laRegione
Nuovo abbonamento
Le prime ripartiranno a giugno (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora
Parco eolico del Gottardo: spuntano le prime torri
Da fine luglio verranno assemblate le turbine. L'entrata in servizio dell'impianto, il primo in Ticino, è prevista entro fine novembre
Luganese
8 ore
Lugano, tre ore per approvare il consuntivo 2019
Il Consiglio comunale dopo lunghe discussioni dà luce verde ai conti della Città che hanno chiuso con un utile d'esercizio di 6,7 milioni.
Mendrisiotto
8 ore
Mendrisio: La Città odierna? In futuro potrebbe essere un lusso
Nel presente l''operazione risparmio' premia i consuntivi 2019, in rosso ma meno del previsto. Al lavoro per rivedere Piano finanziario e priorità
Bellinzonese
12 ore
Grande affluenza alla Piumogna, ma nessuna irregolarità
L'area svago di Faido presa d'assalto nel weeekend: la polizia ha appioppato diverse multe per posteggio ma non per questioni legate al Covid
Gallery
Locarnese
13 ore
Intragna, frontaliere si scontra con un camion
Ferite leggere per l'uomo, che nell'affrontare una curva ha centrato il grosso automezzo che procedeva in direzione opposta
Ticino
13 ore
Escursioni in montagna, ma senza sopravvalutarsi
Studio e raccomandazioni dell'Ufficio prevenzione infortuni. Un sito online per testare la propria preparazione
Ticino
13 ore
'Per aiutare gli allievi, corsi di recupero durante le vacanze'
Li chiede il Partito Socialista al Dipartimento educazione e cultura per sostenere chi ha avuto particolari difficoltà con l'insegnamento a distanza
GALLERY
Mendrisiotto
13 ore
Ramo si stacca e cade sulla strada a Morbio Inferiore
Si è staccato da una pianta secolare che si trova in un giardino vicino alla cantonale. Non ha causato danni
Ticino
14 ore
Il pp Andrea Minesso ritira la propria candidatura
Era anche lui in corsa per un nuovo mandato. A fine anno lascerà la magistratura. 'Ho nel frattempo deciso per un diverso futuro professionale'
Locarnese
14 ore
Summer Camp per bambini e adolescenti a Cevio, posti disponibili
È una colonia diurna per ragazzi fra gli 8 e i 15 anni, con attività ricreative, sportive e educative
Locarnese
14 ore
Lavizzara, due crediti per gli alpi di Menzonio, Bolla e Froda
Entrambe le richieste sono di 50mila franchi a favore dei Patriziati di Menzonio e Peccia, verranno sottoposte al legislativo il prossimo 13 luglio
Bellinzonese
14 ore
La scrittura al femminile con Monica Piffaretti
Nuovo appuntamento l'8 luglio alla Biblioteca cantonale di Bellinzona con l'iniziativa 'Incontra uno scrittore al parco'
Luganese
15 ore
Lugano mette sotto la lente il settore musicale
La Divisione cultura lancia un questionario per capire le necessità, le aspettative presenti e future e gli effetti della pandemia
Locarnese
15 ore
Resort sul Monte Brè, Aedartis Ag non desiste
Nonostante la domanda di costruzione non sia ricevibile perché il comparto si trova in Zona di pianificazione, la società zurighese si fa avanti
Grigioni
15 ore
Grigioni, parapendista precipita e muore
La vittima è un 52enne che si è schiantato ieri sullo Schollberg dopo essere entrato in una turbolenza
Gallery
Locarnese
16 ore
A Tenero il campeggio con vista sul cielo stellato
Presentato al Camping Tamaro Resort l'innovativo progetto 'Night Sky Tamaro', un'originale struttura ecosostenibile che si trasforma in osservatorio
Locarnese
16 ore
Gianluca Grossi ospite alla Libreria Locarnese con 'Lockdown'
Sabato 11 luglio, il fotoreporter indipendente firmerà le copie del suo nuovo volume fotografico che racconta l'emergenza attraverso immagini e parole
Bellinzonese
16 ore
Croce Verde di Bellinzona in assemblea
Il presidente Vincenzo Lacalamita, in carica da 20 anni, pronto per un nuovo mandato insieme al Cda uscente
Mendrisiotto
30.05.2020 - 11:250

Nel Mendrisiotto si tiene duro con la mobilità aziendale

Le istituzioni ci vanno cauti. La piattaforma di Mobalt si prepara a rimettere su strada le navette aziendali a esplorare altre vie

Il vero banco di prova sarà l'autunno. Anche per la mobilità aziendale gli effetti collaterali della pandemia si misureranno per davvero a partire da settembre. Così, mentre il mondo imprenditoriale incrocia le dita e ricomincia un passo alla volta, c'è chi prepara il terreno affinché i mezzi di trasporto alternativi all'auto privata non perdano posizioni, complice la paura di salire su bus e treni. Per quanti in questi anni si sono battuti per far guadagnare strada a mezzi pubblici, navette e veicoli condivisi la sfida è di quelle cruciali.

Non intende, però, cedere al pessimismo Davide Marconi, responsabile della piattaforma Mobalt. "Io resto positivo e ottimista - confida a 'laRegione' -: ciò che conta è farsi trovare pronti". Del resto, era scritto che il 2020 sarebbe stato un anno di quelli da ricordare con il varo della galleria di base del Monte Ceneri e, per il Mendrisiotto, il potenziamento del trasporto su gomma. Un altro motivo (se ce ne fosse mai bisogno) per far dire che proprio la crisi da coronavirus non ci voleva. Qui a sud del Ticino, a ridosso del confine, fa capire Marconi, occorre "attendere per capire quando ci si rimetterà in moto", nella consapevolezza che qualche elemento di difficoltà e incertezza esiste. In effetti, tenere le distanze sui torpedoni o nel 'car pooling' è arduo.

Per le istituzioni è 'prematuro' intervenire

Non a caso anche la Commissione regionale dei trasporti (Crtm) al momento è "un po' alla finestra", come ci conferma il suo presidente Andrea Rigamonti. È inevitabile, quindi, volgere lo sguardo verso Palazzo delle Orsoline e il Dipartimento del territorio. Gli interrogativi si affollano sul futuro della mobilità aziendale e, d'altro canto, aprono la via alle opportunità offerte dalle due ruote o dal telelavoro. Mirco Moser, capo della Sezione della mobilità, però, ci frena: "in questo momento - spiega - è prematuro stilare bilanci e valutazioni, soprattutto alla luce dell’incertezza sull’evoluzione della situazione sanitaria legata all’emergenza Covid-19".

'La prova del nove? L'autunno'

Chi ha fatto dei piani di mobilità aziendale il suo pane quotidiano, quindi, si arma di pazienza. "Il settore produttivo industriale - ci fa notare Marconi - non ha ancora visto rientrare il suo personale al cento per cento, facendo capo al lavoro ridotto e a turnazioni interne, dettate da esigenze sanitarie. Mentre le aziende legate ai servizi, che non si sono mai fermate, hanno privilegiato il lavoro a distanza e stanno facendo tornare a poco a poco i dipendenti in ufficio. Insomma, ci vorrà del tempo. Questa situazione, però, ci dà modo di cavarcela per il rotto della cuffia con il traffico e la gestione dell'auto, almeno per ora". Come dire che il peggio verrà dopo. "Vedo problemi, anche maggiori di quelli del passato, dall'autunno. Ecco perché penso che la prova del nove sarà a settembre".

Teme dei ripensamenti da parte dei lavoratori, in particolare frontalieri? "Dai contatti che abbiamo con le aziende - fa presente il responsabile di Mobalt - non mi sembra di avvertire un cambio di opinione sulla bontà di certe soluzioni, piuttosto sulla tempistica. Le ditte sono caute, tergiversano e, giustamente, danno la priorità agli aspetti sanitari e alla tutela dei loro collaboratori. Un altro punto da non sottovalutare è poi l'importanza di far ripartire i collegamenti ferroviari transfrontalieri ". In caso contrario, lascia intendere, il rischio di vedere più auto su strade e autostrada è tangibile. Ma qui bisognerà far aderire direttive e necessità dei due Stati, condizionate dall'andamento del virus.

A giugno tornano le prime navette

In ogni caso la piattaforma Mobalt, che lungo il cammino ha avuto il sostegno del Cantone e dei Comuni, scommette ancora sulle navette aziendali. "Noi spingiamo per farle ripartire - ci conferma Marconi -. Del resto, prima che scattasse il 'lockdown' avevamo approntato dei piani per adattare il servizio, raddoppiato nell'offerta, alle nuove disposizioni igienico-sociali. In più, oggi, oltre a sanificare i mezzi e mettere a disposizione i gel per disinfettare le mani - certo con qualche costo in più pure per industrie e imprese, ndr -, siamo orientati a chiedere l'obbligo della mascherina a chi utilizzerà i bus". Quindi si ricomincia? "Le prime navette entreranno in servizio a giugno - annuncia il responsabile -. In realtà, si tratta di navette brevi a supporto del treno (il Tilo, ndr), dunque a cadenza semi oraria, che serviranno le stazioni con maggiore frequenza, punti di partenza Lamone e, novità, Giubiasco, ci attesteremo infatti nel Sopraceneri. Mi auguro, poi, di riattivare gli altri veicoli al più tardi a settembre, una volta superate pure le questioni al confine, con la speranza che il trasporto pubblico e il 'car pooling' riconquistino la fiducia degli utenti".

Il futuro? 'Telelavoro e  'desk sharing'

Ciò non impedisce di sperimentare altre possibilità. È il caso, ci conforta Marconi, del telelavoro, sussidiato a livello cantonale ma sino all'emergenza sanitaria poco utilizzato. Se prenderà piede, come richiama anche Mirco Moser, contribuirà a ridurre gli spostamenti, "a tutto beneficio della gestione della mobilità", ribadisce il caposezione. Nel Mendrisiotto, gli fa eco il responsabile di Mobalt, "ne andrà valutata la portata, soprattutto per i frontalieri. Per loro - richiama - in regime normale è permesso solo al massimo un 25 per cento del tempo di lavoro. Quindi se ne dovrà discutere. D'altra parte, durante il 'lockdown' si è dimostrato che è fattibile lavorare da casa".

La crisi ha fatto emergere altresì un'altra strada possibile. "Una delle aziende che già utilizzava la piattaforma Mobalt ci ha avanzato una richiesta - ci dice Marconi -: applicare il principio del 'car sharing', quindi dell'auto in comune, alle postazioni di lavoro. In sostanza ci ha domandato di sviluppare un sistema che permetta di prenotare le scrivanie, gestendo così al meglio gli 'open space' a disposizione, anche alla luce delle nuove disposizioni. Possiamo parlare di 'desk sharing': di sicuro un elemento nuovo in questa crisi". La mobilità può avere tante declinazioni.

© Regiopress, All rights reserved