ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
10 ore

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
13 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
16 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
20 ore

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
1 gior

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
1 gior

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
17.10.2022 - 12:10
Aggiornamento: 19:58

Lugano, rinviato il processo alla radiologa

L’imputata è accusata di lesioni colpose gravi per non aver diagnosticato il tumore al seno a una paziente. Il dibattimento si terrà il 9 novembre

lugano-rinviato-il-processo-alla-radiologa
archivio Ti-Press

È stato rinviato al 9 novembre il processo nei confronti di una radiologa accusata di lesioni colpose gravi per, stando alla tesi accusatoria, non aver diagnosticato un tumore al seno a una paziente. La donna, ammalata, ha infatti presentato un certificato medico e la Corte delle Assise correzionali di Lugano, presieduta dal giudice Siro Quadri, non ha potuto fare altro che rinviare il dibattimento. In aula non sono comunque mancate schermaglie tra la difesa della dottoressa, rappresentata dall’avvocato Filippo Ferrari, e l’avvocato Renzo Galfetti, patrocinatore della vittima. Facendo leva su una nuova perizia, la difesa ha chiesto di poter riascoltare la perita e di poter verbalizzare l’imputata visto che «agli atti manca la sua deposizione». Escluso il primo verbale, la radiologa si è in seguito avvalsa della facoltà di non rispondere. «Il clima era tale per cui non ho potuto fare altro che consigliarle questo, anche se non fa parte della nostra cultura difensiva – ha spiegato Ferrari –. Ora non aspetta altro che parlare con lei: se ha sbagliato sarà qui per rispondere. Potrà aver commesso un errore di lettura della radiografia ma non ha provocato il cancro alla paziente». La Corte si pronuncerà sulla richiesta entro la nuova data del dibattimento. Il titolare dell’inchiesta, il procuratore pubblico Zaccaria Akbas, ha definito la richiesta «intempestiva, perché di occasioni ne ha avute», ma si è rimesso al giudizio della Corte sottolineando che «non ho problemi se la perita viene citata un’altra volta». Di parere opposto l’avvocato Galfetti che si è «formalmente opposto a questa ennesima mossa defaticatoria perché l’imputata ne ha fatte di tutti i colori per ritardare il procedimento. Nel merito non abbiamo comunque nulla da temere da un eventuale nuovo confronto con la perita».

I fatti risalgono al 2019

I fatti che hanno portato la radiologa in aula risalgono al 2019. La parte lesa si è sottoposta a un esame radiologico alla Clinica Luganese Moncucco (contro la quale non è comunque stato aperto nessun procedimento). A effettuare l’esame è stata la dottoressa imputata, che oggi non è più dipendente della clinica in questione ma lavora in un’altra struttura privata. Dall’esame è emerso che la paziente non aveva un tumore. L’anno successivo, però, un ulteriore esame svolto in una terza struttura privata ha portato alla diagnosi di tumore al seno con la presenza di metastasi in diverse parti del corpo. Le cure per combattere la malattia sono state di conseguenza più invasive. Le analisi retrospettive effettuate dalla paziente per capire se si fosse potuto intervenire prima, hanno stabilito che il tumore si sarebbe potuto vedere già prima. Un errore dunque, che secondo l’accusa implica la responsabilità di chi l’avrebbe commesso in quanto non avrebbe fatto qualcosa che avrebbe dovuto fare. Da qui la segnalazione al Ministero pubblico, l’apertura dell’inchiesta e un decreto d’accusa con la proposta di una pena pecuniaria di 120 aliquote giornaliere da 510 franchi l’una sospesa per un periodo di prova di due anni e a una multa di 1’000 franchi. Gli eventuali provvedimenti d’ordine amministrativo della Commissione di vigilanza sanitaria nei confronti dell’imputata dipenderanno dall’esito del processo.

Leggi anche:

Lugano, non diagnostica il tumore al seno: a processo

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved