ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
5 ore

A Mendrisio Massimo Cerutti lascia il Plr

Il municipale divorzia dalla sezione del partito. Sarà indipendente. La settimana scorsa il Municipio lo ha esonerato dalla regia del dicastero Aim
Ticino
5 ore

Giudice supplente, proposta l’elezione di Federica Dell’Oro

Così la commissione Giustizia e diritti. La parola al plenum del Gran Consiglio
Gallery
Mendrisiotto
5 ore

Mendrisio fa un passo avanti sul sentiero del Laveggio

Il Consiglio comunale vota all’unanimità i fondi per completare i camminamenti lungo il fiume, nel solco di un parco intercomunale
Ticino
6 ore

Rielezione toghe, correttivi per scongiurare un nuovo 2020

La commissione firma il rapporto stilato da Pagani: ‘Il Consiglio della magistratura si doti di un regolamento ed espliciti il diritto di essere sentito’
Mendrisiotto
7 ore

Coldrerio, un 18enne aggredito e picchiato da due persone

Funziona il dispositivo di ricerca della polizia: fermati gli autori del tentativo di rapina. La loro posizione è al vaglio degli inquirenti
Luganese
7 ore

La Città lancia un percorso formativo rivolto ai commercianti

Lugano Living Lab promuove un incontro all’ex asilo Ciani per far conoscere le ‘opportunità’ e favorire una digitalizzazione alla portata di tutti
Ticino
7 ore

Superamento dei livelli, un accordo che sembra avere i numeri

Firmato a maggioranza il rapporto commissionale che propone una sperimentazione su base volontaria con vari modelli di codocenza. In parlamento a febbraio
Luganese
8 ore

Christian Vitta e Raffaele De Rosa a confronto a Massagno

I due consiglieri di Stato parleranno delle sfide dei rispettivi Dipartimenti. L’evento è in agenda il 5 febbraio al Cinema Lux e al Salone Cosmo
Luganese
9 ore

Caslano incontra i propri 18enni

Ventidue i giovani nati nel 2005 che hanno partecipato all’evento organizzato con l’autorità comunale
Mendrisiotto
9 ore

Parco Villa Argentina, un gruppo di lavoro per la riqualifica

Lo fa sapere il Municipio rispondendo a un’interrogazione di Tiziano Fontana, precisando che l’Ufficio dei beni culturali attende un progetto definitivo
Ticino
9 ore

Al via il programma cantonale di screening colorettale

Il Dipartimento sanità e socialità offre, da febbraio, un test gratuito e volontario per una patologia dove la prevenzione è fondamentale
Ticino
10 ore

Raccolte firme sui costi della salute, allarme rosso in casa Ps

Riget e Sirica agli iscritti: rischiamo di fallire su referendum contro la deduzione per i premi dei figli e iniziativa per i premi al 10% del reddito
Ticino
10 ore

Dalla Vpod oltre 7’700 firme per cure sociosanitarie di qualità

Consegnate oggi le sottoscrizioni che chiedono anche più attenzione alle prestazioni socioeducative. Ghisletta: ‘Cautamente ottimista, serve migliorare’
Bellinzonese
10 ore

Ad Arbedo-Castione 90 abitanti in più

Il dato della popolazione conferma la tendenza di una crescita costante
Luganese
10 ore

Tentata rapina al chiosco in stazione a Ponte Tresa, due fermi

Un uomo, insieme a una complice, ha minacciato la commessa con un’arma da taglio chiedendo l’incasso. I due hanno poi desistito e sono fuggiti a piedi
Luganese
10 ore

In manette per 12 kg di canapa destinati al Ticino

In prigione al Bassone da giovedì per tentata estorsione, il 30enne albanese si rifiuta di rispondere agli inquirenti
26.09.2022 - 16:52
Aggiornamento: 18:34

Lugano, a processo per un buco da oltre 8 milioni

Rinviato oggi, a causa dell’assenza dell’imputato principale, il procedimento a carico di quattro persone accusate di reati finanziari e patrimoniali

lugano-a-processo-per-un-buco-da-oltre-8-milioni
Ti-Press
Quando la pezza non copre il buco

Sono accusati di aver creato un buco da oltre 8,2 milioni di franchi fra il 2008 e il 2013. Si tratta di quattro cittadini italiani residenti tra Italia e Mendrisiotto che presto compariranno di fronte alle Assise criminali di Lugano. Dovranno rispondere, a vario titolo, di vari reati finanziari e patrimoniali: dall’amministrazione infedele aggravata alla cattiva gestione, dall’appropriazione indebita aggravata alla falsità in documenti. Il procedimento avrebbe dovuto tenersi oggi, tuttavia la Corte – presieduta da Siro Quadri e con i giudici a latere Aurelio Facchi e Renata Loss Campana – è stata costretta a rinviarlo in quanto, in particolare, l’imputato principale non si è presentato e verrà pertanto nuovamente citato a giudizio.

Dai Caraibi al Lussemburgo, via Lugano

La somma di denaro contestata dall’atto d’accusa stilato dal procuratore pubblico Daniele Galliano è rilevante: oltre 8,2 milioni di franchi. Una cifra senz’altro molto importante. Tuttavia, visti i tanti anni trascorsi dalla vicenda, una parte dei fatti, quelli iniziali, verrà probabilmente archiviata in quanto prescritta. La vicenda, all’apparenza complessa, si può sostanzialmente così riassumere: un 46enne italiano residente in Lombardia, difeso dall’avvocata Maria Galliani, è accusato di aver ideato un sistema che gli avrebbe permesso di spostare grosse somme di denaro da un fondo di investimento lussumburghese a una società luganese della quale era amministratore unico, il tutto – almeno inizialmente – per rimborsare gli investitori di un terzo fondo con sede alle Isole Vergini Britanniche. La particolarità? Tutti e tre gli enti facevano capo al 46enne.

Problemi iniziati col fallimento della Lehman Brothers

In effetti, il primo fondo, quello con sede caraibica, sarebbe entrato in crisi a seguito del fallimento della Lehman Brothers, perdendo fino a 3,2 milioni di euro. Omettendo di informare gli investitori di questa crisi, il 46enne avrebbe deciso di rimborsarli man mano attingendo in parte anche alla liquidità della società creata a Lugano per gestire il fondo. Tuttavia, man mano che i debiti si accumulavano, non solo non avrebbe intrapreso alcuna misura concreta per venirne a capo ma non ha neanche depositato i bilanci. Il fallimento della società luganese è stato infine decretato nel 2013: oltre 570’000 i franchi insinuati dai creditori. A un primo periodo, il pp fa risalire circa 100’000 franchi che l’imputato avrebbe utilizzato per scopi puramente casuali. Soldi per i quali l’uomo è indagato per amministrazione infedele aggravata e cattiva gestione.

Un impianto costituito grazie a tre complici

Del reato di appropriazione indebita aggravata, in complicità con un 57enne e un 61enne entrambi italiani residenti nel Mendrisiotto, il 46enne dovrà rispondere a causa del buco da 8,2 milioni di franchi circa creato con la malagestione della società luganese e del fondo lussemburghese. In sostanza, dopo che oltre al fondo caraibico anche la società luganese era entrata in grosse difficoltà finanziarie, per coprire il buco il 46enne avrebbe voluto attingere ai soldi del fondo lussumburghese, costituito da lui stesso nel 2009. Un fondo che, tuttavia, era di tipo conservativo e gli investimenti dovevano essere diversificati. Ed è qui che entrano in gioco il 57enne e il 61enne, rispettivamente difesi dagli avvocati Romeo Mazzoleni e Simone Beraldi. L’accordo prevedeva che, dietro compenso stimato dall’accusa in 35’000 euro, i due uomini creassero un ulteriore fondo lussemburghese (acquistato poi interamente dal fondo del 46enne) che investisse nelle obbligazioni emesse dalla società luganese. Un modo, per l’accusa, di appropriarsi del denaro custodito dal fondo dell’imputato principale. Per aiutarlo, i due complici si sarebbero serviti anche di altre società lussemburghesi da loro due gestite. Al quadro si aggiunge anche una 55enne italiana residente in Piemonte, difesa dall’avvocato Mattia Bordignon, che avrebbe avuto un ruolo minore nella vicenda ed è accusata solo di amministrazione infedele aggravata e ripetuta falsità in documenti.

Il salvacondotto negato e l’assenza

Il denaro oggetto dell’inchiesta, gli oltre 8 milioni di franchi, sarebbe stato utilizzato in parte come detto per rimborsare investitori precedenti, in una sostanziosa parte per un investimento in Italia che avrebbe dovuto dare dei frutti poi invece mai raccolti e, infine, in parte per spese personali. La vicenda sarebbe invece emersa in seguito a una segnalazione dell’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (Finma), nonché alla denuncia di un investitore. L’imputato principale sarebbe, sostanzialmente, reo confesso. E ora, ad anni di distanza, la vicenda sbarca finalmente in aula penale. Per il processo bisognerà tuttavia attendere: come spiegato dall’avvocata Galliani, il suo assistito aveva chiesto un salvacondotto per partecipare al dibattimento, temendo un arresto una volta arrivato in Svizzera. Il salvacondotto gli è però stato negato e l’uomo non si è dunque presentato in aula. Il procedimento sarebbe potuto proseguire disgiungendo le situazioni degli imputati, opzione questa non accolta però dai legali degli altri imputati. Si procederà pertanto ora con una seconda citazione a giudizio e, qualora dovesse andare a vuoto anche questa, il processo potrà svolgersi in contumacia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved