ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 min

Persona dispersa sul Monte Sassalto, sopra Caslano

Le operazioni di ricerca sono scattate nella serata di ieri. Impegnata la Rega, prima con il visore notturno e poi in volo a vista
Grigioni
28 min

Grono ha 66 abitanti in più

Nel Comune grigionese, al 31 dicembre 2022, abitavano 1’493 persone. Registrati 155 arrivi contro 88 partenze, 13 nascite e 14 decessi
Ticino
16 ore

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
19 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
21 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
1 gior

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
1 gior

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
12.03.2020 - 16:41

Annullate le Processioni storiche di Mendrisio

L'atteso appuntamento pasquale si arrende al coronavirus. Nelle vie del Borgo ci saranno comunque i Trasparenti

annullate-le-processioni-storiche-di-mendrisio
Annullata la prima edizione dopo il riconoscimento Unesco (Ti-Press)

La decisione era nell'aria. Anche le Processioni storiche di Mendrisio, previste il 9 e 10 aprile, sono state annullate a causa del diffondersi del coronavirus. A confermarcelo è Gabriele Ponti, presidente della Fondazione Processioni storiche. «Da subito abbiamo detto che avremmo continuato a preparare l'evento con un occhio attento alla situazione, che purtroppo è decisamente peggiorata». Le nuove disposizioni cantonali parlano chiaro. «I musei sono chiusi, gli assembramenti di persone sono vietati e anche parte del pubblico che segue le Processioni è nella fascia d'età a rischio – aggiunge Ponti –. La decisione più saggia è stata quella di annullare l'edizione del 2020». Un'edizione che stava suscitando parecchio interesse anche ai di fuori dei confini nazionali perché sarebbe stata la prima dopo l'iscrizione delle Processioni nella lista dei beni immateriali dell'Unesco.

'L'affetto delle persone è enorme'

Nelle scorse settimane Gabriele Ponti e i suoi collaboratori hanno sentito l'affetto delle persone. «Il riscontro è stato molto buono, con tantissimi volontari che ci hanno sia scritto che telefonato – ammette il presidente –. C'è stato anche un enorme interesse sia per il Giovedì che per il Venerdì Santo. I ruoli erano quasi tutti assegnati per entrambe. Da un lato questo ci fa un enorme piacere, dall'altro è un rammarico in più perché dimostra come tutti tengano alle Processioni di Mendrisio». Ma di fronte all'emergenza sanitaria scoppiata nelle ultime settimane, «la salute viene prima di tutto, ed è più che opportuno seguire quello che le autorità consigliano».

L'atmosfera pasquale ci sarà comunque

Insieme alle Processioni, dal calendario pasquale di Mendrisio sono stati cancellati anche il Settenario dell'Addolorata, il gazebo con i vestiti del Giovedì Santo e il Museo del Trasparente di Casa Croci (chiuso fino a nuovo avviso). Ci saranno però i Trasparenti lungo le vie del Borgo. «Ringrazio Municipio e Ufficio tecnico di Mendrisio che addobberanno comunque il nucleo storico, permettendo così di vivere l'atmosfera pasquale e ammirare i nostri capolavori in una sorta di museo all'aperto per il quale siamo fieri e contenti». Gabriele Ponti non perde il suo ottimismo e pensa già all'edizione 2021. «Sono convinto che l'anno prossimo ci sarà ancora più gente che si interesserà alle Processioni, che il fuoco sacro che brucia nelle coscienze di tutti aumenterà e ci sarà ancora più 'battaglia' per avere un ruolo. Questo entusiasmo non andrà scemando perché quest'anno ci vediamo confrontati con qualcosa che è più grande di tutto». 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved