrastrutture di carattere sportivo o turistico-ricreativo) e, nel novembre 2013, di un referendum accolto dalla popolazione che si è opposta alla variante pianificatoria e all'intenzione di un privato di realizzare un polo termale. La mozione è ora all'esame della Commissione Edilizia. Prima di pubblicare l'incarto, il Municipio ha sondato i pareri dei gruppi politici presenti in Consiglio comunale, incassando opinioni favorevoli con alcune riserve.

'L'ennesimo centro sportivo privato'

Riserve che, mozione alla mano, non sembra essersi sciolta, dato che, si legge, “i mozionanti si oppongono a quanto prospettato”. Tre i punti elencati a sostegno della tesi. Il primo riguarda il numero di strutture già presenti sul territorio. “Gli impianti sportivi che potrebbero sorgere andrebbero a implementare la già massiccia presenza di infrastrutture dedicate allo sport e al benessere sul nostro territorio”, si spiega. I mozionanti ritengono “superfluo aprire l'ennesima infrastruttura dedicata allo sport, al fitness e wellness considerando che la forte presenza di impianti del genere nelle immediate vicinanze è già in grado si rispondere al bisogno della cittadinanza di esercitare sport e cura di sé”. Tra le strutture già presenti, nella mozione vengono per esempio citati lo stadio Riva IV e la pista di ghiaccio, le piscine comunali, le palestre del comune e le palestre e centri fitness privati. “Chiasso e i suoi cittadini non hanno bisogno di un ennesimo centro sportivo privato”.

Gli altri due argomenti sono invece di natura ambientale. “Gli impianti che potrebbero sorgere non aiuterebbero in alcun modo a creare una città più verde e vivibile per i chiassesi – sostengono i consiglieri comunali –. Godere della propria città significa anche, e soprattutto, uscire e fare incontri in contesti piacevoli e spontanei come zone verdi non soggette ad attività commerciali”. Quanto potrebbe essere realizzato, “previa bonifica del sito”, andrebbe “a peggiorare la già scarsa qualità dell'aria di Chiasso e del Mendrisiotto”. In sostanza, a mente dei firmatari, “investire soldi ed energia per bonificare un sito inquinato non ha senso se sopra a esso sorge un centro che richiama traffico automobilistico e prevede la cementificazione di spazio verde”. Nell'incarto pubblicato viene indicato che ‘il bosco avanza’. “Una buona notizia – replicano i firmatari della mozione – rispetto a quella della costruzione dell'ennesimo centro wellness e fitness”.

La proposta: 'Il Municipio acquisti il terreno’

Come agire, quindi? “I mozionanti propongono al Municipio di acquistare il terreno, bonificarlo e metterlo a disposizione della popolazione chiassese e del distretto. Consci che l'investimento sarebbe piuttosto importante, soprattutto in questo particolare contesto, ricordiamo all'esecutivo la possibilità di chiedere fondi da più parti affinché bonificare il terreno e renderlo accessibile alla popolazione non sia troppo oneroso per le tasche dei contribuenti”. Qualora i sussidi ottenuti non dovessero essere sufficienti, il suggerimento formulato è di “vendere il centro di studio e vacanza La Perfetta” di Arzo che “non sembra essere un bene imprescindibile per la cittadinanza chiassese”. I firmatari precisano di essere “contrari a una vendita solo per fare cassa” ma si dicono “disposti a entrare in materia qualora la sua vendita permettesse di investire il denaro in progetti utili a tutti i cittadini di Chiasso”. Il caso specifico – ovvero la trasformazione in area verde dei terreni di Seseglio – “ci sembra un motivo sufficientemente valido: lo spazio verde che potrebbe sorgere sarebbe infatti a disposizione della popolazione 365 giorni l'anno e riprenderebbe esempi virtuosi come il Paü di Coldrerio, la Foce di Lugano e il Meriggio di Losone”. Progetti, concludono i consiglieri comunali di Chiasso, “intelligenti, capaci di aumentare notevolmente la qualità di vita dei cittadini”.

© Regiopress, All rights reserved