laRegione
Nuovo abbonamento
Dallo spettacolo 'Cava' (foto Luca Piffaretti)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
11 min
Balerna con Helvetas nella lotta al Covid nei Paesi poveri
Il Comune dona mille franchi all'associazione per contribuire alla lotta contro la diffusione del virus
GALLERY
Bellinzonese
2 ore
Quattro auto si tamponano a Castione, un ferito
L'incidente è avvenuto stamattina in via San Gottardo. Le condizioni del ferito non sarebbero preoccupanti
Locarnese
2 ore
Minusio, uscita alla scoperta delle piante esotiche
La proposta del fine settimana dell'Associazione Quartiere Rivapiana. Protagonista la fitoterapista Antnella Borsari
Locarnese
2 ore
Vira, niente 'Cinema all'aperto' quest'estate
Edizione cancellata a causa dell'emergenza sanitaria. Si lavora a un programma di animazioni autunno-inverno
Luganese
3 ore
Cambio della guardia in Municipio a Melano
Nel Gruppo Melano Popolare Democratica, Marie Theres Caligiuri è subentrata a Gabriele Cavasin
Mendrisiotto
5 ore
Pozzo Prà Tiro, le denunce salgono a quattro
Dopo il Consorzio, sono intenzionati a procedere con una azione legale pure i Comuni di Chiasso e Balerna. Mentre il Cantone si è già mosso
Locarnese
5 ore
Minusio, languorino pubblico sulla Ca' di Ferro
Dopo la morte del proprietario il Municipio ha sondato con la vedova i margini di manovra per un usufrutto dell'ex caserma dei mercenari svizzeri
Luganese
12 ore
Lugano, bocciate le mozioni sul centro sociale
Il concorso di progettazione per la riqualifica dell'ex macello ha sgomberato le richieste di anticipare i tempi sloggiando gli autonomi.
Luganese
14 ore
Carona, affossata la biopiscina
Nella ristrutturazione del centro balneare con la partership del Tcs e il cosiddetto Glamping, ne sorgerà una 'tradizionale'
Ticino
15 ore
Sos Ticino, Lucchini nuovo responsabile disoccupazione
L'economista, con studi a Zurigo e Dubai, è stato designato in sostituzione di Tatiana Lurati
Ticino
15 ore
Stabili le persone in assistenza
Nel primo trimestre dell'anno erano 8'103. Il numero di unità di riferimento è stato mediamente di 5'337
Ticino
16 ore
L'Eoc chiede ai dipendenti come impiegare le donazioni Covid
L'Ente ospedaliero apre un concorso di idee presso i propri collaboratori su come usare quasi 4 milioni per migliorare condizioni di lavoro e servizio
Locarnese
16 ore
'Ho capito che la Sezione della migrazione non è la Svizzera'
Il viaggio a piedi da Locarno a Berna del richiedente l'asilo curdo Lokman Kadak: 'Quanta solidarietà! Mi avete dato la forza per andare avanti'
Ticino
17 ore
Tecnologia, sarà la luce la banda larga del futuro
Le antenne 5G non fanno l'unanimità dell'opinione pubblica e degli specialisti. Ecco allora il sistema alternativo 'Li-Fi'
Ticino
17 ore
Responsabilità, azioni od omissioni: il mandato della Cpi
Ex funzionario Dss, a settembre il plenum del Gran Consiglio si pronuncerà sull'istituzione della Commissione d'inchiesta. Guerra: nessun processo
Luganese
17 ore
Capriasca, ok ai 10 milioni per la scuola
Il Consiglio comunale dà luce verde al credito tanto atteso. È il più ingente investimento dall'aggregazione del 2001
Luganese
18 ore
È lo chef Peter Raith la vittima di Morcote
Il ristoratore, 65 anni, era noto per la sua lunga esperienza. Da qualche anno dirigeva la brigata dell'Antico grotto Ticino alle Cantine di Mendrisio
Locarnese
18 ore
Losone, altre due 'scosse' verso l'elettrico
Consegnati al capotecnico due veicoli, mentre un terzo è in arrivo. L'obiettivo: rinnovare l'intera flotta eliminando i 'benzina'
Locarnese
18 ore
Al Parco di Orselina è il momento del Mago Renato
Domani dalle 21 appuntamento gratuito per famiglie nella cornice collinare. Per le normative sanitarie, l'iscrizione è obbligatoria
Luganese
18 ore
Lugano si prende cura dei 23 cimiteri cittadini
Il Municipio stanzia poco meno di 2,5 milioni di franchi per la manutenzione straordinaria di questi luoghi sacri
Mendrisiotto
19 ore
Il municipale di Stabio Luca Binzoni lascia
Deciso a non rinnovare il mandato, l'esponente del Ppd passa il testimone a Mattia Rossi, attuale consigliere comunale
Mendrisiotto
29.04.2019 - 06:000

Teatro in... ‘Cava’ tra memoria e sogno

All'anfiteatro di Arzo torna lo spettacolo della compagnia Onyrikon che ha conquistato un paese. Juri Cainero: ‘Un bell'incontro fra passato e futuro’

Ad Arzo la memoria dei luoghi e delle persone è scolpita anche nella pietra. Le cave di marmo fanno parte della vita della gente del posto. Ne raccontano il passato, ma sono anche tela di fondo del presente e del futuro. Non stupitevi, quindi, se là dove si cavava la macchiavecchia o il broccatello oggi ci si lascia abbracciare da un anfiteatro a cielo aperto. E non sorprendetevi neppure se gli abitanti di questo paese-quartiere (di Mendrisio) non ci hanno pensato un attimo a lasciarsi trasportare in un sogno... teatrale. Merito anche di Juri Cainero, che alle rocce di Arzo ha legato il suo immaginario infantile, fonte ora di ispirazione per ‘Cava’. In paese già ci si prepara al nuovo debutto: dopo la ‘prima’ nel maggio dell’anno scorso, lo spettacolo torna in scena, infatti, i prossimi 6, 7, 8 e 9 giugno (dalle 21). E a sentire l’ansia per il ‘sipario’ che sta per alzarsi non sono solo gli artisti della Compagnia Onyrikon, ma pure le decine di volontari e figuranti che prendono parte (davanti e dietro le quinte) alla rappresentazione, oltre ai giovani di ‘Cavaviva’, determinati a far risvegliare le cave.

Non potete proprio stare lontani dalle cave di Arzo. «Per me il legame con le cave nasce fin da bambino: sono cresciuto ad Arzo e ho sempre trovato questi luoghi magici – ci confessa Juri Cainero, regista di ‘Cava’ e tra i fondatori di Onyrikon –. Portare lì il mio spettacolo è dunque fantastico (torno nei ‘miei’ luoghi: da 15 anni vivo all’estero, dove ho sviluppato il mio universo artistico). Tanto più che è il frutto di un impegno che mi ha preso un anno e mezzo di lavoro intenso, coinvolgendo un centinaio di persone. Riproporre ‘Cava’ è quindi un piacere, e dà modo di valorizzare quello che è uno sforzo corale». Del resto, a questo spettacolo va riconosciuto un merito: quello di riuscire a ridare vita e voce ai luoghi nel rispetto della memoria. «Le generazioni di scalpellini che hanno lavorato per secoli nelle cave ci hanno lasciato, senza saperlo, due regali – ci fa notare –. Il primo è quello dei fossili, portati alla luce assieme alla storia geologica di questo mare preistorico – divenuto poi patrimonio Unesco, ndr –; il secondo è questo anfiteatro, creato cavando la pietra e che ha un’acustica eccezionale e un fascino particolare e che si presta ad accogliere un pubblico numeroso». Legare al territorio l’arte (in questo caso il teatro) è venuto, insomma, naturale. Come raccontare la memoria popolare. «Il nostro modo di raccontare è piuttosto onirico, ma ci ispiriamo alle tante storie che sono nella memoria della pietra. È un tentativo anche di rendere omaggio a questo posto – tiene a ribadire Cainero –. Beatriz Navarro, la nostra coreografa, ama dire che il lavoro delle persone che hanno scavato la montagna è una danza con la natura. La cava, in fondo, ha una duplice dimensione: una legata alla sua bellezza e all’estro dell’uomo, l’altra alla ferita procurata nel tempo. Da parte nostra abbiamo cercato di renderle visibili a tutti».

Un incontro fra il teatro e la gente

In questo progetto creativo siete poi riusciti a coinvolgere la comunità locale. E qui dicono molto anche i numeri dello spettacolo: 10 attori della compagnia e altri artisti locali – oltre alla partecipazione straordinaria di Gardi Hutter –, un’ottantina fra musicanti e voci, 14 figuranti e i tecnici; senza trascurare la trentina di volontari che a ogni spettacolo, e a turno, assicura l’accoglienza, si mette alla biglietteria e ai fornelli. Quest’anno, infatti, dalle 18 sarà prevista pure una ‘Lounge Cava’ per ristorarsi. Ciascuno avrà il suo piccolo grande ruolo. «Per noi è molto importante che lo spettacolo sia partecipato, che coinvolga la popolazione locale e in vari modi – conferma –. Grazie a ‘Cavaviva’ ad Annamaria Lupi e a Valentina Rossi abbiamo raccolto, infatti, una quarantina di interviste, in particolare di persone anziane, che custodiscono una memoria viva delle cave, quando funzionavano a pieno ritmo, ricordano il lavoro degli scalpellini e aneddoti legati al luogo. Testimonianze che sono state integrate nella rappresentazione come documenti o fonte di libera ispirazione e che hanno permesso di dare la parola agli abitanti. Un altro momento significativo – sottolinea Cainero – è stata la collaborazione con la Musica Aurora, la banda di Arzo, con noi in scena. Un’occasione forte di incontro tra un gruppo di giovani che fanno un teatro ‘site specific’ – scritto e costruito sul posto – e un universo artistico lontano dal nostro. In questo modo il paese si è sentito davvero protagonista». Un’esperienza, quella con la filarmonica locale, che non potrà essere ripetuta quest’anno per la concomitanza con la Festa cantonale della musica – che sarà a Mendrisio–, ma che apre alla realtà di frontiera. «Abbiamo fatto di necessità virtù e ci siamo rivolti all’altro versante del San Giorgio, coinvolgendo i Corpi musicali della Valceresio e di Brenno Useria, che affiancheranno il coro ticinese Goccia di Voci. Una presenza che ha un senso: la storia degli scalpellini è sempre stata transfrontaliera».

Con questo progetto avete riannodato il cordone ombelicale fra la gente del posto e le cave. «Sicuramente. Ed è stato molto bello – ci dice il regista –. La popolazione di Arzo è molto legata alle cave, anche sul piano delle emozioni: la storia del paese nasce attorno alla pietra fin dal 1300. Di conseguenza, quando ha cominciato a girare la voce che ci sarebbe stato uno spettacolo d’inaugurazione, c’è stata molta curiosità e tante persone sono venute da noi, anche chi non è vicino alla nostra arte e al nostro ambiente e normalmente non avrebbe assistito a un nostro spettacolo. C’è stato un incontro fra generazioni. Anche chi non mi aveva mai rivolto la parola si è congratulato con me. Un aspetto importante – aggiunge – è dato poi dal fatto che ‘Cava’ guarda sia al passato che al futuro: onora il passato del lavoro degli scalpellini e al contempo è creato da giovani e porta elementi di novità, come un progetto ‘site specific’, il teatro danza, il video mapping nelle cave. Si valorizza ciò che è stato attraverso una proposta nuova».

Si può dire che avete abbattuto delle barriere. «In un certo senso sì. Nella nostra proposta c’è un aspetto pienamente locale, con personaggi di Arzo, ma allo stesso tempo è nata una collaborazione con una compagnia internazionale. E tutto ha funzionato. È stato bello sapere di avere emozionato tante persone del paese, che si sono sentite prese in considerazione. Del resto, il personaggio principale dello spettacolo sono le cave, quindi Arzo».

Adesso non resta che attendere che si vada in scena. Un consiglio agli spettatori: indossare vestiti caldi e scarpe comode (per saperne di più scrivere a cava@cavaviva.ch o telefonare allo 076 616 55 51, dalle 14 alle 16). E chi può tenda l’orecchio, potrebbe sentire il mare. Juri Cainero ci è riuscito.

 

Guarda le 3 immagini
© Regiopress, All rights reserved