Juventus
1
Genoa
0
1. tempo
(1-0)
Langenthal
4
Ticino Rockets
1
fine
(0-0 : 4-1 : 0-0)
Visp
2
Kloten
6
fine
(1-2 : 1-3 : 0-1)
Zugo Academy
0
La Chaux de Fonds
6
fine
(0-3 : 0-3 : 0-0)
affari-della-ndrangheta-in-ticino-alla-sbarra-l-uomo-di-fiducia-della-cosca-l-ex-municipale-di-chiasso-e-la-moglie-del-fratello-del-boss
Tatiana Scolari
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Mercatino di Santa Lucia a Massagno

Al via la 37esima edizione sabato 11 dicembre. Coinvolte numerose associazioni locali
Ticino
1 ora

Agricoltura e pandemia: ‘Il settore ha saputo adattarsi’

Si è tenuta ieri la Camera cantonale. Grandi predatori e allevamento intensivo i temi più sentiti
Mendrisiotto
3 ore

Il Mendrisiotto piange Sergio Pescia

Figura del mondo culturale della regione, per trent’anni è stato alla guida del Museo della civiltà contadina di Stabio
Luganese
3 ore

Traffico di droga Italia-Albania-Lugano, 11 arresti

In manette il titolare di una società di trasporto merci con sede in città. Inchiesta condotta con la Divisione criminalità economica di Lugano
Locarnese
3 ore

Alzheimer, si riunisce il gruppo di auto aiuto Locarno

L’appuntamento è per il 9 dicembre nella sede Atte
Locarnese
4 ore

Montedato, concerto d’Avvento

Con il gruppo vocale spontaneo ‘VisagnoCanta’
Locarnese
4 ore

Riazzino, Karl Marx nel XXI secolo

‘Orizzonti filosofici’ ospita Sebastiano Maffettone
Luganese
4 ore

Rave party clandestino fino alle 8 nei boschi di Pura

Allertata la polizia di Lugano arrivata alle 3 quando la musica era spenta, così la pattuglia è rientrata in sede. Notte insonne per molti abitanti
Locarnese
4 ore

Associazione artigiani Vallemaggia, fondi per le bancarelle

Lanciato un appello per raccogliere la cifra che servirà a sostituire le strutture destinate ai mercatini
Bellinzonese
4 ore

Giubiasco, un calendario degli eventi natalizi

Tre appuntamenti organizzati dalla locale Associazione di quartiere e Società dei commercianti
Bellinzonese
5 ore

Film per famiglie in Leventina

Domenica 12 dicembre alle 17 al cinema ad Airolo
Mendrisiotto
04.12.2017 - 10:300
Aggiornamento : 15.12.2017 - 17:12

Affari della 'ndrangheta in Ticino: alla sbarra l'uomo di fiducia della cosca, l'ex municipale di Chiasso e la moglie del fratello del boss

a cura de laRegione

L’intreccio è di quelli degni del miglior thriller. Ma la storia è quanto mai reale. Racconta di come la mafia – in questo caso la ’ndrangheta – abbia saputo insediarsi proprio qui, nel Mendrisiotto: giacca, cravatta e capitali. Di come lo abbia fatto sotto mentite spoglie, mandando avanti un uomo di fiducia – come Franco Longo – e appoggiandosi su professionisti locali della consulenza finanziaria. È così che l’ex fiduciario, nonché ex municipale di Chiasso, Oliver Camponovo, 42 anni, si è ritrovato invischiato nelle trame della cosca. Quanto basta per finire, pure lui (che respinge gli addebiti), alla sbarra assieme al 63enne molisano, reo confesso e l’unico in carcere a La Stampa dal 17 dicembre 2014 (quando al di là del valico sono scattate le manette su larga scala), e alla moglie di uno dei presunti capi, Antonella Di Nola, la quale contesta, a sua volta, le imputazioni. Saranno, quindi, in tre a comparire da quest'oggi davanti ai giudici del Tribunale penale federale a Bellinzona con un carico di reati che va dall’organizzazione criminale al riciclaggio di denaro – imputazione principale mossa nei confronti del ticinese –, passando per la falsità in documenti e l’infrazione alla Legge federale sugli stranieri.

A legare a doppio filo i protagonisti della vicenda, però, una volta di più, è il denaro, sporco agli occhi della Procura federale. Soldi trasferiti da un conto all’altro, dal Ticino a Dubai e poi alle Bahamas, ‘contrabbandati’ a cavallo del confine e investiti nel mattone. Tutte operazioni finalizzate, nell’impianto accusatorio, a fare gli interessi della ’ndrina calabrese Libri-De Stefano-Tegano, il cui ‘business’ principale è il traffico internazionale di stupefacenti. Ci sono volute, del resto, 46 pagine di atto d’accusa al procuratore federale Stefano Herold per seguire e ricostruire la pista dei capitali di una cosca che in Lombardia (Milano e provincia) opera dalla metà degli anni Ottana. Una presenza, come scandisce lo stesso atto d’accusa, accertata con sentenze ormai cresciute in giudicato e che rinviano a quei fratelli Martino (Giulio in testa) sconfinati in Svizzera con i loro ‘affari’.

Dalla Calabria a Milano

Il procuratore federale non ha esitazioni: la cosca a cui fanno riferimento i Martino è un “sodalizio criminale duraturo, dotato di una stabile struttura organizzativa”. Un impianto verticistico rigido, nel quale si ridistribuiscono i compiti “secondo determinate regole gerarchiche”, ma soprattutto che “tiene segreti la struttura e i suoi componenti”, peraltro “intercambiabili”. La ’ndrina, si rimarca ancora nell’atto d’accusa, “si avvale della forza di intimidazione del vincolo associativo e delle conseguenti condizioni di assoggettamento e di omertà”. Il fine ultimo? Commettere “atti di violenza criminale e arricchirsi con mezzi criminali”.

Gli affari svizzeri

Ecco che l’obiettivo dei boss di ‘fare denaro’ li conduce anche al di qua della frontiera. Il motivo? Aprire dei conti (come il conto cifrato ‘Adamo’) in banche del cantone, stipulare polizze sulla vita e acquistare immobili. È il caso del palazzo al numero 10 di via Motta, dirimpetto alla stazione ferroviaria di Chiasso, comperato nel 2013 da una società con atto notarile per 3,3 milioni e per metà di Domenico Martino. Ovvero l’uomo della ‘famiglia’ punta avanzata in Svizzera, con tanto di permesso di dimora – ottenuto con l’inganno e l’aiuto di Camponovo, stando alla Procura –, domicilio (a Vacallo, nell’abitazione di Longo) e occupazione (sempre in una società del 63enne) fittizi. Giulio Martino da Milano dava il suo ‘placet’ a movimenti di soldi e operazioni; Longo si preoccupava di portarli a buon fine, curando organizzazione e logistica; e Domenico controllava di persona che tutto andasse nel verso giusto. A (pre)occuparsi, invece, degli aspetti tecnico-finanziari, sempre secondo il Ministero pubblico della Confederazione, sarebbe stato l’ex fiduciario. Il quale nei suoi uffici di Chiasso avrebbe avuto incontri ravvicinati con i Martino e la donna, onnipresente il Longo. Una frequentazione iniziata nella primavera 2012 e terminata nel dicembre 2014 con l’operazione dell’antimafia italiana ‘Rinnovamento’, e poi costata cara.

© Regiopress, All rights reserved