ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
37 min

La cultura previene o alimenta le violenze fondate sul genere?

A queste e altre domande si cercherà di dare risposta lunedì 30 gennaio alle 19.45 alla Scuola Media Bellinzona 1
Luganese
57 min

Persona dispersa sul Monte Sassalto, sopra Caslano

Le operazioni di ricerca sono scattate nella serata di ieri. Impegnata la Rega, prima con il visore notturno e poi in volo a vista
Grigioni
1 ora

Grono ha 66 abitanti in più

Nel Comune grigionese, al 31 dicembre 2022, abitavano 1’493 persone. Registrati 155 arrivi contro 88 partenze, 13 nascite e 14 decessi
Ticino
17 ore

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
20 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
22 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
1 gior

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
1 gior

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
1 gior

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
1 gior

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
Luganese
1 gior

Gli orologi... del crimine, confiscati e messi all’asta

Rolex, Cartier, e una quantità di monili a un incanto giudiziario a Rivera
Ticino
1 gior

Ufficio anziani e cure a domicilio, nominato Daniele Stival

Prende il posto di Francesco Branca, in pensione dopo una lunga carriera. La nomina è stata decisa nella riunione di mercoledì dal Consiglio di Stato
Ticino
1 gior

Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme

I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
1 gior

‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’

Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
1 gior

‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar

Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Mendrisiotto
1 gior

Alla scoperta dello scomparso oceano ticinese

Un viaggio artistico in esposizione allo Spazio Arte dello Swiss Logistics Center di Chiasso, alla scoperta dell’oceano preistorico Tetide
Bellinzonese
1 gior

Un rave party techno e tekno farà ballare l’Espocentro

‘Ambiente sicuro e controllato’ spiegano i giovani organizzatori che per l’evento del 4 febbraio hanno coinvolto anche Danno.ch
16.11.2022 - 18:32
Aggiornamento: 20:34

Resta uccel di bosco l’imputato fuggito dal processo

Il 57enne si è tuttavia scusato con il proprio legale via e-mail. Chieste in aula dai difensori massicce riduzioni di pena per i quattro imputati.

resta-uccel-di-bosco-l-imputato-fuggito-dal-processo
Ti-Press

Resta uccel di bosco il 57enne imputato scappato ieri pomeriggio durante una pausa del processo in corso alle Assise criminali a Mendrisio per reati finanziari avvenuti nel Sottoceneri circa un decennio fa. Durante la giornata odierna, è stato il turno delle arringhe degli avvocati difensori. E se gli avvocati c’erano tutti, di imputati invece se ne sono presentati solo due. Uno latitante da tempo e l’altro, sebbene sia stato definito ieri dal presidente della Corte Siro Quadri «formalmente in stato di fermo», non si è presentato in aula, dove deve rispondere alle accuse formulate nei suoi confronti dal procuratore pubblico Daniele Galliano assieme ad altre tre persone.

Il motivo della sua fuga è riconducibile alla richiesta avanzata dal pp, che ne chiedeva la carcerazione di sicurezza in quanto considerato mente del reato di appropriazione indebita aggravata e a rischio di fuga. In effetti, i timori a lui legati si sono concretizzati nel giro di pochi minuti. L’uomo, approfittando del breve intervallo, ha proprio deciso di sfuggire alla legge prima ancora che il presidente la Corte potesse prendere una decisione. Durante la requisitoria, si sono presentati diversi agenti di polizia che, unitamente alla richiesta formulata da Galliano, hanno evidentemente portato l’imputato a prendere la decisione di scappare, dopo un breve colloquio col suo legale. «Se l’imputato non è presente oggi – ha esordito il suo difensore, l’avvocato Romeo Mazzoleni –, è per l’agire della pubblica accusa. Si tratta di un caso senza precedenti. La richiesta di ieri di internarlo è contraria a qualsiasi principio, anche solo di proporzionalità».

‘Non era mia intenzione sottrarmi alla legge’

Il 57enne non ha tuttavia fatto perdere del tutto le proprie tracce. Dopo aver abbandonato prematuramente l’aula penale che lo vedeva imputato – insieme alla moglie di 55 anni e all’ex collega 61enne – ha inviato al suo rappresentante una e-mail di scuse: "Sono traumatizzato da quanto richiesto durante la requisitoria del procuratore pubblico. Ho pensato al fatto che non avrei più potuto riabbracciare le mie figlie, è stato un gesto istintivo. Non era mia intenzione sottrarmi alla legge". In sua difesa, nonostante l’imputato si sia effettivamente sottratto alla legge, l’avvocato ha richiesto la riduzione della sua pena da 4 a 2 anni, sospesi condizionalmente. «Il mio assistito è a sua volta vittima (del 46enne, latitante e processato in contumacia, ndr). Non vi ha ricavato alcun guadagno, al contrario, ha subito gravi danni a livello personale, professionale e reputazionale».

Pp: ‘Un pericolo per l’ordine pubblico’

La vicenda, protrattasi dal 2011 al 2013, è complessa. L’atto d’accusa vede i quattro imputati colpevoli, a vario titolo, di appropriazione indebita aggravata, amministrazione infedele aggravata e falsità di documenti, per aver creato l’artificio di un nuovo fondo di investimento lussemburghese tramite un prestito obbligazionario fittizio, in modo tale che la società di uno di loro (il 46enne) incassasse tutte le quote, prosciugando la liquidità del fondo a scapito di tutti gli investitori che si sono affidati alla sua figura di amministratore e del fondo. L’indebito profitto ricavato da queste operazioni finanziarie ammonta a oltre 8 milioni di franchi. Il fondo del 46enne era un fondo di finanziamento istituzionale, e «non è possibile – queste le parole del pp –, che si creino simili situazioni finanziarie, perché si possono creare danni inimmaginabili ed è un pericolo per l’ordine pubblico». Quella del 57enne e del 61enne, secondo l’accusa, è una complicità «molto vicina alla correità. Entrambi sapevano cosa succedeva, e fanno credere che ci fossero investimenti diversificati, come indicava il fondo della società».

In sostanza, il protagonista della vicenda, dopo aver costituito la propria società svizzera nel 2008 con lo scopo di gestire un fondo alle Isole Vergini Britanniche e dopo che questo fondo aveva subito ingenti perdite a causa del fallimento della banca americana Lehman Brothers, al posto che informare i propri finanziatori della situazione, attinge in parte alla liquidità residua della società e cerca di tappare i buchi. Quando però le banche gli negano prestiti entrano in scena il 57enne e il 61enne, creando un disegno per far sì che il 46enne si appropriasse dei soldi del suo fondo, come se fosse un bancomat.

‘Avevo buone intenzioni nella mia testa’

Secondo Galliano, il 46enne, reo confesso, «è quello con la colpa maggiore. Ha incassato più di 8 milioni a danno dei finanziatori senza il minimo freno morale, non so come faceva a dormire la notte. Dopo il fallimento ha abbandonato il territorio elvetico e ha fatto perdere le proprie tracce. Sono passati 7 anni prima che ritornasse nel 2021 dietro salvacondotto». Per l’uomo è stata richiesta una pena di 6 anni. In aula oggi, la sua avvocata Maria Galliani, è intervenuta in sua difesa, premettendo che «è difficile difendere un imputato assente». Il 46enne, secondo Galliani, «non ha usato quei soldi per fare la bella vita, ma ha cercato di rimborsare in parte gli investitori del suo fondo. Solo in minima parte li ha usati per sé». L’imputato ha una spiegazione che ci teneva venisse esposta alla Corte: «Avevo delle buoni intenzioni nella mia testa, volevo fare qualcosa non per danneggiare ma per arricchire gli investitori e il sottoscritto». «È una persona fragile, poco coraggiosa, che fa fatica ad affrontare le difficoltà della vita» ha aggiunto Galliani. Per questi e altri motivi più tecnici, l’avvocata ha chiesto una significativa riduzione della proposta di pena dell’accusa: 3 anni di detenzione parzialmente sospesi.

Massicce riduzioni anche per gli altri due imputati

Il 61enne, per il quale è stata richiesta la carcerazione per 3 anni e 6 mesi, è rappresentato dall’avvocato Simone Beraldi. «L’operazione sarebbe stata fatta dai due per aiutare una persona pressoché sconosciuta, mettendo a repentaglio la propria carriera. Non hanno mai avuto l’intenzione d’ingrossare il suo (del 46enne, ndr) portafoglio». La difesa, ha ritenuto la proposta di pena «sproporzionata». Sottolineando che né il suo assistito né il 57enne hanno «tratto guadagno da queste operazioni, al contrario hanno subito immensi danni economici e personali». Per lui, Beraldi ha chiesto 24 mesi sospesi condizionalmente.

Per la moglie del 57enne fuggito ieri, l’ultimo anello della catena accusatoria, il pp ha proposto una condanna di 24 mesi sospesi condizionalmente per un periodo di prova di due anni. Il difensore della donna, l’avvocato Mattia Bordignon, ne ha invece chiesto il proscioglimento da entrambi i capi d’accusa. La Corte si riunirà per comunicare la sentenza, giovedì 24 novembre.

Leggi anche:

Prima del termine del processo, ci scappa...l’imputato

Lugano, a processo per un buco da oltre 8 milioni

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved