ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
17 min

Aperte le iscrizioni per la ‘Walking Mendrisiotto’

La giornata si terrà domenica 16 aprile. Previsti quattro itinerari e vari corsi
Bellinzonese
23 min

Per Carnevale Sobrio si trasforma nella contea di Hazzard

La manifestazione avrà luogo nella località leventinese sabato 11 febbraio, fra festa, maschere, balli, musica e buon cibo
Luganese
35 min

Tre blackout in un mese: ‘Quando la sfortuna...’

A saltare ‘inspiegabilmente’ (forse un cortocircuito) un interruttore di sicurezza sul Pian Scairolo
Bellinzonese
58 min

Giornata di formazione sulle valanghe ad Airolo Pesciüm

Appuntamento per domenica 12 febbraio, dalle 9 alle 14, all’Avalanche Training Center
Bellinzonese
1 ora

Serata dibattito sul sistema di assicurazione sociale

Appuntamento per giovedì 9 febbraio alle 20 alla Casa del Popolo a Bellinzona
Mendrisiotto
1 ora

A Chiasso si cercano aiuto-bagnini

I giovani interessati hanno tempo entro il 17 marzo per annunciarsi
Bellinzonese
1 ora

Discussione sulle pensioni Ipct a Bellinzona

Appuntamento per giovedì 23 marzo alle 20.15 al ristorante Casa del Popolo
Locarnese
1 ora

Alla Biblioteca di San Nazzaro si gioca

Attività ludiche non stop per bambini dalle 16 alle 22. Vi saranno pure merenda e spuntino offerto in serata
Bellinzonese
1 ora

Manifestazione contro la guerra in Ucraina a Bellinzona

Appuntamento per venerdì 24 febbraio alle 17.30 sul piazzale Ffs, a distanza di un anno dall’invasione del Paese da parte della Russia
Luganese
2 ore

A Lugano la seconda giornata sul ‘diritto d’asilo’

All’incontro saranno presenti alcune deputate in Gran Consiglio, si parlerà di migliori condizioni d’accoglienza per i migranti più vulnerabili.
Luganese
2 ore

Riprendono i lavori sulla A2 tra Lamone e Gentilino

In collina velocità limitata a 80 km/h, mentre allo svincolo di Lugano Nord si viaggia a 100 km/h
Bellinzonese
3 ore

Thriller poliziesco ambientato al Carnevale di Bellinzona

Nella Turrita sono in corso le riprese di ‘Alter Ego’, una serie Tv diretta da Erik Bernasconi e Robert Ralston, che andrà in onda sulla Rsi a fine anno
Locarnese
3 ore

Tenero-Contra, il carnevale ritrova le vecchie abitudini

Superata la soglia del Sessantesimo, l’evento più pazzo dell’anno rilancia: una settimana di proposte per tutti i gusti a partire da sabato
Luganese
5 ore

Condannato per aver truffato tre anziane del Luganese

Pena parzialmente sospesa per un 27enne reo confesso. Tra i nove tentativi di ‘falso nipote’ messi in atto nel settembre 2022, sei sono stati sventati
Mendrisiotto
6 ore

Torna il Carnevale di Pedrinate

L’appuntamento è per il prossimo weekend nel salone comunale del paese
18.05.2020 - 20:11

Commercianti, 'deve esserci maggiore dialogo'

Primo sommario bilancio delle riaperture dei negozi nel distretto. Al via una campagna promozionale 'Noi ci mettiamo la faccia'

commercianti-deve-esserci-maggiore-dialogo
Prove di normalità nel centro cittadino di Chiasso (Ti-Press)

'Noi ci mettiamo la faccia'. Dopo Lugano e Bellinzona, la campagna promozionale arriva anche a Chiasso e Mendrisio. Proprio in questi giorni la Società commercianti del Mendrisiotto (Scm) girerà piccoli filmati di trenta secondi all'esterno dei negozi. «Si tratta di un'iniziativa molto semplice che faremo girare sui social – spiega a 'laRegione' il presidente della Scm Carlo Coen –. Un messaggio semplice e immediato per far capire ai nostri clienti che abbiamo riaperto e siamo pronti ad accoglierli in tutta sicurezza». A una settimana dalla riapertura dei commerci dopo la chiusura imposta dall'emergenza sanitaria, stilare un bilancio è ancora prematuro. «Dipende da negozio a negozio – conferma Coen –. C'è chi ha avuto pochi clienti ma anche chi ha registrato una buona affluenza. Certo la meteo dei giorni scorsi non ci ha aiutato, ma sapendo di avere davanti una settimana di sole, siamo tutti più positivi». Nonostante la ventata di ottimismo, i timori e le paure che il presidente della Scm ci aveva confidato alla vigilia della riapertura non sono di certo svaniti. «Non possono di certo svanire in una settimana. In generale, l'argomento di discussione resta sempre quello – aggiunge Coen –. Poter riaprire è stato un passo molto importante, ma adesso sarà fondamentale far capire che abbiamo attuato tutte le norme per rendere sicuri i negozi per i nostri clienti. C'è chi, nonostante i due mesi di chiusura e quindi i mancati incassi, ha investito parecchio per poter riaprire in tutta sicurezza. Sono queste persone che devono essere sostenute e ringraziate». Le immagini del fine settimana hanno dimostrato che le persone hanno voglia di shopping e le collezioni estive sono state esposte. «Non riesco però a spiegarmi – è la riflessione del presidente – perché ci sia tutto questo timore a entrare nelle piccole attività ma non nei centri commerciali».

'Si rischia un'ecatombe'

La ripartenza è stata segnata dalle incognite future. «Il principale problema di chi ha riaperto è il pagamento dell'affitto – sottolinea ancora Carlo Coen –. Qualcuno rischia di dovere gettare la spugna già adesso. La maggior parte dei negozianti ce la sta facendo perché ha chiesto la fideiussione, il famoso prestito a tasso zero, che ha permesso loro di... coprire dei buchi con un buco». Un'immagine «brutta – riconosce il presidente – ma tecnicamente è così». La pandemia e le conseguenti chiusure di esercizi pubblici e negozi è arrivata nel momento sbagliato della stagione. «Il periodo estivo verso il quale ci stiamo avvicinando non è il nostro momento migliore perché non ci troviamo in una zona prettamente turistica – motiva Coen –. La vera stagione dei commercianti è la primavera: dover tenere chiuso in questi mesi è come perdere mezzo anno. Peccato che lo Stato non lo abbia ancora capito: è come se strutture turistiche non potessero accogliere nessuno nei mesi di luglio e agosto». L'appello di Carlo Coen va quindi, in primis, alla politica. «Non voglio essere catastrofico perché sono i dati a parlare, ma se a livello comunale, cantonale e federale non verrà trovata una soluzione per far fronte a questa problematica, entro l'autunno si rischia un'ecatombe di attività commerciali». Durante i primi giorni di apertura «ho sentito nelle persone la voglia di uscire e di tornare a una parvenza di normalità. Visto che durante la quarantena c'era voglia di e-commerce, speriamo che adesso si passi allo shopping fuori da internet».

Aiuti dai comuni, arrivano le proposte

Un aiuto per il futuro è atteso a medio-breve termine anche dai comuni. Proprio domani i tre sottogruppi di lavoro creati a Chiasso per elaborare proposte e idee concrete per sostenere commerci locali e piccole attività presenteranno le loro idee al Municipio che, dopo averle valutate, elaborerà un messaggio da sottoporre al Consiglio comunale. Messaggio che, come anticipato dal sindaco Bruno Arrigoni durante la presentazione del consuntivo, è atteso entro la fine del messo. Un esercizio analogo, portato avanti dal dicastero Economia e dall'Ufficio del promovimento economico, è in corso anche a Mendrisio. «Due modalità diverse – analizza il presidente della Scm –. In un territorio così piccolo come il nostro, dove il tema dell'aggregazione è sempre all'ordine del giorno, almeno in questo ambito mi sarei aspettato una visione d'intenti comune e un maggior dialogo per coinvolgere tutti e non far diventare questo processo di informazione lungo e dispersivo». Contatti più intensi vengono auspicati anche con i commercianti di Mendrisio. «Invito chi avesse proposte o idee a contattarmi. Solo sempre stato disponibile e continuerà a esserlo», conclude Carlo Coen.

Leggi anche:

Commercianti, 'la ripartenza dipende da noi'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved