ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
43 min

Una nuova direzione per lo sviluppo del PalaCinema

Migliorare le sinergie tra gli inquilini, promuovere attività culturali e formative nel campo della settima arte le sfide che attendono il nuovo direttore
Locarnese
1 ora

Un corso per gestire le emergenze con bambini

Lo organizza la Sezione Samaritani Bassa Vallemaggia sabato 11 febbraio a Gordevio, seguito il 20 febbraio da uno sull’uso del defibrillatore
Luganese
1 ora

Blackout nel Luganese, quasi un’ora senza corrente

La causa è stata un guasto alla rete nazionale Swissgrid.
Ticino
2 ore

Attività invernali e fauna selvatica: prove di... convivenza

Quattro regole per non violare le ‘zone di tranquillità’: con ‘Rispetto è protezione – Sport sulla neve e rispetto’ Nature-Loisirs sbarca in Ticino
Mendrisiotto
2 ore

Ecco i pasti pronti che scaldano il cuore

L’associazione Lì&Là si occupa di fornire pranzi e cene alle famiglie con figli ospedalizzati. Un’idea nata dall’esperienza personale di Sveva
Bellinzonese
2 ore

A Bellinzona un centinaio di abitanti in più dal Luganese

Considerando arrivi e partenze, dai dati sulla popolazione emerge un saldo positivo (di circa 50 unità) pure da Locarnese, Tre Valli e Mendrisiotto
Gallery
Locarnese
5 ore

In Parlamento per promuovere il diritto all’accessibilità

Marco Altomare, 29enne di Losone, soffre di una malattia genetica rara. Ma questo non gli impedisce di tentare la carta del Gran Consiglio
Mendrisiotto
5 ore

La politica momò, tra municipali che vanno e che vengono

A Morbio Inferiore Fabio Agustoni lascia il gruppo Morbio 2030, ma resta come indipendente. Altra novità a Mendrisio, stavolta nel Centro
Bellinzonese
5 ore

Ronco Bedretto: prima del verde 10 anni di deposito Ustra

L’area della cava Leonardi sarà trasformata in zona agricola con il materiale di scavo proveniente dal secondo tubo autostradale del San Gottardo
Luganese
12 ore

Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni

Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
15 ore

In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea

Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Luganese
15 ore

Troppe zanzare tigre, Magliaso corre ai ripari

Nel 2022 è stata registrata un’importante espansione. L’istituto di microbiologia ha suggerito al Comune ulteriori misure
11.10.2022 - 17:01
Aggiornamento: 18:21

È truffa se il credito Covid si usa per sviluppare l’azienda

Condannati i due imputati che avevano ottenuto illecitamente mezzo milione di franchi. Devono restituire tutto il denaro ricevuto

e-truffa-se-il-credito-covid-si-usa-per-sviluppare-l-azienda
Ti-Press/Archivio
Fornire false informazioni nel formulario di richiesta

È stato confermato l’atto d’accusa allestito dalla procuratrice pubblica Chiara Borelli. Amos Pagnamenta, presidente della Corte delle Assise criminali di Lugano, oggi in tarda mattinata, ha condannato entrambi gli imputati comparsi ieri in aula penale: il più anziano a 8 mesi di carcere sospesi con la condizionale per due anni, il 66enne a una pena di 16 mesi di detenzione sospesi con la condizionale per due anni. Entrambi non saranno espulsi dalla Svizzera, ma dovranno rimborsare il mezzo di milione di franchi di credito Covid ottenuto, la quota di un terzo a carico de 68enne, mentre i 2/3 della somma li deve restituire il 66enne. Prima di pronunciare la sentenza, il giudice ha spiegato che in questo procedimento, le difese hanno potuto esercitare i propri diritti, per cui non ci sono motivi per accogliere la questione formale posta dall’avvocato Luigi Mattei, che ha evocato la violazione del principio accusatorio, siccome, a suo dire, quanto riportato nell’atto d’accusa non corrisponderebbe alle imputazioni prospettate dalla procuratrice.

‘Soldi usati non in maniera conforme’

A incastrare i due imputati, le loro stesse dichiarazioni riportate in aula e durante l’inchiesta penale: il fatto di aver utilizzato i soldi ricevuti, sotto forma di crediti concessi a causa del Covid e del Lockdown, per sviluppare l’azienda e non per far fronte alle spese correnti. Solo questo aspetto è sufficiente per decretare un uso non conforme del denaro che, come prevede la legge e la relativa ordinanza federale, era destinato alle società in crisi di liquidità. Un uso non conforme, ha spiegato il giudice, che configura il reato di truffa, nei confronti di entrambi gli imputati. Entrambi hanno infatti ingannato l’autorità, con la semplice compilazione del formulario di richiesta del credito da parte dell’imputato più anziano che si è fatto convincere dall’altro a formulare la richiesta, siccome era una ‘conditio sine qua non’ per la cessione dell’azienda. Un credito ottenuto a condizioni nettamente migliori rispetto a quanto avrebbero ottenuto da un istituto bancario. Sarebbe invece stata una ‘semplice’ contravvenzione nel caso avessero cambiato idea su come spendere i soldi ricevuti dopo aver ottenuto il credito. La corte ha accertato che i soldi sono stati ricevuti ma sono stati spesi per sistemare una fattura rimasta in sospeso.

Non fanno breccia le tesi difensive

Il fatto che i due imputati abbiano sottaciuto le trattative in corso nella richiesta dei crediti Covid non ha decisamente favorito la loro posizione. Vero che non esiste un obbligo giuridico di segnalare la futura cessione dell’azienda nel formulario di richiesta di accesso ai crediti Covid, tuttavia la prospettata acquisizione era condizionata all’ottenimento del mezzo milione di franchi. Insomma, le obiezioni avanzate dai due avvocati difensori non hanno fatto breccia nella corte. Le operazioni ordinarie, effettuate con i soldi ottenuti, sono comprovate dalle carte e sono state messe in atto per garantire la sopravvivenza della ditta, ma questo aspetto non è bastato per giungere al proscioglimento dei due imputati come richiesto dagli avvocati Roy Bay e Luigi Mattei, che hanno invocato la conformità dell’utilizzo del mezzo milione di franchi ottenuto attraverso crediti agevolati.

Violata la fiducia tra Stato e cittadini

Non ha nemmeno convinto la Corte il tentativo di smontare l’impostazione accusatoria, espressa dal legale dell’imputato più giovane. Anzi. Dal profilo soggettivo, il 66enne è stato ritenuto l’imputato con la colpa più grave, perché ha agito manifestando egoismo e, parlando di crediti Covid come un diritto e come un’opportunità di espansione della società, ha violato lo stretto rapporto di fiducia tra cittadini e Stato, come ha messo in evidenza Pagnamenta. Un rapporto che ha consentito al Paese di uscire meglio di altri dalla pandemia e di mettere in salvo numerose attività economiche. La corte ha come detto condannato entrambi gli imputati ma ha inflitto loro condanne più miti rispetto alle richieste formulate dalla pp. Ambedue sono stati ritenuti colpevoli anche del reato di falsità in documenti.

Leggi anche:

Lugano, a processo una truffa, contestata, per i crediti Covid

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved