seseglio-non-un-wellness-ma-un-area-verde-per-la-popolazione
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
4 ore

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
9 ore

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà ch si è rivelato fondamentale’
Luganese
9 ore

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
10 ore

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
10 ore

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
10 ore

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
18 ore

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
18 ore

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
18 ore

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
18 ore

Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo

Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
Mendrisiotto
18 ore

Aggregazione Basso Mendrisiotto, una serata per parlarne

La sezione momò del Ps organizza un evento che avrà luogo a Balerna il 1° giugno, con ospiti i vicesindaci di Chiasso e Vacallo
Luganese
18 ore

Taverne: liberato un capriolo dalla vasca di contenimento

L’animale è stato soccorso dai guardiacaccia e dalla Società di protezione animali di Bellinzona, dileguandosi nel bosco
04.07.2020 - 06:00

Seseglio, non un wellness ma un'area verde per la popolazione

Una mozione di Us-I Verdi e Ppd invita il Municipio di Chiasso ad acquistare e bonificare il terreno. Sul piatto anche La Perfetta di Arzo

Non una struttura sportiva e/o turistico-ricreativa ma un terreno bonificato a disposizione della popolazione di Chiasso e di tutto il Distretto. È questa la proposta formulata, con una mozione al Municipio di Chiasso, dai consiglieri comunali Antonia Boschetti, Denise Maranesi, Francesca Bernasconi Bedulli, Yuri Bedulli, Mauro Lancianesi (Us-I Verdi) e Davide De Donatis (Ppd). Il terreno in questione è quello di Seseglio, attualmente oggetto di una variante di Piano regolatore (che permetterebbe appunto la realizzazione di infrastrutture di carattere sportivo o turistico-ricreativo) e, nel novembre 2013, di un referendum accolto dalla popolazione che si è opposta alla variante pianificatoria e all'intenzione di un privato di realizzare un polo termale. La mozione è ora all'esame della Commissione Edilizia. Prima di pubblicare l'incarto, il Municipio ha sondato i pareri dei gruppi politici presenti in Consiglio comunale, incassando opinioni favorevoli con alcune riserve.

'L'ennesimo centro sportivo privato'

Riserve che, mozione alla mano, non sembra essersi sciolta, dato che, si legge, “i mozionanti si oppongono a quanto prospettato”. Tre i punti elencati a sostegno della tesi. Il primo riguarda il numero di strutture già presenti sul territorio. “Gli impianti sportivi che potrebbero sorgere andrebbero a implementare la già massiccia presenza di infrastrutture dedicate allo sport e al benessere sul nostro territorio”, si spiega. I mozionanti ritengono “superfluo aprire l'ennesima infrastruttura dedicata allo sport, al fitness e wellness considerando che la forte presenza di impianti del genere nelle immediate vicinanze è già in grado si rispondere al bisogno della cittadinanza di esercitare sport e cura di sé”. Tra le strutture già presenti, nella mozione vengono per esempio citati lo stadio Riva IV e la pista di ghiaccio, le piscine comunali, le palestre del comune e le palestre e centri fitness privati. “Chiasso e i suoi cittadini non hanno bisogno di un ennesimo centro sportivo privato”.

Gli altri due argomenti sono invece di natura ambientale. “Gli impianti che potrebbero sorgere non aiuterebbero in alcun modo a creare una città più verde e vivibile per i chiassesi – sostengono i consiglieri comunali –. Godere della propria città significa anche, e soprattutto, uscire e fare incontri in contesti piacevoli e spontanei come zone verdi non soggette ad attività commerciali”. Quanto potrebbe essere realizzato, “previa bonifica del sito”, andrebbe “a peggiorare la già scarsa qualità dell'aria di Chiasso e del Mendrisiotto”. In sostanza, a mente dei firmatari, “investire soldi ed energia per bonificare un sito inquinato non ha senso se sopra a esso sorge un centro che richiama traffico automobilistico e prevede la cementificazione di spazio verde”. Nell'incarto pubblicato viene indicato che ‘il bosco avanza’. “Una buona notizia – replicano i firmatari della mozione – rispetto a quella della costruzione dell'ennesimo centro wellness e fitness”.

La proposta: 'Il Municipio acquisti il terreno’

Come agire, quindi? “I mozionanti propongono al Municipio di acquistare il terreno, bonificarlo e metterlo a disposizione della popolazione chiassese e del distretto. Consci che l'investimento sarebbe piuttosto importante, soprattutto in questo particolare contesto, ricordiamo all'esecutivo la possibilità di chiedere fondi da più parti affinché bonificare il terreno e renderlo accessibile alla popolazione non sia troppo oneroso per le tasche dei contribuenti”. Qualora i sussidi ottenuti non dovessero essere sufficienti, il suggerimento formulato è di “vendere il centro di studio e vacanza La Perfetta” di Arzo che “non sembra essere un bene imprescindibile per la cittadinanza chiassese”. I firmatari precisano di essere “contrari a una vendita solo per fare cassa” ma si dicono “disposti a entrare in materia qualora la sua vendita permettesse di investire il denaro in progetti utili a tutti i cittadini di Chiasso”. Il caso specifico – ovvero la trasformazione in area verde dei terreni di Seseglio – “ci sembra un motivo sufficientemente valido: lo spazio verde che potrebbe sorgere sarebbe infatti a disposizione della popolazione 365 giorni l'anno e riprenderebbe esempi virtuosi come il Paü di Coldrerio, la Foce di Lugano e il Meriggio di Losone”. Progetti, concludono i consiglieri comunali di Chiasso, “intelligenti, capaci di aumentare notevolmente la qualità di vita dei cittadini”.

Leggi anche:

Chiasso rilancia l'idea di un polo sportivo-turistico a Seseglio

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved