ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
5 ore

Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita

Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
5 ore

La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023

Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
8 ore

Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista

L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
8 ore

Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico

La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
9 ore

Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista

L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
12 ore

A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa

Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
14 ore

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
17 ore

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
12.03.2020 - 16:41

Annullate le Processioni storiche di Mendrisio

L'atteso appuntamento pasquale si arrende al coronavirus. Nelle vie del Borgo ci saranno comunque i Trasparenti

annullate-le-processioni-storiche-di-mendrisio
Annullata la prima edizione dopo il riconoscimento Unesco (Ti-Press)

La decisione era nell'aria. Anche le Processioni storiche di Mendrisio, previste il 9 e 10 aprile, sono state annullate a causa del diffondersi del coronavirus. A confermarcelo è Gabriele Ponti, presidente della Fondazione Processioni storiche. «Da subito abbiamo detto che avremmo continuato a preparare l'evento con un occhio attento alla situazione, che purtroppo è decisamente peggiorata». Le nuove disposizioni cantonali parlano chiaro. «I musei sono chiusi, gli assembramenti di persone sono vietati e anche parte del pubblico che segue le Processioni è nella fascia d'età a rischio – aggiunge Ponti –. La decisione più saggia è stata quella di annullare l'edizione del 2020». Un'edizione che stava suscitando parecchio interesse anche ai di fuori dei confini nazionali perché sarebbe stata la prima dopo l'iscrizione delle Processioni nella lista dei beni immateriali dell'Unesco.

'L'affetto delle persone è enorme'

Nelle scorse settimane Gabriele Ponti e i suoi collaboratori hanno sentito l'affetto delle persone. «Il riscontro è stato molto buono, con tantissimi volontari che ci hanno sia scritto che telefonato – ammette il presidente –. C'è stato anche un enorme interesse sia per il Giovedì che per il Venerdì Santo. I ruoli erano quasi tutti assegnati per entrambe. Da un lato questo ci fa un enorme piacere, dall'altro è un rammarico in più perché dimostra come tutti tengano alle Processioni di Mendrisio». Ma di fronte all'emergenza sanitaria scoppiata nelle ultime settimane, «la salute viene prima di tutto, ed è più che opportuno seguire quello che le autorità consigliano».

L'atmosfera pasquale ci sarà comunque

Insieme alle Processioni, dal calendario pasquale di Mendrisio sono stati cancellati anche il Settenario dell'Addolorata, il gazebo con i vestiti del Giovedì Santo e il Museo del Trasparente di Casa Croci (chiuso fino a nuovo avviso). Ci saranno però i Trasparenti lungo le vie del Borgo. «Ringrazio Municipio e Ufficio tecnico di Mendrisio che addobberanno comunque il nucleo storico, permettendo così di vivere l'atmosfera pasquale e ammirare i nostri capolavori in una sorta di museo all'aperto per il quale siamo fieri e contenti». Gabriele Ponti non perde il suo ottimismo e pensa già all'edizione 2021. «Sono convinto che l'anno prossimo ci sarà ancora più gente che si interesserà alle Processioni, che il fuoco sacro che brucia nelle coscienze di tutti aumenterà e ci sarà ancora più 'battaglia' per avere un ruolo. Questo entusiasmo non andrà scemando perché quest'anno ci vediamo confrontati con qualcosa che è più grande di tutto». 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved