ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Condannato per aver truffato tre anziane del Luganese

Pena parzialmente sospesa per un 27enne reo confesso. Tra i nove tentativi di ‘falso nipote’ messi in atto nel settembre 2022, sei sono stati sventati
Mendrisiotto
2 ore

Torna il Carnevale di Pedrinate

L’appuntamento è per il prossimo weekend nel salone comunale del paese
Locarnese
4 ore

Una nuova direzione per lo sviluppo del PalaCinema

Migliorare le sinergie tra gli inquilini, promuovere attività culturali e formative nel campo della settima arte le sfide che attendono il nuovo direttore
Locarnese
4 ore

Un corso per gestire le emergenze con bambini

Lo organizza la Sezione Samaritani Bassa Vallemaggia sabato 11 febbraio a Gordevio, seguito il 20 febbraio da uno sull’uso del defibrillatore
Luganese
4 ore

Blackout nel Luganese, quasi un’ora senza corrente

La causa è stata un guasto alla rete nazionale Swissgrid.
Ticino
6 ore

Attività invernali e fauna selvatica: prove di... convivenza

Quattro regole per non violare le ‘zone di tranquillità’: con ‘Rispetto è protezione – Sport sulla neve e rispetto’ Nature-Loisirs sbarca in Ticino
Mendrisiotto
6 ore

Ecco i pasti pronti che scaldano il cuore

L’associazione Lì&Là si occupa di fornire pranzi e cene alle famiglie con figli ospedalizzati. Un’idea nata dall’esperienza personale di Sveva
Bellinzonese
6 ore

A Bellinzona un centinaio di abitanti in più dal Luganese

Considerando arrivi e partenze, dai dati sulla popolazione emerge un saldo positivo (di circa 50 unità) pure da Locarnese, Tre Valli e Mendrisiotto
Gallery
Locarnese
9 ore

In Parlamento per promuovere il diritto all’accessibilità

Marco Altomare, 29enne di Losone, soffre di una malattia genetica rara. Ma questo non gli impedisce di tentare la carta del Gran Consiglio
Mendrisiotto
9 ore

La politica momò, tra municipali che vanno e che vengono

A Morbio Inferiore Fabio Agustoni lascia il gruppo Morbio 2030, ma resta come indipendente. Altra novità a Mendrisio, stavolta nel Centro
Bellinzonese
9 ore

Ronco Bedretto: prima del verde 10 anni di deposito Ustra

L’area della cava Leonardi sarà trasformata in zona agricola con il materiale di scavo proveniente dal secondo tubo autostradale del San Gottardo
Luganese
15 ore

Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni

Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
18 ore

In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea

Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
laR
 
16.05.2020 - 11:20

Un Centro tessile a Chiasso: c'è tempo fino a metà giugno

L'emergenza da Covid-19 dilata i tempi (ma non troppo), prorogate le scadenze del bando di concorso. Inizio lavori previsto per fine anno

un-centro-tessile-a-chiasso-c-e-tempo-fino-a-meta-giugno
Orizzonte il 2023 (Ti-Press)

La pandemia ha 'contagiato' anche la progettualità. Il 'lockdown' ha congelato, infatti, pure le opere in cantiere sul territorio del Mendrisiotto. A Chiasso, quindi, si incrociavano già le dita pensando al Centro professionale tecnico del settore tessile. Il rischio di veder frenare l'operazione dopo un percorso irto di ostacoli e durato anni c'era, e concreto. Invece, nonostante l'emergenza sanitaria, l'iter ha rallentato, è vero, ma i tempi si sono solo allungati 'solo' di un altro po'. Un 'posticipo' che, di fatto, 'regala' agio ai professionisti che intendono misurarsi con questa sfida: dare forma a un polo della formazione a due passi dalla stazione ferroviaria cittadina.

Prolungati i tempi del concorso

Un nuovo mattoncino lo si era sistemato proprio prima della crisi da Covid-19: si era ufficializzata la pubblicazione del bando di concorso promosso dal Cantone per la progettazione del Centro. Un atto rimasto, in seguito, in sospeso nel periodo delle maggiori restrizioni a causa della diffusione del virus. Poi, giusto nei giorni scorsi, ecco il nuovo avviso rimbalzato dal Foglio ufficiale cantonale e dal portale 'simap.ch': i progettisti (anzi i 'team') avranno tempo fino al 29 maggio per consegnare i piani e sino al 15 di giugno per recapitare il modellino. Tutte scadenze che scandiscono la marcia di avvicinamento alla realizzazione di una scuola per la quale la politica cittadina (e senza distinzione di colore politico) si è battuta, e parecchio. "Non c'è dubbio, si tratta di un passo avanti notevole", commenta a 'laRegione' il sindaco di Chiasso Bruno Arrigoni.

L'autorità comunale, d'altro canto, ha tutta l'intenzione di tenere d'occhio sviluppi e tempistica. Sul calendario l'esecutivo si è già appuntato alcune date, ci fa capire la municipale, Sonia Colombo-Regazzoni, che sta seguendo pedissequamente il progetto. In effetti, si prevede che la proposta definitiva sarà scelta entro la metà di luglio, tanto da immaginare una esposizione di piani e modelli selezionati al Palapenz (sempre per garantire il distanziamento sociale). Quanto al mandato, ci conferma la capo dicastero Territorio, si presume verrà assegnato l'autunno prossimo, fra settembre e ottobre. Il che fa ipotizzare l'apertura del cantiere (e l'inizio dei lavori) per la fine dell'anno. Insomma, il dossier 'Centro tessile' "non dovrebbe più subire slittamenti di sorta". 

L'orizzonte temporale è quello del 2023

 A dare una decisa iniezione di fiducia, ormai oltre un anno e mezzo fa (era il settembre del 2018), era stato il nullaosta del Gran consiglio al dossier cantonale che, nello spazio di pochi minuti, aveva portato con sé la parola chiave per accedere a un investimento di 8 milioni di franchi e la certezza che il Centro professionale tecnico del settore tessile - che avrà sotto lo stesso tetto la Scuola d'arti e mestieri di sartoria e la Scuola specializzata superiore d'abbigliamento e design della moda - si sarebbe concretizzato per davvero, orizzonte temporale l'autunno del 2023. Questa realtà formativa accoglierà 280 studenti e oltre una quarantina di docenti. Adesso, come detto, toccherà ai progettisti restituire sostanza agli obiettivi di Cantone e Comune.

Certo la strada appare ancora lunga. Il primo atto - a favore del quale l'avallo parlamentare ha firmato l'assegno - sarà l'acquisto del terreno (di oltre 4mila metri quadrati) di proprietà delle Ferrovie, lì in coincidenza con i vecchi magazzini in centrocittà. E la collocazione è quanto mai strategica, tanto per il Centro - che darà modo agli alunni di raggiungere le due scuole utilizzando il trasporto pubblico - che per la Città, la quale attende da tempo di riconvertire alcuni degli spazi ormai privi della loro vocazione ferroviaria iniziale. Non a caso Chiasso ha messo le fondamenta dell'opera rivedendo il Piano regolatore. Il Comune, in effetti, ha bisogno di nuovi stimoli e ambiti di sviluppo.

Un'operazione di peso

Davanti a sé autorità cantonale e cittadina hanno, del resto, un intervento di peso, a livello pianificatorio e finanziario. A conti fatti concretizzare il progetto richiederà una spesa valutata in 35 milioni e mezzo, di questi 26 milioni e mezzo saranno dedicati alla sola costruzione del Centro. Dal canto suo, il Comune parteciperà con 400mila franchi. Una quota che, si può, dire, gli darà diritto (ma soprattutto accesso) al parcheggio da 225 posti (pubblici), in gran parte interrati. Si può ben capire, quindi, la valenza, oggi, di veder pubblicare il bando di concorso, in particolare per la politica locale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved