07.12.2022 - 15:46
Aggiornamento: 08.12.2022 - 19:27

Lugano-Massagno, due milioni per l’acqua potabile

Chiesto un credito di 2,19 milioni di franchi per sistemare la rete, oltre alla costruzione di una nuova stazione di pompaggio

a cura di Red.Lugano
lugano-massagno-due-milioni-per-l-acqua-potabile
Marine Sintes, via Unsplash
I lavori di miglioria dovrebbero iniziare nel 2023

Il Municipio di Lugano fa sapere attraverso un comunicato, di aver licenziato oggi, all’attenzione del Consiglio comunale, la richiesta di un credito di 2,19 milioni di franchi per la sistemazione e il potenziamento della rete dell’acqua potabile a Lugano e Massagno, oltre che per la realizzazione di una stazione di pompaggio, volta a soddisfare le esigenze idriche del Centro sportivo al Maglio di Canobbio.

Nello specifico, i lavori di miglioria andrebbero a toccare le condotte dell’acqua potabile di corso Pestalozzi, via Bossi, via Pretorio e via Frasca. La nuova stazione di pompaggio e di accumulo andrà a beneficio del futuro Polo sportivo e degli eventi di Cornaredo, dato che il sopracitato centro sportivo ne sarà una parte integrante. I lavori andrebbero a toccare anche il Comune di Massagno, dato che lì si trovano importanti manufatti e condotte principali per l’alimentazione della Città di Lugano, riguardando nella fattispecie in via Madonna della Salute.

La realizzazione dell’investimento è prevista sull’arco di due anni, dal 2023 al 2024, e costituisce una miglioria necessaria per potenziare l’integrazione delle reti dei diversi quartieri, favorendo inoltre il risparmio energetico e riducendo i costi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved