teatro-in-cava-tra-memoria-e-sogno
Dallo spettacolo 'Cava' (foto Luca Piffaretti)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti

L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
3 ore

Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga

L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
7 ore

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
16 ore

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
20 ore

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
21 ore

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
21 ore

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
21 ore

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
21 ore

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
22 ore

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
22 ore

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
Ticino
23 ore

Nel caldo maggio ticinese, occhio a non ‘scottarsi’ con un radar

La Polizia cantonale comunica le località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli elettronici della velocità
Mendrisiotto
23 ore

Chiasso, è lotta alla flavescenza dorata nei vigneti

Il Comune indica che il primo trattamento è da prevedere orientativamente tra il 10 e il 15 giugno
Ticino
23 ore

‘Cavalli di razza’ sul banco degli imputati

’ndrangheta, prime decisioni giudiziarie in Italia sull’operazione che interessò anche il Ticino. I verbali del pentito
Ticino
1 gior

Tra aumento delle ditte senza notifica e lo spettro malaedilizia

Il bilancio 2021 dell’Associazione interprofessionale di controllo. Ambrosetti: ‘Sempre più permessi di corta durata’. Bagnovini: ‘Importante segnalare’
Mendrisiotto
1 gior

Corsie A2, ‘nessuna considerazione per il Distretto a Berna’

Il Plr di Mendrisio contesta il modus operandi dei servizi federali. ‘Si dia la precedenza ad AlpTransit a sud’
Video
Bellinzonese
1 gior

Riaperto il Passo del San Gottardo

Dalle ore 16 di oggi la strada è transitabile. Piccola colonna di auto e moto già sul posto all’ora indicata per la riapertura. Guarda il video
Grigioni
1 gior

Sport all’aria aperta: a Cama arriva il MisoXperience

Una settimana di opportunità per principianti, professionisti e famiglie tra workshop, gare, corsi e giornate dedicate
Locarnese
1 gior

Minusio e Chiasso, classi premiate in campo ecologico

La classe della 5ª D ha ottenuto un riconoscimento nell’ambito di un progetto transfrontaliero sulla biodiversità. Pure la 4ª A di Chiasso agli onori
Luganese
1 gior

A Lugano una strada dedicata a Mario Agliati

Lo ha deciso il Municipio, gli verrà assegnata una strada del centro città
Locarnese
1 gior

Minusio-Mappo, miniferrovia in servizio nel weekend

Locomotive a vapore ed elettriche traineranno i convogli (solo se non piove) domenica 22 maggio dalle 14.30 alle 17.30
29.04.2019 - 06:00

Teatro in... ‘Cava’ tra memoria e sogno

All'anfiteatro di Arzo torna lo spettacolo della compagnia Onyrikon che ha conquistato un paese. Juri Cainero: ‘Un bell'incontro fra passato e futuro’

di Daniela Carugati

Ad Arzo la memoria dei luoghi e delle persone è scolpita anche nella pietra. Le cave di marmo fanno parte della vita della gente del posto. Ne raccontano il passato, ma sono anche tela di fondo del presente e del futuro. Non stupitevi, quindi, se là dove si cavava la macchiavecchia o il broccatello oggi ci si lascia abbracciare da un anfiteatro a cielo aperto. E non sorprendetevi neppure se gli abitanti di questo paese-quartiere (di Mendrisio) non ci hanno pensato un attimo a lasciarsi trasportare in un sogno... teatrale. Merito anche di Juri Cainero, che alle rocce di Arzo ha legato il suo immaginario infantile, fonte ora di ispirazione per ‘Cava’. In paese già ci si prepara al nuovo debutto: dopo la ‘prima’ nel maggio dell’anno scorso, lo spettacolo torna in scena, infatti, i prossimi 6, 7, 8 e 9 giugno (dalle 21). E a sentire l’ansia per il ‘sipario’ che sta per alzarsi non sono solo gli artisti della Compagnia Onyrikon, ma pure le decine di volontari e figuranti che prendono parte (davanti e dietro le quinte) alla rappresentazione, oltre ai giovani di ‘Cavaviva’, determinati a far risvegliare le cave.

Non potete proprio stare lontani dalle cave di Arzo. «Per me il legame con le cave nasce fin da bambino: sono cresciuto ad Arzo e ho sempre trovato questi luoghi magici – ci confessa Juri Cainero, regista di ‘Cava’ e tra i fondatori di Onyrikon –. Portare lì il mio spettacolo è dunque fantastico (torno nei ‘miei’ luoghi: da 15 anni vivo all’estero, dove ho sviluppato il mio universo artistico). Tanto più che è il frutto di un impegno che mi ha preso un anno e mezzo di lavoro intenso, coinvolgendo un centinaio di persone. Riproporre ‘Cava’ è quindi un piacere, e dà modo di valorizzare quello che è uno sforzo corale». Del resto, a questo spettacolo va riconosciuto un merito: quello di riuscire a ridare vita e voce ai luoghi nel rispetto della memoria. «Le generazioni di scalpellini che hanno lavorato per secoli nelle cave ci hanno lasciato, senza saperlo, due regali – ci fa notare –. Il primo è quello dei fossili, portati alla luce assieme alla storia geologica di questo mare preistorico – divenuto poi patrimonio Unesco, ndr –; il secondo è questo anfiteatro, creato cavando la pietra e che ha un’acustica eccezionale e un fascino particolare e che si presta ad accogliere un pubblico numeroso». Legare al territorio l’arte (in questo caso il teatro) è venuto, insomma, naturale. Come raccontare la memoria popolare. «Il nostro modo di raccontare è piuttosto onirico, ma ci ispiriamo alle tante storie che sono nella memoria della pietra. È un tentativo anche di rendere omaggio a questo posto – tiene a ribadire Cainero –. Beatriz Navarro, la nostra coreografa, ama dire che il lavoro delle persone che hanno scavato la montagna è una danza con la natura. La cava, in fondo, ha una duplice dimensione: una legata alla sua bellezza e all’estro dell’uomo, l’altra alla ferita procurata nel tempo. Da parte nostra abbiamo cercato di renderle visibili a tutti».

Un incontro fra il teatro e la gente

In questo progetto creativo siete poi riusciti a coinvolgere la comunità locale. E qui dicono molto anche i numeri dello spettacolo: 10 attori della compagnia e altri artisti locali – oltre alla partecipazione straordinaria di Gardi Hutter –, un’ottantina fra musicanti e voci, 14 figuranti e i tecnici; senza trascurare la trentina di volontari che a ogni spettacolo, e a turno, assicura l’accoglienza, si mette alla biglietteria e ai fornelli. Quest’anno, infatti, dalle 18 sarà prevista pure una ‘Lounge Cava’ per ristorarsi. Ciascuno avrà il suo piccolo grande ruolo. «Per noi è molto importante che lo spettacolo sia partecipato, che coinvolga la popolazione locale e in vari modi – conferma –. Grazie a ‘Cavaviva’ ad Annamaria Lupi e a Valentina Rossi abbiamo raccolto, infatti, una quarantina di interviste, in particolare di persone anziane, che custodiscono una memoria viva delle cave, quando funzionavano a pieno ritmo, ricordano il lavoro degli scalpellini e aneddoti legati al luogo. Testimonianze che sono state integrate nella rappresentazione come documenti o fonte di libera ispirazione e che hanno permesso di dare la parola agli abitanti. Un altro momento significativo – sottolinea Cainero – è stata la collaborazione con la Musica Aurora, la banda di Arzo, con noi in scena. Un’occasione forte di incontro tra un gruppo di giovani che fanno un teatro ‘site specific’ – scritto e costruito sul posto – e un universo artistico lontano dal nostro. In questo modo il paese si è sentito davvero protagonista». Un’esperienza, quella con la filarmonica locale, che non potrà essere ripetuta quest’anno per la concomitanza con la Festa cantonale della musica – che sarà a Mendrisio–, ma che apre alla realtà di frontiera. «Abbiamo fatto di necessità virtù e ci siamo rivolti all’altro versante del San Giorgio, coinvolgendo i Corpi musicali della Valceresio e di Brenno Useria, che affiancheranno il coro ticinese Goccia di Voci. Una presenza che ha un senso: la storia degli scalpellini è sempre stata transfrontaliera».

Con questo progetto avete riannodato il cordone ombelicale fra la gente del posto e le cave. «Sicuramente. Ed è stato molto bello – ci dice il regista –. La popolazione di Arzo è molto legata alle cave, anche sul piano delle emozioni: la storia del paese nasce attorno alla pietra fin dal 1300. Di conseguenza, quando ha cominciato a girare la voce che ci sarebbe stato uno spettacolo d’inaugurazione, c’è stata molta curiosità e tante persone sono venute da noi, anche chi non è vicino alla nostra arte e al nostro ambiente e normalmente non avrebbe assistito a un nostro spettacolo. C’è stato un incontro fra generazioni. Anche chi non mi aveva mai rivolto la parola si è congratulato con me. Un aspetto importante – aggiunge – è dato poi dal fatto che ‘Cava’ guarda sia al passato che al futuro: onora il passato del lavoro degli scalpellini e al contempo è creato da giovani e porta elementi di novità, come un progetto ‘site specific’, il teatro danza, il video mapping nelle cave. Si valorizza ciò che è stato attraverso una proposta nuova».

Si può dire che avete abbattuto delle barriere. «In un certo senso sì. Nella nostra proposta c’è un aspetto pienamente locale, con personaggi di Arzo, ma allo stesso tempo è nata una collaborazione con una compagnia internazionale. E tutto ha funzionato. È stato bello sapere di avere emozionato tante persone del paese, che si sono sentite prese in considerazione. Del resto, il personaggio principale dello spettacolo sono le cave, quindi Arzo».

Adesso non resta che attendere che si vada in scena. Un consiglio agli spettatori: indossare vestiti caldi e scarpe comode (per saperne di più scrivere a cava@cavaviva.ch o telefonare allo 076 616 55 51, dalle 14 alle 16). E chi può tenda l’orecchio, potrebbe sentire il mare. Juri Cainero ci è riuscito.

 

Guarda 3 immagini e 1 video
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved