Luganese

Il festival Cult Amélie conquista il pubblico

In duemila alla seconda edizione della manifestazione di Pregassona. E per il futuro si guarda oltre i confini del quartiere

29 agosto 2023
|

La seconda edizione del Cult Amélie Pregassona, il Festival estivo di cultura creativa e urbana, ha fatto centro e il pieno di spettatori. In circa duemila hanno, infatti, preso parte alla manifestazione organizzata alla Casetta Amélie al parco giochi di via Industria e che ha cadenzato gli ultimi tre mesi, da maggio ad agosto. Per l'Associazione promotrice l'evento ha saputo "diventare un punto di riferimento per le attività nel quartiere di Pregassona durante la bella stagione, soprattutto per famiglie e bambini", i veri protagonisti, superando i numeri del debutto. Questo risultato, si fa conferma in una nota, è stato ottenuto "grazie all'apprezzamento degli spettatori e alla crescente diffusione dell’euforia tramite il passaparola. Tanto che non sono stati raggiunti solo gli abitanti di Pregassona e i frequentatori del centro di socializzazione Amélie, ma anche molte persone provenienti da altri quartieri, attratte dalla varietà e dalla qualità delle proposte. Senza dimenticare lo sbarco con 3 eventi nel Mendrisiotto grazie alla graditissima collaborazione con la Città di Mendrisio".

Un programma ricco e un talent

Del resto, il programma dell'edizione 2023 è stato ricco e variegato proponendo 33 eventi e offrendo spettacoli musicali con artisti come Marco Zappa, Ivan Maff, AccorDuo e Anna Kolesarova del Centro Artistico MAT, The Nowhere Land, Dj Felix, oltre a performance circensi con Circo Tonino e Circo Ticinese Magic, nonché spettacoli di marionette con Gioacchino Lo Nardo e teatrali con artisti del calibro di Riccardo Trovato e Roberta Mangano, Emanuele Santoro e Yara Mennel, e la Compagnia Due - Andreas Manz e Bernard Stoeckli del Teatro Dimitri. Il Festival ha inoltre ospitato il Carnevale estivo per i più piccoli con truccabimbi a cura di Desirée Molnar, momenti di testimonianza sulle storie di migrazione moderati da Marco Imperadore (presidente dell’Associazione Amélie) e sessioni di benessere psicofisico attraverso lezioni di Body and Mind con Romina Curcio e di introduzione allo yoga con Christelle Lardé.

Una delle novità di questa edizione, si ricorda, è stata poi l'introduzione del Talent Show Amélie, un'iniziativa ideata da Loredana Maresca, coordinatrice del Cult Amélie. Questo spettacolo ha coinvolto il pubblico in modo attivo, offrendo a partecipanti amatoriali l'opportunità di esibirsi sul palco e vivere l'arte da una prospettiva diversa. Il Talent è stato un successo, con la brillante e coinvolgente conduzione di Davide Riva. Una esperienza che, si annuncia, verrà sicuramente riproposta.

Si guarda oltre Pregassona

"L’Associazione Amélie è molto soddisfatta della partecipazione", commenta Loredana Maresca, coordinatrice del festival, grata per l'adesione e il sostegno ricevuti. "Un successo che ha superato le aspettative", sostengono Marco Imperadore, presidente e fondatore, e Ihsan Alpen vicepresidente e cofondatore dell’Associazione Amélie. "Fin dalla prima edizione del Festival – annotano – siamo riusciti nell'ambizioso intento di portare l’arte dello spettacolo, la cultura e l’animazione gratuita nel contesto di un quartiere grande e popoloso come quello di Pregassona, e per la prima volta a Mendrisio". A questo punto, auspicano, "sarebbe interessante", poterlo proporre attraverso i quartieri della grande Lugano. Le proposte sono benvenute".

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE