le-cure-a-domicilio-ai-tempi-del-covid-19
Cure a domicilio, operatori al fronte (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
45 sec

Ecco la tradizionale festa della capanna Quarnei

La società alpinistica Bassa Blenio lunedì 15 agosto celebrerà alla grande il suo 27esimo anniversario
Locarnese
2 min

Vallemaggia, quarto tiro obbligatorio

Martedì pomeriggio si spara al poligono di Cevio. Militi tenuti a presentarsi con tutto l’occorrente
Luganese
2 min

Bianchetti: ‘La perdita di Borradori ci ha disorientati’

Assieme a scuola e in politica, vicini di casa. A un anno dalla morte dell’ex sindaco, il ricordo del primo cittadino: ‘La Lega di Lugano sta soffrendo’.
Locarnese
9 min

Gordola, Festa ai Monti Motti

Lunedì si celebra la tradizionale ricorrenza dell’Assunzione. Oltre alla messa vi saranno animazioni, con bancarelle di prodotti nostrani
Luganese
1 ora

Quei due giorni vissuti in una sorta di limbo

L’improvvisa scomparsa dell’ex sindaco suscitò momenti di agitazione e forte preoccupazione e lasciò la città ‘sospesa nel vuoto’ in una sorta di limbo
Bellinzonese
4 ore

Fuggi fuggi dal bistrot: ‘Progetto etico rivelatosi una truffa’

Stipendi non versati, niente ferie e continue pressioni: è la situazione lavorativa descritta da alcuni ex dipendenti del Cerere Bio Bistrot di Bellinzona
Luganese
5 ore

Un anno fa scomparve Borradori, Foletti: ‘L’assenza si sente’

Il sindaco di Lugano ci racconta i suoi sentimenti personali e come sono mutate le dinamiche e gli equilibri all’interno del Municipio
Gallery
Bellinzonese
12 ore

Una raccolta fondi per scendere più in profondità

L’apneista bellinzonese Vera Giampietro chiede aiuto per partecipare ai Campionati del mondo previsti in Turchia a inizio ottobre
GALLERY
Mendrisiotto
12 ore

In Valle di Muggio gioielli del territorio a tutte le ore

A Caneggio e Muggio, all’esterno dei due negozi della Dispensa, sono stati posizionati due distributori automatici
Ticino
13 ore

Tf boccia lo sgravio del valore locativo. ‘Ora effetto domino’

Ghisletta (Ps): ‘basta svuotare le casse pubbliche’. Dura l’Udc: ‘Ps nemico di anziani e proprietari di case’. Vorpe (Supsi): ‘Altri cantoni seguiranno’.
Locarnese
14 ore

Gordola, furgone in una scarpata: recuperato con l’elicottero

L’intervento dell’Heli Tv si è reso necessario dopo che il carro attrezzi non era riuscito a rimuovere il mezzo. Nessuno si trovava a bordo
Ticino
14 ore

Inflazione, il Ps: salari e aiuti più alti. Gli altri: sgravi

I socialisti presentano le loro proposte, a livello federale e cantonale, per contrastare il carovita. Durisch: oggi i colpiti sono soprattutto i fragili
Luganese
15 ore

Viadotto Brentino a Lugano, ‘perché la Città non fa nulla?’

La consigliera comunale Sara Beretta Piccoli (Movimento Ticino&Lavoro) chiede al Municipio di attivarsi per una soluzione alla strada incompiuta
Luganese
15 ore

A2 Melide-Gentilino: concluso il grosso del risanamento fonico

Avviati nel 2019, agli sgoccioli i lavori sull’autostrada, L’Ustra: rispettata la tempistica e i costi preventivati
Locarnese
15 ore

Muralto Democratica fa le pulci ai conti (dopo la bocciatura)

Dieci domande al Municipio su temi che vanno dalle spese per il personale alla manutenzione riali, al rischio di non incassare le imposte arretrate
Locarnese
15 ore

‘Vento di vita vera’, la Bavona va sul grande schermo

Sabato sera in piazza a Moghegno la prima del film di Kurt Koller, realizzato in collaborazione con la Fondazione Valle Bavona
Luganese
15 ore

Sparatoria ad Agno, confermato l’arresto del padre del 22enne

Il 49enne di Rovio è accusato di tentato assassinio subordinatamente omicidio nonché infrazione alla Legge federale sulle armi
Luganese
15 ore

Casa Andreina alla scoperta dei fiori di Bach

Conferenza informativa il 16 agosto con la naturopata e floriterapeuta, Laura Neri
Mendrisiottto
13.03.2020 - 08:32
Aggiornamento: 10:30

Le cure a domicilio ai tempi del Covid-19

Operatori messi a dura prova dai controlli ai valichi; e le giornate si allungano. Il direttore dell'Acd: 'Siamo al fronte'

Lavorano nelle retrovie rispetto alle linea del fronte, ma a combattere la lotta quotidiana contro gli effetti del coronavirus ci sono anche loro: gli operatori delle cure domiciliari. Con l'Obv di Mendrisio, divenuto un ospedale 'Covid-19', e i medici di base in prima linea, tocca a loro accudire e rassicurare le tante persone - anziani, ma non solo - che necessitano di assistenza e una buona parola. E muoversi in una zona di frontiera in questi giorni non ha fatto altro che complicare le cose. Strette le maglie dei controlli sul lato italiano del confine, sigillati nove valichi secondari sul versante svizzero, soprattutto per infermieri, assistenti e ausiliari dei piccoli Spitex privati raggiungere i propri utenti è divenuto assai difficoltoso. I tempi da una visita all'altra, la mattina e la sera, si sono dilatati. E le ore trascorse in auto, incolonnati, aumentano a dismisura. Decine di minuti preziosi che per i collaboratori lasciati filtrare da oltrefrontiera si sommano alle lunghe trasferte per coprire il tragitto casa-lavoro.

'La situazione della mobilità è disastrosa'

Quello che sale da Isabelle Dufour, direttrice sanitaria di Spitex Gruppo Salute di Chiasso, è quasi un grido d'aiuto. «In questi momenti abbiamo enormi difficoltà a curare i  nostri pazienti per i disagi causati dal traffico. Per portare a termine i giri di visita, in particolare la sera, in coincidenza con il rientro dei pendolari, i nostri operatori partono alle 16 e terminano il servizio alle 21.30, superando di almeno tre ore l'abituale orario di lavoro». Per chi arriva dall'altra parte della dogana, poi, le giornate non finiscono mai. «Ho del personale che si alza alle 4.30 del mattino per poter assolvere ai suoi compiti, altri a fine giornata riescono a varcare la soglia di casa a mezzanotte. Con la chiusura dei valichi minori la situazione poi è peggiorata. Non penso che siamo i soli, tra gli Spitex privati almeno, ad essere confrontati con questo scenario».

Solidarietà tra colleghi

Una quotidianità problematica alla quale la categoria risponde facendo quadrato. "In questo momento - ha scritto a 'laRegione' il 'Personale  sanitario di un Istituto del Mendrisiotto' -,  come operatrici sanitarie ticinesi siamo testimoni di grande professionalità da parte dei colleghi italiani, che si impegnano a rispettare gli orari di lavoro partendo da casa anche con 2 o 3  di anticipo, ma arrivando comunque ritardo. Purtroppo - annotano, richiamando l'attenzione - nel lungo termine questo diventerà insostenibile.  E dato che la situazione non sarà probabilmente di breve durata, queste persone andrebbero tutelate almeno nei loro spostamenti al fine di preservare le loro energie, nell'interesse della sanità ticinese". L'appello alle istituzioni cantonali è chiaro.

'Ci sono utenti che hanno paura e non aprono'

Il settore delle cure a domicilio, del resto, si sente un po' trascurato. «Nessuno - ci dice ancora Isabelle Dufour - parla in questo momento delle nostre condizioni di lavoro sul campo. Oggi infatti siamo chiamati a prodigarci affinché le persone più vulnerabili non vengano ricoverate in ospedale. In alcuni casi si  tratta di ovviare all'assenza della badante, che non può passare il confine, in altri di portare cure di cui la persona ha assoluta necessità». Anche se taluni anziani, sopraffatti dalla paura del contagio, non aprono la porta neppure agli operatori domiciliari. «E' un problema molto complesso: hanno bisogno di cure ma temono questo virus. Poi magari ricevono figli e nipoti. Noi applichiamo delle precauzioni stringenti e abbiamo anche cercato di informare al meglio le famiglie, ma per le persone di una certa età stare isolati è faticoso».

L'Acd tiene alta la guardia

Spostandosi dagli Spitex privati all'Associazione cure a domicilio (Acd) del Mendrisiotto e Basso Ceresio (quindi l'ente pubblico), la vera preoccupazione adesso, ci fa capire il direttore Brian Frischknecht, non è tanto il traffico quanto l'aspetto clinico della faccenda. Oggi l'Acd è chiamato, da un lato, a rassicurare l'utenza e dall'altro a supplire in alcuni casi ai medici di famiglia, «oberati di lavoro». La pianificazione dell'Acd, annota ancora il direttore, ha retto insomma all'urto delle colonne di auto che, conferma, «non hanno compromesso il servizio, al di là di qualche disguido superabile. Da parte nostra comunque siamo pronti a fronteggiare le necessità».

Merito, tiene a ribadire Frischknecht, della reazione del personale. «I nostri collaboratori hanno mostrato un grande senso di responsabilità, prontezza e solidarietà, fra loro e con i pazienti, che sono disorientati e hanno bisogno di una buona parola in un momento in cui non sono possibili gli scambi intergenerazionali. Da parte degli operatori si investe così pure dal profilo emotivo nella relazione con l'utente. Ma vedo che anche i famigliari mostrano una maggiore presenza».

Per ora stanno tutti bene

A dare coraggio ora è anche la constatazione che, al momento, tutti gli utenti - sia coloro che vengono seguiti dallo Spitex privato che chi è paziente dell'Acd - stanno bene; e che l'intero staff di infermieri, assistenti e ausiliari è al suo posto. Tutto ciò nella consapevolezza che la situazione muta di ora in ora. «Siamo coscienti e lucidi - spiega Isabelle Dufour - che, prima o poi, ci potremo aspettare qualche caso». Nel frattempo, si resiste. «Anche perché se dovesse ammalarsi un operatore, non so come potremo farvi fronte».

'I costi crescono: chi li coprirà?'

C'è un altra forma di resistenza, anzi di 'sopravvivenza', soprattutto per i piccoli Spitex. «I ritardi dovuti al traffico, quindi un maggior numero di ore di servizio, provocano dei costi non indifferenti - lamenta ancora Dufour -. Ma, mi domando chi li copre? Le casse  malati no, non rispondono sulle spese di trasferta. Chiaro, sto facendo un ragionamento meramente finanziario. In ogni caso, se questa condizione durerà poco potremo affrontare la crisi e farvi fronte, al meglio possibile. Se, però, dovesse perdurare, rischia di non essere sostenibile, almeno per noi». Tra le pieghe del problema, ci si aspetta una risposta dello Stato, pure sul piano economico.

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved