a-mendrisio-la-destra-va-all-attacco-e-punta-al-raddoppio
Ecco la squadra Lega-Udc-Udf-Ind.: da ds Sutter, Robbiani, Caverzasio, Rossini, Abertalli, Pellegrini e Pasi (Ti-Press/F. Agosta)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 min

La piazza a lago di Riva San Vitale fa spazio alla festa

In programma una ‘tre giorni’ di musica e specialità gastronomiche organizzata dalla società del Riva Basket
Ticino
17 min

Su imposta di circolazione e riforma Arp si voterà il 30 ottobre

Il Consiglio di Stato ha fissato la data delle urne. Al voto anche l’inclusione dei disabili e il riconoscimento della lingua dei segni italiana
Ticino
1 ora

Panne al San Gottardo, quaranta i treni cancellati

Il guasto che stamane ha paralizzato il traffico ferroviario da e per il Ticino ha costretto alla soppressione di 30 convogli merci e 10 passeggeri
Mendrisiotto
1 ora

Cinema sotto le stelle al Lido di Riva San Vitale

In programma tra luglio e la metà di agosto cinque appuntamenti con il grande schermo open air
Locarnese
2 ore

Morto a Solduno, autopsia svolta: servono esami tossicologici

Proseguono le indagini sul cadavere rinvenuto il 23 giugno. Stando agli elementi raccolti si tratta di un 24enne svizzero domiciliato nella regione
Ticino
2 ore

‘Maltempo, passato il primo fronte. Ma l’allerta non finisce’

Nel pomeriggio previste nuove precipitazioni, anche abbondanti. E tra giovedì e venerdì in arrivo un’altra grossa perturbazione
Bellinzonese
2 ore

Rinviato all’1 luglio il concerto dei Manupia ad Arbedo

L’esibizione alla Spiaggetta di Arbedo-Castione è stata rinviata causa maltempo
Mendrisiotto
3 ore

Paolo Sauvain alla testa della Fondazione Monte Generoso

Cambio della guardia all’interno del Consiglio dopo le dimissioni del già presidente Riccardo Rossi e di altri tre membri
Ticino
3 ore

Pioggia e grandine spazzano le strade: diversi tratti chiusi

Caduta di alberi segnalate in Gambarogno e a Monte Carasso. E a Riazzino allagato il sottopassaggio delle Ffs
Bellinzonese
3 ore

Tunnel del Gottardo chiuso per un veicolo in avaria

Lo segnala il Tcs su Twitter
Mendrisiotto
4 ore

Mendrisio è divenuta la casa di settanta profughi ucraini

Il Municipio restituisce il quadro della situazione. Oltre duecento gli alloggi messi a disposizione; sedici i bambini scolarizzati
Ticino
4 ore

Ukraine Recovery Conference, ecco un sito e una helpline

Attivati dalla Polizia, il loro scopo è quello di migliorare la comunicazione, con lo scopo di assicurare e mantenere i servizi di sicurezza
Ticino
5 ore

Ripresa la circolazione dei treni sulla linea del Gottardo

Risolto il problema che alle prime ore di stamane aveva provocato la paralisi dei convogli da e per il Ticino
Ticino
6 ore

Piogge torrenziali, grandine e forte vento sul Ticino

Allarme di intensità ‘rossa’ per le prossime ore in alcune regioni a ridosso del confine con l’Italia
24.01.2020 - 13:33

A Mendrisio la Destra va all'attacco e punta al raddoppio

Ufficializzata la squadra che corre per il Municipio il 5 aprile. La Lega consolida l'intesa con l'Udc e 'integra' l'Udf

La Destra a Mendrisio sembra determinata a voler cogliere l'attimo. Insomma, o 'mo!' – adesso – o niente, parafrasando quello che il gruppo Lega-Udc- Indipendenti – gruppo a cui si è aggiunta l'Udf, l'Unione democratica federale – ha eletto a suo slogan per la campagna elettorale in vista del 5 aprile. Nessuno ne ha fatto mistero questa mattina, venerdì, al grotto del Giuvan a Salorino, un po' la base operativa del partito-movimento: a questa tornata l'obiettivo è raddoppiare i seggi in Municipio e consolidare le posizioni in Consiglio comunale. Le intenzioni vengono svelate subito, anche perché la squadra messa in campo, variegata per età, provenienze partitiche e profili e guidata dal municipale uscente nonché vicepresidente del Gran consiglio Daniele Caverzasio, sente di avere le persone e le forze per ambire a un tale risultato. Il fatto poi che oggi a Salorino a fare da 'padrino di battesimo' ci fosse anche il deputato al Consiglio degli Stati Marco Chiesa, ha dato la carica. «È necessario riportare la chiesa in mezzo al paese», ha rilanciato così Chiesa, mettendo sul piatto i cavalli di battaglia della sua area politica, a cominciare dalla preferenza indigena nel mondo del lavoro.

Nel prossimo confronto politico, dunque, si giocherà all'attacco. Per farlo Daniele Caverzasio avrà al suo fianco Massimiliano Robbiani, presenza 'storica' del movimento, già municipale e oggi capogruppo, oltre che gran consigliere dal 2011, e Pierluigi Pasi, già procuratore della Confederazione e giudice, non nuovo alla politica. In effetti oltre che essere candidato alle Federali per l'Udc, Pasi è stato consigliere comunale a Mendrisio (ma per il Ppd) fra il 1992 e il 1998. Completano la compagine Benjiamin Albertalli, consigliere comunale dal 2016, Simona Rossini, neo ingresso nel legislativo, Nadir Sutter, pure consigliere dal 2016 (in quota Udc) e, per l'Udf Roberto Pellegrini, alle spalle un'esperienza consiliare a Vacallo nel quadriennio 2008-2012.

Caverzasio: 'Tutto può succedere'

Agli occhi dell'area di Destra, quindi, quella ufficializzata è «la lista più competitiva» mai presentata sin qui a un appuntamento elettorale. «Questa volta a Mendrisio può succedere di tutto», ha spiegato Caverzasio. E a sostegno della sua affermazione ha citato i risultati alle elezioni precedenti – le Cantonali e le Federali –, ma anche le ultime Comunali del 2016, nelle quali il gruppo ha tenuto le posizioni dentro l'esecutivo (pur cambiando rappresentante). «La Destra – ha ribadito il municipale – ha le forze per puntare al raddoppio». Sulla forza politica a cui potrebbero, come Lega-Udc-Udf-Ind., sottrarre il posto, non ci si sbilancia. «Sarà la cittadinanza a decidere»,  la risposta corale. Mentre si mostra cautela quando si ipotizza la possibilità di fare un pensierino sul sindacato.

Robbiani: 'Municipio indebolito'

Resta il fatto che dopo una legislatura segnata dal cambiamento in Città, dai banchi consiliari, ha fatto presente Massimiliano Robbiani, «si vede un Municipio indebolito e senza un leader». Fa discutere in casa Lega-Udc-Udf-Ind. anche la recente alleanza fra Ppd e Plr alle Federali, ora, ha osservato Caverzasio, tornati a essere «nemici sulla carta». Una situazione alla quale il gruppo oppone «chiarezza e coerenza» oltre a “tre assi di intervento” come i rapporti fra cittadini e Comune, lo sviluppo e l'attrattività territoriale, la qualità di vita.

Pasi: 'Riprendo da dove avevo lasciato'

Per il gruppo, quindi, la sfida è lanciata, e a tutto campo. E se Sinistra e Verdi vogliono dare a Mendrisio una AlternativA, da Destra si propone una «opportunità» diversa alla popolazione, contando su quell'elettorato che c'è anche se non si vede. Per centrare l'obiettivo, si schiera, però, una squadra competitiva che potrebbe risentire di una concorrenza interna. Caverzasio assicura che non ce n'è traccia: «Quanto successo – il passaggio di testimone con Robbiani, ndr – quattro anni orsono ne è la prova». Pensare a una rivalità interna sarebbe «riduttivo», ci corregge Pasi. A chi si interroga, poi, sulla sua presenza in lista, è stato Pasi stesso (marzullianamente) a farsi  una domanda e a darsi una risposta. «Chi me l'ha fatto fare? Innanzitutto, l'attaccamento al Borgo, e la voglia di partecipare. Vorrei, infatti, che Mendrisio tornasse a essere presente ai tavoli che contano». 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved