ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
17 min

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
3 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
5 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
9 ore

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
15 ore

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
1 gior

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
1 gior

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
Luganese
1 gior

Gli orologi... del crimine, confiscati e messi all’asta

Rolex, Cartier, e una quantità di monili a un incanto giudiziario a Rivera
Ticino
1 gior

Ufficio anziani e cure a domicilio, nominato Daniele Stival

Prende il posto di Francesco Branca, in pensione dopo una lunga carriera. La nomina è stata decisa nella riunione di mercoledì dal Consiglio di Stato
Ticino
1 gior

Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme

I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
1 gior

‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’

Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
1 gior

‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar

Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Mendrisiotto
1 gior

Alla scoperta dello scomparso oceano ticinese

Un viaggio artistico in esposizione allo Spazio Arte dello Swiss Logistics Center di Chiasso, alla scoperta dell’oceano preistorico Tetide
Bellinzonese
1 gior

Un rave party techno e tekno farà ballare l’Espocentro

‘Ambiente sicuro e controllato’ spiegano i giovani organizzatori che per l’evento del 4 febbraio hanno coinvolto anche Danno.ch
01.12.2022 - 19:19
Aggiornamento: 20:46

Lugano, riciclaggio di denaro: 39enne a processo

L’uomo, domiciliato nel Sopraceneri, avrebbe fatto parte di un ‘giro di truffa carosello’ per l’ammontare di circa 16,4 milioni di franchi

lugano-riciclaggio-di-denaro-39enne-a-processo
Ti-Press
Chiesta una pena di 24 mesi sospesi condizionalmente per due anni

Appropriazione indebita e riciclaggio di denaro ripetuto e aggravato. Sono questi i capi d’accusa che hanno portato oggi in aula, dinanzi alla Corte delle Assise criminali di Lugano, un 39enne, domiciliato nel Sopraceneri. Le cifre: secondo la prima imputazione, l’uomo si sarebbe appropriato di 516mila franchi indebitamente, mentre per la seconda avrebbe fatto parte di un ‘giro di truffa carosello’ per l’ammontare di circa 16,4 milioni di franchi, riconducibili in parti diverse a due società dell’imputato. Somme, dunque, non indifferenti. «Non ci sono prove che ci siano state transazioni illegali – ha ribattuto l’avvocato difensore Gianluigi Della Santa –. Non c’è prova di reato». Prove che invece per l’accusa esistono e sulle quali è stata formulata una richiesta di pena di ventiquattro mesi sospesi condizionalmente per due anni dal procuratore pubblico Andrea Gianini.

I fatti secondo la pubblica accusa

L’uomo in un primo momento, a marzo 2018, avrebbe eseguito da Lugano e da altre imprecisate località ticinesi, senza essere autorizzato dal proprietario del conto con il quale aveva un rapporto di fiducia, due ordini di pagamento da parte della società dell’amico. Il totale dei due versamenti ammonta a 516mila franchi a favore di conti intestati entrambi a una Sagl sia in una banca svizzera sia in una bulgara. Questa, in estrema sintesi, la presunta impalcatura del reato di appropriazione indebita. L’imputato ha ammesso, sia in sede di inchiesta che in aula, di aver effettuato quelle operazioni finanziarie, affermando però durante l’interrogatorio della giudice Francesca Verda Chiocchetti che si è trattato di azioni condizionate dalla paura. «Un giorno quando ero in ufficio, si è presentato un conoscente dicendomi che il mio amico doveva dei soldi a certe persone e che se non avessi fatto come diceva (quindi eseguendo quelle transazioni, ndr) mi sarebbe successo qualcosa di brutto. Ho dunque temuto per la mia vita, pensando di essere in pericolo». «È strano – ha però ribattuto il pp durante la requisitoria – che l’imputato non abbia chiesto subito di parlare con il proprietario del conto, chiedendogli spiegazioni. Ed è strano che con l’uomo che l’ha minacciato ha continuato ad avere rapporti, senza averne dunque effettivamente paura».

Sempre nel 2017 e fino al 2018, secondo la pubblica accusa, il 39enne, come amministratore di due società svizzere, avrebbe permesso che consistenti somme di denaro transitassero sui conti di queste società. Nel dettaglio, dei 16,4 milioni ben 15,8 sono transitati da una Sa, e una minima parte (circa 450mila franchi) sono invece passati da una Sagl. Soldi che in comune avevano la destinazione: una Srl italiana, implicata in un’inchiesta per reati finanziari in Italia. Si tratta di una società di Brescia, in mano al conoscente che secondo la difesa avrebbe minacciato l’imputato, apparentemente attiva nella compravendita di rottami ferrosi. Attività questa, ha evidenziato Gianini, della quale non ci sarebbe traccia. Il denaro oggetto dell’accusa di riciclaggio, secondo la tesi accusatoria, sarebbe poi confluito in un giro di triangolazioni che dall’Italia, via Giappone e Hong Kong, lo avrebbe riportato probabilmente in Italia. Dal transito di questi soldi delle sue società svizzere l’imputato avrebbe guadagnato somme irrisorie rispetto al presunto giro illecito: circa 45’000 franchi.

Quando tutto ebbe inizio

Tutto è cominciato quando l’imputato ha conosciuto, nel 2013, il proprietario del conto da cui avrebbe attinto indebitamente e che è diventato per un breve periodo socio della Sa. Il rapporto tra i due è continuato senza intoppi fino a quel fatidico marzo del 2018, quando il 39enne avrebbe eseguito le transazioni di 516mila franchi. Ed è da lì che è partita la denuncia da parte del proprietario del conto ed è stata ordinata una rogatoria per esaminare il magazzino che sarebbe stato utilizzato come deposito di tutti quei rottami. «La polizia – ha indicato Gianini –, intervenuta in loco, affermava che era dal 2017 che in quel locale non c’erano movimenti. Non c’era niente. Ed è quindi sorto il dubbio sul fatto che l’uomo avesse ordinato veramente quei materiali ferrosi». L’uomo ha dunque denunciato il 39enne, disinteressandosi però al procedimento penale.

Pp: ‘Non voleva rompere il giocattolo’

«Non è l’imputato – ha proseguito il pp – ad aver messo in piedi la frode fiscale. È una pedina, un soldato che è stato messo in mezzo perché necessitava soldi. Non voleva rompere il giocattolo, ed è diventato goloso. Lo dimostra il fatto che abbia voluto aprire la seconda società, cercando di essere il padrone di sé stesso. Ma gli altri (gli uomini dietro le minacce, ndr) non si fidavano abbastanza da renderlo partner del giro malavitoso». Per quanto riguarda il secondo capo d’accusa, ha concluso il procuratore pubblico «non ha fatto alcuna verifica sulla provenienza del denaro che entrava nelle sue società svizzere. Perché sapeva che da quell’attività avrebbe potuto ricavarci molto. Si tratta di riciclaggio per mestiere, perché percepiva uno stipendio grazie a quelle operazioni».

Difesa: ‘Manca la prova del reato’

«Non c’è nessuno che reclama un franco, non c’è nessun accusatore privato – ha esordito l’arringa difensiva – e non c’è nessuna richiesta di risarcimento. In aula ci vogliono i fatti e qui di fatti non ce ne sono». Riguardo al primo capo d’accusa «ritengo si possa senz’altro applicare una semplice pena pecuniaria sospesa». Mentre sul secondo, l’imputato «non poteva inventarsi sospetti che nemmeno alle banche sono venuti, questo dolo eventuale non trova nessun riscontro nell’inchiesta. Manca la prova del reato. Sì, ci sono movimenti bancari voluminosi ma non sono assolutamente prova di reato. Non ci sono triangolazioni. Da questo capo d’accusa va evidentemente assolto».

Se sarà assolto o meno, spetta alla Corte, presieduta da Verda Chiocchetti decidere. La sentenza è prevista lunedì 5 dicembre.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved